Internazionali d'Italia, Sinner piega Fognini e si prende gli ottavi

Derby intenso e combattuto al Foro Italico: la spunta in tre set l'altoatesino, che sfiderà Krajinovic per approdare ai quarti di finale
Internazionali d'Italia, Sinner piega Fognini e si prende gli ottavi© Getty Images
TagssinnerfogniniATP Roma

ROMA - Appassionante derby tricolore agli Internazionali d'Italia ospitati dal Foro Italico di Roma: è Jannik Sinner a prendersi la qualificazione per gli ottavi di finale, superando in tre set Fabio Fognini e conquistandosi la sfida valida per i quarti con Krajinovic. Match non eccelso dal punto di vista tecnico, ma denso di emozioni, con l'altoatesino che si impone in tre set con il punteggio di 6-2, 3-6, 6-3.

Sinner, che grinta all'esordio agli Internazionali: Humbert ko
Guarda la gallery
Sinner, che grinta all'esordio agli Internazionali: Humbert ko

Botta e risposta nei primi due set, poi Sinner cambia marcia

Il derby tra Sinner e Fognini inizia con quest'ultimo quasi bloccato, nei movimenti e nelle idee, e con Jannik che si impone agevolmente per 6-2 dopo aver conquistato due break. Nel secondo set le cose sembrano non cambiare, ma in realtà il ligure risulta molto più incisivo, strappando il servizio all'avversario per due volte e andandosi a prendere il momentaneo pari per 6-3. Il terzo e decisivo set inizia all'insegno dell'equilibrio e di un reciproco "rispetto", ma quando Sinner decide di accelerare per Fognini non ce n'è. Terzo set chiuso 6-3 a favore dell'altoatesino, che ora si giocherà l'accesso ai quarti di finale con Krajinovic.

"Roma splendida, voglio andare avanti"

Dopo il successo su Fognini, Jannik Sinner, come sempre spensierato ma anche molto concreto, racconta le sue emozioni e aspirazioni: "Era una partita molto difficile, ma il pubblico è stato fantastico, è splendido giocare a Roma e spero di andare ancora avanti. Fabio mi ha dato una grandissima mano l'anno scorso in Coppa Davis, ci siamo avvicinati, ci siamo parlati diverse volte, anche se non ci eravamo mai affrontati come avversari. In campo penso si sia visto che diamo il 100%, ma alla fine conta vincere e io sono felice. A lui auguro il meglio perchè è un giocatore speciale, che fa delle cose che in tanti non riescono neanche a immaginare".

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti