Sinner, Re Mida del tennis: boom in tv e può arrivare a 30 milioni di guadagni nel 2023

Jannik fra premi per i tornei vinti e sponsor, è già lo sportivo italiano più ricco dell'anno
Sinner, Re Mida del tennis: boom in tv e può arrivare a 30 milioni di guadagni nel 2023© Getty Images
3 min
Xavier Jacobelli

Jannik Sinner non è soltanto il N. 4 al mondo che per la prima volta, a Torino e nelle Atp Finals ha sconfitto il N.1 Nole Djokovic. Jannik Sinner è l'autentico Re Mida del tennis italiano. E di se stesso. In tv, l'epica partita del 14 novembre al Pala Alpitour ha fatto volare Rai Due: 2 milioni 534 mila spettatori, 14,6 % di share, miglior risultato per il tennis in Rai dal biennio 2010-2011 con la doppia finale al Roland Garros di Francesca Schiavone: la vittoria del 2010 sull'australiana Samantha Stosur, trasmessa in diretta su Rai Due, fu seguita da 2 milioni e 149 mila spettatori di media, con uno share del 20.3%; la sconfitta subita l'anno dopo dalla cinese Li Na, venne vista da 2 milioni e 224 mila appassionati, con uno share del 18%, ancora su Rai Due. Boom anche su Sky Sport: 789 mila spettatori e share del 4,5%.

I guadagni di Sinner

Lo straordinario 2023 che l'azzurro sta coronando nel modo migliore (e dopo le Finals, ci sarà la Davis), l'ha visto vincere quattro trofei (Atp 250 Montpellier, Atp 500 di Pechino e Vienna, Masters 1000 Toronto) e aggiudicarsi 57 vittorie in 71 incontri, raggiungendo la quarta posizione nel ranking, mai toccata dai tempi di Adriano Panatta. In proporzione diretta è cresciuto il montepremi del ventiduenne altoatesino: al momento, ha toccato 5,3 milioni di euro. Meglio di lui hanno totalizzato nell'anno solo Djokovic, Alcaraz e Medvedev. Complessivamente, sinora in carriera Sinner ha accumulato circa 11,3 milioni di euro, un patrimonio destinato ad essere incrementato dalle Atp Finals che garantiscono a ognuno degli otto partecipanti 300 mila euro purché giochino almeno tutte e tre le sfide del girone; inoltre, ogni vittoria assicura al tennista 390 mila euro, il che per Jannik significa esseri già garantito un milione 80 mila euro, grazie alle due vittorie (Tsitsipas, Djokovic) e alla terza partita che giocherà contro Rune giovedì 16 novembre alle 21 al Pala Alpitour.

30 milioni di euro per Sinner

Si aggiungano i contratti con gli sponsor: il più remunerativo con Nike (15 milioni di euro all'anno per dieci anni) e gli altri undici sottoscritti per complessivi 5 milioni di euro con Alfa Romeo, Fastweb, Gucci, Head, Intesa San Paolo, Lavazza, Panini, Parmigiano Reggiano, Pigna, Technogym. Ricapitolando: dalla cornucopia 2023 scaturiscono 5.3 milioni di euro grazie ai risultati; 20 milioni grazie agli sponsor; 1 milione 80 mila euro Atp Finals cui aggiungere 390 mila euro derivanti dall'eventuale successo su Rune. Last but not least, qualora Sinner trionfasse a Torino, il premio finale ammonterebbe a 2 milioni di euro che diventerebbero 4,4 milioni se l'azzurro vincesse senza perdere nemmeno una partita. Dite voi se Jannik non sia il Re Mida con la racchetta in pugno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti