Corriere dello Sport

Volley

Vedi Tutte
Volley

Catia Pedrini con Rita Borsellino per fermare "La strage degli Innocenti"

Catia Pedrini con Rita Borsellino per fermare

Il presidente della DHL Modena ha sottoscritto una petizione, firmata dalla sorella del giudice assassinato dalla mafia, ed inviata al Presidente Mattarella, affinchè intervenga per porre fine alle stragi di migranti nei pressi delle nostre coste

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 17 febbraio 2016 17:02

MODENA- Nei giorni scorsi Rita Borsellino, sorella del Giudice Paolo, brutalmente assassinato dalla mafia negli attentati del 1992, ha contattato il Presidente di DHL Modena Volley Catia Pedrini per invitarla a firmare la petizione che il Centro Studi Paolo Borsellino (di cui Rita è Presidente), presenterà al Presidente della Repubblica Mattarella.

Questa la petizione che Catia Pedrini è stata onorata di firmare:

Appello al Presidente della Repubblica italiana: Fermiamo la “Strage degli Innocenti”

Al Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella: 

« Signor Presidente della Repubblica Italiana. Profondamente addolorati per la ormai quasi quotidiana “Strage degli Innocenti” che avviene sotto i nostri occhi nel mare Egeo e nel Mediterraneo, ci rivolgiamo a Lei, Primo Cittadino del nostro Paese, per Chiedere alla Comunità Europea e Internazionale di Mobilitarsi per la Immediata costruzione di un Ponte Umanitario e Salvare la Vita di chi Fugge dagli Orrori della Guerra e cade Vittima di quanti approfittano di questa Grande Tragedia. Con queste poche e nude parole, come nudi siamo dinnanzi alla nostra coscienza, certi della sua condivisione e del suo aiuto la Ringraziamo con profonda Stima » .

Il presidente Pedrini è stato scelto da Rita Borsellino come uno dei nomi "eccellenti" che possano essere veicolo per la firma della petizione stessa e le personalità che hanno deciso di appoggiare l'azione sono tante ed importanti, tra le quali: Albanese, Ambrosoli, Biagi, Camilleri, Beppe Fiorello, Dario Fo, Guccini, Michela Murgia, Staino, Strada, Giuseppe Tornatore, Zavoli, Zingaretti. 

 

Articoli correlati

Commenti