I medici del volley sconsigliano la ripresa degli allenamenti

L'AMIV ha espresso pubblicamente il proprio parere negativo all'attività per scongiurare il contagio da Covid-19
I medici del volley sconsigliano la ripresa degli allenamenti

ROMA- L’AMIV (Associazione Medici Italiani Volley) ha espresso in una lunga lettera rivolta a società, tecnici e atleti la convinzione che non si debba riprendere a giocare e ad allenarsi fino alla fine dell'emergenza Coronavirus.

Questo il testo della lettera. 

« Viste le recenti problematiche in corso a causa dell’epidemia da coronavirus l’AMIV (Associazione Medici Italiani Volley) esprime un parere negativo alla continuazione degli allenamenti e/o incontri amichevoli onde evitare qualsiasi assembramento di giocatori e tecnici. Questa scelta dei medici della pallavolo, dopo aver sentito anche i soci fisioterapisti e preparatori atletici, è determinata dal possibile elevato rischio che questa pandemia possa comportare durante lo svolgimento di un campionato e dei suoi relativi allenamenti.
Lo stesso spirito agonistico di una gara o di una seduta di preparazione atletica viene a mancare inficiando il “normale” svolgimento di un qualsiasi serio campionato.L’associazione medici Italiani volley non vuole in nessun modo entrare in polemica con le scelte Federali o della Lega, ma vuole solamente esprimere il proprio doveroso pensiero scientifico a tutela della salute di tutti i giocatori e dei loro staff.Al momento nessuno può prevedere quando la situazione migliorerà e tanto meno quando cesserà il pericolo di contagio, quindi non possiamo immaginare una ripresa di allenamenti, anche se differenziati o a piccoli gruppi, senza garantire l’assenza di possibili focolai di infezione. La promiscuità nelle palestre, negli spogliatoi, nelle docce, nelle sedute di fisioterapia e massaggio e la possibilità di portare dall’esterno l’infezione, per la presenza di ipotetici portatori sani o asintomatici non può rendere sicura una qualsiasi seduta di allenamento.
Il Medico Responsabile Sanitario di una qualsiasi società sportiva, di Pallavolo o altro sport, ha l’obbligo in primis di tutelare la salute dei propri giocatori, dello staff tecnico e medico che fanno parte integrante di ogni squadra. Responsabilità Professionale, Etica e Penale.
La situazione di impennata nella crescita delle infezioni da coronavirus in questo momento depone per una difficile, se non improbabile, ripresa a breve del campionato di pallavolo.Pertanto all’unanimità il consiglio direttivo dell’Associazione Medici Italiani Volley esprime parere
sfavorevole alla ripresa di ogni qualsivoglia allenamento collegiale. L’Associazione inoltre essendo formata da medici e da personale sanitario e tecnico vuole essere vicina in questo momento difficile a tutti colleghi impegnati in prima linea ed a tutta la popolazione Italiana elargendo una donazione alla Protezione Civile di € 2500 ».

.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti