Corriere dello Sport

A2 maschile

Vedi Tutte
A2 maschile

Volley: Play Off Challenge, passano Verona e Molfetta

Volley: Play Off Challenge, passano Verona e Molfetta
© Legavolley

Gara 3 ha decretato il passaggio alle semifinali per il quinto posto della Calzedonia, che ha superato 3-1 la CMC Romagna, e dell'Exprivia che con lo stesso punteggio ha sconfitto Monza al PalaPoli

Sullo stesso argomento

 

domenica 17 aprile 2016 17:00

ROMA- Chiusa la Serie dei Quarti, il Play Off Challenge Cup vedrà l’ultimo atto con la Final Four in programma al PalaOlimpia di Verona venerdì 22 aprile (Semifinali) e domenica 24 aprile con la finalissima che assegnerà la partecipazione alla Challenge Cup 2016-17. Gli orari delle partite sono ancora da decidere. Passano alle semifinali, raggiungendo le già qualificate Latina e Piacenza, Verona e Molfetta che vincono in casa, entrambe per 3-1, le due sfide che le opponevano rispettivamente a CMC Romagna e Monza.

                                             LE DUE SFIDE-

CALZEDONIA VERONA - CMC ROMAGNA-

La Calzedonia Verona approda alla Final Four dei Play Off per il quinto posto. Nella terza gara della serie contro la CMC Romagna i gialloblù si impongono con il punteggio di 3 a 1 riuscendo a ribaltare la situazione dopo il primo set perso. Carmelo Gitto sugli scudi. Per lui titolo di MVP e 14 punti totali con 100% in attacco.

 Mengozzi è protagonista in apertura di match a muro, con la CMC che vola sullo 0 a 5. Giani chiama il suo primo time out e, al rientro in campo, Lecat firma il primo punto per gli scaligeri. La Calzedonia si riavvicina, ma quando Starovic viene murato due volte consecutive (Mengozzi e Della Lunga), la CMC torna a +5 sul 4 a 9. Nuovo sussulto della Calzedonia, che va sotto sul 13 a 15, poi gli errori gialloblù fanno la differenza e la CMC allunga sul 15 a 21. Si chiude sul 20 a 25.

 Break in apertura di secondo set per la Calzedonia Verona che si porta sul 3 a 0. La CMC risponde con un break, chiuso dall’attacco di Lecat (4-2). I romagnoli faticano a contenere le offensive di Verona, soprattutto dal centro, con i padroni di casa che aumentano il proprio vantaggio fino al 10 a 6. La CMC approfitta con grande determinazione del calo dei padroni di casa che, dopo qualche sbavatura in attacco, si vedono recuperare un break (12-10). Giani manda in campo Zingel per Anzani e sul turno al servizio di Gitto Verona costruisce lo strappo decisivo, portandosi sul 20 a 14. La CMC si avvicina, la Calzedonia non si distrae e con Kovacevic chiude sul 25 a 22.

Inizio di terzo parziale molto equilibrato. Le due squadre arrivano sul 7 a 6, poi l’errore di Torres e il muro di Zingel valgono il 9 a 6 per la Calzedonia. La ricezione della CMC va in tilt sul turno al servizio di Starovic (12-8); Verona gioca meglio in attacco (62% di squadra) mentre la CMC si ferma sul muro gialloblù (4). Anche il terzo parziale è della Calzedonia, che chiude sul 25 a 18.

 Le due squadre si rincorrono nella prima parte del quarto parziale. Due muri di Zingel spezzano l’equilibrio portando la Calzedonia sul 10 a 8 con l’attacco romagnolo che, qualche azione dopo, torna a esprimersi con precisione (11-10). Il nuovo break dei padroni di casa è decisivo con Lecat che schiaccia per il 14 a 10. Dal 18 a 13, Ravenna recupera fino al 19 a 18 riaprendo il match, ma quando Torres viene murato da Gitto (20-17) la gara prende definitivamente la via di Verona. Si chiude sul 25 a 20.

I PROTAGONISTI-

Carmelo Gitto (Calzedonia Verona)- « Sono contento per la prestazione e per la vittoria. Siamo riusciti a conquistare il successo e il passaggio alla Final Four. E’ un anno difficile, abbiamo giocato tante partite in poco tempo. La voglia di giocare di tutti e di stare uniti ha fatto la differenza ».

 

Valdo Kantor (Allenatore CMC Romagna)- « Ogni squadra ha sempre un rimpianto in una stagione così lunga e impegnativa, però non mi lamento. La squadra ha fatto quello che doveva fare: lottare per i Play Off. A livello di impegno e sacrificio non posso dire niente perchéi ragazzi hanno sempre dato tutto. Abbiamo fatto il nostro dovere e il nostro gioco fino all’ultimo punto ».

IL TABELLINO-

CALZEDONIA VERONA - CMC ROMAGNA 3-1 (20-25, 25-22, 25-18, 25-20)

CALZEDONIA VERONA: Zingel 12, Kovacevic 14, Pesaresi (L), Gitto 14, Lecat 15, Spirito, Baranowicz 1, Starovic 14, Bellei, Anzani 3. Non entrati Frigo, Sander, Bucko. All. Giani.

CMC ROMAGNA: Mengozzi 16, Ricci 7, Cavanna 2, Della Lunga 6, Van Garderen 13, Polo, Koumentakis 1, Goi (L), Torres 16, Boswinkel 1, Bari (L), Perini De Aviz 1. Non entrati Zappoli. All. Kantor.

ARBITRI: Simbari, Lot.

NOTE - Spettatori 1405, durata set: 28', 29', 25', 27'; tot: 109'.

MVP Carmelo Gitto (Calzedonia Verona)

EXPRIVIA MOLFETTA - GI GROUP MONZA-

L’Exprivia è alla Final Four dei Play Off Challenge. I molfettesi battono Gi Group Monza 3-1, stesso punteggio delle prime due gare di questi Quarti di Finale, e conquista la possibilità di contendere a Verona, Piacenza e Latina un prestigiosissimo posto in Europa.

Una gara non semplice per i biancorossi, Monza si è rivelata fino all’ultimo un’avversaria degna della posta in palio, ma la fame e la voglia dell’Exprivia di entrare nel volley che conta hanno spinto la squadra verso questo grande traguardo.

Un primo set combattutissimo e vinto da Molfetta, che ha ritrovato il suo uomo di punta Hernandez (top scorer con 19 punti); un secondo set conquistato in scioltezza dalla squadra di casa, quasi a far presagire una finale già scritto. Ma il Gi Group, mai domo, ha mostrato il massimo sforzo e con un buon 58% in attacco si è aggiudicato il set. L’Exprivia allora ha dovuto fare gli straordinari e grazie alle geniali e preziose giocate del suo regista Hierrezuelo, MVP di serata con 9 punti, di cui 6 a muro, agli attacchi di Candellaro (90% in attacco), ha chiuso i conti nel tripudio dei tifosi di casa. Determinanti battuta (13 ace per l’Exprivia di cui 4 per Fedrizzi ed Hernandez) e ricezione con un 57% positiva di squadra (68% Joao Rafael, 59% De Pandis).

Coach Cattaneo schiera Jovovic e Raic in diagonale, capitan Botto e Galliani ai loro lati, Verhees e Beretta al centro. Rizzo libero. Di Pinto ritrova Hernandez in diagonale con Hierrezuelo a ricomporre la coppia che ha fatto faville in regular season, Joao Rafael e Fedrizzi di banda, Candellaro e Barone centrali, De Pandis libero.

Avvio scoppiettante da parte dell’Exprivia soprattutto al servizio, Hernandez e Fedrizzi seminano il panico in battuta, Barone e Hierrezuelo danno il loro contributo a muro e Molfetta si ritrova avanti al time out tecnico (12-7). Monza non si scompone e con tre ace consecutivi di Botto si riporta sotto (12-11), poi si distende con gli ace in battuta di Botto e Mercorio, subentrato a Galliani, e gli attacchi di Raic. L’Exprivia si rialza, Hernandez manda le due squadre ai vantaggi (24-24), poi l’attacco out di Raic e il muro di Hierrezuelo, ancora su Raic, chiudono i conti e Molfetta tira un sospiro di sollievo (26-24). 

Nel secondo parziale rientra Galliani tra le fila di Monza e l’avvio è equilibrato: Molfetta ci prova con un attacco e un ace di Hernandez (4-2), ma Monza resta lì. Joao suona la carica e, prima con un lungolinea vincente, poi con un ace, allunga sugli ospiti (10-8); il servizio out di Botto manda le squadre al time out tecnico (12-8). Il doppio ace di Candellaro vale il 20-13 e costringe Cattaneo a sostituire ancora Galliani con Mercorio. Hernandez mette giù la palla del 24-20 ma il match si chiude sull’errore in battuta di Botto (25-20).

Nel terzo set sprinta il Gi Group, subito avanti per 4-0. L’Exprivia ci prova, ma Jovovic si mette in mostra con un tocco di seconda intenzione e un ace che costringe coach Di Pinto a chiamare il time out sul 5-10. Barone accorcia le distanze ma Galliani trova le mani del muro sull’attacco che vale il time out tecnico (7-12). Monza allunga sfruttando il break in battuta di Mercorio (13-18). Molfetta prova a farsi sotto, ma il Gi Group gestisce bene il suo vantaggio e si aggiudica il parziale con l’ace di Raic (20-25).

Nel quarto parziale parte bene l’Exprivia. Candellaro e Fedrizzi si mettono subito in mostra (6-4) ma il set è ancora in equilibrio: Barone mette a segno un primo tempo e sulla battuta di Joao Rafael il fallo di rotazione di Monza costa il timeout tecnico (12-11). L’Exprivia allunga sfruttando gli errori in ricezione di Monza, Hierrezuelo fa la differenza a muro e si concede anche qualche attacco, Hernandez capitalizza i punti più difficili (18-15). Il finale è scoppiettante. Candellaro chiude i giochi con un primo tempo vincente (25-23).

I PROTAGONISTI-

Daniele De Pandis (Exprivia Molfetta)-  « È una vittoria che volevamo a tutti i costi. La Final Four di Challange era un nostro obiettivo e per raggiungerlo credo sia stato determinante il fattore campo oltre alle qualità tecniche come battuta e ricezione, fondamentali nel corso del match ».

 Marco Rizzo (Gi Group Monza)- « Siamo partiti contratti nel primo set, facendo subito quattro errori in ricezione. Forse con un altro approccio avremmo potuto prolungare questa gara al tie-break. Probabilmente la presenza di Hernandez ci ha destabilizzato e abbiamo commesso qualche errore nonostante penso ce la siamo giocata alla pari. Faccio i complimenti all’Exprivia e un grande in bocca al lupo per l’avventura della Final Four ».

IL TABELLINO-

EXPRIVIA MOLFETTA - GI GROUP MONZA 3-1 (26-24, 25-20, 20-25, 25-23)

EXPRIVIA MOLFETTA: Candellaro 12, Del Vecchio, De Barros Ferreira 10, Barone 7, Mustedanovic, De Pandis (L), Hierrezuelo 9, Fedrizzi 12, Hernandez Ramos 19. Non entrati Kaczynski, Spadavecchia, Mariella, Porcelli. All. Di Pinto.

GI GROUP MONZA: Raic 15, Galliani 11, Mercorio 4, Jovovic 3, Rizzo (L), Botto 10, Verhees 6, Beretta 9. Non entrati Sala, Daldello, Brunetti, Gao. All. Cattaneo.

ARBITRI: Sampaolo, Frapiccini.

NOTE - Spettatori 1482, incasso 3739, durata set: 29', 27', 25', 35'; tot: 116'.

MVP Raydel Hierrezuelo (Exprivia Molfetta)

FINAL FOUR-

Play Off Challenge Final Four

Semifinali

Venerdì 22 aprile 2016

Calzedonia Verona – Ninfa Latina 

Exprivia Molfetta – LPR Piacenza 

Finale

Domenica 24 aprile 2016

Vincente prima Semifinale PO Challenge – Vincente seconda Semifinale PO Challenge   

Articoli correlati

Commenti