Corriere dello Sport

A2 maschile

Vedi Tutte
A2 maschile

Volley: A2 Maschile Girone Bianco, Santa Croce fa la voce grossa

Volley: A2 Maschile Girone Bianco, Santa Croce fa la voce grossa
© Legavolley

Nel recupero della partita con Alessano Vermiglio e soci si impongono per 1-3 (25-21, 21-25, 19-25, 18-25). Da De Leon e Dennis, 20 punti a testa, lo sprint decisivo per piegare gli uomini di Mastrangelo. Partita ferma per mezz'ora a causa di un black out

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 18 gennaio 2017 21:41

TRICASE (LECCE)- Nel recupero della sesta giornata l’Aurispa Alessano rimane al buio. Contro la Kemas Lamipel Santa Croce i biancoazzurri partono alla grande vincendo il primo set, ma dopo un black out che ha lasciato al buio il Palasport di Tricase per mezz’ora, non è riuscita a ripetersi nei successivi set perdendo la partita per 3-1 e rimanendo in penultima posizione a due giornate dalla fine della regular season. I biancoazzurri pagano il calo in ricezione che non ha consentito una efficace ricostruzione del gioco; al contrario Vermiglio si è affidato a Dennis e Guimaraes che, con 20 punti a testa, hanno portato alla vittoria la squadra toscana.

Mister Mastrangelo ritrova Lucas Salim cui affida la regia della squadra, con Argilagos opposto, Borgogno e Cernic di banda, Muccio e Piscopo al centro, Bisanti (in ricezione) e Russo (fase difensiva) libero. Santa Croce deve fare a meno di Bonetti, infortunato, e si schiera sul taraflex di Tricase con l’ex nazionale Vermiglio al palleggio, Dennis contromano, Guimaraes e Bonetti laterali, Elia e Benaglia al centro, Bonami libero.

Primo set con Santa Croce che sfrutta qualche errore di troppo dell’Alessano e si porta sul 5-2, ma l’Aurispa comincia a scaldare i motori e con due punti di Argilagos e un errore ospite pareggia subito i conti (5-5), per poi passare avanti 6-5. La partita vive una fase di equilibrio con le squadre che ribattono colpo su colpo, con nessuna delle due che riesce a prevalere sull’altra; è Cernic a trovare il break con un diagonale vincente che porta i biancoazzurri sul 20-18; il capitano si ripete nell’azione successiva murando Dennis dando ai padroni di casa il +3 (21-18). Santa Croce però non molla e recupera lo svantaggio con l’opposto cubano e un errore di Argilagos (21-21); l’Aurispa trova il nuovo allungo, ancora con Cernic e un servizio vincente di Piscopo per il 23-21. Il muro biancoazzurro ferma ancora Dennis e Alessano ha tre possibilità per andare sull1-0: una fast sbagliata di Benaglia fissa il punteggio sul 25-21 per l’Aurispa dopo 27 minuti di gioco.

Tra primo e secondo set la partita viene sospesa per la mancanza di elettricità che fa restare al buio il Palasport. Alla ripresa l’Aurispa si porta sul 2-0 con Piscopo e Cernic, poi Santa Croce ribalta la situazione (5-2), grazie anche ad un rosso comminato a Piscopo che protesta per una doppio fischiatagli dal primo arbitro; i biancoazzurri reagiscono prontamente e si riportano avanti 6-5, grazie all’ottima correlazione muro-difesa. Argilagos con un diagonale in campo dà il +2 (8-6), ma la squadra di mister Bertini raggiunge subito la parità (9-9); Alessano però non demorde e si riporta avanti, questa volta di tre punti, per il 13-10 con un ottimo gioco di squadra, ma il muro di Santa Croce riporta la situazione in parità (13-13). I toscani ribaltano la situazione subito dopo con un attacco out di Argilagos; nuovo ribaltone e Aurispa avanti 17-15, ma ancora Santa Croce annulla la possibile fuga biancoazzurra con Dennis al servizio. Il muro toscano ritorna a fare la voce grossa e i biancorossi passano a condurre 20-17; i padroni di casa producono il massimo sforzo per rientrare in gioco, ma Santa Croce, dopo 29 minuti, mette le mani sul set imponendosi 25-21, con Cernic che sbaglia l’attacco per il punto decisivo.

Terzo parziale con la squadra ospite che si porta prima sul 3-1, poi sul 6-3 con la ricezione biancoazzurra in difficoltà; la squadra di casa ha un attimo di smarrimento e gli ospiti ne approfittano per incrementare il vantaggio (8-3). Mister Mastrangelo inserisce Bonante per Lucas Salim, ma l’Alessano non trova il bandolo della matassa e continua a subire il gioco avversario trovandosi sotto 6-15. L’Aurispa cerca di scrollarsi di dosso l’apatia e punto dopo punto si avvicina all’avversario (17-20), ma è troppo tardi per cercare di raddrizzare il set che viene vinto 25-19 da Santa Croce, con Guimaraes che mura Argilagos nell’ultima azione.

Quarta frazione con Santa Croce che tenta subito di scappare (4-2), ma l’Aurispa reagisce e trova pareggio e sorpasso grazie a Cernic, autore di tre punti consecutivi (due muri e un pallonetto vincente) per il 7-5 biancoazzurro. I conciari ricuciono lo strappo per l’8 pari, poi passano avanti 9-8 con un ace di Dennis. I biancoazzurri si disuniscono nuovamente e gli ospiti ne approfittano per distanziarli di quattro punti (14-10); l’Aurispa, trascinata da Cernic, arriva al -1 (15-16), ma non trova la continuità in attacco, così Vermiglio e soci ritornano sul +5 (21-16). Il set e la partita non hanno più storia e un ace di Benaglia mette fine alla contesa per il 25-18 in 23 minuti.

IL TABELLINO-

AURISPA ALESSANO - KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE 1-3 (25-21, 21-25, 19-25, 18-25)

AURISPA ALESSANO: Lemanski Salim 1, Cernic 19, Muccio 8, Argilagos Sogo 19, Borgogno 13, Piscopo 4, Bisanti (L), Russo (L), Marzo 0, Bulfon 0, Bonante 0. N.E. Torsello, Baldari. All. Mastrangelo.

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Vermiglio 2, De Leon Guimaraes 20, Elia 5, Dennis 20, Colli 6, Benaglia 14, Taliani (L), Bonami (L), Tamburo 0, Ciulli 0, Del Campo 5. N.E. Bonetti, Mazzone, Da Prato. All. Bertini. ARBITRI: Palumbo, Nicolazzo.

NOTE - durata set: 27', 29', 30', 23'; tot: 109'.

Articoli correlati

Commenti