A2 Maschile, Ortona perde un punto, Brescia si avvicina
© Legavolley
A2 maschile
0

A2 Maschile, Ortona perde un punto, Brescia si avvicina

Primo parziale passo falso degli abruzzesi che contro la Materdomini.it vincono solo al tie break, ne approfitta la squadra di Zambonardi che vince a Lagonegro e si porta ad una lunghezza dal vertice. Calci passa a Mondovì dopo una vera battaglia, Castellana Grotte passeggia in quel di Cantù

ROMA-Nella quarta di ritorno di A2 Maschile perde il primo punto la capolista Sieco Service Ortona che deve sudare le proverbiali sette camicie per uscite vittoriosa dal campo della Materdomini.it. Gli uomini di Lanci, in vantaggio 0-2, subiscono la rimonta dei padroni di casa che si arrendono solo al termine di un infuocato tie break. Si porta ad un punto dal vertice la Sarca Italia Chef Centrale Brescia che esce da Lagonegro con in tasca una larga vittoria che ne ribadisce il ruolo da protagonista in questa stagione. Successo esterno anche per la BCC Castellana Grotte che si impone con il massimo punteggio a Cantù. Battaglia a Mondovì fra Sinergy e Peimar Calci con gli ospiti che si impongono al quinto dopo un match che ha cambiato faccia più volte e che ha visto i toscani trovare lo spunto vincente nel finale.

TUTTE LE SFIDE-

POOL LIBERTAS CANTÙ – BCC CASTELLANA GROTTE-

Niente da fare anche questa volta. Il Pool Libertas Cantù rimanda l’appuntamento con la prima vittoria stagionale. Anche stasera, in un Parini sempre bello pieno, la formazione di Coach Cominetti non riesce a portare a casa il successo nella quarta di andata del campionato di A2 maschile di volley Credem Banca. Passa una ottima BCC Castellana Grotte per 3-0 anche se i brianzoli – almeno nel secondo e terzo set – sono arrivati vicino agli avversari. Nell’ultimo in particolare. Ai vantaggi, dopo una gara tiratissima, l’ha spuntata la squadra di Coach Mastrangelo. E peccato che proprio nel momento decisivo, dopo una prestazione tutta grinta e di notevole qualità, il muro di Castellana ha “stoppato” Matteo Maiocchi, fino a quel punto trascinatore dei compagnia dispetto della sua giovane età.

E peccato anche per il forfait di Raydel Poey nel finale di primo set. Il giocatore cubano, già in non perfette condizioni fisiche, è stato costretto ad uscire dal campo per un dolore. Buona la reazione dei canturini al suo forfait. Bene Suraci a sostituirlo, ma non è bastato.

Un Pool Libertas punito forse dai troppi errori nei momenti clou. Che sono anche figli di una squadra giovane, quella di Cominetti, che a tratti riesce ad entusiasmare i suoi tifosi salvo poi perdersi in alcune ingenuità. E la differenza stasera l’hanno fatta proprio questi particolari. Contro una Castellana che non ha mollato nulla, ha ribattuto punto su punto con i centrali De Togni e Cubito, con Vedovotto e Morelli (ex di turno) a “martellare” a più non posso. Sotto la regia di un palleggiatore esperto e di qualità come Fabroni.

Coach Luciano Cominetti è partito con Mirko Baratti in regia e Raydel Poey opposto, Federico Mazza e il capitano Dario Monguzzi centrali, Matteo Maiocchi – subito in palla – e Roberto Cominetti in banda e libero Luca Butti. Coach Vincenzo Mastrangelo risponde con la formazione-tipo con Marco Fabroni al palleggio, Michele Morelli opposto, Filippo Vedovotto e Djalma Moreira schiacciatori, Capitan Giorgio De Togni e Marco Cubito al centro, e Daniele De Pandis libero.

Punto a punto per la prima parte di gara: solo a metà set Castellana ha preso il break decisivo con Vedovotto e Moreira. La Libertas ha perso Poey – fino ad allora 4 punti e tanta sostanza – ma non si è smarrita. Anche se ha dovuto arrendersi per 20-25.

Tutto da rifare nel secondo set. Coach Cominetti lascia Suraci opposto e mette dentro anche l’altra banda Motzo. Un paio di belle giocate di Mazza e Monguzzi tengono Cantù a distanza dagli avversari. Cinque errori in battuta mettono Cantù in affanno anche se il finale è intenso ed avvincente. La Libertas ci prova fino all’ultimo, la maggiore lucidità di Castellana fa la differenza.

E poi il terzo set. Con Cantù che parte in difficoltà (4-8), ma reagisce da squadra di carattere. Da 10-16 al 20 pari. Maiocchi continua a trovare punti importanti, e come lui anche Cominetti e Suraci. Finale con il muro di Castellana che, nel momento decisivo, prende le misure a Maiocchi e lo stoppa tre volte di fila. Lui, generosissimo, ci resta male. Coach Cominetti lo cambia per Gasparini, e lui trova un muro pazzesco che riapre la gara. Si va ai vantaggi. Castellana non vacilla mai e si prende i tre punti. Rammarico per Cantù, al secondo stop di fila in casa: dopo l’1-3 con Reggio ora questo 0-3 da Castellana. Peccato, ma si deve ripartire da qui per il pronto riscatto.

I PROTAGONISTI-

Luciano Cominetti (Allenatore Pool Libertas Cantù)-« Mi è piaciuta la reazione dei ragazzi all’infortunio di Poey. Suraci ha fatto bene, ma abbiamo ancora fatto troppi errori di inesperienza, come nell’ultimo set. Peccato per le tre murate consecutive subite da Maiocchi nel terzo set, che avrebbe potuto riaprire la partita. Su alcune scelte di distribuzione siamo stati poco lucidi, senza guardare chi c’è a muro dall’altra parte, e non sfruttiamo alcune situazioni in attacco a noi favorevoli. Stiamo valutando la situazione di Poey, è stato fermato in via precauzionale e stiamo aspettando gli approfondimenti del caso ».

IL TABELLINO-

POOL LIBERTAS CANTÙ – BCC CASTELLANA GROTTE 0-3 (20-25, 22-25, 26-28)

POOL LIBERTAS CANTÙ: Baratti 1, Cominetti 8, Monguzzi 10, Poey 4, Maiocchi 11, Mazza 2, Rudi (L), Motzo 1, Butti (L), Suraci 6, Frattini 2, Gasparini 1. N.E. Arasomwan, Regattieri. All. Cominetti.

BCC CASTELLANA GROTTE: Fabroni 5, Vedovotto 11, De Togni 7, Morelli 19, Moreira 12, Cubito 3, De Santis (L), Quartarone 0, De Pandis (L), Del Vecchio 1. N.E. Cascio, Agrusti, Esposito, Imbesi. All. Mastrangelo.

ARBITRI: Bassan, Caretti.

NOTE – durata set: 33′, 31′, 34′; tot: 98′.

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO – SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA-

Partita a senso unico al PalaAlberti con gli uomini della Sarca Italia Chef Centrale Brescia che sbagliano pochissimo, tirano dai nove metri e ricevono bene. Tiberti può impostare il gioco come vuole, mentre Zoppellari fatica a innescare i suoi terminali d’attacco, ben contenuti a muro da Brescia (11 block a 3). Il 3-0 finale è un bel regalo di compleanno per coach Zambonardi, 46 anni lunedì, e un’ulteriore prova che questa squadra, quando gioca concentrata, può fare davvero bene. La Geovertical può davvero poco di fronte alla grande prestazione della formazione lombarda.

Falabella sceglie Zoppellari e Tiurin, Spadavecchia al centro con Robbiati, mentre Mazzone e Fantauzzo sono gli attaccanti di banda e Santucci è il libero. Il tecnico bresciano risponde in avvio con Tiberti incrociato a Bisi, Cisolla e Galliani in banda, Festi e Candeli al centro con Zito libero.

Brescia riceve benissimo e spinge con Galliani e Bisi, mentre Fantauzzo, giovane banda di casa, si occupa di tenere i suoi in corsa. Il murone di Candeli su Tiurin vale il 7-11, ma i lucani riescono a ricucire il primo strappo con buone difese. Brescia resta ordinata e Cisolla strappa con l’esperienza il 14-18. Tiberti serve un doppio Festi che sigla la fuga (16-21). Set ball conquistato dal muro a tre di Brescia su Tiurin e 18-25 finale con errore a rete di Lagonegro.

Doppio block di Cisolla, primo tempo e ace di Festi, diagonale stretta di Galliani: i Tucani staccano 7-12, tengono in ricezione e battono con decisione, disinnescando il braccio di Tiurin. Ace di Mazzone che accorcia 15-17, ma Bisi da seconda linea e il muro a tre bianco blu riportano il vantaggio a + 4. Sul 19-21, dentro Ristic con Galliani temporaneamente tenuto in posto due: la giovane banda riceve e mette palla a terra al posto di Bisi, che rientra e chiude il set con un ace (21-25).

La Geovertical ha una partenza più decisa (4-3), ma gli ottimi turni al servizio di Candeli e Festi fan riprendere la corsa a Brescia. Cisolla inventa, Gallo e Bisi non sbagliano e picchiano duro (9-14); Maccarone entra per Spadavecchia al centro e cambio di regia per Falabella che ci prova, ma i Tucani sono attenti e cinici e vanno a prendersi tre punti con un paio di block di Bisi e Festi.

I PROTAGONISTI-

Paolo Falabella (Allenatore Geosat Geovertical Lagonegro)- « Rispetto al solito non riuscivamo a fare la fase break che spesso ci riesce bene e loro sono stati bravissimi a contenerci. Abbiamo difeso anche più del solito ma murato molto meno ma in contrattato non andavamo proprio. Loro erano bravi a vincere le lunghe azioni punto. Vanno fatti i complimenti a Brescia perché è venuta qui interpretando la gara in maniera precisa senza farsi mai prendere dal pubblico; la nostra non è decisamente la miglior uscita , anche rispetto alle gare precedenti. Dovremmo rivedere delle cose, conclude ».

Alberto Cisolla (Sarca Italia Chef Centrale Brescia)- « Abbiamo fatto veramente un gran match..Forse Lagonegro non era nella sua migliore giornata, ma siamo stati bravi e precisi perché abbiamo messo pressione in tutti i fondamentali. E’ stata la nostra partita più bella a livello tecnico tattico e di concentrazione ».

IL TABELLINO-

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO – SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA 0-3 (18-25, 21-25, 17-25)

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO: Zoppellari 0, Mazzone 13, Spadavecchia 3, Tiurin 14, Fantauzzo 7, Robbiati 4, Condorelli (L), Maccarone 0, Santucci (L), Ramberti 0. N.E. Corrado, Vecellio. All. Falabella.

SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA: Tiberti 1, Galliani 17, Candeli 7, Bisi 12, Cisolla 10, Festi 12, Franzoni (L), Zito (L), Ristic 1, Malvestiti 0. N.E. Crosatti, Ceccato, Mijatovic, Ostuzzi. All. Zambonardi.

ARBITRI: Zingaro, Colucci.

NOTE – durata set: 23′, 33′, 23′; tot: 79′.

SYNERGY MONDOVÌ – PEIMAR CALCI-

Muove finalmente la propria classifica il Vbc Synergy Mondovì, che al PalaManera rimonta due set alla corazzata Peimar Volley Calci e si arrende solo al tie-break. Fenoglio schiera ancora Borgogno in posto 2, vista l’assenza di un opposto titolare di ruolo (in settimana è atteso l’arrivo del sostituto di Kadankov), con Terpin e Loglisci in banda. La squadra regge il confronto contro i toscani, sia in ricezione che in attacco. In equilibrio anche la sfida a muro (11 quelli vincenti per il Synergy Mondovì, uno in più per la Peimar), mentre in battuta i monregalesi hanno saputo fare decisamente meglio dei loro avversari, mettendo a segno ben 10 aces e sbagliando meno di loro (16 gli errori dai nove metri per Pistolesi e compagni, 21 quelli di Calci). Sugli scudi, in particolare, il centrale Biglino, che ha messo a referto addirittura 18 punti, ma indicazioni positive anche dai due schiacciatori.

Primo set in equilibrio fino a metà, poi i toscani aumentano i giri del motore: prima il muro di Mosca vale l’11-14, poi un ispirato Fedrizzi sigla il 16-20. I monregalesi si avvicinano fino al 21-23 ma dopo un sapiente timeout di Gulinelli gli ospiti ripartono e chiudono a 22, sempre con Fedrizzi.

Secondo set subito in salita per i piemontesi: quando Lecat ferma Biglino a muro il tabellone segna 7-14 e Fenoglio ha già speso un timeout. Ma i biancoblù non demordono e pian piano tornano in scia, fino al 16-17 siglato da Terpin. Coscione e compagni, però, non si scompongono e ripristinano la distanza di sicurezza per poi bissare il 22-25.

Nella terza frazione il Vbc Synergy conduce da subito (9-6), ma la Peimar rosicchia lo svantaggio, fino ad arrivare al 18-19 quando il videocheck certifica un tocco del muro locale sull’attacco di Fedrizzi. Timeout di Fenoglio, Pistolesi pareggia con un secondo tocco di astuzia e i monregalesi tornano a condurre (murato Lecat per il 22-20), arrivando per primi al set ball. Due errori in battuta ribaltano la situazione, Calci ha anche l’occasione per chiudere la partita, ma dopo l’ultimo timeout di Fenoglio una grande murata di Presta su Argenta e l’ace di Loglisci regalano il set ai monregalesi (29-27).

La partita si accende: lotta punto a punto nel quarto parziale, tra sorpassi e controsorpassi (5-3 di Terpin, 7-8 messo a segno da Barone). Lo schiacciatore goriziano sigla il 18-17 e lancia la volata monregalese. Biglino con un gran primo tempo mette la firma sul 24-21: sembra fatta ma con Argenta in battuta Calci arriva fino al -1; poi, però, i toscani capitolano, ancora sotto i colpi di un super Biglino.

Nel tie-break la Peimar fa subito la voce grossa (1-4 con pipe di Fedrizzi e punto di Argenta che “buca” il muro a due di casa) e cambia campo con quattro punti di vantaggio. Le speranze monregalesi tramontano quando il videocheck trasforma il possibile punto del 7-10 nel 6-11 che, di fatto, scrive i titoli di coda. Il Vbc non demorde, ma sull’attacco di Lecat deve alzare bandiera bianca (11-15).

IL TABELLINO-

SYNERGY MONDOVÌ – PEIMAR CALCI 2-3 (22-25, 22-25, 29-27, 25-23, 11-15)

SYNERGY MONDOVÌ: Pistolesi 5, Terpin 16, Biglino 18, Borgogno 16, Loglisci 14, Presta 4, Garelli (L), Pochini (L). N.E. Camperi, Ristani, Milano, Buzzi. All. Fenoglio.

PEIMAR CALCI: Coscione 1, Lecat 13, Barone 11, Argenta 17, Fedrizzi 28, Mosca 10, De Muro (L), Tosi (L), Nicotra 0, Ciulli 0, Sideri 0. N.E. Zanettin, Razzetto. All. Gulinelli.

ARBITRI: Giardini, Pristera’.

NOTE – durata set: 26′, 26′, 41′, 27′, 19′; tot: 139′.

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – SIECO SERVICE ORTONA-

Quarta giornata di campionato e la Sieco affronta la seconda trasferta di questa stagione. Stavolta si va in terra di Puglia, dopo aver fatto visita nella seconda giornata a Reggio Emilia. Orfana del suo opposto titolare Marks la Sieco deve mordersi i gomiti per non aver chiuso una gara che sembrava ormai in cassaforte fino all’ultimissima parte del terzo set quando gli ortonesi, in vantaggio due set a zero, subiscono un parziale di sette punti a zero dando nuova linfa ad una Materdomini che conquista il set e riapre la gara. Materdomini che poi rientra in campo con tutt’altro spirito e gli impavidi spariscono dal campo lasciando strada facile ai padroni di casa. La Sieco torna ad essere impavida nel tie-break. Trova nuove forze e riesce a vincere l’ultimo importantissimo set grazie ad una buona partenza che ha permesso di creare un gap che gli avversari non sono riusciti a colmare.

I padroni di casa schierano in campo quello che può definirsi il loro sestetto tipo composto dal palleggiatore Valera e dal suo opposto Cazzaniga. L’ex Fiore farà coppia con Rosso per il reparto schiacciatori mentre i centrali saranno Patriarca e Gargiulo. Libero Battista.

Gli abruzzesi rispondono con Pedron al palleggio e Marks opposto. Bertoli e Ottaviani schiacciatori, Capitan Simoni e Menicali centrali. Libero Toscani.

La prima palla dell’incontro è tra le mani di Michele Simoni ma il punto è subito dei padroni di casa con Rosso. 1-0. Subito avanti Castellana che con un ace e Cazzaniga vanno subito avanti 3-0. Il primo punto per Ortona è di Marks su un prezioso recupero di Toscani. Cazzaniga sbaglia il suo servizio Ortona rosicchia punti 4-3. Ancora un errore per i padroni di casa, la Sieco continua la Sua rincorsa 5-4. Cazzaniga trova una diagonale strettissima ed è ancora +3 per i pugliesi 9-6. Ace per i Castellanesi, lo mette a segno Fiore 11-7. Intanto esce Marks, vittima di problemi fisici, al suo posto Dario Carelli, mentre Cazzaniga pianta per terra un nuovo ace 13-9. Ottaviani prova a tenere a galla gli ortonesi 14-11. Pesta la linea Rosso che era seconda linea 16-14. Bertoli in pipe va a segno per il primo vantaggio dei suoi 16-17. Battista non trattiene il servizio di Simoni e Pedron riesce a metterla giù 18-20. Cazzaniga la tira forte dai nove metri, i suoi possono contrattaccare ma Menicali rimedia a muro 20-22. Ottaviani conquista il punto del set-point giocando bene sul muro di Cazzaniga 22-24. Niente da fare, prima palla set annullata da un tocco a muro di Simoni 23-24. Fiore riesce benissimo a muro e si va ai vantaggi e subito dopo Ottaviani riprende il vantaggio 24-25. Ancora Fiore 25-25. Carelli non fa rimpiangere Marks 25-26. Ancora parità 26-26. Out il servizio di Gargiulo 26-27. Menicali ferma Rosso ed il lunghissimo set è di Ortona 26-28.

Padroni di casa che nel secondo set tentano di ripetere la partenza sprint del set precedente e sono avanti di due punti: 5-3. La Sieco si ricompone a muro e con un break di 3 punti si ritrova avanti 5-6. Carelli non riesce a passare ed i locali accorciano le distanze 6-7. Out il servizio di Ottaviani 8-9. Out l’attacco di Carelli, la Materdomini trova il pareggio 9-9. Bertoli smarcato da Pedron piazza un lungo linea potente e preciso 9-11. Errore al servizio per Pedron e Castellana a meno uno 11-12. Cicca il servizio Bertoli 12-14. Errore anche per Patriarca 12-15. Panciocco riesce a trasformare un pessimo palleggio del suo regista in oro 16-14. Panciocco fermato da Bertoli 15-18. Carelli va a segno per il 16-19. Out il servizio di Panciocco 17-20. Una magia di Bertoli che beffa Patriarca e Panciocco 17-21. Il colpo di Carelli è toccato dal muro dei padroni di casa 17-22. Ancora una volta il tocco del muro castellano condanna i padroni di casa 17-23. Menicali spinge una palla al centro e regala sei palle set ai suoi 18-24. Rosicchiano punti i pugliesi 20-24 e Nunzio Lanci chiama tempo. Chiude il set Ottaviani e con esso la Sieco è sicura di tornare da questa trasferta con almeno un punto in tasca.

Si riparte con il punto dei padroni di casa, subito pareggiati da Matteo Bertoli 1-1. Fischiata una invasione piuttosto ingenua a fiore, Ortona in vantaggio 1-2. Lungo linea di Giuseppe Ottaviani 3-5. Gargiulo fermato a muro da Simoni 3-6. Ace per Cazzaniga, rientrato in campo al posto di Panciocco 5-6. Ottaviani sfiora la bordata di Cazzaniga e i padroni di casa sono vicinissimi 6-7. Errore per rosso che attacca sul nastro e poi fuori 6-9. Ottaviani mette in difficoltà la ricezione dei pugliesi, la free-ball è sfruttata alla perfezione da Ottaviani 6-11. Cazzaniga tira una bomba che Ottaviani non può trattenere 9-13. Ottaviani fermato da Gargiulo, ma la palla schizza fuori 11-15. Cazzaniga la pianta sulla rete al servizio 12-16. Muro pesantissimo di Simoni 13-18. Ottaviani mette ancora in difficoltà la ricezione di Castellana, la palla torna sul campo ortonese e Bertoli sfrutta l’occasione 13-19. Simoni riesce bene con il suo attacco al centro 15-20. Da uno strepitoso recupero di Toscani si innesca l’azione del 16-21 messa a segno da Ottaviani in Pipe. Tornano a farsi pericolosi i padroni di casa, Castellana rosicchia punti importanti 19-22. Arriva però l’errore di Manginelli al servizio e la SIECO riprende il viaggio verso il traguardo 19-23. Murato Ottaviani da Gargiulo 22-23. Fortunato Cazzaniga che becca il nastro al servizio e trova l’ace del pareggio 23-23. Cazzaniga al servizio è devastante. Castellana recupera ben sette punti e vince il set riaprendo di fatto la gara.

Continua la saga nel quarto di Cazzaniga che rientra al servizio ed è subito 1-0. Menicali sbuccia la palla e Castellana avanti 4-2. Carelli prova a tenere in partita Ortona 5-4. Castellana Grotte trova il punto del 9-6. Ace di Cazzaniga 11-7. Out l’attacco di Carelli 14-8. Astarita, che aveva preso il posto di Bertoli, mette a terra il punto dl 15-9. Ottaviani fa il punto del 16-11 ma la Materdomini è inarrestabile 18-11. Out il servizio di Menicali 19-12. Cazzaniga inarrestabile 21-14. Ottaviani attacca la palla del 23-17. Fiore spedisce la palla fuori 23-18. Carelli allunga il set annullando la prima palla set, ma i padroni di casa trovano il pareggio subito dopo grazie all’errore al servizio di Astarita.

Inizia così un quinto set che nessuno pensava di dover giocare fino a qualche tempo prima. Il primo punto è di Ortona con Carelli. Arriva quindi il muro di Simoni 0-2. Muro di Ottaviani 0-3. Non regge il muro ortonese su Rosso 1-3. Pedron non riesce a fermare l’ex Fiore 2-4. Out l’attacco di Carelli 3-5. Muro di Bertoli 3-6. Out il servizio di Fiore 4-7. Out il servizio di Patriarca e il cambio di campo vede la Sieco avanti 5-8. Ancora un errore al servizio, questa volta per Cazzaniga 6-9. Panciocco non riesce a fermare Bertoli 7-10 ma poi arriva l’errore di Carelli al servizio 8-10. La bomba di Ottaviani fa tirare un sospiro di sollievo ai tifosi giunti da Ortona in quel di Castellana 8-11. Cazzaniga fermato magistralmente a muro da Michele Simoni 8-12. Buona intesta tra Pedron e Menicali che mette a terra una veloce 9-13. Out l’attacco di Patriarca e la Sieco è ad un soffio da conquistare la gara da due punti 9-14. Annullato da Fiore il primo match point, poi lo stesso va al servizio. 10-14. Punto di Rosso la Sieco con chiude e si rifugia in time-out 11-14. Ancora punto per i padroni di casa. La Sieco non riesce a chiudere 12-14. Fiore poi serve fuori di un nulla ma tanto vale per la Sieco a chiudere la gara per tre set a due.

I PROTAGONISTI-

Dario Carelli (Sieco Service Ortona)- « È la prima gara quasi completa che gioco in serie A e a ventinove anni è qualcosa che mi rimarrà per sempre impressa nella memoria. All’inizio ero emozionato ma poi sono entrato subito nei ritmi di gioco. Abbiamo subito il contraccolpo del recupero straordinario di Castellana, grazie ad uno straordinario Cazzaniga nel quarto set ma poi per fortuna siamo tornati in campo con il piglio giusto nel tie-break riuscendo a portare a casa la vittoria ».

IL TABELLINO-

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – SIECO SERVICE ORTONA 2-3 (26-28, 20-25, 25-23, 25-19, 12-15)

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Valera 1, Fiore 16, Gargiulo 10, Cazzaniga 20, Rosso 17, Patriarca 13, Battista (L), El Moudden 0, Panciocco 3, Manginelli 1. N.E. Floris, Paradiso. All. Castellano.

SIECO SERVICE ORTONA: Pedron 1, Bertoli 12, Menicali 8, Marks 3, Ottaviani 26, Simoni 14, Pesare (L), Carelli 13, Toscani (L), Astarita 2. N.E. Salsi, Del Fra, Sesto. All. Lanci.

ARBITRI: Palumbo, Cavalieri.

NOTE – durata set: 31′, 26′, 30′, 32′, 18′; tot: 137′.

I RISULTATI-

Synergy Mondovì-Peimar Calci 2-3 (22-25, 22-25, 29-27, 25-23, 11-15);

Olimpia Bergamo-Emma Villas Aubay Siena 1-3 (25-20, 28-30, 20-25, 24-26) giocata ieri;

Materdominivolley.it Castellana Grotte-Sieco Service Ortona 2-3 (26-28, 20-25, 25-23, 25-19, 12-15);

Pool Libertas Cantù-BCC Castellana Grotte 0-3 (20-25, 22-25, 26-28);

Kemas Lamipel Santa Croce-Conad Reggio Emilia 3-0 (25-19, 25-23, 25-15) giocata ieri;

Geovertical Geosat Lagonegro-Sarca Italia Chef Centrale Brescia 0-3 (18-25, 21-25, 17-25).

LA CLASSIFICA-

Sieco Service Ortona 11, Sarca Italia Chef Centrale Brescia 10, Kemas Lamipel Santa Croce 9, Emma Villas Aubay Siena 8, Peimar Calci 8, BCC Castellana Grotte 6, Conad Reggio Emilia 6, Olimpia Bergamo 5, Materdominivolley.it Castellana Grotte 4, Geovertical Geosat Lagonegro 3, Pool Libertas Cantù 1, Synergy Mondovì 1.

IL PROSSIMO TURNO-

Emma Villas Aubay Siena – Pool Libertas Cantù; 

BCC Castellana Grotte – Synergy Mondovì;

Conad Reggio Emilia – Geovertical Gerosat Lagonegro;

Sarca Italia Chef Centrale Brescia – Kemas Lamipel Santa Croce;

Peimar Calci – Matedominivolley.it Castellana Grotte;

Sieco Service Ortona – Olimpia Bergamo

Tutte le notizie di A2 maschile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti