A2 Maschile, Ortona vince la supersfida con Brescia

La squadra di Lanci si impone 3-1 e resta in tesca con Calci. Siena vince al tie break su Castellana Grotte. Cade Santa Croce sul campo di Bergamo. Successi al tie break della Materdomini.it su Mondovì e per Lagonegro sul campo di Cantù

© Legavolley

ROMA- Lo scontro al vertice dell’8a giornata che opponeva Sieco Service Ortona e Sarca Brescia ha visto il successo della formazione di Lanci che con il successo incamera tre punti che le consentono di rimanere al comando al pari della Peimar Calci. Fatica ma resta in quota l’Emma Villas Siena che batte la BCC Castellana Grotte in cinque set ed ora naviga a due punti dalla vetta. Altro tie break fra la Materdomini.it e l’orgogliosa Sinergy Mondovì che, nonostante i problemi di organico, lotta in Puglia e si arrende solo al quinto set dopo una bella rimonta non completata per un soffio. Vince il cinque set anche la Geovertical Lagonegro sul campo di Cantù spuntandola ai vantaggi nel decisivo parziale. Brutta battuta d’arresto della Kemas Lamipel Santa croce che cede in tre set a Bergamo.

TUTTE LE SFIDE-

POOL LIBERTAS CANTÙ- GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO-

Due punti conquistati per la Geovertical che a Cantù riesce a spuntarla solo al tie break alla fine di un match molto altalenante. Iniziano bene i lucani che si aggiudicano il primo set , ma è tutto momentaneo. Il secondo è ad appannaggio dei padroni di casa che con un vantaggio di 4 lunghezze nel finale riescono ad aggiudicarsi il set. Terzo set ha la firma quasi esclusivamente di Tiurin che nel finale trascina i suoi , prima in affanno ad inseguire e poi nella fase cruciale punto a punto chiudono per il 1-2. Terzo set ritorna in gara il Cantùche dal 10 pari va in vantaggio e nonostante i cambi di Mister Falabella, il set scivola nella mani di Monguzzi e compagni che rimandano il verdetto al tie break. Ancora equilibrio e ancora Tiurin riporta i suoi sul 9-13 e nonostante la Geovertical subisce un break canturino con Gasperini e Maiocchi , da 11-14 al 13-14 con l’errore di Motzo i due punti vanno ai lagonegresi.

Mister Cominetti sceglie la diagonale con Baratti in diagonale con ,Cominetti e Maiocchi schiacciatori, Monguzzi e Mazza centrali, Butti libero.

Mister Falabella gli risponde con Zoppellari – Tiurin, Fantauzzo e Mazzone in banda, capitan Robbiati , ex di turno insieme a Spadavecchia al centro, Santucci libero.

Inizia con un leggero vantaggio la Geovertical 1-3 ma poi i padroni di casa si rimettono in carreggiata e sul quinto punto trovano la parità con un ace di Maiocchi.  Si procede punto a punto , due ace di Motzo poi segnano il vantaggio canturino 13-11 .Con un muro di Spadavecchia su Cominetti i lagonegresi ritrovano la parità (14-14) e si continua a procedere in equilibrio con Cominetti da una parte a trascinare i suoi e Tiurin dall’altra che quando tocca la palla va sempre a terra. La prima occasione di andare in vantaggio nel finale del set è della Geovertical 19-22 e mister Cominetti chiama il tempo al rientro vantaggio si assottiglia con Cominetti che porta i suoi sul 22-23 e Falabella chiama il tempo:  al rientro Tiurin e un muro di Spadavecchia chiudono il set per i lucani.

Secondo set inizia con un vantaggio per i padroni di casa per mani di  Motzo 1-3 ma poi il solito opposto russo riporta la Geovertical in avanti (4-5) . Una pipe di Mazzone porta i lagonegresi a +2  (7-9). Cominetti in diagonale rimporta la parità sul 12-12 poi un ace di Zoppellari permette ai lagonegresi di andare in vantaggio sul 14-17 e mister Cominetti chiama il tempo. Al rientro Gasparini che era subentrato a metà set a Maiocchi, ribalta il parziale ed è vantaggio locale 20-19. Subiscono poi un break i lagonegresi : Tiurin viene murato da Cominetti e proprio il russo va out sull’ultimo servizio del set che segna così il pareggio dei set.

Mister Cominetti lascia la stessa formazione vista a metà del secondo set con Gasparini al posto di Maiocchi e si va ancora in parità : Mazzone è il più richiesto da Zoppellari e una pipe della schiacciatore biancorosso segna il 7-9 . Un attacco out dell’opposto canturino segna il +3 e mister Cominetti chiama il tempo: al rientro Fantauzzo sfonda il muro locale (8-11) ma ancora una volta la Geovertical subisce un break (12-11) questa volta per mano del centrale Mazza. Falabella poi sceglie di cambiare Fantauzzo per Corrado mentre Cominetti manda Regattieri al posto di Baratti . La Geovertical ritrova la parità sul 13mo punto ma poi sono ancora i padroni di casa a rifarsi sotto , complici alcuni errori dei biancorossi e sul 17-14 Falabella chiama il tempo. Sempre a inseguire,  i lagonegresi trovano il minimo vantaggio su un ace di Tiurin 19-20 e poi lo stesso d’opposto riporta i suoi in parità. Il russo trascina i suoi in un finale a senso unico per lui che chiude con un muro spettacolare ridà fiducia ai suoi , nuovamente in vantaggio nel computo dei set.

Quarto set ripartono ancora i padroni di casa in vantaggio 1-3 con il giovane Motzo che va a segno. Dall’altra parte Robbiati a muro ritrova il pareggio (5-5) poi si rivedono Cominetti,  Motzo e Cantù si porta sul 11-14 che costringe Falabella a chiamare il tempo. Il muro canturino porta gli uomini di Cominetti sul 12-17, Robbiati accorcia con un muro 15-18. Maccarone rileva Spadavecchia ma continua la scia positiva della Libertas Cantù che si porta sul massimo vantaggio 15-20 e sbagliano troppo gli attaccanti biancorossi. I padroni di casa si aggiudicano il set , complice una percentuale di attacco più alta 52 % rispetto il risicato 22% della Geovertical.

Tie break che rispecchia l’andamento della gara con un punto per parte. Al cambio campo 8-7 e ritorna in cattedra Tiurin che sigla un ace (8-9) poi il vantaggio 9-12 . Motzo attacca va la palla è out ed è il massimo vantaggio Geosat 9-13: Tra le fila canturine si vede il solito Cominetti che accorcia ma gli risponde l’opposto Geovertical che picchia forte sul muro e trova un mani out (11-14). I lagonegresi subiscono nuovamente un break dei padroni di casa: Motzo fa ace 12-14 e poi l’attacco di Maiocchi segna il 13-14. Tensione alle stessa nella metà campo Geovertical ma nel finale un servizio out di Motzo segna la vittoria e l’urlo liberatorio dei lagonegresi che chiudono una gara sofferta e lunghissima. Due  punti sudatissimi per gli uomini di Falabella che sono comunque venuti fuori in momenti difficili, riuscendo a rimettere la gara in discussione e vincendo il match nonostante la pressione finale di un palazzetto caldissimo.

IL TABELLINO-

POOL LIBERTAS CANTÙ- GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO 2-3 (22-25, 25-20, 23-25,25-18, 13-15)

POOL LIBERTAS CANTÙ: Poey, Monguzzi 4 (C), Butti (L),  Cominetti 23, Rudi (L), Mazza 10, Baratti 1, Frattini, Gasparini 12, Regattieri 1, Motzo 27,  Suraci, Maiocchi 4. All. Cominetti

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO: Mazzone 13, Condorelli (L), Spadavecchia 6, Ramberti, Santucci (L), Corrado 1,  Maccarone , Fantauzzo 7 , Vecellio, Tiurin 29, Zoppellari 2, Robbiati (C) 7 . All. Falabella

NOTE-Durata set :24’, 24’, 31’,23’, 20’   tot 2h 02’

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – SYNERGY MONDOVÌ-

Conquista il suo secondo punto stagionale un eroico Vbc Synergy Mondovì, che cede solo dopo cinque set al PalaGrotte contro la Materdomini. In una situazione di grande emergenza, senza la diagonale palleggio-opposto titolare, la squadra allenata da coach Mario Barbiero, all’esordio sulla panchina piemontese, lotta con grande intensità e alla fine strappa un punto preziosissimo ed insperato dopo i primi due set persi. In cabina di regia esordio da titolare in A2 per il giovane Mattia Milano, che merita davvero una menzione speciale: il generoso alzatore torinese ha timbrato una prestazione di spessore, riuscendo a tenere in partita tutti i compagni. Sulla sua diagonale parte inizialmente ancora Loglisci, con Pochini che si riprende la maglia da libero titolare.

Dall’altra parte della rete, coach Castellano preferisce il giovane Panciocco a Cazzaniga in posto 2, con il palleggiatore venezuelano Valera, la coppia Rosso-Fiore in banda e Patriarca e Gargiulo al centro. I pugliesi fanno meglio a muro (vincendo il confronto nel fondamentale 11-8), ma i monregalesi tengono sia in ricezione che in attacco (tra i padroni di casa sontuosa la prova del capitano Alessio Fiore), facendo meglio dai nove metri, dove hanno piazzato ben 9 aces a fronte di soli 8 errori, la metà di quelli commessi dalla Materdomini.

I PROTAGONISTI-

Mario Barbiero (Allenatore Sinergy Mondovì)- «Era importante portare via qualcosa. La partita si era messa su binari difficili, pur giocando discretamente bene eravamo sotto di due set. I ragazzi sono stati bravi a mantenere la calma e a riuscire a far meglio le cose, soprattutto in due fondamentali dove stiamo lavorando molto, la battuta e l’attacco. Anche a muro abbiamo sporcato molti palloni, è chiaro che sono meccanismi di gioco che vanno allenati per lungo tempo, non si può pensare di averli acquisiti dopo una settimana di lavoro. Dopo aver conquistato la certezza di un punto, le energie mentali sono un po’ calate e al tie-break non c’è più stata partita. Peccato, ma si vedono segnali tecnici e tattici importanti, oltre allo spirito giusto. Ci prendiamo questo punto con tanto orgoglio, e da martedì torniamo in palestra per spingere come sempre».

IL TABELLINO-

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – SYNERGY MONDOVÌ 3-2 (25-23, 25-21, 21-25, 18-25, 15-7)

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Valera 5, Fiore 26, Gargiulo 11, Panciocco 3, Rosso 17, Patriarca 10, Sportelli (L), Battista (L), Manginelli 0, Cazzaniga 10, El Moudden 0. N.E. Paradiso, Floris. All. Castellano.

SYNERGY MONDOVÌ: Milano 2, Terpin 18, Esposito 14, Loglisci 14, Borgogno 17, Arasomwan 10, Pochini (L), Garelli 0, Ristani 0. N.E. Buzzi. All. Negro.

ARBITRI: Talento, Zingaro.

NOTE – durata set: 29′, 29′, 26′, 24′, 13′; tot: 121′.

SIECO SERVICE ORTONA – SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA-

La Sieco batte il Brescia e rimane in vetta alla classifica in compagnia del Calci. Una gara Amarcord contro forse tre degli ex più amati dai tifosi locali: Zito, Galliani e il grande Cisolla. L’Impavida in emergenza tra i tanti acciacchi e gli infortuni di Marks e Simoni, si trova di fronte invece una squadra in cerca di riscatto dopo la sconfitta patita contro i campioni di Calci. La Sieco viaggia nel primo set sempre con un rassicurante vantaggio e così anche nel secondo set. Tuttavia nel momento topico, quando i ragazzi di Mister Lanci, forse nell’illusione di aver portato a casa anche il secondo parziale, si rilassano troppo così che la fase di muro/difesa/ricostruzione degli ospiti cresce sensibilmente. La Sieco subisce il colpo e c’è poco da fare contro il rinnovato vigore delle rondinelle. Brescia recupera quindi punti su punti e dal 21-18 si ritrovano in poco tempo avanti 22-24. Gli ortonesi tentano di “Battere il colpo” ma le speranze si spengono al video-check che consegna agli avversari il punto del 23/25 e la partita si riapre. Anche nel terzo set è la SIECO a comandare il gioco con un Sesto in stato di Grazia con Bertoli e Ottaviani a sfoggiare prestazioni strepitose sia in attacco che in difesa. Ed è proprio questa la chiave che porterà la Sieco a conquistare il set contro un’avversaria che nonostante abbia fatto del muro il suo punto forte, non è riuscita ad aver la meglio sugli abruzzesi. Quarto ed ultimo set che si presenta molto equilibrato con le rondinelle capaci di stare avanti nella prima parte del parziale. Arriva però la reazione dei padroni di casa che ben difesi da uno straordinario Toscani e trascinati in attacco da Bertoli e Sesto sono riusciti alla fine ad avere la meglio su un Brescia, capace alla fine di sbagliare 24 servizi.

Arriva così anche la terza vittoria su quattro, in quello che è a tutti gli effetti un filotto proibitivo, cominciato a metà novembre con la gara in casa contro il Bergamo e che continuerà con due trasferte consecutive domenica prossima 15 dicembre contro Santa Croce e il 22 dicembre, contro la formidabile Calci.

Mister Nunzio Lanci, deve sopperire alla mancanza, oltre che di Marks anche del Capitano Michele Simoni. Il sestetto in campo per Ortona è dunque formato dal palleggiatore Pedron e da Carelli opposto. Gli schiacciatori sono Ottaviani e Bertoli mentre al centro Sesto prenderà il posto di Simoni, accanto a Menicali. Libero Toscani. Gli ospiti del Brescia rispondono con Tiberti regista di gioco e Bisi opposto. Cisolla e Galliani in banda, Festi e Candeli al centro, Zito libero.

Il primo servizio è di Bertoli ma con questo arriva anche il primo errore al servizio 0-1. La firma del primo punto ortonese la mette Ottaviani 1-1. Ace per Ottaviani che incitato dal pubblico trova il punto del 4-3. Cisolla inganna il muro ortonese 5-5. Astuto pallonetto di Carelli, si gettano in tre ma la palla cade a terra 7-6. Bisi tira una bomba mancina e porta i suoi in vantaggio 7-8. Ace per Menicali, Galliani la giudica a torto, fuori 9-8. Sulla rete il servizio di Galliani 12-10. Tanti gli errori al servizio per gli ospiti, sulla rete anche il servizio di Candeli 13-11. Menicali stampa un muro che ferma il Ciso 14-11. Out l’attacco di Carelli 15-13. Anche l’ex Cisolla sbaglia il servizio 17-14. Secondo ace per Menicali 19-15. Fallo di doppia fischiato a Cisolla 20-15. Il Muro di Galliani ferma Carelli 20-17. Entra Astarita per il servizio ma Zito lo disinnesca. Il punto arriva comunque da pipe di Bertoli 22-17.  Il primo set point arriva dalle mani di Bertoli 24-18. Ci pensa Sesto a sbrigare la pratica, dopo una ricezione imprecisa su servizio di Ottaviani la Sieco ricostruisce e finalizza 25-18.

Si riparteServe Galliani, la Sieco riceve così così ma Ottaviani compie il primo miracolo 1-0. Out il servizio di Menicali 2-1. Out l’attacco di Bisi 4-1. Menicali fa carambola con il muro avversario 8-5. Bellissima giocata di Pedron che smarca Carelli, per lui poi è un gioco da ragazzi 9-5. Un lungo scambio termina a favore degli ospiti che alla fine riescono a sfruttare le mani di Sesto per mettere a segno l’11-8. Errore anche per Pedron, che in appoggio tocca la palla due volte 11-9. Ancora errore al servizio per Cisolla 13-10. Stavolta Galliani la tira forte 13-11. Sbaglia Festi il servizio 14-11. Bertoli fermato a muro, gli ospiti tornano vicini 15-13. Poi però Tiberti sbaglia l’ennesimo servizio 16-13. Sbaglia il servizio anche la SIECO con Bertoli 17-14. Ancora Out, il servizio di Brescia con Galliani 18-14. Muro a stampo di Sesto su Cisolla 19-15. Entra Astarita per il servizio ma la palla va fuori e subito rientra Carelli 19-16. Bisi al servizio la tira sulla rete 20-17. Pedron si inventa una Palletta Magica e spizzica di palleggio il secondo tempo al di la della rete: 21-18. Tornano sotto quelli di Brescia 21-20 ma il solito errore al servizio (di Festi, questa volta) tiene gli impavidi in vantaggio di due punti 22-20. Doppia fischiata a Menicali e Brescia agguanta il pari 22-22. Poi punto di Galliani ed ora la SIECO rischia la beffa sul finale 22-23. Murato Bertoli e Brescia che mai ha mollato si trova a giocare per due set point 22-24. Sulla linea l’ultimo attacco di Brescia che in uno sprint insperato mette in pari la gara.

Primo punto del Brescia nel terzo che nella parte finale del secondo set è cresciuto molto sul muro e sulla difesa. Non è buono il fraseggio tra Tiberti e Festi che tira fuori poi l’ace di Carelli vale il 4-2. Carelli non forza l’attacco ed il suo pallonetto è recuperato agevolmente dal Brescia che sulla ricostruzione fa il 4-3. Ace anche per Ottaviani 6-3. Bertoli fermato a muro da Festi 6-5. Galliani fa Invasione 8-6. Out il servizio di Bertoli 9-8. Carelli trova l’incrocio delle linee in zona uno 11-9. Carelli osa il colpo e sfida un muro a due, sfida vinta 15-11. Galliani c’è e si fa sentire 15-12. Bel colpo di Bisi 16-13. Cisolla cerca di tenere i suoi in carreggiata 18-15. Menicali è fermato a muro 18-16. Out di pochissimo il servizio di Menicali 19-17. Festi commette invasione, la Sieco ringrazia 21-18. La schiacciata di Galliani si infrange sulla rete 22-18. Muro a uno di Bertoli che in solitaria ferma Bisi 23-18. Out anche l’attacco di Galliani, ma Coach Zambonardi vuole un controllo, controllo che conferma la decisione dell’arbitro: 24-18. L’ultimo punto del set arriva dalle mani di Sesto. La classifica, per Ortona riprende a muoversi già da adesso. 25-19

Nel quarto Galliani serve sulla rete 1-0. Errore di Bertoli in fase di ricezione 2-2. Ace per Bisi, ospiti in vantaggio 3-5. Doppio vantaggio per gli ospiti 3-5 grazie a Cisolla. Out il servizio di Carelli 6-7. Fermato Ottaviani costretto a schiacciare con la sinistra, che non è la sua mano 6-8. Magia di Pedron che devia di pugno una palla recuperata in extremis da Toscani, la copertura delle rondinelle è sorpresa 8-8. Menicali al centro tiene la Sieco incollata agli avversari 10-10. Out l’attacco di Cisolla, la Sieco riprende il vantaggio 12-11. Bella la parallela di Ottaviani 13-12. Cisolla tira out il servizio 14-14. Galliani cade male da un muro e prende una storta che non gli permette di continuare. Bertoli, è ancora lui a trascinare la Sieco che ora agguanta il doppio vantaggio 18-16. Bravissimo Candeli a mettere a segno un pallonetto che inganna tutti gli impavidi 20-17. Sul 21-19 Nunzio Lanci chiama il tempo per far prendere fiato ai suoi, c’è bisogno di raccogliere le forze per lo sprint finale: 21-19. Toscani compie un vero e proprio miracolo intercettando una schiacciata a colpo sicuro e dalla sua prodezza la Sieco con Carelli segna il 23-19. Parziale di 0-2 per gli avversari e sul 23-21 Nunzio Lanci ferma di nuovo il gioco. Iervolino sbaglia un servizio importantissimo e regala a Menicali la palla del match point 24-21. Carelli stampa il muro finale 25-21 e corre ad abbracciare Marks che per poco non finisce lungo disteso nel suo slancio verso il suo collega pugliese ma tutto è bene ciò che finisce bene. La Sieco vince per tre set a uno e raggiunge Calci in testa alla classifica.

I PROTAGONISTI-

Nunzio Lanci (Allenatore Sieco Service Ortona)- «Se posso essere sicuro di una cosa è che la mia squadra da l’anima ad ogni partita. Vincere oggi era importante perché ci permetterà di affrontare le prossime due difficilissime gare con meno apprensione. Peccato per il secondo set, forse avremmo dovuto gestire meglio la fase di ricostruzione ma mi tengo stretti questi tre punti conquistati contro una squadra che non a caso è in alta classifica».

Simone Tiberti (Sarca Italia Chef Centrale Brescia )-« Siamo stati aggrediti dal primo minuto, ma lo sapevamo: loro hanno nel servizio l’arma migliore e noi siamo andati in difficoltà subito perché hanno difeso tanto e letto bene a muro. Nonostante la vittoria miracolosa del secondo set, nel terzo siam tornati a fare gli stessi errori e nel quarto eravamo punto a punto ma abbiamo pagato l’uscita di Gallo, trovandoci a gestire situazioni mai provate prima. Peccato, avremmo potuto approfittare delle loro assenze, invece direi che chi ha giocato non ha fatto rimpiangere gli assenti ».

IL TABELLINO-

SIECO SERVICE ORTONA – SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA 3-1 (25-18, 23-25, 25-19, 25-21)

SIECO SERVICE ORTONA: Pedron 2, Bertoli 11, Menicali 8, Carelli 13, Ottaviani 13, Sesto 14, Pesare (L), Toscani (L), Astarita 1. N.E. Del Fra, Simoni, Salsi. All. Lanci.

SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA: Tiberti 1, Galliani 19, Candeli 2, Bisi 20, Cisolla 8, Festi 7, Franzoni (L), Mijatovic 3, Zito (L), Ostuzzi 1, Crosatti 0. N.E. Malvestiti, Ceccato, Ristic. All. Zambonardi.

ARBITRI: De Simeis, Di Bari.

NOTE – durata set: 24′, 27′, 26′, 28′; tot: 105′.

EMMA VILLAS AUBAY SIENA – BCC CASTELLANA GROTTE-

La Emma Villas Aubay Siena conquista una vittoria meravigliosa che vale moltissimo in un match dalle mille emozioni contro la Bcc Castellana Grotte. E’ stata un’altalena di emozioni al PalaEstra con i due team che si sono risposti colpo su colpo in una gara che ha visto sul taraflex tantissima qualità. La gara tra le due formazioni che lo scorso anno militavano in Superlega è stata vinta da Siena con carattere, forza e determinazione.

Prima dell’inizio dell’incontro gli ex biancoblu Filippo Vedovotto e Marco Fabroni hanno ricevuto un dono dalla società senese. Vedovotto e Fabroni hanno trascorso rispettivamente tre e due anni nella città del Palio, dove hanno vinto prima una Coppa Italia di Serie A2 e poi il campionato di A2 raggiungendo la promozione nel campionato di Superlega. I due hanno ricevuto molti sentiti applausi dagli spettatori presenti al PalaEstra.

Emma Villas Aubay sul taraflex con Falaschi in cabina di regia, Romanò in posto 2, Milan e Mariano in banda, Gitto e Zamagni centrali, Marra libero. La Bcc risponde con Fabroni e Morelli sulla diagonale palleggiatore-opposto, Vedovotto e Moreira in banda, Presta e De Togni al centro, De Pandis libero.

La Bcc inizia con uno 0-2 firmato da Moreira e dal muro di Presta. I pugliesi cominciano forte, Morelli incrocia alla perfezione per il 3-6 e poi si ripete per il +4 ospite. Sono tre i punti consecutivi di Morelli, e quando poco dopo la schiacciata di Milan finisce fuori la Bcc raggiunge anche il +6 (3-9). Siena chiude il parziale negativo con la schiacciata a segno di Yuri Romanò. Moreira e Romanò vanno a segno da una parte e dall’altra. L’opposto della Emma Villas Aubay approfitta di una ricezione imperfetta della Bcc e realizza un altro punto.  Milan e Mariano avvicinano Siena (16-17). Al centro i locali trovano punti con Zamagni e Gitto, ma la Bcc è ancora avanti (19-21). Morelli non sbaglia nemmeno stavolta e realizza il ventitreesimo punto per i suoi (20-23). Sul 22-24 Zamagni mura Morelli e annulla il primo set point. Con l’attacco out della Bcc si va ai vantaggi (24-24). La pipe di Vedovotto dà il nuovo vantaggio a Castellana Grotte che chiude poi il primo set sul 24-26. Morelli ha dominato questo parziale con 8 punti a segno.

La partenza di Siena nel secondo parziale è veemente. La squadra di coach Graziosi aumenta l’intensità difensiva e confeziona buone giocate in attacco. L’ace di Mariano dà l’8-4, Milan è bravo a chiudere un lungo scambio che vale il 9-4. I centrali senesi continuano a produrre tanto: Zamagni schiaccia e consente a Siena di allungare. Break biancoblu: Vedovotto spedisce out la schiacciata, Milan è autore di un ace, così la Emma Villas Aubay doppia in questo set la Bcc (16-8). Romanò martella, Mariano dà spettacolo con una pipe. Siena chiude in proprio favore il secondo set sul 25-16, sono stati 5 in questo parziale i punti di Yuri Romanò e di Sebastiano Milan.

Si riparte.Mariano è “on fire”, Romanò mura Morelli, ma la gara è molto combattuta. Mariano va ancora a segno, poi la sua battuta mette in difficoltà la ricezione della Bcc che non riesce a buttare il pallone oltre la rete. Break senese, e dalla parità Siena vola via fino al 9-4 al turno in battuta di Romolo Mariano. Falaschi guarda al centro e serve Gitto che non sbaglia (10-4). Siena mette pressione a Castellana Grotte con ottimi servizi, Milan ne approfitta e piazza un altro punto break (13-6). Il divario si amplia con il muro a tre senese che si oppone a Morelli (14-6). Castellana Grotte rintuzza, con l’ace di Morelli il punteggio è sul 17-13. Mariano sbroglia una situazione difficile e fa 18-13. Capolavoro Falaschi-Gitto per il 20-16. Romanò fa toccare a Siena il 23-18, poi ci pensano Milan e ancora Romanò a chiudere il set (25-21).

Mariano mette a segno punti pesanti anche in avvio di quarto parziale. E’ +3 Siena quando Falaschi mura Vedovotto (7-4). La Bcc pareggia, ma il punteggio va ad elastico con l’ace di Milan (10-8). Romanò chiude alla grande uno scambio, ed è 13-10. Ancora l’opposto senese a mettere pressione alla Bcc (16-12). Con il muro Castellana Grotte riprende il set (16-16). La Bcc allunga, anche con un rosso mostrato dal primo arbitro alla panchina senese (16-19). Vedovotto manda un servizio proprio sulla riga di fondo (18-22). L’ace di Milan riavvicina Siena (20-22). Morelli non trema e dà il set point a Castellana Grotte (21-24). Poi realizza Moreira (21-25).

La Bcc parte bene: 1-3 per i pugliesi. Romanò risponde a Morelli, ora sembra una sfida nella sfida con i due opposti che realizzano punti pesanti. Con il turno in battuta di Romanò Siena mette la testa avanti (5-4). Romanò colpisce ancora, il muro di Gitto vale il 9-5. Ancora un muro per Siena e un altro punto break, con il muro-punto di Milan. Milan ancora a segno fa 11 per Siena (11-8) e poi è autore del dodicesimo punto biancoblu. Il suo pallonetto vale anche il 13-9. La veloce di Zamagni dà a Siena il match point (14-11). Romanò chiude la sfida (15-12) in un tripudio di gioia al PalaEstra.

IL TABELLINO-

EMMA VILLAS AUBAY SIENA – BCC CASTELLANA GROTTE 3-2 (24-26, 25-16, 25-21, 21-25, 15-12)

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Falaschi 3, Milan 20, Zamagni 7, Romanò 27, Mariano 13, Gitto 12, Smiriglia 0, Marra (L), Zanni 0. N.E. Cappelletti, Maruotti, Lucconi. All. Graziosi.

BCC CASTELLANA GROTTE: Fabroni 0, Vedovotto 14, De Togni 6, Morelli 20, Moreira 18, Presta 3, De Santis (L), Quartarone 2, Del Vecchio 1, De Pandis (L), Cubito 1, Cascio 1. N.E. Agrusti, Imbesi. All. Mastrangelo. ARBITRI: Mattei, Bellini. NOTE – durata set: 34′, 26′, 32′, 31′, 20′; tot: 143′.

OLIMPIA BERGAMO – KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE-

Continua il campionato di alti e bassi della Kemas Lamipel, tanto incisiva e competitiva in casa quanto discontinua e a volte sfortunata in trasferta. Al PalaAgnelli di Bergamo finisce 3-0 in favore dei padroni di casa al termine di una gara che ha avuto la sua chiave di volta nel primo set, con i “Lupi” incapaci di chiudere ben 8 palle set e subito puniti alla prima occasione dai lombardi. La squadra conciaria ha comunque tentato il tutto per tutto nei parziali successivi, ma Bergamo ha avuto buon gioco chiudendo con il punteggio più netto. L’avvio di gara è equilibrato, con l’Olimpia che scappa via per prima nel punteggio (8-5) ma viene subito recuperata e superata da Colli e compagni, bravi ad andare avanti per 14-16. Il cambio palla in casa Kemas Lamipel funziona a meraviglia e i “Lupi”, arrivano per primi alla palla set (23-24): nonostante qualche sofferenza però i padroni di casa non mollano la presa e, grazie anche a qualche errore di troppo al servizio dei biancorossi, annullano tutte le 8 palle set a favore dei conciari. Un turno in battuta dell’ex Wagner spariglia le carte e alla prima occasione utile Bergamo si impone 33-31 sfruttando due attacchi out dei santacrocesi. Nel secondo set l’Olimpia guadagna sicurezza e, grazie ad un ottimo Tiozzo, conduce senza affanni tutto il parziale (8-6, 16-13). La Kemas Lamipel però non molla e grazie ad alcune pregevoli difese accorcia e ha anche il contrattacco dell’eventuale 21-21, ma non riesce a pervenire al pareggio. Bergamo vola sul 22-20 e va a chiudere in scioltezza per 25-22. Nel terzo e decisivo set la Kemas Lamipel prova il tutto per tutto sfruttando anche gli ingressi di Marra per Bargi e di Mazzon per Krauchuk: i conciari vanno avanti di un paio di lunghezze (9-11), ma poi Bergamo ribalta il tutto e scappa via (16-12) senza più dare possibilità ad Acquarone e compagni di riaprire set e partita: finisce quindi 25-21 e 3-0 per gli orobici che adesso tallonano in classifica i “Lupi” ad una sola lunghezza di distacco. Per la Kemas Lamipel ancora una trasferta senza punti dopo quelle di Siena e Brescia: campi tutti assolutamente difficili, ma in questo equilibratissimo campionato occorre giocare sempre al massimo per cercare di fare punti con chiunque.

IL TABELLINO-

OLIMPIA BERGAMO – KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE 3-0 (33-31, 25-22, 25-21) – OLIMPIA BERGAMO: Garnica 3, Della Lunga 9, Cargioli 7, Pereira Da Silva 17, Tiozzo 16, Erati 6, Saturnino (L), Preti 0, Fusco (L), Zonta 0, Gritti 0. N.E. Alborghetti, Battaglia, Signorelli. All. Spanakis.

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Acquarone 2, Colli 8, Larizza 7, Padura Diaz 14, Krauchuk Esquivel 8, Bargi 3, Andreini (L), Catania (L), Marra 2, Mazzon 3. N.E. Turri Prosperi, Di Marco, Mannucci. All. Pagliai.

ARBITRI: Serafin, Giardini.

NOTE – durata set: 41′, 31′, 28′; tot: 100′.

I RISULTATI-

Emma Villas Aubay Siena-BCC Castellana Grotte 3-2 (24-26, 25-16, 25-21, 21-25, 15-12);

Olimpia Bergamo-Kemas Lamipel Santa Croce 3-0 (33-31, 25-22, 25-21) Ore 19:00;

Materdominivolley.it Castellana Grotte-Synergy Mondovì 3-2 (25-23, 25-21, 21-25, 18-25, 15-7);

Pool Libertas Cantù-Geovertical Geosat Lagonegro 2-3 (22-25, 25-20, 23-25, 25-18, 13-15);

Peimar Calci-Conad Reggio Emilia 3-1 (25-10, 25-17, 22-25, 25-16) Giocata ieri; ore 20:30;

Sieco Service Ortona-Sarca Italia Chef Centrale Brescia 3-1 (25-18, 23-25, 25-19, 25-21)

LA CLASSIFICA-

Sieco Service Ortona 19, Peimar Calci 19, Emma Villas Aubay Siena 17, Sarca Italia Chef Centrale Brescia 16, Kemas Lamipel Santa Croce 15, Olimpia Bergamo 14, BCC Castellana Grotte 13, Geovertical Geosat Lagonegro 10, Conad Reggio Emilia 7, Materdominivolley.it Castellana Grotte 6, Pool Libertas Cantù 3, Synergy Mondovì 2.

IL PROSSIMO TURNO- 15/12/2019 Ore: 18.00

BCC Castellana Grotte-Peimar Calci Ore 17:00;

Synergy Mondovì-Emma Villas Aubay Siena;

Conad Reggio Emilia-Sarca Italia Chef Centrale Brescia Si gioca il 14/12/2019 ore 20.30;

Pool Libertas Cantù-Olimpia Bergamo;

Kemas Lamipel Santa Croce-Sieco Service Ortona;

Geovertical Geosat Lagonegro-Materdominivolley.it Castellana Grotte Si Gioca il 14/12/2019 ore 20.30

Commenti