A2 maschile
0

A2 Maschile, Siena vola, Calci vince il derby su Santa Croce

La capolista vince netto su Reggio Emilia, la squadra di Gulinelli si impone in quattro set. Successi anche per Ortona, BCC, che vince il derby sulla Materdomini.it e una rinata Mondovì

A2 Maschile, Siena vola, Calci vince il derby su Santa Croce
© Legavolley

ROMA-Nell’11a giornata di A2 Maschile prosegue in vetta la marcia della Emma Villas Siena che domina la sfida che la opponeva alla Conad Reggio Emilia. Alla formazione di Graziosi risponde la Peimar Calci che si impone nel derby con la Kemas Lamipel Santa Croce e rimane ad un punto dalla capolista. Torna al successo la Sieco Service Ortona che batte con il massimo punteggio la Geovertical Lagonegro. Resta in scia anche la BCC che vince al tie break l’intenso derby di Castellana Grotte contro la Materdomini.it. Continua la risalita della Sinergy Mondovì al primo successo esterno della stagione sul campo della Pool Libertas Cantù a cui lascia l’ultimo posto della classifica. Il derby fra Olimpia Bergamo e Sarca Brescia si gioca sabato sera.

TUTTE LE SFIDE-

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE – PEIMAR CALCI-

14 muri subiti e 10 attacchi out. Bastano questi eloquenti numeri dei biancorossi per sottolineare la meritata vittoria della Peimar Calci, brava ad imporsi per 1-3 in un gremitissimo PalaParenti. L’ultima giornata di andata della serie A2 Credem Banca porta alla Kemas Lamipel la quarta sconfitta consecutiva in campionato, che significa settimo posto in graduatoria al giro di boa e mancata partecipazione alla Coppa Italia. Gara molto complicata per la formazione santacrocese che recupera l’infortunato Padura Diaz, bravo a stringere i denti pur non al 100% della condizione fisica, ma continua a peccare di alti e bassi che non permettono di giocare alla pari contro un avversario quadrato, maturo ed esperto come la Peimar Calci. L’inizio gara è incoraggiante e scalda subito l’atmosfera del PalaParenti: il 4-0 con cui i “Lupi” scappano subito via è però un fuoco di paglia, tanto che a causa dei primi errori in attacco e delle prime murate subite (bravo Coscione due volte su Padura Diaz), la Peimar ribalta il punteggio volando sul 4-7 e poi dominando tutto il parziale (9-16, 11-21). Lo staff tecnico biancorosso cambia gli schiacciatori inserendo Mazzon e Prosperi, ma la situazione non migliora e gli ospiti si aggiudicano il primo gioco per 15-25. Nel secondo set la Kemas Lamipel comincia ad esprimere la sua pallavolo e il match cambia radicalmente: sia la ricezione che l’attacco funzionano a meraviglia, Padura Diaz entra prepotentemente in scena e i “Lupi” scappano subito via sull’8-5 e sul 16-12, grazie anche all’apporto di un Bargi ritrovato e di un Colli concentrato e continuo. Nel finale Fedrizzi riavvicina i suoi con una serie di servizi importanti, ma il vantaggio dei conciari è rassicurante e il set si chiude 25-20. Il terzo set è quello decisivo che incanala la partita verso la Valgraziosa: i conciari ricevano bene ma l’attacco non funziona come dovrebbe, mentre dall’altra parte della rete il belga Lecat sale sugli scudi consentendo alla Peimar di veleggiare sempre avanti di quattro lunghezze (4-8, 12-16). Un paio di clamorose sviste arbitrali, la prima su un video check in sfavore dei “Lupi” e la seconda  nel segnare il punteggio in sfavore di Calci, animano il finale di set ma gli ospiti non hanno problemi a chiudere sul 21-25 in proprio favore. Nel quarto la Kemas Lamipel prova il tutto per tutto e il parziale viaggia in equilibrio (7-8). Ma nonostante la spinta del PalaParenti, la Peimar dimostra di avere attualmente qualcosa in più e, sfruttando i tanti errori dei biancorossi, scappa via sul 12-16 e sul 14-21, preludio del 19-25 con cui si chiude set e partita. Nel complesso una vittoria meritata degli ospiti, apparsi più squadra di una Kemas Lamipel che stenta a ritrovare le sue sicurezze, quelle che avevano permesso un ottimo avvio di stagione, soprattutto tra le mura amiche.

IL TABELLINO-

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE – PEIMAR CALCI 1-3 (15-25, 25-20, 21-25, 19-25)

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Acquarone 0, Colli 15, Larizza 8, Padura Diaz 16, Krauchuk Esquivel 10, Bargi 10, Andreini (L), Mazzon 0, Catania (L), Turri Prosperi 0. N.E. Di Marco, Mannucci, Marra. All. Pagliai.

PEIMAR CALCI: Coscione 3, Lecat 15, Barone 9, Argenta 12, Fedrizzi 17, Mosca 10, De Muro (L), Tosi (L), Nicotra 0, Ciulli 0. N.E. Zanettin, Razzetto, Sideri. All. Gulinelli.

ARBITRI: Mattei, Rolla.

NOTE – durata set: 23′, 28′, 29′, 27′; tot: 107′.

SIECO SERVICE ORTONA – GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO-

Un tre a zero netto e rotondo quello ottenuto dalla Sieco Impavida Ortona sull’odierna rivale Geosat Lagonegro. A voler proprio trovare il pelo nell’uovo nella prestazione dei ragazzi di Coach Nunzio Lanci è la gestione del finale dei set, quando i lucani hanno dimostrato che se lasciati giocare possono diventare molto pericolosi. Si rivede l’opposto Marks in panchina.

La Sieco di questo Santo Stefano vince e convince contro un Lagonegro che ha sofferto molto il gioco ortonese. Ottimo lavoro del muro Impavido che si alla fine si abbatterà per 13 volte sugli attacchi dei lucani. Geosat sempre sotto di svariate lunghezze in tutti i set di questo incontro ma che alla lunga riuscivano a tonare sotto, grazie anche ad un calo di tensione del sestetto locale.

Lagonegro di fatto pericolosa solo nel terzo ed ultimo set quando si rende protagonista di una rimonta fino al 23 dopo che erano stati sotto di sette punti. Rimonta che però non riesce a concretizzarsi fino in fondo perché alla fine l’asse Pedron/Bertoli ha la meglio su di un super Tiurin dai nove metri. Pedron che trova in Menicali e Sesto due ottimi alleati per variare il gioco e sgravarlo sensibilmente dai rientranti, ma pur sempre acciaccati Ottaviani e Carelli. Bertoli è una sicurezza. Si fa carico dei palloni più importanti di ogni set variando molto la varietà dei colpi. Maiuscola anche la prestazione di Nicola Sesto. 71% di positività in attacco per lui, con l’aggiunta di tre muri vincenti. Più in alto vincono Siena e Calci garantendosi la possibilità di giocare in Coppa Italia con le prime dei due gironi di Serie A3. Ancora incerta la sfidante per la SIECO che dovrà attendere la vincente tra Bergamo e Brescia del prossimo 28 dicembre.

Adesso gli impavidi potranno godere finalmente di un po’ di riposo. Si tornerà in campo il 5 gennaio per la prima gara del girone di ritorno. Il nuovo anno partirà in trasferta contro un rinato Mondovì che non vede l’ora di proseguire la sua scalata in classifica dopo una prima parte di campionato piena di complicazioni.

Ancora una volta formazione obbligata per Coach Nunzio Lanci. Ancora fermo Marks, l’opposto sarà il rientrante Carelli. Alla sua diagonale opererà il regista Pedron. Schiacciatori Bertoli e un Ottaviani a mezzo servizio. Centrali Sesto e Menicali. Libero, Toscani. Gli ospiti rispondono con Zoppellari al palleggio e Tiurin opposto. Mazzone e Fantauzzo schiacciatori, Spadavecchia e Robbiati centrali, Santucci libero.

La prima palla dell’incontro è tra le mani del forte opposto Tiurin che al servizio mette subito in difficoltà la ricezione dei padroni di casa. Sulla ricostruzione, Lagonegro segna il punto dell’1-0 ma è Carelli che con un pallonetto conquista subito il pareggio 1-1. Out per due volte di seguito le bordate di Tiurin, ora la Sieco è in vantaggio di tre punti: 5-2. Bertoli tira sulla amano esterna del muro e la palla schizza fuori 7-4. Fuori tempo la difesa in tuffo di Toscani, Lagonegro si fa sotto in maniera pericolosa 7-6. Una Pipe senza di Lagonegro trova il muro ortonese impreparato ma la schiacciata si impenna contro il bordo superiore della rete e si spegne fuori 10-7. L’invasione di Pedron porta gli ospiti al pareggio 13-13. Murone a uno di Menicali e la SIECO recupera vantaggio 17-14. Errore di Mazzone che schiacciando colpisce l’asticella 19-14. Ottimo il lungolinea di Bertoli a coronare un’azione lunga spettacolare 23-15. Non riesce Ottaviani a tenere in campo una palla difficilissima e l’appuntamento con il venticinquesimo punto è rimandata 24-17. Out il pallonetto di Carelli 24-19. Ace di Tiurin 24-20 e time – out per Nunzio Lanci. Ci pensa poi Carelli con un pallonetto a mettere fine al “regno di terrore” che l’opposto russo stava pian piano creando dai nove metri.

Secondo set che nasce con il servizio di Ottaviani ed è subito 1-0. Spadavecchia al centro segna il 2-2. Fortunato ace, per Bertoli che tocca il nastro e trova il 6-4. Muro di Menicali 7-4. Palleggio all’indietro di … Toscani, Carelli la tiene dentro con un colpo di fino. Gli ospiti sono spiazzati e non possono che regalare una free-ball ad Ortona. La Pipe di Bertoli vale quindi l’8-4. Errore al servizio per Zoppellari 11-6. Ottaviani non riesce alla prima, ma alla seconda fa 13-6. Bellissimo il primo tempo di Nicola Sesto 14-6 e ospiti che si rifugiano in time-out. Zoppellari riesce a spezzare il ritmo degli ortonesi 15-7. Murato Bertoli, ora il momento favorevole è della Geosat 16-9. È out il servizio di Sesto 18-10. Ottaviani tira una bordata dalla seconda linea 20-11. Ottima l’intesa tra Pedron e Menicali 21-12. Ace per Ramberti 21-14. È fuori il servizio di Ottaviani 23-17. Pedron la tocca dentro di prima ed è nuovamente set point 24-17. Ace di Tiurin 24-19 e time-out per Nunzio Lanci. Bertoli chiude i conti sul 25-19 ed il primo punto in palio è conquistato.

Si riparte con il terzo setRamberti è al servizio per gli ospiti ma è Ortona che parte forte. Il punto del 3-0 è di Menicali direttamente su servizio. Ancora Ace per Menicali 4-0. Bertoli in Pipe 5-1. Dilaga la Sieco e sul 7-1 Coach Falabella decide che è tempo di fermare il gioco 7-1. Stavolta la bomba arriva da Tiurin 8-3. C’è voluto il video-check per valutare buona una schiacciata di Bertoli 9-4. Corrado sbaglia il servizio 10-5. Bertoli è fermato da Robbiati 10-7. Ottaviani trova il mani e fuori del 13-8. Sesto ferma tutto con un muro pesantissimo 16-10. Errore dai nove metri per Ottaviani 16-11. Anche Menicali stampa un muro stupefacente 18-11. Bertoli fermato da Spadavecchia 18-13. Ramberti “buca” una palla che gli scivola tra le mani 21-14. Ace per Fantauzzo 22-17. Lagonegro tenta di recuperare come ogni fine set e sul 23-20, Nunzio Lanci chiama tempo. Non tiene il muro ospite 24-20. Ace di Tiurin e ancora time-out per la Sieco. Tiurin è inarrestabile ma alla fine arriva il muro di Sesto che fa tirare a tutti un sospiro di sollievo 25-23.

I PROTAGONISTI-

Nicola Sesto (Sieco Service Ortone)- « Siamo contentissimi. La partita del 26 dicembre è sempre molto delicata e bisogna affrontarla con il giusto piglio. Non mi fidavo per nulla del Lagonegro e invece siamo stati bravi. Siamo riusciti a metterli in difficoltà con dei break importanti in battuta, insomma un tre a zero davvero meritato ».

IL TABELLINO-

SIECO SERVICE ORTONA – GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO 3-0 (25-20, 25-19, 25-23)

SIECO SERVICE ORTONA: Pedron 3, Bertoli 13, Menicali 11, Carelli 6, Ottaviani 9, Sesto 8, Pesare (L), Toscani (L). N.E. Simoni, Astarita, Del Fra, Marks, Salsi. All. Lanci.

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO: Zoppellari 1, Mazzone 7, Robbiati 4, Tiurin 15, Corrado 11, Spadavecchia 4, Condorelli (L), Fantauzzo 1, Santucci (L), Ramberti 1, Maccarone 1. N.E. Ribezzo, Vecellio, Ladaga. All. Falabella.

ARBITRI: Carcione, Feriozzi.

NOTE – durata set: 28′, 24′, 28′; tot: 80′.

POOL LIBERTAS CANTÙ – SYNERGY MONDOVÌ-

Si chiude nel migliore dei modi il girone d’andata del Vbc Synergy Mondovì. I monregalesi tornano dal PalaParini di Cantù con il bottino pieno in tasca: grazie a questi tre punti abbandonano l’ultimo posto in classifica e guardano con rinnovata fiducia all’anno che verrà.

Gara di sostanza quella di Borgogno e compagni: per quattro set hanno mantenuto alta la concentrazione, per conquistare uno scontro salvezza importante. Molto bene la battuta, con otto punti siglati dai 9 metri a fronte di soli 11 errori, e il muro che, oltre a sette blocks, ha portato in dote un numero importante di palloni sporcati, difesi e rigiocati. L’attacco si è finalmente attestato su percentuali significative (57%), sia su palla alta che dal centro (Esposito addirittura al 70% personale). Bene infine i due ex, Martins Arasomwan e Lorenzo Piazza, evidentemente motivati a fare bene davanti ai loro ex tifosi. E a proposito di tifosi, non può mancare un applauso agli irriducibili dell’Hagar group, che hanno seguito la squadra anche a Santo Stefano.

Buon avvio dei monregalesi, che cancellano subito l’iniziale svantaggio (6-3) con tre punti consecutivi. Borgogno e Loglisci vanno a segno direttamente in battuta e il tabellone segna 8-11. Cantù prova a riavvicinarsi, ma un primo tempo di Esposito ed un altro ace, questa volta di Terpin, portano al 12-17. Borgogno mantiene il +5 con un bel diagonale e sul 15-20 Luciano Cominetti chiama il time-out. Il set, però, ormai è indirizzato verso il Vbc Synergy, che chiude a 17.

Seconda frazione: partono meglio i canturini (8-6, 10-8), ma i monregalesi sono bravi a non disunirsi e controsorpassano con Loglisci sull’11-12. Si lotta punto a punto, i nostri arrivano anche al doppio vantaggio (18-20 firmato ancora dal nostro numero 4), ma vengono ripresi con una bella parallela messa a terra da Roberto Cominetti. Poey firma il punto del vantaggio della Pool Libertas (23-22), Terpin riconquista il servizio, ma un uno-due di Maiocchi riporta le squadre in parità.

Il Vbc Synergy è bravo a non accusare il colpo e anzi nella terza frazione, dopo un avvio equilibrato, mette la quinta. Coach Cominetti getta nella mischia il giovane Motzo, ma Borgogno e compagni mantengono il vantaggio. Sul 13-19 time-out della panchina di casa, ma il parziale è segnato: Loglisci conquista il set ball e Arasomwan riporta avanti i biancoblù.

Il quarto game è decisivo: la Pool scappa subito sul 5-2, ma dopo il time-out chiesto da Barbiero il Vbc Synergy infila quattro punti di fila nel turno in battuta di Esposito e si porta in vantaggio.

Squadra a braccetto, poi quando Arasomwan mura Maiocchi arriva il primo doppio vantaggio (12-14). Altre due murate dei monregalesi e Cantù perde contatto. Poey e Monguzzi provano a riportare in scia la squadra di casa, e sull’errore dal centro di Arasomwan il set sembra riaprirsi (20-21). Fondamentale il sangue freddo di Borgogno, che mette a terra due palloni che scottano, portando i suoi al match ball sul 22-24. Poey annulla il primo, poi un’invasione sottorete di Roberto Cominetti (ravvisata dal videocheck chiamato da Barbiero) condanna Cantù.

I PROTAGONISTI-

Luciano Cominetti (Allenatore Pool Libertas Cantù)- « Oggi non abbiamo giocato bene al servizio al contrario di quanto fatto domenica scorsa a Brescia. Loro sono una squadra non irresistibile in ricezione, e anche quando riuscivamo a metterli in difficoltà in questo fondamentale, non siamo stati attenti in difesa. Abbiamo perso il terzo set in ricezione, quando abbiamo subito 4 ace; i nostri errori in attacco hanno favorito il break decisivo nel quarto set. Questi errori sono stati gratuiti, ma siamo scesi in campo con la giusta carica agonistica che avevamo a Brescia. In questo campionato bastano piccole cose per far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra, e quando cadono a terra palle banali in difesa pesano il doppio. Delle ultime 5-6 partite giocate questa credo che sia stata la peggiore: dovremo ricominciare l’anno prossimo provando a fare delle super-prestazioni per riuscire a ritornare sulla retta via ».

Mario Barbiero (Allenatore Sinergy Mondovì)- «Una vittoria importante, perché ottenuta in uno scontro diretto dopo due affermazioni importanti per entrambe le squadre. Siamo stati molto attenti, ho rivisto in campo alcune dinamiche che c’erano state sabato contro Bergamo, sono molto soddisfatto del rendimento dei singoli e della squadra. Dobbiamo ancora migliorare alcune situazioni, il secondo set ci è sfuggito di mano per due sbavature che solitamente non commettiamo; ma abbiamo fatto molto bene in battuta, e anche a muro stiamo crescendo, con molti palloni sporcati in più. Tutti i giocatori stanno dimostrando grande impegno e disponibilità, sacrificandosi in assenza di un opposto titolare. Questo per noi dev’essere un punto di partenza, nell’anno nuovo dovremo essere in grado di mantenere questi ritmi con continuità».

IL TABELLINO-

POOL LIBERTAS CANTÙ – SYNERGY MONDOVÌ 1-3 (17-25, 25-23, 17-25, 23-25)  

POOL LIBERTAS CANTÙ: Baratti 1, Cominetti 16, Monguzzi 6, Poey 17, Maiocchi 16, Mazza 6, Rudi (L), Butti (L), Regattieri 1, Gasparini 1, Motzo 1. N.E. Suraci, Frattini, Pellegrinelli. All. Cominetti.

SYNERGY MONDOVÌ: Piazza 2, Terpin 14, Esposito 8, Borgogno 18, Loglisci 19, Arasomwan 9, Garelli (L), Pochini (L). N.E. Buzzi, Bartoli, Camperi, Milano. All. Barbiero.

ARBITRI: Piubelli, Papadopol.

NOTE – durata set: 21′, 26′, 23′, 30′; tot: 100′.

EMMA VILLAS AUBAY SIENA – CONAD REGGIO EMILIA-

La Emma Villas Aubay Siena gioca un altro match di pregevole fattura e vince per 3-0 contro la Conad Reggio Emilia. Era l’ultima partita del girone di andata, e i biancoblu sono stati capaci di conquistare altri tre punti ottenendo la quinta vittoria consecutiva in campionato. Siena termina così il girone di andata in prima posizione di classifica, con 26 punti conquistati in undici gare. La prima posizione nel girone di andata potrà essere utile anche per la griglia della Coppa Italia.

Siena in campo con Falaschi e Romanò sulla diagonale palleggiatore-opposto, Milan e Mariano in banda, Gitto e Zamagni al centro, Marra libero. Reggio Emilia risponde con Pinelli al palleggio, Magnani opposto, Dolfo e Bellini in banda, Mattei e Fabi al centro, Morgese in seconda linea a difendere.

Inizio di sfida equilibrato, Falaschi è bravo a realizzare un muro-punto mentre Milan e Romanò mettono a segno i loro primi punti personali della sfida. Mattei mette a segno con una ottima veloce il punto del 7-8. Magnani realizza l’ace che porta Reggio Emilia sul +2. La Emma Villas Aubay rimette le cose a posto con Zamagni e con il servizio vincente di Sebastiano Milan (9-9). Le bande senesi producono: Mariano da posto 4 gioca bene sulle mani del muro reggiano e realizza il 12-10. Le due squadre sbagliano qualche battuta di troppo, Siena comunque rimane avanti e con la murata di Zamagni su Magnani trova il punto break che porta al 18-16. Al turno in battuta di Sebastiano Milan i padroni di casa allungano fino al 21-16 con un bellissimo pallonetto di Romanò e con un errore in attacco della Conad. Grande difesa di Zamagni, Milan la mette giù ed è 23-17. Ancora Zamagni protagonista: il centrale biancoblu realizza l’ace del 24-17. Il primo set si chiude sul 25-17. Mariano è fin qui il miglior realizzatore con 5 punti a segno, 4 sono stati realizzati da Milan, 3 da Romanò.

Siena riparte forte, con un break di 3-1 in proprio favore e con una bella murata di Yuri Romanò. Da applausi la pipe a segno di Mariano, a cui risponde con egual moneta Bellini dall’altra parte della rete. Poi Zamagni piazza un altro muro vincente, ci sono tanti applausi per lui al PalaEstra (6-5). Con Zamagni e Mariano Siena allunga sul 9-7. Bellini spara out, ora è 10-7 per Siena. Ancora Mariano a segno con la pipe (13-9). E’ parziale per la Emma Villas Aubay, con Romanò a segno da posto 2 (14-9). Milan è da applausi, Siena scappa via: Marra si supera sulla schiacciata di Dolfo, Romanò ne approfitta e realizza un altro punto break. La Emma Villas Aubay Siena sembra inarrestabile: Romanò ancora a segno per il 19-11. Milan dà spettacolo: lo schiacciatore realizza altri due punti, uno dei quali dai nove metri: 21-12. Ancora Milan dai nove metri: è 23-12. Mariano la mette giù per il 24-12. Mariano chiude il set sul 25-13.

Mariano ancora a segno nel terzo set, Gitto realizza un ace. Siena ancora con il vento in poppa, Milan realizza il servizio vincente che vale l’11-7. Romanò mura Dolfo: 13-8. Da posto 4 Mariano colpisce per tre volte di fila, i locali volano sul +7 (16-9). Romanò ancora a segno tra gli applausi dei 1.183 spettatori presenti al PalaEstra. Coach Graziosi inserisce Zanni in battuta e Mike si fa apprezzare anche in fase difensiva. Dai nove metri Milan mette a segno un altro ace (22-17). Poi Romolo Mariano colpisce nuovamente da posto 4 con una schiacciata dalla straordinaria potenza. Milan avvicina Siena alla vittoria (24-17). Dentro nel finale anche Lucconi e Cappelletti, ed è proprio Cappelletti a realizzare l’ultimo punto, che chiude il set sul 25-18 e quindi il match.

IL TABELLINO-

EMMA VILLAS AUBAY SIENA – CONAD REGGIO EMILIA 3-0 (25-17, 25-13, 25-18)

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Falaschi 2, Milan 15, Zamagni 5, Romanò 13, Mariano 16, Gitto 3, Marra (L), Zanni 0, Lucconi 0, Cappelletti 1. N.E. Smiriglia. All. Graziosi.

CONAD REGGIO EMILIA: Pinelli 0, Dolfo 5, Fabi 5, Magnani 9, Bellini 9, Mattei 4, Cagni (L), Scarpi (L), Morgese (L). N.E. Zingel, Miselli, Ippolito. All. Lorizio. ARBITRI: Caretti, Merli.

NOTE – durata set: 24′, 22′, 28′; tot: 74′.

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – BCC CASTELLANA GROTTE-

Va alla Bcc Castellana Grotte il primo storico derby della Città delle Grotte: per la formazione allenata da Vincenzo Mastrangelo successo per 2-3 (25-23, 19-25, 25-23, 18-25, 12-15) sulla Materdominivolley.it Castellana Grotte “padrone di casa” nella 11esima giornata di andata del campionato nazionale serie A2 Credem Banca di pallavolo maschile.

Gara intensa e molto equilibrata al Pala Grotte in un appuntamento particolarmente importante per la comunità castellanese e la sua storia pallavolistica: il primo round della stagione va alla Bcc Castellana che conquista così la terza vittoria consecutiva dopo quelle interne con Calci e Santa Croce. I gialloblù chiudono anche un dicembre da 12 punti su 15 disponibili (quattro vittorie e una sconfitta al tie break a Siena). Un crescendo di risultati che le consente di approdare ai quarti di Coppa Italia A2-A3: la Bcc Castellana, attualmente quarta in classifica con 21 punti, infatti, entra sicuramente nelle prime sei della classifica e dovrà attendere il risultato del posticipo tra Bergamo e Brescia (in campo il 28 dicembre) per capire se sarà ancora tra le prime quattro (posizione che le garantirebbe anche il fattore campo in Coppa).

Top scorer dell’incontro, entrambi con 23 punti, Michele Morelli e Djalma Moreira. Benissimo anche la prestazione di squadra con 14 muri (4 solo per capitan Giorgio De Togni) e un positivissimo 53% offensivo (tutti oltre il 50%, compreso Filippo Vedovotto con 15 punti).

La Bcc Castellana Grotte di Mastrangelo schiera Fabroni in regia, Morelli opposto, Vedovotto e Djalma Moreira martelli, capitan De Togni e Presta centrali, Saverio De Santis libero. Debutto dall’inizio per il libero calabrese classe 1999, solo panchina per il libero titolare Daniele De Pandis, infortunato alla coscia sinistra nel corso dell’ultimo match con Santa Croce.

Al completo la Materdominivolley.it Castellana Grotte di Castellano: Valera palleggiatore, Cazzaniga opposto, Fiore e Rosso schiacciatori, Gargiulo e Patriarca centrali, Battista libero.

Due muri di Presta per il primo break Bcc: 3-5. Due pipe di Fiore e l’ace di Cazzaniga per il contro break Mater: 8-6. Due di De Togni per far sprintare la New Mater (10-13), due di Gargiulo per rimettere tutto in parità: 14-14. Si va avanti a scatti, Patriarca e Cazzaniga a muro per un altro break Materdomini: 18-16. Due di Patriarca per l’allungo decisivo: 20-17. Morelli da seconda linea (21-19) e Vedovotto a muro (21-21) per il rientro Bcc. Tre di Morelli per la rimonta, due di Fiore per un nuovo vantaggio: 24-23. L’invasione di Morelli per l’1-0 Materdomini (25-23).

Cazzaniga e Morelli in avvio di secondo set: 5-4. Primo tempo di De Togni (7-8), poi tre di Vedovotto in una fase confusa che premia la New Mater: 12-14. Ancora Gargiulo per ricucire (15-15). Due punti in appoggio dalle difese (16-17), poi l’ace di Cazzaniga: 17-17. Djalma in diagonale stappa la Bcc, il turno in battuta di Morelli (anche un ace) per il 17-22. Patriarca spezza il break, gli errori di Cazzaniga e Djalma per il 19-23. Presta in primo tempo e un’altra invasione per il 19-25.

Djalma e Morelli sulle linee (0-2), Fiore e Gargiulo dalla battuta: 4-4. Ci prova subito la New Mater: doppio muro di Morelli per il 6-10. Fabroni illumina, Djalma colpisce: 8-12. La Materdomini non sbanda e rientra: ace di Gargiulo e Cazzaniga per il 15-15. La Bcc ci riprova: Djalma in pipe (15-17) e in tap in sulla ricezione lunga (16-19). La Materdomini non molla: due di Cazzaniga (18-19). La pipe di Fiore (20-20) azzera tutto, il rosso alla panchina Bcc riporta avanti la Materdomini: 22-21. Patriarca e Rosso accendono due set ball (24-22), Patriarca in primo tempo per il 25-23.

Parte forte la Materdomini nel quarto: due di Fiore per il 3-1. Cazzaniga attacca ancora e la Bcc sembra sbandare: 8-4. Morelli (tre per il 9-8) e Vedovotto (ace per il 9-10) per la reazione Bcc. I ragazzi di Mastrangelo pressano: Djalma e Morelli per l’11-14. Il muro di Fabroni è fondamentale (13-18), il primo tempo di De Togni apre il finale (15-20). La Materdomini non molla: ace di Panciocco per il 19-22. La Bcc questa volta non sbaglia: Vedovotto in attacco e a muro per il 21-25.

Vedovotto e Djalma per lo 0-3 iniziale. Due di Cazzaniga per il 4-4. Djalma da una parte, Rosso dall’altra: 7-7. Vedovotto in block out per il cambio campo (7-8), due di Djalma per il parziale: 8-10. Morelli a muro, Cazzaniga con un miracolo: 9-11. Presta di prima, Gargiulo col primo tempo: 10-12. La Bcc spinge, ma la Materdomini non crolla: Cazzaniga per l’11-12, Morelli per il 12-14. Il muro di De Togni chiude una gara bellissima: 12-15.

IL TABELLINO-

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – BCC CASTELLANA GROTTE 2-3 (25-23, 19-25, 25-23, 21-25, 12-15)

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Valera 3, Fiore 15, Gargiulo 13, Cazzaniga 22, Rosso 15, Patriarca 7, Battista (L), Sportelli (L), El Moudden 0, Panciocco 1, Manginelli 0. N.E. Paradiso, Floris. All. Castellano.

BCC CASTELLANA GROTTE: Fabroni 2, Vedovotto 15, De Togni 7, Morelli 23, Moreira 23, Presta 7, De Pandis (L), De Santis (L), Quartarone 0. N.E. Agrusti, Cubito, Cascio, Imbesi, Del Vecchio. All. Mastrangelo.

ARBITRI: Gasparro, De Simeis.

NOTE – durata set: 28′, 24′, 30′, 27′, 16′; tot: 125′.

I RISULTATI-

Emma Villas Aubay Siena-Conad Reggio Emilia 3-0 (25-17, 25-13, 25-18);

Olimpia Bergamo-Sarca Italia Chef Centrale Brescia Si gioca il 28/12/2019 Ore 20.30;

Materdominivolley.it Castellana Grotte-BCC Castellana Grotte 2-3 (25-23, 19-25, 25-23, 21-25, 12-15);

Pool Libertas Cantù-Synergy Mondovì 1-3 (17-25, 25-23, 17-25, 23-25);

Kemas Lamipel Santa Croce-Peimar Calci 1-3 (15-25, 25-20, 21-25, 19-25);

Sieco Service Ortona-Geovertical Geosat Lagonegro 3-0 (25-20, 25-19, 25-23)

LA CLASSIFICA-

Emma Villas Aubay Siena 26, Peimar Calci 25, Sieco Service Ortona 24, BCC Castellana Grotte 21, Sarca Italia Chef Centrale Brescia 19, Olimpia Bergamo 18, Kemas Lamipel Santa Croce 16, Geovertical Geosat Lagonegro 10, Materdominivolley.it Castellana Grotte 10, Conad Reggio Emilia 9, Synergy Mondovì 8, Pool Libertas Cantù 6.

Note: 1 Incontro in meno: Sarca Italia Chef Centrale Brescia, Olimpia Bergamo, Geovertical Geosat Lagonegro, Materdominivolley.it Castellana Grotte;

IL PROSSIMO TURNO- 05/01/2020 Ore: 18.00

Peimar Calci-Emma Villas Aubay Siena Ore 19.00;

Sarca Italia Chef Centrale Brescia-BCC Castellana Grotte Ore 19.00;

Geovertical Geosat Lagonegro-Olimpia Bergamo;

Conad Reggio Emilia-Pool Libertas Cantù;

Materdominivolley.it Castellana Grotte-Kemas Lamipel Santa Croce;

Synergy Mondovì-Sieco Service Ortona

Tutte le notizie di A2 maschile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti