A2 maschile
0

A2 Maschile, Siena espugna Santa Croce, cade ancora Calci

La capolista vince il derby e prosegue la fuga in vetta alla classifica. La formazione di Gulinelli, sconfitta da Lagonegro, scivola al quinto posto. Vittorie in trasferta per Bergamo sul campo della Materdomini.it, e per Castellana Grotte a Reggio Emilia

A2 Maschile, Siena espugna Santa Croce, cade ancora Calci
© Legavolley

ROMA- La 3a giornata di ritorno dell’A2 Maschile ha ribadito la leadership dell’Emma Villas Siena che va a vincere a Santa Croce il sentito derby toscano. Successi in trasferta anche per l’Olimpia Bergamo, sul terreno della Materdomini.it, e della BCC Castellana Grotte che centra una vittoria da tre punti sul campo della Conad Reggio Emilia. Cade la Peimar Calci, palesando compiutamente il difficile momento che sta attraversando, sul campo della Geovertical Geosat Lagonegro.

TUTTE LE SFIDE-

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE - OLIMPIA BERGAMO-

Bottino pieno anche questa sera al Pala Grotte, Olimpia batte la Materdominivolley.it in quattro set (19-25, 21-25, 25-21, 21-25) ed evita il tie break al team trascinato da Cazzaniga (18 punti), con una buona prestazione di Wagner che chiude il match con 20 punti e di Signorelli che ha rilevato Erati colpito da infortunio lo scorso mercoledì. Signorelli mette a terra 4 punti e si inserisce subito nei meccanismi orobici come già era avvenuto mercoledì, partendo titolare e dimostrandosi pronto anche a muro fermando in muro passivo gli attaccanti pugliesi Fiore e il neoentrato Panciocco. coadiuvato dalla buona prestazione corale di tutto il team. Il team di Castellano impone il proprio gioco soltanto nel terzo set in cui firma un break importante a causa di qualche errore di troppo in ricezione e in attacco, per poi farsi recuperare con un concreto Wagner, ma non serve per chiudere in tre set. Gli orobici si riscattano ben presto nel quarto chiudendo i giochi senza strascichi.

L’Olimpia Bergamo che ha dunque ben reagito all’infortunio del centrale che purtroppo ha avuto oggi l’ufficialità della rottura dei legamenti crociato anteriore e collaterale, con un interessamento anche al menisco, pertanto sarà presto sottoposto ad intervento; i tempi di recupero saranno sicuramente importanti ed all’atleta vanno gli auguri più grandi da parte della società e dello staff insieme a tutta la famiglia Olimpia Bergamo che sarà vicina ad Alex nel supporto medico per tutto il percorso di recupero.

IL TABELLINO-

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE - OLIMPIA BERGAMO 1-3 (19-25, 21-25, 25-21, 21-25)

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Valera 5, Fiore 15, Gargiulo 8, Cazzaniga 18, Rosso 6, Patriarca 6, Sportelli (L), Battista (L), El Moudden 0, Manginelli 0, Floris 0, Panciocco 5. N.E. Paradiso. All. Castellano.

OLIMPIA BERGAMO: Garnica 3, Tiozzo 15, Cargioli 13, Pereira Da Silva 20, Della Lunga 12, Signorelli 5, Saturnino (L), Zonta 0, Fusco (L), Preti 0, Gritti 0. N.E. Alborghetti. All. Spanakis.

ARBITRI: Mattei, Somansino.

NOTE - durata set: 22', 23', 27', 24'; tot: 96'.

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO - PEIMAR CALCI-

Altra sconfitta per una Peimar Calci che conferma il momento di difficoltà. La Geosat Geovertical Lagonegro ha avuto il merito di gestire con più convinzione e concretezza i momenti clou del match, sopra venti, con un grande Tiurin (33 pt.) cui la Peimar ha opposto un altrettanto ispirato Argenta (23 pt.). La formazione ospite ha avuto almeno il merito di riaprire la gara dopo il secondo set.

Peimar in campo con Coscione in regia, Argenta in diagonale, Fedrizzi e Sideri in posto quattro, Mosca e Barone al centro, Tosi libero. Lecat ancora non in piene condizioni fisiche. Geovertical Geosat con Zoppellari e Tiurin, Mazzone e  Corrado, Robbiati e Spadavecchia, Santucci libero. Match statisticamente equilibratissimo. Qualche errore di troppo dai nove metri per la Peimar, ma anche Lagonegro non scherza. Sul 21-20 ospite gara apertissima, il sestetto avversario recupera e il parziale si decide su pochi palloni; avanti i padroni di casa, ma anche la squadra di Gulinelli sembra poter dire la propria.

Seconda frazione, purtroppo, molto meno equilibrata. La Geovertical Geosat scappa quasi subito con un break, e mantiene il vantaggio, piccolo (+3) ma costante, nonostante i time-out della panchina ospite. I locali sbagliano qualcosa di più al servizio ma prendono anche qualche ace, a fronte di nessun punto avversario; idem per i muri, tre per Lagonegro, zero per la Peimar. Il parziale termina 25-20 per la squadra di casa.

Nel terzo set i ragazzi di Gulinelli sul finale tirano fuori quel qualcosa in più e allungano la contesa. Il 24-23 è di Calci, primo set-point del match per gli ospiti; coach Falabella chiama time-out, e al rientro Tiurin ottiene il cambiopalla. Nello scambio successivo Mazzone in assistenza al centro stoppa il primo tempo di Mosca; time-out di Gulinelli, Zoppellari in battuta, riceve Fedrizzi e Argenta risolve. Dai nove metri, 25-25, si presenta Mosca: Lagonegro gira la P1 ancora con Tiurin. La ricezione Peimar balla su Mazzone, Coscione rimedia, Argenta la butta giù. Entra Ciulli a muro per Coscione, con lo stesso Argenta al servizio. L’azione si conclude al video-check, scagionando lo stesso Ciulli da un tocco a muro. Lagonegro prova a reagire con la consueta palla a Tiurin, ma stavolta Barone va in cielo e lo ferma, portando la Peimar al quarto.

Gara riaperta, la Peimar adesso ci crede e non molla nonostante Lagonegro provi più volte ad andar via nel punteggio. Si arriva 23-22 per Lagonegro: Zoppellari si affida a Mazzone e lo schiacciatore chiude set e gara.

IL TABELLINO-

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO - PEIMAR CALCI 3-1 (25-23, 25-20, 26-28, 25-23)

GEOVERTICAL GEOSAT LAGONEGRO: Zoppellari 0, Mazzone 15, Robbiati 8, Tiurin 32, Corrado 6, Spadavecchia 13, Condorelli (L), Santucci (L), Vecellio 0. N.E. Ramberti, Maccarone, Fantauzzo. All. Falabella.

PEIMAR CALCI: Coscione 4, Fedrizzi 16, Mosca 5, Argenta 24, Sideri 12, Barone 7, Tosi (L), Ciulli 0, Lecat 0. N.E. Zanettin, Razzetto, Nicotra. All. Gulinelli.

ARBITRI: Vecchione, Autuori.

NOTE - durata set: 27', 23', 32', 28'; tot: 110'.

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE - EMMA VILLAS AUBAY SIENA-

La Emma Villas Aubay centra un’altra bella e preziosissima vittoria al PalaParenti di Santa Croce sull’Arno, sconfiggendo una squadra assai temibile come la Kemas Lamipel. I biancoblu iniziano alla grande la sfida conquistando i primi due set, cedono il terzo parziale ai padroni di casa ma poi si aggiudicano un quarto set dove risultano decisive le tante murate vincenti del team ospite.

Siena inizia con Falaschi e Romanò sulla diagonale palleggiatore-opposto, Mariano e Milan in banda, Zamagni e Gitto al centro, Davide Marra libero. Santa Croce comincia la sfida con Acquarone in cabina di regia, Padura Diaz in posto 2, Russomanno e Colli schiacciatori, Larizza e Bargi centrali, Catania in seconda linea a difendere.

Buon inizio di gara per Sebastiano Milan, che realizza 3 punti già in avvio di match. Molto bella una pipe messa a segno per i padroni di casa da Colli. Meravigliosa una difesa in tuffo di Davide Marra in uno scambio che termina con il muro di Larizza su Romanò. La pipe di Romolo Mariano fissa il punteggio sull’8-8. Una grande giocata di Padura Diaz che in caduta centra proprio l’incrocio delle righe con la schiacciata in diagonale merita gli applausi degli spettatori presenti al PalaEstra. Il primo ace del match lo firma Yuri Romanò e vale il 10-13. Milan e Romanò vanno ancora a segno, i locali rintuzzano tuttavia con qualche imperfezione senese. Zamagni fa fare un altro passettino a Siena (17-19). Il pareggio arriva con un punto break di Colli propiziato da un’ottima battuta di Padura Diaz (19-19). Romanò e Russomanno non sbagliano e portano punti alle proprie squadre. Gitto fa 22. Entra Gabriel per la battuta, ma stavolta dai nove metri il brasiliano sbaglia il servizio (22-22). Milan riporta avanti Siena concludendo un buon cambio palla (22-23) e poco dopo Colli fallisce l’attacco mandando il pallone sulla rete (22-24), Romolo Mariano chiude il primo set sul 23-25.

Sospinta da Padura Diaz e con una difesa che ha alzato la propria intensità la Kemas Lamipel inizia assai bene il secondo set. Una murata di Bargi su Milan porta al 6-2. Siena replica, un ace di Mariano dà un punto break agli ospiti. Siena recupera con Milan e Romanò assoluti protagonisti. La murata di Mariano su Padura Diaz porta il punteggio sul 10-10. Murata di Romanò su Padura Diaz, poco dopo Milan fa vedere nuovamente la sua classe con un pallonetto delicatissimo. L’opposto italo-cubano della Kemas Lamipel risponde con un muro su Romanò. Bene ancora Milan e Mariano, ma Santa Croce è avanti (18-17). Una magia di Falaschi elude muro e difesa locale (20-19). Il pareggio è poi firmato da Romanò (20-20). Con Russomanno avanti Santa Croce (21-20). Si arriva al 22-22 con la bellissima schiacciata di Romanò. Colli va a segno e stavolta il set point ce l’ha la Kemas Lamipel (24-23). Con il punto di Milan si va ai vantaggi (24-24). Zamagni mette giù il pallone del set point (24-25), Romanò a muro ferma l’attacco dei padroni di casa e fa terminare il secondo set (24-26). In questo set 6 punti a testa per Romanò e per Milan, 5 di Mariano.

Santa Croce nel terzo parziale ricomincia ancora molto forte (5-1). Milan riavvicina Siena, ma i locali difendono bene. E a muro producono buone cose, come la murata vincente di Larizza su Zamagni. I locali toccano il +5 (11-6), ma è qui che Siena piazza un controbreak di 0-4, chiuso dal muro di Zamagni su Padura Diaz, che porta il punteggio sull’11-10. E’ poi parità quando Colli spara out (11-11). Colli sbaglia di nuovo, ora Siena è avanti (11-12). Milan fa 12-13, ma con qualche buona giocata i locali si riportano avanti di due lunghezze (15-13). Mariano a segno, così come la veloce chiusa da Federico Bargi. Gli fa eco Gitto dall’altra parte della rete. E’ ancora Romanò a mettere la firma su un punto importante (17-17). Prosperi centra la riga in battuta, è ace per Santa Croce che vola sul 19-17. Entra Gabriel, che gioca bene sulle mani del muro e trova il punto (19-18). Larizza e Padura Diaz avvicinano i locali alla conquista del terzo parziale (21-18). Zamagni a segno (21-19). Muro di Romanò su Padura Diaz (21-20). L’italo-cubano poco dopo non fallisce di nuovo (22-20). Ottimo cambio palla senese con Mariano che attacca in pipe (22-21). E’ ancora Padura Diaz a mettere a segno un punto, poi la battuta di Larizza mette in difficoltà la ricezione di Siena e Russomanno realizza il 24-22. Padura Diaz mura Romanò, la Kemas Lamipel vince il terzo set 25-21.

Siena parte forte nel quarto set e si porta sul +3 (2-5) con Romanò che martella. Bene anche Gitto (3-6). Break locale, e ora il set è nuovamente in parità. Mariano e Gitto non ci stanno e dopo una splendida difesa di Falaschi su Padura Diaz è ancora Gitto a colpire (11-13). Santa Croce non molla, Acquarone trova con precisione l’ace che consente a Santa Croce di mettere la testa avanti (17-16), ci pensa Romanò a pareggiare. Tre muri di Siena, realizzati da Romanò, Zamagni e Milan, ribaltano di nuovo tutto (17-20). Romanò va a segno dopo la ricezione sbagliata da Santa Croce (17-21). Un’altra splendida murata di Zamagni avvicina Siena a quota 25. Romanò in diagonale è perfetto. Ma la Kemas Lamipel recupera e quando l’attacco di Mariano è fuori di poco è parità (23-23). Padura Diaz realizza l’ace che dà il set point ai suoi (24-23), poi sbaglia (24-24). Romanò è superlativo ai vantaggi, ed è lui a guidare Siena alla vittoria (26-28).

IL TABELLINO-

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE - EMMA VILLAS AUBAY SIENA 1-3 (23-25, 24-26, 25-21, 26-28)

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Acquarone 2, Russomanno Dos Santos 5, Larizza 11, Padura Diaz 27, Colli 16, Bargi 7, Andreini (L), Catania (L), Marra 0, Di Marco 0, Turri Prosperi 1, Mazzon 0. N.E. Mannucci. All. Pagliai.

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Falaschi 1, Milan 19, Zamagni 11, Romanò 23, Mariano 14, Gitto 6, Smiriglia 0, Pessoa 1, Marra (L), Zanni 0. N.E. Cappelletti, Lucconi. All. Graziosi.

ARBITRI: Feriozzi, Toni.

NOTE - durata set: 30', 34', 34', 41'; tot: 139'.

CONAD REGGIO EMILIA - BCC CASTELLANA GROTTE-

Ci mette un set la Bcc Castellana Grotte a metabolizzare l’eliminazione di Coppa, contenere la veemenza della Conad Reggio Emilia e trovare la strada per conquistare i tre punti pieni e la sesta vittoria consecutiva (la terza di fila in trasferta). Poi è soltanto gioia per la formazione allenata da Vincenzo Mastrangelo che, dopo essere andata sotto al Pala Bigi, vince due set ai vantaggi e chiude la partita dominando il quarto: 1-3 (25-23, 24-26, 26-28, 19-25) il risultato finale nella 14esima giornata del campionato nazionale serie A2 Credem Banca di pallavolo maschile.

Dopo un ottimo inizio del Reggio Emilia dell’ex Pino Lorizio, infatti, prova di forza e carattere e vittoria in rimonta per una Bcc ben orchestrata da Fabroni, con Michele Morelli a quota 26 punti (ben 10 nel terzo splendido set), con i due martelli in doppia cifra (23 per Djalma e 13 per Vedovotto), con Luca Presta eccellente a muro (5 per un totale di 11 sul tabellino finale), con diverse difese importanti di De Santis e con l’esperienza di De Togni e Del Vecchio nei momenti caldi.

La New Mater resta così al terzo posto della classifica con 29 punti, tiene il passo delle prime della classe (Siena prima a 35 e Ortona seconda a 30), tiene a distanza Bergamo (quarta a 27) e guadagna qualcosa su Calci (fermo a 26) e Brescia (ancorata a 22) in un turno di campionato che opponeva le prime sei alle ultime sei della classifica.

La Conad Reggio Emilia del tecnico castellanese Lorizio schiera Pinelli palleggiatore, Magnani opposto, Ippolito e l’ex Dolfo schiacciatori, Mattei e Miselli centrali, Morgese libero. Inizialmente out Zingel, al rientro.

La Bcc Castellana Grotte di Mastrangelo conferma la formazione delle ultime uscite con Fabroni in regia, Morelli opposto, Vedovotto e Djalma Moreira martelli, capitan De Togni e Presta centrali, De Santis libero. Sempre out per infortunio De Pandis.

Bene Reggio in avvio con la battuta di Pinelli (3-0) e due di Dolfo (7-2). Bene anche Quarta in attacco (7-5) e a muro (10-10). La Conad si appoggia a Ippolito, la Bcc a Morelli: 13-13. Primo vantaggio Castellana a metà set con due di Moreira e il tap in di Presta: 15-16. Contro break Conad con l’ace di Mattei e il diagonale di Magnani: 20-18. Scambi lunghi e con tante difese nel finale di set: Magnani in block out (22-20), Morelli per una speranza (23-22), Ippolito per due set ball (24-22). Buono il secondo: invasione per il 25-23.

Inizio in equilibrio nel secondo: tanta intensità, Dolfo e Presta per il 3-3. Muro di Mattei per il break (7-5), ace di Ippolito per l’allungo: 12-9. Ippolito e Magnani scavano il solco (18-15), Presta e Djalma scuotono la Bcc (18-17). La Conad, però, tiene: ace di Miselli per il 21-18. Mastrangelo chiama tempo: tre di Vedovotto e un muro di De Togni per il 23-23. Out il primo tempo di Mattei, Magnani annulla la palla set: 24-24. Djalma accende il secondo, Magnani stavolta sbaglia: 24-26.

Morelli entra subito nel set: tre di fila per il 3-4. Fase un po’ confusa con tanti errori, Morelli mette ordine: altri due per il 6-9. Rientra la Conad con Dolfo: 10-10. De Santis difende, Morelli in diagonale: 11-12. Ace di Magnani, ancora Morelli (saranno 10 alla fine del set i punti dell’opposto foggiano) e tre di Vedovotto: 16-17. La Bcc sbaglia in contrattacco e non scappa, la Conad resta nel set con due di Ippolito (18-18) e torna avanti con Dolfo (20-19). Castellana va sul 20-22 con un break, Reggio passa ancora e si regala tre set ball con Dolfo e Ippolito. Morelli e Djalma li annullano, Presta a muro chiude il 26-28.

De Togni, Djalma e altri quattro di Morelli in avvio: 1-7 per una Bcc ben guidata da Fabroni. Due di fila per Moreira, poi la difesa di De Santis e un altro di Morelli: 3-10. La Conad si sveglia: tap in di Pinelli (6-12). De Togni e Morelli da quattro per il 7-14. Scarpi, Ippolito e Dolfo per un Reggio Emilia di nuovo nel set (11-15). Fabroni a filo rete per il primo tempo di Presta: 13-17. Ippolito spreca, Morelli anche (17-19). Del Vecchio d’esperienza in un momento delicato del set: 17-21 prima e 18-23 poi. Sempre il 6 gialloblù apre cinque match ball: ne basta uno con l’ace di Morelli per il 19-25.

IL TABELLINO-

CONAD REGGIO EMILIA - BCC CASTELLANA GROTTE 1-3 (25-23, 24-26, 26-28, 19-25)

CONAD REGGIO EMILIA: Pinelli 4, Ippolito 13, Miselli 7, Magnani 11, Dolfo 21, Mattei 9, Cagni (L), Morgese (L), Zingel 0, Scarpi 2, Catellani 0. N.E. Bellini, Fabi. All. Lorizio.

BCC CASTELLANA GROTTE: Fabroni 0, Vedovotto 13, De Togni 4, Morelli 26, Moreira 23, Presta 11, Cascio (L), Quartarone 0, De Santis (L), Cubito 0, Del Vecchio 0. N.E. Agrusti, Imbesi. All. Mastrangelo.

ARBITRI: Laghi, Giardini.

NOTE - durata set: 29', 32', 34', 25'; tot: 120'.

I RISULTATI-

Kemas Lamipel Santa Croce-Emma Villas Aubay Siena 1-3 (23-25, 24-26, 25-21, 26-28);

Conad Reggio Emilia-BCC Castellana Grotte 1-3 (25-23, 24-26, 26-28, 19-25);

Materdominivolley.it Castellana Grotte-Olimpia Bergamo 1-3 (19-25, 21-25, 25-21, 21-25);

Synergy Mondovì-Sarca Italia Chef Centrale Brescia 3-2 (21-25, 25-19, 22-25, 25-18, 15-11) Giocata ieri

Geovertical Geosat Lagonegro-Peimar Calci 3-1 (25-23, 25-20, 26-28, 25-23);

Pool Libertas Cantù-Sieco Service Ortona 1-3 (20-25, 25-22, 14-25, 20-25) Giocata ieri

LA CLASSFICA-

Emma Villas Aubay Siena 35, Sieco Service Ortona 30, BCC Castellana Grotte 29, Olimpia Bergamo 27, Peimar Calci 26, Sarca Italia Chef Centrale Brescia 22, Geovertical Geosat Lagonegro 17, Kemas Lamipel Santa Croce 17, Materdominivolley.it Castellana Grotte 16, Synergy Mondovì 15, Conad Reggio Emilia 9, Pool Libertas Cantù 9.

IL PROSSIMO TURNO-26/01/2020 ORE 18.00-

BCC Castellana Grotte – Pool Libertas Cantù Ore 17.00

Peimar Calci – Synergy Mondovì 

Sieco Service Ortona – Materdominivolley.it Castellana Grotte 

Conad Reggio Emilia – Kemas Lamipel Santa Croce 

Sarca Italia Chef Centrale Brescia – Geovertical Geosat Lagonegro

Emma Villas Aubay Siena – Olimpia Bergamo Ore 19.00

 

Tutte le notizie di A2 maschile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti