A2 maschile
0

La Materdomini domina l'anticipo con Calci

Cade ancora in Puglia la corazzata di Gulinelli che si arrende 3-1 (21-25, 25-23, 25-20, 25-23) sotto i colpi di un mostruoso Cazzaniga, autore di 30 punti

La Materdomini domina l'anticipo con Calci
© Legavolley

CASTELLANA GROTTE (BARI)-La Materdomini.it centra in casa con la Peimar Calci alla sesta sconfitta stagionale, una preziosa vittoria da tre punti davanti al pubblico del Pala Grotte. L'impianto pugliese rimane stregato per la squadra di Gulinelli che invece aveva vinto la gara di andata. La squadra Toscana è scesa in Puglia priva del libero Tosi, influenzato, sostituito egregiamente da Lecat, anch’egli indisponibile ma soltanto come attaccante, per un problema alla spalla. La squadra ha lottato, conducendo lungamente sia il secondo che il quarto set, beffata soltanto nei finali da una formazione di casa trascinata dall’opposto Cazzaniga, instancabile mattatore dell’incontro. Gli ospiti hanno murato spesso, confermandosi la squadra regina nella speciale classifica, ma i locali si sono esaltati in difesa, pungendo spesso al servizio non solo con le “bombe” ma anche con le indovinate salto float di Gargiulo, e con il subentrante Manginelli. Periodo sicuramente poco felice, per i ragazzi di coach Gulinelli, con la classifica a rispecchiare fedelmente la situazione di difficoltà.

Meglio la Peimar, nelle prime battute. A metà set i calcesani sono in vantaggio per 16-10, con tutta la batteria degli attaccanti chiamata in azione da Coscione. Castellana sbaglia tanto in battuta, non trova il ritmo, rientra parzialmente sul finale (20-21) ma è un parziale meritatamente appannaggio del sestetto ospite, bravo a riprendere fiato con un “uno-due” firmato da Barone in primo tempo e Mosca a muro.

Nella seconda frazione, sale in cattedra Cazzaniga (alla fine 8 pt per lui), ma la Peimar regge e con un grande Fedrizzi, e indovinati muri punto di Mosca, prende un discreto vantaggio (+ 4). Sul 16-19, però, accade l’imponderabile, e cioè ben quattro punti di fila targati Materdominivolley (20-19). Gulinelli ferma il gioco, e alla ripresa Fedrizzi in pipe trova il pareggio. Equilibrio fino al 22-22, poi lo stesso Fedrizzi sbaglia il primo pallone della gara, ma nel momento peggiore; nell’azione successiva Patriarca ferma Argenta (22-24). Barone riaccende la speranza di recuperare un set che sembrava scorrere via liscio, poi Valera serve Cazzaniga e la squadra di casa riesce a chiudere.

Il terzo set è il più deludente. La squadra di casa si muove meglio, anche se guai fisici tolgono dalla contesa Rosso (ben sostituito dal giovane Panciocco). La Peimar ha difficoltà a sviluppare il proprio gioco e perde morale: gli errori di misura si susseguono, e il set se lo aggiudica una Materdominivolley sempre avanti di 4/5 punti. Gli ospiti annullano due palle set, poi ancora e sempre Cazzaniga mette a terra il pallone del 25-20.

Quarto parziale con la novità Zanettin opposto e, dopo pochi punti, anche con Nicotra in posto quattro. La falsa partenza non condiziona più di tanto la Peimar, che ha ancora qualcosa da dare. I ragazzi di Gulinelli, pazientemente, ricuciono il gap e si presentano anzi a metà set forti di un vantaggio che lascia intravedere una possibilità concreta di tie-break. Nel momento topico è Gargiulo a infilare una buona serie al servizio, riportando sotto la propria squadra. Gulinelli chiama il primo time-out e al rientro in campo il centrale campano sbaglia: 18-20. Patriarca accorcia, ma è Nicotra a riportare avanti la Peimar, con un ficcante pallonetto. Il time-out di Castellana disturba Zanettin, che sbaglia il servizio; il giovane opposto si riscatta nell’azione successiva, finalizzando una grande difesa di Lecat. Ancora una volta, l’imponderabile: da 20-22, a 23-22, grazie agli attacchi in serie di Cazzaniga e Gargiulo, più un muro punto di quest’ultimo. Gulinelli ferma tutto, si arriva al 24-23 con la Peimar al servizio: la ricezione pugliese non tiene, palla sopra il nastro per Mosca che la tira giù a tutto braccio, ma prima Fiore e poi Cazzaniga, di piede, la tirano su. Come nel peggior incubo lo stesso Fiore salta e attacca al volo. Punto numero venticinque e sipario su una gara non proprio fortunata per i ragazzi ospiti.

IL TABELLINO-

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – PEIMAR CALCI 3-1 (21-25, 25-23, 25-20, 25-23)

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Valera 5, Fiore 9, Gargiulo 8, Cazzaniga 30, Rosso 4, Patriarca 13, Battista (L), Panciocco 4, El Moudden 0, Manginelli 0, Floris 0. N.E. Paradiso, Sportelli. All. Castellano.

PEIMAR CALCI: Coscione 3, Fedrizzi 18, Mosca 7, Argenta 9, Sideri 7, Barone 12, De Muro (L), Ciulli 0, Lecat (L), Zanettin 5, Nicotra 2. N.E. Razzetto. All. Gulinelli.

ARBITRI: Zingaro, Colucci.

NOTE – durata set: 26′, 29′, 26′, 28′; tot: 109′

Tutte le notizie di A2 maschile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti