Bergamo vince la Regular Season

Con la vittoria a Mondovì la capolista è matematicamente prima. Nella giornata successi anche per Siena su Castellana Grotte, Ortona a Cantù, Reggio Emilia su Lagonegro e Santa Croce a Brescia
Bergamo vince la Regular Season© Legavolley
TagsA2 MaschileSynergyAgnelli Tipiesse

ROMA-La 9a giornata di ritorno del campionato di A2, apertasi ieri con il successo della Prisma Taranto sulla Bam Acqua San Bernardo Cuneo, ha visto stasera completarsi con le altre cinque partite in calendario. Dopo due sconfitte l’Agnelli Tipiesse Bergamo inverte la rotta superando in trasferta la Synergy Mondovì conquistando matematicamente la Regular Season. Soffre ma vince al quinto set l’Emma Villas Siena contro una coriacea BCC Castellana Grotte. Ancora un tie break per la vittoria della Sieco Service Ortona sul terreno della Pool Libertas Cantù. Colpo esterno della Kemas Lamipel Santa Croce in casa della Gruppo Consoli Brescia. Vittoria interna della Conad Reggio Emilia contro la Cave del Sole Geomedical Lagonegro.

TUTTE LE SFIDE-

CONAD REGGIO EMILIA – CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL LAGONEGRO-

La Conad Reggio Emilia si è presa i tre punti superando in quattro set una combattiva Cave del Sole Lagonegro. Una vittoria che la squadra di Mastrangelo ha centrato nonostante la pesante assenza di Bellei.
L’ opposto è rimasto fuori a causa di un infortunio patito durante il match con Porto Viro.

I ragazzi di Volley Tricolore, chiamati ad una prestazione importante, iniziano la partita nel migliore dei modi subendo poco soprattutto in contrattacco, portandosi subito in vantaggio (5-2) grazie ad un ottimo Mattei che con un muro e un attacco già nei primi punti di questo set.

La Geomedical è brava a ricucire subito sfruttando due imprecisioni di Conad e la qualità del proprio opposto Tiurin che fissa il punteggio sul momentaneo (5-6).

Per Conad a suonare la carica è capitan Ippolito che riporta Reggio in parità con due attacchi consecutivi che valgono il 7-7.

Primo parziale che procede con le squadre estremamente concentrate con Maiocchi che risponde a Salsi con una potente diagonale che porta il primo parziale sull’11-11.

Mini break per Conad che vola in vantaggio grazie allo stesso Maiocchi e al solito muro tetto del centrale Mattei che valgono il momentaneo +3 per Reggio (14-11) e costringono coach Tubertini al timeout.
Uscita dal timeout perfetta per Conad che con l’ace di Loglisci aumenta ulteriormente il gap portandosi sul 15-11.

Tiurin, perfettamente servito dal palleggiatore Salsi, accorcia nuovamente lo svantaggio di Lagonegro che si porta nuovamente sul -3 (17-14).

Per Conad però è ancora Maiocchi a guidare la squadra in attacco con un primo tempo che riporta Reggio in vantaggio di due lunghezze (20-17) con Lagonegro sempre molto pericolosa soprattutto in fase di contrattacco.
Maiocchi che sta giocando egregiamente nonostante sia riadattato ad opposto per sostituire l’infortunato Bellei e Suraci ancora non in perfette condizioni.
Lagonegro continua ad affidarsi alla potenza si Tiurin che risulta un cliente scomodo mettendo a terra il punto numero 20 per Lagonegro che insegue ancora in svantaggio di due lunghezze (22-20).

Il break decisivo però arriva grazie ad un attacco di Maiocchi permette a Conad di arrivare al primo set point (24-21) con Loglisci bravissimo a mettere a terra il punto decisivo che regala il primo set a Conad con il punteggio di 25-21.

Secondo set che inizia con una Conad un pò troppo contratta, con Lagonegro che sfrutta molto bene le grandi potenzialità del palleggiatore Salsi, propiziando qualche errore di troppo da parte della squadra di casa che non riesce a scappare da inizio set come accaduto nel parziale precedente.
Un attacco di Vedovotto riporta il set in perfetta partita 5-5.
Partita frizzante e divertente che si gioca con le squadre sempre punto a punto (8-8).
Un errore in ricezione da parte di Conad permette a Maccarone di chiudere una ottima giocata che porta Lagonegro in vantaggio (10-11).

È ancora Maiocchi a prendersi responsabilità per Conad mettendo a terra il punto del nuovo pareggio (12-12) dopo una fantastica alzata del palleggiatore Pinelli.
Una serie di errori gratuiti di Lagonegro porta nuovamente Conad in vantaggio (16-14) grazie ad un ottimo Maiocchi che si conferma un giocatore estremamente duttile e ad un Loglisci che sta dando molta tranquillità in ricezione a Conad.

L’ultimo a voler mollare per Lagonegro è l’opposto Tiurin che continua a picchiare duro in attacco e in battuta riportando, con due punti consecutivi, la Geomedical al momentaneo pareggio (16-16).
Completa la rimonta di Lagonegro un muro tetto di Molinari su Maiocchi che vale il 16-17 per la Geomedical.

Scopelliti in battuta mette seriamente in difficoltà la ricezione di Lagonegro e propizia un mini break di 3 punti per Conad che si riporta in vantaggio di 2 lunghezze (19-17) grazie ad un muro di Mattei su Vedovotto.

Continua la partita fantastica di Maiocchi che con tre punti consecutivi in attacco si dimostra un rebus per il muro avversario mettendo a terra il punto numero 22 per Conad che guida ora il parziale per 22-19.

Ad un muro tetto di Mattei su Maretti risponde Maccarone che riporta Lagonegro sul momentaneo -3 (23-20).
È un attacco di Maiocchi a portare nuovamente Conad al set point sul 24-21 e dopo una battuta di Scuffia è sempre Maiocchi a chiudere il set con il punteggio di 25-21 con una potente diagonale da seconda linea.

Terzo set che inizia in maniera molto diversa rispetto ai precedenti per Conad, costretta ad inseguire (1-3) dopo due errori gratuiti e un punto del solito Tiurin per Lagonegro.

Due punti consecutivi di un Maiocchi in stato di grazie riportano Reggio a contatto (3-3) ed è un ace di Loglisci a guidare Conad al primo momentaneo vantaggio (4-3) in questo terzo set.

Pinelli prolunga il break per Conad con un fantastico muro a uno sul’appena subentrato Armenante fissando il punteggio sul 5-3 per la squadra di casa.

È lo stesso giovane schiacciatore di Lagonegro a riportare la Geomedical sul -1 (6-5) con due potenti attacchi in diagonale.

Scopelliti risponde a Tiurin e permette a Conad di mantenere due punti di vantaggio sugli avversari (10-8) con un potente attacco in primo tempo che non può essere difeso dagli avversari.

La reazione di Lagonegro però non si lascia attendere e, grazie a tre punti consecutivi, gli ospiti si riportano in vantaggio (10-11) anche grazie ai tanti errori gratuiti commessi da Conad in questo parziale.

Mattei sale in cattedra per Conad e rimette il set in perfetta parità (13-13) dando vita ad un terzo parziale estremamente combattuto.

Armenante si conferma un giocatore molto interessante dando nuova linfa e aggressività alla formazione ospite che sta combattendo su ogni pallone, mantenendo il set in parità (15-15).

Un ace e un attacco di Armenante e un attacco di Mazzone trascinano Lagonegro al primo vero vantaggio in questo parziale (16-18) con una Conad un pò troppo imprecisa, soprattutto al servizio.

Loglisci accorcia lo svantaggio con un bellissimo mani fuori e manda al servizio Maiocchi con la Conad in svantaggio di una sola lunghezza (18-19).

Nuova parità (20-20) in questo terzo set grazie ad una incredibile difesa di Morgese su un attacco a botta sicura di Tiurin che permette a Loglisci di mettere a terra il punto numero 20 per Reggio.

È lo stesso Loglisci a riportare Reggio avanti con l’ennesimo ace della sua partita, dando il via al decisivo mini break per la squadra di casa che conduce ora con 2 lunghezze di vantaggio (22-20).
Ippolito aumenta ulteriormente il gap per Reggio con un mani fuori che vale il +3 (23-20).

Maccarone prova ad allungare la partita ma Maiocchi porta Reggio al match point con una diagonale che manda Mattei in battuta sul 24-21.

Una invasione del muro di Lagonegro mette la parola fine al match con Conad che chiude questo terzo ed ultimo parziale con il punteggio di 25-22.

IL TABELLINO-

CONAD REGGIO EMILIA – CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL LAGONEGRO 3-0 (25-21, 25-21, 25-22)

CONAD REGGIO EMILIA: Pinelli 2, Ippolito 11, Scopelliti 5, Maiocchi 25, Loglisci 8, Mattei 9, Sesto 0, Morgese (L), Ristic 0. N.E. Suraci, Catellani. All. Mastrangelo.

CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL LAGONEGRO: Salsi 2, Vedovotto 4, Maccarone 7, Tiurin 15, Mazzone 6, Molinari 5, Russo (L), Santucci (L), Bellucci 0, Marretta 3, Armenante 4, Scuffia 0. N.E. Spadavecchia, Battaglia. All. Tubertini.

ARBITRI: Marotta, Merli.

NOTE – durata set: 25′, 28′, 28′; tot: 81′

GRUPPO CONSOLI CENTRALE DEL LATTE BRESCIA – KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE-

Santa Croce si porta via i tre punti sul campo della Gruppo Consoli Brescia. Match teso, come da pronostico: Brescia riceve bene in avvio ma regala qualcosina in contrattacco e non è sempre reattiva in seconda linea, contro una Santa Croce efficace a muro e più determinata sia in attacco che nei recuperi. Nel secondo parziale i Tucani non riescono a capitalizzare l’iniziale vantaggio e si complicano la vita, lasciando spazio alla sicurezza crescente degli ospiti. Nel terzo la difesa di casa sembra a tratti più arrendevole (menzione speciale per Cisolla, che si tuffa come un giovanotto) e il cambio palla soffre troppo, agevolando il sorpasso dei Lupi. Reazione nel quarto, ma la fuga non si completa a causa di un paio di occasioni in cui i Tucani non gestiscono con la necessaria lucidità.

Brescia parte con Tiberti in diagonale con Bisi, Cisolla e Galliani in posto quattro, Esposito e Candeli al centro, con Franzoni libero.

Santa Croce risponde con Acquarone incrociato a Bezerra Souza; Colli e Cappelletti sono gli attaccanti laterali, l’ex bianco blu Festi è al centro con Copelli e Sorgente è il libero.

I Lupi sfruttano due attacchi di casa fuori di poco (3-5), ma Bisi e Galliani rimettono il set in parità; due ace di Colli rilanciano, però il block di Ciso e il suo mani out permettono il break (18-16). La ricezione assiste Tiberti che innesca Esposito, autore anche del muro finale, dopo il recupero ospite (26-24).

Avvio concreto per i bianco blu che con due ace (Esposito e Tiberti) staccano 9-5, ma non riescono a capitalizzare: Galliani chiude uno scambio eterno per il 13-11, ma Colli pareggia con un ace. Il cambio palla di casa rallenta e Walla ne approfitta (14-16). Santa Croce non sbaglia più nulla, mentre l’imprecisione in ricezione dei Tucani influisce sull’attacco e consente il pareggio ospite (20-25).

Il muro toscano ben piazzato fa fare oltremodo fatica ad una Consoli che pare in affanno, soprattutto in prima linea. Walla sigla il sorpasso (11-13 e 16-18), ma Cisolla dai nove mette in difficoltà Prosperi e agguanta il pareggio. Bisi subisce il muro di Festi (19-21) e in contrattacco è Santa Croce a spuntarla, grazie alle buone difese di Acquarone (22-25).

La Kemas è lanciata con Walla (0-4) ma Brescia reagisce con un grande Cisolla che riporta sopra i suoi (6-5). Galliani dai nove e Candeli su una palla vagante strappano, grazie alle difese di Franzoni, il 15-11. Poi di nuovo problemi in cambio palla: Gallo non passa e Santa Croce è lì (16 pari). Arriva un po’ di nervosismo e Brescia subisce la maggiore lucidità ospite (18-21); Cisolla ridà speranza, Esposito blocca Cappelletti per il pari 22. Walla si prende il match ball ed è ancora Esposito a dirgli no la prima volta (24 pari), ma non la seconda (24-26).

I PROTAGONISTI-

Alberto Cisolla  (Gruppo Consoli Brescia)- « Santa Croce ha fatto una grande partita stasera e in gare decisive come questa, dove sei palla su palla sempre, i particolari sono essenziali: te la giochi lì, su qualche situazione in cui noi siamo stati imprecisi ».

IL TABELLINO-

GRUPPO CONSOLI CENTRALE DEL LATTE BRESCIA – KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE 1-3 (26-24, 20-25, 22-25, 24-26)

GRUPPO CONSOLI CENTRALE DEL LATTE BRESCIA: Tiberti 1, Galliani 9, Candeli 7, Bisi 18, Cisolla 13, Esposito 12, Crosatti (L), Orlando Boscardini 0, Franzoni (L), Tasholli 0. N.E. Tonoli, Cogliati, Bergoli, Ghirardi. All. Zambonardi.

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Acquarone 2, Colli 8, Festi 12, Bezerra Souza 32, Cappelletti 15, Copelli 10, Sposato (L), Sorgente (L), Turri Prosperi 0, Robbiati 0. N.E. Caproni, Di Marco, Andreini, Mannucci. All. Montagnani.

ARBITRI: Piperata, Rossi.

NOTE – durata set: 28′, 26′, 28′, 30′; tot: 112′.

SYNERGY MONDOVÌ – AGNELLI TIPIESSE BERGAMO-

Missione compiuta: Bergamo batte la Synergy Mondovì per 3-0 ( 25-21, 25-15, 25-14)  e si aggiudica la vittoria matematica della regular season con tre turni di anticipo!

Non era semplice trovare tutte le motivazioni per questo obiettivo soprattutto dopo i due ultimi turni in campionato quando era arrivata una fase di stanchezza mentale e fisica, con il susseguirsi di impegni dovuti alle fasi di coppa Italia.

Ma i rossoblù tirano fuori la loro miglior prestazione in cui dominano l’avversario dopo un iniziale punto a punto in cui i padroni i casa difendono bene il loro campo, con un Paoletti sempre sugli scudi,(11 punti finale) ma non basta.

Duello sudamericano in regia con Putini, che si distingue per velocità e giocate precise, ma i rossoblù sono più concreti e una volta scaldati, hanno la meglio su tutti i fondamentali con una prestazione corale, con 13 punti di Terpin e Pierotti,lasciando un ampio gap nel risultato finale del secondo set. Nel terzo parziale eccellente prova anche di Umek, Mancin, Signorelli e Ceccato che subentrano sul finale, con Umek che mette a segno 3 punti finali.

Mondovì parte con al centro Marra e Bussolari, in diagonale Paoletti e  Putini  in banda Borgogno e Ferrini, libero Pochini

Bergamo schiera Cargioli-Milesi, in diagonale Finoli-Santangelo, in banda Terpin-Pierotti, libero D’Amico

Parte bene Bergamo con due primi tempi di Milesi e Cargioli, ma Mondovì recupera presto e sorpassa con 3 punti di Paoletti. Marra si porta sul 7-6. Ottimo servizio di Santangelo finalizzato da Finoli 7-8. Pierotti 7-9. Milesi allunga 8-10. Risponde Paoletti, poi Terpin si assicura il break 9-12.Errore in pipe per Pierotti 12-13. Paoletti impatta 13-13. Muro di Cargioli che allunga ancora 13-15.Ferrini spara out per il 13-16.Errore di Borgogno per il 15-19. Paoletti in lungolinea tiene vivo 17-20.Muro di Terpin 18-22. Terpin firma il 19-23, Santangelo mette a terra il 19-24. Chiude Terpin 21-25.

Nel secondo parziale Bergamo parte forte e si porta 3-7 nonostante ottime difese del libero avversario Pochini. Milesi firma il 7-10. Borgogno risponde mettendo a segno l’8-10. Mondovì si porta appresso per l’11-12, poi però Cargioli mura Marra 11-13. Pierotti mura Putini 12-16. Muro su Paoletti 14-20. Entra MIlano su Putini. Terpin 15-22.Ace di Milesi firma il 15-25.

Ottima partenza anche nel terzo parziale 4-8.Bergamo prende il largo, con Finoli che fa ace per il 7-14. Terpin 7-15. Santangelo allunga 9-18. Entra Mancin su Cargioli in battuta. Entra Bosio su Paoletti. Ace di Mancin 9-20. Umek entra su Santangelo. Signorelli su Milesi che fa punto. Umek mani out 12-22. Entra anche Ceccato su Finoli. Ancora Umek per il 13-23. Ancora Umek 13-24.Errore in battuta dei moregalesi e Bergamo vince il match 14-25.

I PROTAGONISTI-

Luca Borgogno (Synergy Mondovì)- «Nel primo set siamo partiti carichi e decisi, come volevamo, ma loro ci hanno tenuto testa e sul finire di set ci hanno superati. In quelli successivi non è andata bene, cercheremo di capire cosa non ha funzionato già per la prossima partita. Loro comunque hanno dimostrato di essere di un livello superiore al nostro. Mi ha fatto piacere rivedere Terpin, è sempre bello giocare contro chi è stato tuo compagno per anni: con lui c’è un ottimo rapporto, è ancora molto legato a tutto l’ambiente monregalese, quest’anno sta facendo davvero un grande campionato».

Jernej Terpin (Agnelli Tipiesse Bergamo)- « Tre punti importantissimi per chiudere il discorso regular season, ora riusciamo a concentrarci su questa finale di Coppa Italia e a preparare bene i play off quindi cambieremo un po’ il lavoro in palestra. Partita altalenante, soprattutto il primo set dove non siamo partiti con l’energia giusta per giocare queste partite dove sai di essere un po’ più avanti dell’avversario però se non metti quell’energia arranchi, invece faccio i complimenti a tutti i miei compagni perchè dal secondo set siamo partiti con l’energia giusta per vincere la partita! ».

IL TABELLINO-

SYNERGY MONDOVÌ – AGNELLI TIPIESSE BERGAMO 0-3 (21-25, 15-25, 14-25)  

SYNERGY MONDOVÌ: Putini 0, Borgogno 4, Bussolari 4, Paoletti 11, Ferrini 2, Marra 6, Fenoglio (L), Pochini (L), Milano 0, Bosio 2, Camperi 0. N.E. All. Barbiero.

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO: Finoli 2, Terpin 13, Cargioli 6, Santangelo 11, Pierotti 14, Milesi 8, Rota (L), D’Amico (L), Umek 3, Ceccato 0, Mancin 1, Signorelli 2. N.E. Sormani. All. Graziosi.

ARBITRI: Prati, Usai.

NOTE – durata set: 23′, 23′, 24′; tot: 70′.

EMMA VILLAS AUBAY SIENA – BCC CASTELLANA GROTTE-

Siena si impone contro la Bcc Castellana Grotte con il punteggio di 3-2 e prolunga la striscia vincente a sette gare consecutive. La squadra di coach Alessandro Spanakis si porta sul 2-0, subisce la rimonta dei pugliesi ma ritrova la forza e la lucidità per imporsi al tiebreak conquistando così altri 2 punti importanti per la propria classifica.

Emma Villas Aubay Siena in campo con Fabroni in cabina di regia e Romanò opposto, Yudin e Panciocco in banda, Zamagni e Barone al centro, Fusco libero. Castellana Grotte risponde con Garnica-Cazzaniga, Ottaviani e Rosso schiacciatori, Erati e Patriarca centrali, De Santis libero.

E’ di Yuri Romanò il primo punto dell’incontro, tra l’altro un punto break. Risponde Ottaviani. Romanò fa 2-1, poi Patriarca mura Panciocco per il 2-2. I pugliesi mettono la testa avanti con Cazzaniga che gioca bene sulle mani del muro senese (4-5). Qualche errore di troppo dei senesi permette alla Bcc di portarsi sul +3 (4-7). Siena recupera con i punti di Yuri Romanò. Bravo Erati che finalizza una veloce anticipando il muro locale (7-9). Il pareggio si materializza qualche minuto più avanti, con la diagonale di Yuri Romanò che finisce proprio sulla riga (13-13). L’opposto di Siena è protagonista anche qualche secondo più tardi, quando realizza l’ace del 14-13. Siena allunga con due punti di pregevole fattura di Igor Yudin (18-16). Rocco Panciocco mette le sue mani sul punto del 20-17. La Bcc si riavvicina con l’ace di Garnica (21-19). Il doppio ace di Ottaviani prolunga il set, ma lo stesso Ottaviani sbaglia poi la battuta facendo terminare il primo parziale sul 25-22.

Nel secondo set si prosegue sul filo dell’equilibrio. Bello lo spunto di Cazzaniga che chiude uno scambio lunghissimo, poco dopo Erati mette le mani sul punto dell’8-7. Da posto 4 Rocco Panciocco è ancora efficace (9-7). Molto bello il muro di Marco Fabroni (10-8), poco dopo lo imita Zamagni.

Igor Yudin firma un pezzo di assoluta bravura per il 14-9. Siena mantiene un buon vantaggio con un gioco offensivo fluido e concreto. Patriarca mette giù una bella veloce e Ottaviani si conferma sempre pericoloso. E’ Rocco Panciocco a siglare il punto del set point (24-20). Romanò chiude il set sul 25-21.

Rocco Panciocco e Igor Yudin mettono giù palloni anche in avvio di terzo parziale: Siena è avanti 6-5. Siena si prende un vantaggio di 3 punti, con Romanò protagonista (11-8). Il muro a due dei pugliesi blocca però dopo l’opposto di Siena (11-10). A tratti il gioco dei senesi è scintillante: Barone appoggia il pallone per il punto del 15-11, il suo pariruolo Zamagni timbra il 16-11. Ancora Barone: 18-13. Ottaviani con l’aiuto del nastro realizza il punto del 19-17. Ancora ace di Ottaviani con l’aiuto del nastro (20-20). Ci pensa ancora Romanò (21-20). La Bcc ribalta tutto con Erati (21-22). Ace di Patriarca (21-23). Rosso timbra il 21-24. Con l’errore di Zamagni in battuta il terzo parziale si chiude sul 22-25.

Nel quarto set fantastico Igor Yudin che vola letteralmente in occasione del punto del 4-1. Patriarca ancora a segno, Rosso mura Romanò (4-4). L’opposto di Siena continua a martellare, il muro di Zamagni è un punto break che vale il 10-8. Bellissimo il pallonetto ancora del solito Romanò, Ottaviani gli risponde (11-11). Castellana Grotte va a segno ancora dal centro, con Erati (15-17). Grande tocco di Garnica per il 17-19. Ottaviani supera nuovamente il muro senese: 17-20. Rocco Panciocco con le sue battute è protagonista del recupero senese, un muro di Barone porta il punteggio sul 22-22. Yudin risponde presente e mette giù il 23-23. Ma ad avere la meglio è la Bcc (23-25).

Il tiebreak inizia con l’ace di Garnica, poco dopo arriva la battuta vincente da nove metri di Ottaviani. Rosso ed Erati mettono giù altri palloni (4-7). Siena torna a -1 con una buona difesa e il contrattacco di Igor Yudin. Si va al cambio campo sul 6-8. Due murate vincenti dei senesi ribaltano tutto (10-9). Rocco Panciocco graffia ed è 11-9. Romanò fa 12. Altro ace di Ottaviani (12-11). Romanò realizza un punto bellissimo e pesantissimo per il 13-11.

Poi si ripete con l’ace del 14-11. Castellana Grotte si riavvicina, Romanò la chiude sul 15-13.

IL TABELLINO-

EMMA VILLAS AUBAY SIENA – BCC CASTELLANA GROTTE 3-2 (25-22, 25-21, 22-25, 23-25, 15-13)

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Fabroni 2, Yudin 17, Zamagni 4, Romanò 38, Panciocco 10, Barone 9, Crivellari (L), Fusco (L), Ciulli 0, Fantauzzo 0. N.E. Della Volpe, Truocchio. All. Spanakis.

BCC CASTELLANA GROTTE: Garnica 4, Ottaviani 20, Patriarca 13, Cazzaniga 13, Rosso 17, Erati 10, De Santis (L), Dall’Agnol Dal Bosco 0, Zonta 0. N.E. Gitto, Palmisano. All. Gulinelli.

ARBITRI: Salvati, Rolla.

NOTE – durata set: 26′, 25′, 26′, 26′, 19′; tot: 122′.

POOL LIBERTAS CANTÙ – SIECO SERVICE ORTONA-

Quarto tie-break consecutivo per il Pool Libertas Cantù. La Sieco Service Ortona ribalta il 2-0 iniziale imponendosi al tie-break. Ottima prova da parte di tutti e tre gli schiacciatori canturini, ben oltre i 20 punti ciascuno e con percentuali alte.

Coach Matteo Battocchio schiera Robert Viiber in regia, Matheus Motzo opposto, Matteo Bertoli e Romolo Mariano schiacciatori, Dario Monguzzi e Federico Mazza al centro, e Luca Butti libero. Coach Nunzio Lanci Deve rinunciare a Diego Cantagalli, quindi spazio a Dario Carelli come opposto, con Matteo Pedron al palleggio, Felice Sette e Michele Marinelli in banda, Michael Menicali e Michele Simoni al centro, ed Alessandro Toscani libero.

Nel primo set il Pool Libertas prova a scappare subito guidata dal suo capitano (5-2). Cantù è attenta in tutte le fasi di gioco, e un attacco out di Carelli convince Coach Lanci a fermare il gioco (11-6). Al rientro in campo l’inerzia del gioco non cambia, e il Coach abruzzese chiama anche il suo secondo time-out in poco tempo (14-7). Questa volta l’interruzione sembra giovare ad Ortona, che piano piano torna sotto (18-14). Pedron mura a uno Bertoli, e il divario tra le squadre è ai minimi termine (21-18). Uno scatenato Monguzzi (6 punti nel parziale) e una contestata invasione di Carelli riportano il distacco tra le squadre dove era prima (25-18). Un muro a uno di Mariano su Carelli consegna il parziale ai suoi (25-19).

Nel secondo set il Pool Libertas parte subito a razzo, con Mariano sugli scudi. In un attimo è 8-3, con Coach Lanci a fermare il gioco. La Sieco Service prova a reagire, ma Motzo ricaccia indietro i tentativi di rimonta (12-6). Cantù gioca bene, l’ingresso di Shavrak per Carelli non sembra scuotere gli abruzzesi, e Coach Lanci chiama il suo secondo time-out (19-13). Al rientro in campo la marcia dei canturini continua, Sette suona la carica, Ortona rosicchia qualche punto, e Coach Battocchio vuole parlarci su (23-19). Al rientro in campo Sette continua a martellare dai nove metri, ma il recupero non riesce. Una battuta out di Fabi consegna il set ai padroni di casa (25-21).

Il terzo set inizia con le squadre che lottano palla su palla e punteggio in perfetto equilibrio. Il primo strappo arriva con il muro di Menicali su Monguzzi, con Coach Battocchio che ferma il gioco (11-13). Un attacco di Marinelli confermato out dal videocheck, e il Pool Libertas torna sotto (13-14). Il cambiopalla della Sieco Service funziona alla perfezione, Carelli mura Bertoli, e Coach Battocchio vuole parlarci su (16-19). I canturini si scuotono, e Bertoli mette a terra la palla della parità a quota 19. Altro strappo di Ortona, con due ace consecutivi di Sette (19-23), e questa volta è quello decisivo. Chiude un errore in costruzione dei padroni di casa (20-25).

Nel quarto set la Sieco Service parte subito a razzo, e in un attimo è 2-7, con Coach Battocchio che ferma tutto. Al rientro in campo il Pool Libertas sembra scuotersi (5-8), ma Marinelli ricaccia indietro gli avversari (6-11). Motzo riporta sotto i suoi (10-13), ma un attacco out di Bertoli riporta il vantaggio esterno a +5 (10-15). Un ace di Mazza permette ai canturini di rosicchiare lo svantaggio (16-19), ma uno scatenato Sette ricaccia indietro i tentativi di rimonta. Cantù non molla, e un attacco di Mariano pare riaprire il parziale (20-21). Nel finale gli ortonesi ci credono di più, un attacco di Carelli manda il match al tie-break (22-25).

Ad inizio quinto set uno scatenato Motzo con due ace consecutivi lancia i suoi 5-2, con Coach Lanci che ferma il gioco. Al rientro in campo la Sieco Service rimette il punteggio in parità a quota 5 con Marinelli. È sempre l’opposto sardo a mettere a terra i due attacchi del nuovo doppio vantaggio canturino (7-5). Si lotta palla su palla, ma un attacco out di Motzo rimette il punteggio in parità a quota 10. Sette continua a martellare ribaltando la situazione, Coach Battocchio chiama due time-out in poco tempo, ma Carelli mette a terra la parallela che consegna set e match ai suoi (13-15).

I PROTAGONISTI-

Matteo  Battocchio (Allenatore Pool Libertas Cantù)- « Secondo me non c’è stato un vero e proprio calo da parte nostra alla fine del secondo set. C’è stato un giocatore avversario che è andato in battuta e ha fatto sfracelli. Quindi quando si perdono set di pochi punti, e con queste modalità è più merito dei nostri avversari che demerito nostro. Certo, noi siamo andati un po’ in difficoltà per questo, abbiamo sbagliato qualcosa, ma penso che abbiamo fatto bene in muro-difesa. Sono sincero: non è un calo prestativo da parte nostra, sono saliti molto loro e abbiamo perso di pochi punti ciascun set: insomma, abbiamo un po’ sbagliato a trovare le contromisure nei momenti chiave ».

Nunzio Lanci (Allenatore Sieco Service Ortona)- «Sicuramente una partita dai due volti. Siamo andati in difficoltà nel primo e nel secondo set. Poi però il nostro carattere è venuto fuori e siamo riusciti a migliorare un in tutti i fondamentali. Questo ha portato Cantù a perdere un po’ della loro sicurezza e noi siamo stati bravi a sfruttare le occasioni che ci si sono presentate. Mercoledì c’è il recupero contro Reggio Emilia. Una gara per noi importantissima. Godiamoci un po’ di meritato riposo prima di prepararci al meglio per questa sfida».

IL TABELLINO-

POOL LIBERTAS CANTÙ – SIECO SERVICE ORTONA 2-3 (25-19, 25-21, 20-25, 22-25, 13-15)

POOL LIBERTAS CANTÙ: Viiber 2, Bertoli 21, Monguzzi 11, Motzo 28, Mariano 20, Mazza 3, Picchio (L), Butti (L), Pellegrinelli 0. N.E. Regattieri, Corti, Malvestiti, Gianotti, Galliani. All. Battocchio.

SIECO SERVICE ORTONA: Pedron 3, Sette 23, Simoni 8, Carelli 16, Marinelli 14, Menicali 13, Pesare (L), Toscani (L), Shavrak 1, Fabi 1. N.E. Rovetto, Del Fra. All. Lanci.

ARBITRI: Armandola, Santoro.

NOTE – durata set: 22′, 28′, 26′, 30′, 19′; tot: 125′.

I RISULTATI-

Emma Villas Aubay Siena-BCC Castellana Grotte 3-2 (25-22, 25-21, 22-25, 23-25, 15-13);

Pool Libertas Cantù-Sieco Service Ortona 2-3 (25-19, 25-21, 20-25, 22-25, 13-15);

Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia-Kemas Lamipel Santa Croce 1-3 (26-24, 20-25, 22-25, 24-26);

Synergy Mondovì-Agnelli Tipiesse Bergamo 0-3 (21-25, 15-25, 14-25);

Conad Reggio Emilia-Cave del Sole Geomedical Lagonegro 3-0 (25-21, 25-21, 25-22);

Prisma Taranto-BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 3-0 (25-20, 25-23, 25-16) Giocata ieri

LA CLASSIFICA-

Agnelli Tipiesse Bergamo 51, Prisma Taranto 35, BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 34, Emma Villas Aubay Siena 33, Conad Reggio Emilia 32, Sieco Service Ortona 31, Kemas Lamipel Santa Croce 29, Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia 27, BCC Castellana Grotte 26, Pool Libertas Cantù 19, Synergy Mondovì 16, Cave del Sole Geomedical Lagonegro 12.

Note: 1 Incontro in più: BAM Acqua S.Bernardo Cuneo, Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia, BCC Castellana Grotte, Pool Libertas Cantù, Synergy Mondovì; 2 Incontri in meno: Prisma Taranto; 1 Incontro in meno: Sieco Service Ortona;

IL PROSSIMO TURNO- 14/03/2021 Ore: 18.00

Conad Reggio Emilia-Emma Villas Aubay Siena;

BCC Castellana Grotte-Prisma Taranto Ore 16:00;

Kemas Lamipel Santa Croce-Sieco Service Ortona;

Cave del Sole Geomedical Lagonegro-Agnelli Tipiesse Bergamo;

Synergy Mondovì-Pool Libertas Cantù Ore 19:00;

Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia-BAM Acqua S.Bernardo Cuneo Si gioca l’ 11/03/2021 ore 18:30

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti