Beach Volley: Ranghieri-Carambula conquistano la semifinale

Ancora un'impresa per la coppia azzurra che nel Major di Porec hanno battuto nei quarti nel quale gli italiani hanno superato i brasiliani Evando-Pedro 2-1 (21-16, 17-21, 16-14). Eliminati invece Lupo-Nicolai superati negli ottavi di finale dalle due leggende brasiliane Ricardo-Emanuel 2-0 (21-14, 21-17).

POREC (CROAZIA)- Non smettono di stupire Alex Ranghieri e Adrian Carambula grandi protagonisti nel Major di Porec (Croazia), dove hanno conquistato l’ingresso in semifinale. Domani gli azzurri nel match che vale l’accesso alla finalissima affronteranno i campioni del mondo olandesi Brouwer-Meeuwsen (ore 11.20). Per i ragazzi di Paulao si tratta di un grande risultato, arrivato al termine di un quarto di finale avvincente, nel quale gli italiani hanno superato i brasiliani Evando-Pedro 2-1 (21-16, 17-21, 16-14), vendicando l’eliminazione del Grand Slam di Mosca. A distanza di una settimana la coppia azzurra si è presa la propria rivincita dopo una sfida molto equilibrata, durata quasi un’ora di gioco. Nel primo set Alex e Adrian sono subito partiti forti dettando il proprio ritmo, con i verdeoro incapaci di replicare. Diverso il copione della seconda frazione, nella quale dopo un allungo iniziale gli azzurri hanno dovuto subire la rimonta dei sudamericani. Emozionante il tie-break con tanti avvicendamenti al comando, prima dello spunto decisivo di Ranghieri-Carambula che hanno chiuso la gara al secondo match point. Per la neo coppia italiana, solamente alla seconda tappa del World Tour insieme, il traguardo della semifinale è il giusto riconoscimento a un torneo sin qui impeccabile, come dimostrato anche negli ottavi di finale contro i russi Semenov-Krasilnikov: regolati di prepotenza 2-0 (21-16, 21-15).

Non è andata altrettanto bene ai Campioni d'Europa Paolo Nicolai e Daniele Lupo, superati negli ottavi di finale dalle due leggende brasiliane Ricardo-Emanuel 2-0 (21-14, 21-17). Gli azzurri non sono riusciti a reggere il ritmo della formazione verdeoro, dovendosi accontentare di chiudere al nono posto il torneo.

Commenti