Corriere dello Sport

Coppe volley

Vedi Tutte
Coppe volley

Volley: C.I. Femminile, in semifinale Conegliano, Modena, Scandicci e Novara

Volley: C.I. Femminile, in semifinale Conegliano, Modena, Scandicci e Novara
© Legavolley Femminile

Questo l'esito delle partite di ritorno. Pochi problemi per Igor e Imoco, che ribadiscono il successo dell'andata, la Savino del Bene capitalizza il vantaggio acquisito in casa a Bergamo. Casalmaggiore sfiora l'impresa contro la Liu Jo ma vanifica la rimonta al tie break

Sullo stesso argomento

 

domenica 8 gennaio 2017 18:40

ROMA- Modena, imponendosi al Golden Set contro Casalmaggiore, Novara che ha ribadito la vittoria dell’andata superando ancora per 3-0 Busto Arsizio, Conegliano che non ha avuto problemi contro Bolzano e Scandicci che, pur sconfitta a Bergamo ha capitalizzato il successo della gara interna, sono le quattro semifinaliste della Coppa Italia Femminile. Questo l’esito delle partite di ritorno.

LE QUATTRO SFIDE-

IGOR GORGONZOLA NOVARA-UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO-

Alla Final Four di Coppa Italia va la Igor Gorgonzola Novara. Dopo il successo per 3-2 al Palayamamay, la formazione di Fenoglio ha legittimato il passaggio del turno con un nuovo successo per 3-0 davanti al pubblico amico. Sostenuta da una straordinaria Barun (30 i punti a tabellino per lei), la Igor è stata brava ad approcciare bene l’incontro, dominando il primo set, e a ribaltare sempre i tentativi biancorossi nei parziali successivi. Le farfalle sono infatti andate vicine alla conquista del secondo set, perso solo ai tiratissimi vantaggi, e non hanno capitalizzato un buon vantaggio nel terzo (incredibile Donà a chiudere con tre ace). Al team di Mencarelli non sono bastati i 22 punti di Valentina Diouf e una buona tenacia difensiva.

Finisce dunque qui l’avventura in Coppa Italia della UYBA, che dovrà ora concentrarsi sul prossimo appuntamento di Cev Cup di giovedì 12. Al Palayamamay sono attese le bulgare del Maritza Plovdiv.

LA CRONACA DEL MATCH-

Mencarelli inizia con Signorile – Diouf, Stufi – Pisani, Martinez – Fiorin, Witkowska libero. Fenoglio parte invece con Cambi – Barun, Chirichella – Bonifacio, Plak – Piccinini, Sansonna libero.

Primo set: Novara parte in quarta con l’ace di Bonifacio (4-1) e il super primo tempo di Chirichella (5-2); Stufi c’è (6-3), ma Cambi di prima e il lungolinea di Barun fanno 8-3. Diouf tenta il recupero (8-5), ma Plak riallunga con potenza (11-6) e Mencarelli ferma il gioco. Diouf trova cambiopalla con il pallonetto del 12-7, Stufi mura il 12-8. Barun mura e attacca (14-8), Diouf attacca e batte bene (14-11) e tiene accesa la speranza; Chirichella riallunga (16-11) e la UYBA chiede il secondo time-out; Diouf e l’ace di Stufi provano a dare la scossa (17-14), ma Cambi e Piccinini fanno 19-14. Barun è scatenata anche a muro (21-17, 23-18), Chirichella chiude (25-20).

Secondo set: Diouf tiene attaccate le farfalle (3-3, 5-4), ma poi sbaglia la pipe che vale il 7-4 piemontese. Martinez si sblocca sul 7-5 e tiene a -1 la UYBA con l’attacco del 9-8; Diouf e Pisani trovano il pari (10-10), ma Barun non ci sta (13-11) ed allunga con l’ace del 16-12 che fa chiamare tempo a Mencarelli. Fiorin trova cambiopalla (16-13), ma Novara avanza ancora con Chirichella (18-14); Martinez e Diouf accelerano (18-16), Signorile serve bene e propizia il 18-17, di nuovo Barun interrompe la striscia biancorossa (19-17). La UYBA non molla e grazie a una super Diouf pareggia e sorpassa (21-23). Stufi si guadagna un set ball (23-24), ma Novara c’è, combatte e nei tiratissimi vantaggi (dentro Pietersen per la Igor) ha la meglio grazie all’errore finale di Diouf (29-27).

Terzo set: Fenoglio lascia in campo Pietersen per Piccinini, e l’avvio questa volta è pro-UYBA (2-4 Diouf). Stufi mura il 2-5, Plak regala il 3-7 e per Novara entra Dijkema per Cambi in regia. Martinez allunga (3-8 tempo Igor) e mette a segno i punti biancorossi fino al 6-11. Le farfalle mollano un attimo e le padrone di casa sono subito lì, con Plak che firma l’ace del 10-12. Pietersen attacca bene il 13-14, poi Barun regala il 13-16 e Martinez in pallonetto fa chiamare tempo a Fenoglio (13-17). Diouf in pipe tiene alte le quotazioni UYBA (14-18, dentro berti per Pisani), ma Barun non ci sta e fa interrompere il gioco a Mencarelli sul 17-20.  Il coach biancorosso chiama ancora tempo sul 20-22 (muro Barun), ma Novara recupera e con tre ace consecutivi di Donà, appena entrata in campo, chiude i conti (25-23).

I PROTAGONISTI-

Marco Mencarelli (Allenatore Unet Yamamay Busto Arsizio)-  « In questo momento Novara è più forte di noi. Se una squadra ci batte tre volte su tre non c’è dubbio su questa cosa. In ogni caso non mi è piaciuto come abbiamo chiuso il secondo e terzo set, e su questo lavorerò con la squadra. Sono deluso certo, ma siamo in corsa per la Cev Cup e per il campionato. Il primo obiettivo è comunque ritrovare continuità in allenamento ».

IL TABELLINO- 

IGOR GORGONZOLA NOVARA – UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 3-0 (25-20, 29-27, 25-23)

IGOR VOLLEY NOVARA: Alberti, Cambi 4, Plak 9, D’Odorico ne, Donà 3, Pietersen 6, Bonifacio 5, Chirichella 4, Sansonna (L), Piccinini 4, Dijkema, Zannoni ne, Barun 30. Battuta: errori 10, punti 9. Muri 10. All. Fenoglio, 2° Micoli.

UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Sartori ne, Stufi 7, Signorile 1, Cialfi ne, Spirito ne, Fiorin 3, Witkowska (L), Martinez 7, Diouf 22, Moneta, Berti, Negretti, Pisani 2. All. Mencarelli, 2° Musso. Battuta: errori 4, punti 1. Muri 6.

ARBITRI: Cappello – Zucca

SPETTATORI: 2500 circa (300 da Busto Arsizio)

FOPPAPEDRETTI BERGAMO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI -

Nella storia della pallavolo è entrata di diritto la Savino Del Bene Volley conquistando la Final 4 di Coppa Italia dopo aver eliminato nel doppio confronto dei quarti di finale, le  campionesse in carica della Foppapedretti.

Tutto il roster toscano ha partecipato alla doppia vittoria contro Bergamo. Una vittoria costruita con un gran gioco corale e con un grande spirito di sacrificio in tutti i fondamentali. Naturalmente, non è mancata la grinta di Chiappafreddo che ha incitato le sue ragazze accompagnando anche l’ultima palla cascata sul parquet di Bergamo.

LA CRONACA DEL MATCH-

Coach Chiappafreddo sceglie il sestetto che nella gara d’andata che si è imposto 3 a 0 sulla formazione orobica. Solo Crisanti nel roster scandiccesi non è al meglio delle condizioni ma è comunque a disposizione. Inizio di set molto equilibrato con la Savino Del Bene che cerca di scappare con le martellate di Havlickova e i muri di una splendida Arrighetti.  Rondon è superlativa a muro: 10-6 e coach Lavarini corre ai ripari. La squadra esprime un gioco corale, limitando gli errori: Cruz difende con un bagher da manuale della pallavolo, Rondon pennella per “Flo” che mette a terra l’11 a 6 con una piazzata spinta in parallela. Bergamo non ci sta e grazie alla potenza di Skowronska, ai muri di Popovic e ai colpi di Gennari riesce a confezionare un break di 7 a 1: ribaltato il punteggio, 13 a 12. Il tulipano Meijners sboccia in battuta: ace e due battute di rara potenza riportano a +3 Scandicci. Havlickova usa il muro, 18 a 15. Cruz, oltre ad essere perfetta in difesa e ricezione, gioca d’astuzia col muro in attacco: nuovo break, 19 a 15. Attacco di Meijners dalla seconda linea, 20 a 16.  Rondon è bravissima ad aprire il muro e a servire Cruz senza muro, 21 a 17. Lo Bianco alza in questo momento solo per Skowronska ma ha ragione: 21  a  20. La Foppa non molla. Pallavolo bella e spettacolare. La Dea Adenizia sale in cielo per murare sulla solita Skowronska, 23 a 20. Havlickova in diagonale, 24 a 21. Magia di Rondon, la migliore in campo, regala un traguardo storico alla Savino Del Bene: finta di primo tempo su Adenizia su una ricezione di Merlo e palla che casca sul parquet di Bergamo. Punto di Merlo, magia di Rondon, la regista perfetta del film “Final 4” di Scandicci.

 Coach Chiappafreddo cambia ed inserisce Valentina Zago al posto di Havlickova. Il risultato non cambia: le ragazze di Scandicci sulle ali dell’entusiasmo continuano a macinare gioco e con il primo tempo di Adenizia Da Silva trovano il 9-4. La Foppapedretti Bergamo prova a reagire spinta dal suo pubblico raggiungendo il pareggio sull’11-11. Coach Chiappafreddo chiama il time out per spezzare il ritmo avversario: adesso si procede punto a punto. Altro break della Savino Del Bene Volley: due punti consecutivi di Adenzia Da Silva e le ospiti volano sul 16-13. La Foppa tenta di tornare in partita in questa seconda frazione di gioco e coach Chiappafreddo inserisce Loda per Cruz. Sara Loda firma il 20-17 trovando i tre metri avversari dopo uno splendido recupero di piede di Valentina Arrighetti. Floortje Meijners passa di forza nel muro di Bergamo per il 23-18. Muro di da Silva e la Savino Del Bene ha a disposizione 6 set point, ma Meijners sfrutta subito il primo chiudendo il parziale sul 25-19.

Quarto set più combattuto con le bergamasche sempre in vantaggio. Valzar di cambi da  parte di entrambi che danno spazio a tutto il roster. La Savino Del Bene raggiunge la parità con gran muro di Zago su Partenio (11-11). La Foppa prova a vincere il set e a prolungare il match, ma la Savino Del Bene Volley è viva e la partita si anima: si procede punto a punto (19-19). Splendida fast di Adenizia Da Silva per 20-20. Zago con un muro vincente riporta la Savino avanti nel momento più importante (21-20). Loda sfrutta le mani del muro e la Savino va sul +2: 22-20 per le scandiccesi. Bergamo non molla e torna in parità sul 22-22, ma Adenizia trova in primo tempo risponde subito. Bella alzata di Scacchetti per Zago per il 24-23. Zago di nuovo e la Savino ha a disposizione il secondo match point. Bergamo non molla, Sylla trova il 25-25 ed il muro di Mori regala il set point alle padrone di casa. Muro a tre di Bergamo su Zago e la Foppa trova la vittoria nel terzo set sul 27-25.

Bellissimo inizio di quarto set di Sara Loda che con Scacchetti conferma una bellissima intesa, è con una sua diagonale che la Savino Del Bene si porta sul 10-5. Bel primo tempo di Da Silva, 11 a 7. Torna sotto La Foppa con Skowroska grazie a una potente diagonale, 13-12 Scandicci. Sara Loda si ricorda di essere Campione d’Italia, 15 a 14 grazie a uno splendido pallonetto. Questa volta è Lavarini a eseguire un valzar di cambi. Bergamo sbagliando meno si porta sul 19-18, partita che cala d’intensità. Torna in campo Rondon per Scacchetti. Bergamo vuole il tie break, Skowronska griffa il 23-19 e subito dopo con una splendida parallela trova il set point! Partenio chiude il quarto set sul 25-19.

Tie-break: Sbaglia Zago, 1 a 0. Popovic scatenata mura ancora Zago, 3 a 0. Partenio palleggia sul campo di Scandicci, 4 a 0. Loda con grinta usa le mani del muro, 4 a 1. Entra Giampietri per Loda. Sylla passa in diagonale stretta, 7 a 2. Bergamo vuole rendere mano amara la serata, Scandicci dopo la qualificazione gioca con meno grinta. Il tie-break scivola nelle mani di Bergamo, ma la storia oggi l’ha fatta la Savino Del Bene! Nella Final4 ci aspetterà nella semifinale Modena vincitrice su Casalmaggiore.

IL TABELLINO-

FOPPAPEDRETTI BERGAMO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI    3-2 ( 23-25, 19-25, 27-25, 25-19, 15-7)

FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Mori 5, Santana (l), Partenio 12, Popovic 14, Gennari 4, Cardullo, Guiggi 6, Venturini ne, Paggi ne, Lo Bianco 1, Sylla 15, Skowronska 29. Allenatore: Lavarini.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Crisanti ne, Zago 19, Havlickova 5, Da Silva 16, Loda 10, Merlo (l), Cruz 7, Giampietri, Scacchetti, Arrighetti 8, Meijners 10, Rondon (k) 2. Allenatore: Chiappafreddo.

ARBITRI: Zanussi, Lot 

SPETTATORI: 1400

VBC POMI’ CASALMAGGIORE – LIU JO NORDMECCANICA MODENA:-

In semifinale va la Liu Jo Nordmeccanica Modena al termine di una sfida che ha tenuto con il fiato sospeso fino alla fine. Risultato meritato per le ragazze di Gaspari, in virtù dell’esito del doppio confronto, ma quanti rimpianti per la Pomì Casalaggiore che sfiora l’impresa davanti a 2912 spettatori. Le rosa vincono 3-0 ma perdono il Golden Set quando ormai la rimonta sembrava completata.

LA CRONACA DEL MATCH-

Il primo set parte in sostanziale equilibrio, il primo muro lo mette a segno Jovana Stevanovic in un blocco a tre giocatrici su Brakocevic e siamo 3-2. Casalmaggiore prova a scappare ma una bella fast di Heyrman ristabilisce le distanze: 5-4 Pomì. Due recuperi straordinari di Imma Sirressi purtroppo però sfortunati nell’azione del 6-5. Guerra accelera e il tocco a muro di Modena è fuori: 10-7 Pomì e coach Gaspari è costretto a chiamare il primo time out di giornata. Come da pronostico, la squadra ospite non molla e ha in Brakocevic la vera e propria bocca da fuoco, ma prima Stevanovic e poi Fabris portano il risultato sul 14-9. Lauren Gibbemeyer stoppa le velleità di Brakocevic, dopo una protesta della serba nei confronti dell’arbitro, e fa 18-9. Un errore di Fabris in ricezione porta Modena a 12 e coach Caprara chiama time out. Fabris e compagne sembrano averne davvero di più, caricate da un’autentica bolgia, e con un ace l’opposto croato chiude la prima frazione 25-15. Top scorer primo set: Fabris 9, Brakocevic 5. Stevanovic 4 muri.

L’inizio della seconda frazione vede sì equilibrio ma con Casalmaggore sempre a condurre per una-due lunghezze di distanza. Stevanovic blocca Bosetti C. e mette a terra il 10-7 Pomì, subito dopo Guerra sigla un ace fortunato e sul 11-7 coach Gaspari è costretto a chiamare il time out. Bosetti L. con un pallonetto velenosissimo mette a terra il 14-9 e manda Lloyd in battuta. Il primo ace delle ospiti è di Belien, fortunato quanto quello di Guerra precedentemente: 14-11. Sul 16-12 sale capitan Tirozzi per Gibbemeyer al servizio. Dopo una bella diagonale di Guerra che sigla il 17-13, Fabris mette a terra un altro ace: 18-13 Pomì e coach Gaspari chiama un altro time out. La pausa chiesta dal coach di Modena però non sortisce gli effetti sperati e così ancora l’accoppiata diagonale Guerra – ace Fabris porta Casalmaggiore 20-13.  Le ragazze di coach Caprara impongono il loro ritmo di gioco ancora una volta su una Liu Jo in ripresa e Gibbemeyer mette a terra il 25-19. Top Scorer secondo set: Guerra 6, Belien-Heyrman-Bosetti C. 3

La terza frazione parte con l’ennesimo muro (il settimo finora!) di Stevanovic e il terzo ace di Samanta Fabris: 2-0 Pomì. Fabris dimostra di avere tra i propri colpi non solo le staffilate ma gioca di fino e con un pallonetto mette a terra il 3-1. Il muro di Casalmaggiore oggi è insormontabile e Gibbemeyer mette a terra il 5-2. La Liu Jo però tiene duro il più possibile e prima con Bosetti C. poi con un muro di Heyrman riacquistano la parità 6-6. Lucia Bosetti trova il primo ace personale siglando il 8-6. Brakocevic Canzian sigla un ace e riacciuffa la parità 8-8. Modena si porta per la prima volta nella partita con un ace di Heyrman 11-12 ma le diagonali di Anastasia Guerra oggi fanno davvero male e si ricomincia dal 12-12. Il ritmo è intensissimo, quello delle grandi occasioni, e Gibbemeyer mura Bosetti C., sigla il 15-13 e coach Gaspari chiama time out. Sirressi recupera qualsiasi cosa, probabilmente la gara migliore finora del libero di Casalmaggiore. Anastasia Guerra, davvero in palla, schiaccia a terra prima il 20-16 e poi 21-17, 22-17 e 23-17! Casalmaggiore ha tanta più benzina in corpo e Stevanovic mette a terra il pallone del 25-19. Top scorer terzo set: Guerra-Fabris 6, Brakocevic-Bosetti C. 4

Golden Set. L’ultima e decisiva frazione di gioco parte in equilibrio ma ad altissimo libello di gioco. Belien blocca Lucia Bosetti e porta la Liu Jo avanti 4-2, ma Gibbemeyer accorcia subito le distanze. Ancora Gibbemeyer e poi Fabris riportano in vantaggio Casalmaggiore 5-4 e coach Gaspari è costretto a chiamare time out. Fabris con una diagonale sigla l’8-6 e si va al cambio di campo con Lauren Gibbemeyer in battuta. Heyrman con una bella fast mantiene vive le speranze di Modena siglando il 9-8 ma un errore in battuta riporta Casalmaggiore avanti 10-8. Strepitoso lo scambio dell’11-9 con salvataggi da cardiopalma di Sirressi e Tirozzi. Un errore di Gibbemeyer però riporta Modena in pareggio 11-11 e coach Caprara è costretto a chiamare time out. L’equilibrio regna sovrano e siamo 14 pari, ma il muro di Casalmaggiore porta in vantaggio le rosa. Caterina Bosetti però riacciuffa la parità. Un errore di Stevanovic (che terminerà con 8 muri all’attivo) regala il 16-15 Liu Jo e coach Caprara chiama time out. Guerra si infrange sul muro modenese ma la palla finisce fuori: 16-16. Proprio Guerra però fallisce la battuta e Caterina Bosetti sigla il definitivo 18-16 Liu Jo. La Pomì vince per 3-1 ma è la Liu Jo Nordmeccanica Modena ad approdare alle Final Four.

I PROTAGONISTI-

Giovanni Caprara (Allenatore Pomì Casalmaggiore)- « Non ho nulla da rimproverare alle ragazze se non i tanti errori del golden set. Nei primi tre set abbiamo giocato benissimo. Purtroppo paghiamo il risultato dell’andata ».

Lucia Bacchi (Pomì Casalmaggiore)-  « Abbiamo giocato forse la partita migliore del campionato, però purtroppo è andata male. La qualificazione l’abbiamo persa nell’andata ».

Marco Gaspari (Allenatore Liu Jo Normeccanica Modena)- « Casalmaggiore ha fatto una partita mostruosa e noi una partita terribile nei primi tre set. Io ho detto subito al termine della gara andata che loro oggi ci avrebbero aggredito sin da subito, l’importante era provare a portare a casa il primo set dove loro avrebbero avuto più pressione, ma poi hanno preso fiducia e per noi è diventato difficile giocare. Non abbiamo sicuramente fatto una performance all’altezza, ma per come è stata la gara d’andata oggi non ce l’hanno permesso. Ho chiesto alla squadra alla fine di ogni set di non scomporsi, di vivere punto per punto senza pensare al risultato e la cosa che mi rende davvero felice ed orgogliose della squadra e dello staff, che anche oggi mi ha aiutato tanto, è aver visto un Golden Set combattuto punto a punto, senza mai mollare sotto ogni punto di vista. La condizione di Ozsoy? Adesso clinicamente è ok, però la condizione non è ottimale perché è ferma da oltre due settimane ed ha fatto solo due allenamenti di recente. La risposta che ha dato oggi il gruppo dopo aver provato tutto quello che potevo è stata quella che ogni allenatore vorrebbe vedere, penso che sia stata una vittoria di staff e di tutte le dodici atlete perché chi è entrata, uscita, è rimasta in panchina ha sempre dato una mano ».

IL TABELLINO-

VBC POMI’ CASALMAGGIORE – LIU JO NORDMECCANICA MODENA: 3-1 (25-15, 25-19, 25-19, 16-18)

VBC POMI’ CASALMAGGIORE: Lloyd 3, Sirressi (L), Gibbemeyer 10, Bosetti L. 10, Guerra 14, Fabris 26, Stevanovic 13. Non entrate: Bacchi, Turlea, Gibertini (L), Tirozzi, Susic. All. Caprara

LIU JO NORDMECCANICA MODENA: Brakocevic Canzian 15, Belien 7, Valeriano, Heyrman 10, Leonardi (L), Marcon 3, Bosetti C. 13, Ferretti 1, Ozsoy 3, Bianchini. Non entrate: Petrucci, Garzaro. All. Gaspari

IMOCO CONEGLIANO-SUDTIROL BOLZANO-

L’Imoco Volley dopo il 3-0 conquistato a Bolzano nella gara di andata, grazie al bis di staserasi qualifica per la Final Four di Coppa Italia che si giocherà ai primi di marzo e centra così un altro dei suoi obiettivi stagionali nella “prima” del 2017 al Palaverde.
Nel pre-partita è stata presentata la nuova attaccante statunitense dell’Imoco, Nicole Fawcett, che torna nel campionato italiano dopo la parentesi a Novara dello scorso anno ed esordirà con il n°14 nella prima di ritorno di campionato.

LA CRONACA DEL MATCH-

L’Imoco, con il sestetto obbligato causa infortuni, parte subito forte con un break 6-3 propiziato da un punto direttamente dalla…difesa di Moki De Gennaro che brinda così al suo 30° compleanno. Le battute al fulmicotone di Samantha Bricio e gli attacchi di capitan Ortolani tengono avanti le Pantere di casa, ma Bartsch e compagne tengono bene restando a contatto. Cella, sempre puntuale, una Bricio esplosiva e le giocate ad alta quota di De Kruijf permettono a Conegliano di allungare (12-7). Sarà il break decisivo per la squadra di coach Mazzanti che poi deve solo controllare il rientro di Bolzano, che ci prova pon Popovic e Bauer, ma deve cedere 25 . Pratica-qualificazione chiusa in un batter d’occhio dall’Imoco Volley in virtu’ del 3-0 dell’andata e appuntamento alla F4 di Coppa Italia.
Dal secondo set la partita è praticamente un allenamento agonistico tra le due squadre: coach Mazzanti getta nella mischia l’applauditissima Jenny Barazza al centro (per De Kruijf) e Lia Malinov al palleggio (per Skorupa), e la squadra di casa continua a macinare gioco e a tenere un ritmo alto. Due punti in attacco
e un muro dell’ “eterna” Barazza danno il là alla fuga delle padrone di casa (10-6). Ma la difesa e il ritmo di Bolzano restano di alto livello, Bratsch e Popovic concretizzano i bei recuperi delle compagne e la squadra altoatesina puo’ agganciare con un bel break a quota 13 e poi sorpassa fino al 13-15 siglato da Papa. Ma l’Imoco non molla, un muro di Barazza regala il pareggio a quota 17, poi Bricio (9 punti nel set) e Cella permettono alle Pantere di allungare (19-17). Il set si fa molto intenso, belle difese e attacchi che alzano il ritmo: Bertone pareggia 20-20 a muro. Bolzano allunga con l’ace di Pincerato (21-23). L’Imoo annulla due set point dal 22-24, poi Brascht sbaglia e regala un set point all’Imoco: Poi è Sanja Popovic ad annullarne due all’Imoco. Dopo un batti e ribatti, Barazza ancora a muro (3 nel set) sigla il 29-28, poi Serena Ortolani la imita e mette giu’ il block del 2-0 (30-28).
Si inizia il terzo set ancora con un muro di Barazza, MVP del match, per un’Imoco Volley che resta sul pezzo e allunga subito, con un muro sempre più ermetico, fino al 12-7. Anche coach Salvagni attinge alla sua panchina con Bertone e Spinello, e approfitta di qualche errore di troppo delle Pantere per ritornare sotto (13-12), con la panchina di casa che chiede time out. In uscita si scatena Bricio con due smash consecutivi (15-12), poi Barazza in primo tempo. Il muro e Bricio (21 punti) colpiscono ancora e l’Imoco vola via. La squadra di Mazzanti insiste con cinismo e va a cogliere così, oltre alla qualificazione, anche la decima vittoria consecutiva iniziando alla grande il 2017 in vista delmatch di mercoledì a Modena per la Champions.

I PROTAGONISTI-

Jenny Barazza (Imoco Conegliano)- « Ero emozionata come all’esordio con l’Under 18 per questo ritorno in campo, mi sono divertita e ringrazio le mie compagne che mi hanno aiutata a prendere ritmo, è andata bene. Ma il livello dei nostri allenamenti è talmente alto che è quasi automatico che chi entra in campo dalla panchina sia pronto a giocare e possa dare un ottimo contributo. Continuiamo a vincere e questo è importante, ora abbiamo raggiunto anche le Finali di Coppa Italia e ci prepariamo per questo mese di gennaio con tantissimi impegni e partite ogni tre giorni che saranno un bel banco di prova ».

Valeria Papa (Sudtirol Bolzano)- « Purtroppo la nostra occasione l’abbiamo persa nellandata a Bolzano, il 3-0 che abbiamo subito non era veritiero e ci mangiamo le mani ancora per le occasioni sprecate. Avessimo vinto uno o due set potevamo giocarcela, invece qui dopo il primo set la partita era finita anche se abbiamo combattuto ancora. Comunque ci teniamo quanto di buono fatto finora e ci concentriamo su un girone di ritorno di campionato dove se continuiamo a giocare così, specie in casa nostra, potremo toglierci belle soddisfazioni ».

IL TABELLINO-

IMOCO CONEGLIANO-SUDTIROL BOLZANO 3-0 (25-18,30-28,25-16)
IMOCO CONEGLIANO Ortolani 11, Bricio 21, Malinov 2, Cella 9, Fiori , De Gennaro 1, Skorupa 1, Danesi 8,De Kruijf , Barazza 7. Ne Costagrande. All. Mazzanti
SUDTIROL BOLZANO Bertone 1, Bruno , Spinello 1, Papa 13, Pincerato 2, Popovic 7, Bartsch 9, Zambelli 4. All. Salvagni
ARBITRI: Luciani e Rolla
SPETTATORI: 3.415
durata set: 29′,36′,24′
note: battute sbagliate Imoco 5, Sudtirol 7; Aces:5-7 ; Muri 10-5; Errori Punto: 13-12. MVP: Barazza

I RISULTATI DELLE GARE DI RITORNO-

Pomì Casalmaggiore-Liu Jo Nordmeccanica Modena 3-1 (25-15, 25-19, 25-19, 16-18); Foppapedretti Bergamo-Savino Del Bene Scandicci 3-2 (23-25, 19-25, 27-25, 25-19, 15-7);

Imoco Volley Conegliano-Sudtirol Bolzano 3-0 (25-18, 30-28, 25-16);

Igor Gorgonzola Novara-Unet Yamamay Busto Arsizio 3-0 (25-20, 29-27, 25-23)

GLI ACCOPPIAMENTI DELLE SEMIFINALI-

Savino Del Bene Scandicci-Liu Jo Nordmeccanica Modena;

Imoco Volley Conegliano-Igor Gorgonzola Novara

L’ALBO D’ORO RECENTE-

2000/01 Capo Sud Reggio Calabria
2001/02 Edison Modena
2002/03 Despar Perugia
2003/04 Asystel Novara
2004/05 Colussi Perugia
2005/06 Radio 105 Foppapedretti Bergamo
2006/07 Colussi Perugia
2007/08 Foppapedretti Bergamo
2008/09 Scavolini Pesaro
2009/10 MC-Carnaghi Villa Cortese
2010/11 MC-Carnaghi Villa Cortese
2011/12 Yamamay Busto Arsizio
2012/13 Rebecchi Nordmeccanica Piacenza
2013/14 Rebecchi Nordmeccanica Piacenza
2014/15 Igor Gorgonzola Novara
2015/16 Foppapedretti Bergamo

Articoli correlati

Commenti