Volley: Supercoppa Italiana, Trento è la prima finalista
© Legavolley
Coppe volley
0

Volley: Supercoppa Italiana, Trento è la prima finalista

Nella prima semifinale vittoria meritata per 3-0 (25-22; 25-21; 26-24) della formazione di Lorenzetti su Perugia Campione d'Italia, davanti al pubblico del Pala Barton

PERUGIA- Ancora non smaltita la sbornia Mondiale si torna subito in campo. AL Pala Barton di Perugia si assegna il primo trofeo stagionale: la Supercoppa. Nella prima semifinale sono proprio i padroni di casa, gli scudettati della Sir Safety Perugia, a scendere in campo per primi affrontando l’Itas Trentino. A dimostrazione di quanto sarà incerta ed avvincente la stagione che sta per partire c' è il risultato a sorpresa che è scaturito al termine dei tre set. Ad imporsi e a guadagnare la finalissima sono gli uomini di Lorenzetti che si impongono 3-0 (25-22; 25-21; 26-24) al termine di un match in cui Giannelli e compagni hanno dimostrato di essere più avanti nella preparazione rispetto alla formazione umbra, e una maggiore concentrazione nei momenti importanti della partita. Nelle file della squadra di Bernardi a corrente alternata sia Leon che l’ex Lanza, mentre nell’Itas, guidata con grande abilità da Giannelli in regia, tutti hanno dato il proprio contributo per portare a casa un risultato che non è solo prestigio ma che regala a Lisinac e soci la possibilità di giocare domani per la conquista del prestigioso trofeo.

LA CRONACA DEL MATCH-

La Sir Safety Conad padrona di casa nello starting six conta su De Cecco in regia, Atanasijevic opposto, l’attesissimo Leon e Lanza (alla prima contro Trento) schiacciatori, Ricci e Podrascanin centrali, Colaci libero. Angelo Lorenzetti risponde con miglior sestetto possibile, che prevede Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Kovacevic e l’ex di turno Russell in banda, Candellaro e Lisinac al centro e Grebennikov libero.

Ad impattare meglio sulla partita è l’Itas Trentino, che con Giannelli e Rusell stampa subito due muri sugli attacchi di Leon (4-1); Perugia non si disunisce e recupera immediatamente lo svantaggio (6-6). I gialloblù hanno però grande compattezza in fase di break point e con Vettori, Lisinac e Giannelli (ace) provano a scappare di nuovo (14-11), ma gli umbri con Leon ora in palla scrivono di nuovo la parità a quota diciannove. Il rush finale è nel segno di Kovacevic (21-19) e Lisinac (24-22), spunti che consegnano il primo set già sul 25-22 (errore a rete di Lanza).

Il buon momento trentino continua anche nel secondo set, con i gialloblù che trovano il vantaggio sul 6-4 e lo tengono intatto anche nella parte centrale del parziale (13-11) grazie all’ottima fase di cambiopalla impostata di Giannelli. Kovacevic e Grebennikov in fase di break si esaltano spingendo i compagni al massimo vantaggio (18-14, time out Bernardi). Alla ripresa però il muro di Uros e quello di Lisinac aumentano il gap (22-16), prima che Leon cerchi di ricompattare la situazione (22-19, tempo di Lorenzetti). A scrivere il 2-0 (25-21) ci pensano i cambiopalla dell’ex di turno Russell.

Nel terzo set Perugia prova a reagire col servizio di Leon, che a suon di ace firma il 5-8; Trento replica sino al 13-14, prima di un’altra battuta punto (13-16) di De Cecco sul neo entrato Van Garderen (per Kovacevic). Nel momento più difficile sono le difese di Grebennikov e i contrattacchi di Russell ad aiutare i gialloblù a trovare la parità a quota 18. Anche in questo caso si va allo sprint e decide un ace del subentrato Nelli (26-24) dopo che Trento aveva annullato una palla set a Perugia.

I PROTAGONISTI-

Lorenzo Bernardi (Allenatore Sir Safety Perugia)- « Il percorso quest’anno sarà molto difficile, lo sapevamo dall’inizio ed oggi ne abbiamo avuto la dimostrazione. Dobbiamo pensare a lavorare e ripartire. Oggi ci è mancato il muro soprattutto nei primi due set ed abbiamo trovato tante difficoltà nel cambio palla. Non facciamo drammi abbiamo perso una partita, andiamo avanti. Domani onoreremo la finale per il terzo posto ».

Massimo Colaci (Sir Safety Conad Perugia)- « Abbiamo sofferto un po’ troppo sul cambio palla, sia per qualche ricezione sbagliata che per alcune scelte non felici in attacco. Trento è stata più brava nelle situazioni difficili e ha attaccato meglio le palle scontate imponendosi ».

Angelo Lorenzetti (Allenatore Itas Trentino)-  « Da parte mia c’è la felicità che accompagna ogni successo, ma dobbiamo lavorare perché siamo all’inizio di un percorso e gli acuti dei singoli hanno fatto la differenza. Si possono dire tante cose, ma c’è un solo dato di fatto ed è la vittoria ».

Simone Giannelli (Itas Trentino)- «Oggi è stata la vittoria del gruppo, tutti hanno dato un contributo importante. Per vincere contro Perugia bisognava fare una partita fenomenale, ci siamo riusciti. Io ho fatto il mio ma sono orgoglioso soprattutto di quello che hanno dato in campo tutti i miei compagni. Non abbiamo fatto ancora nulla, domani sarà dura, qualunque sia l’avversaria. Molti di noi non si sono riposati dopo il Mondiale ma avevamo il desiderio di tuffarci in questa nuova avventura e la voglia di vincere non mi manca davvero ».

IL TABELLINO-

 SIR SAFETY CONAD PERUGIA-ITAS TRENTINO 0-3 (22-25, 21-25, 24-26)

SIR SAFETY CONAD: Podrascanin 3, De Cecco 1, Leon 15, Ricci 9, Atanasijevic 15, Lanza 5, Colaci (L); Seif,Galassi, Della Lunga, Hoogendoorn, Piccinelli. N.e. Berger. All. Lorenzo Bernardi.

ITAS TRENTINO: Vettori 9, Russell 9, Candellaro 5, Giannelli, Kovacevic 16, Lisinac 6, Grebennikov (L); Van Garderen, Nelli 1. N.e. Cavuto, Daldello, De Angelis e Codarin. All. Angelo Lorenzetti.

ARBITRI: Puecher di Padova e Lot di Treviso.

DURATA SET: 28’, 27’, 34; tot. 1h e 29’.

Vedi tutte le news di Coppe volley

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti