Volley: Supercoppa Italiana, il primo trofeo lo alza Modena
© Legavolley
Coppe volley
0

Volley: Supercoppa Italiana, il primo trofeo lo alza Modena

Spettacolare finale che la squadra di Velasco vince al tie break 3-2 (25-23; 25-19; 16-25; 18-25; 15-8) dopo essere andata avanti 2-0 ed aver subito la rimonta di Trento

PERUGIA- Al termine di una bellissima e combattuta finale l’Azimut Modena alza il primo trofeo della stagione, la Supercoppa Italiana, avendo ragione dell’Itas Trento al tie break 3-2 (25-23; 25-19; 16-25; 18-25; 15-8). Il match ha vissuto in altalena con Modena padrona del campo nei primi due set e Trento che non ha mollato ed è stata capace di pareggiare i conti. La formazione di Velasco però ha saputo ritrovare la concentrazione e riprendere in mano le redini del match fino alla vittoria.

LA CRONACA DEL MATCH-

Angelo Lorenzetti conferma anche per la Finale la formazione che aveva utilizzato per buona parte del match di venticinque ore prima contro Perugia: Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in banda, Candellaro e Lisinac al centro e Grebennikov libero. L’Azimut Leo Shoes Modena proposta da Velasco prevede Christenson in regia, Zaytsev opposto, Bednorz e Urnaut schiacciatori, Anzani e Holt centrali, Rossini libero. L’inizio di match è tutto nel segno di Modena, che con Bednorz si porta subito sull’1-4 e dà l’idea di essere subito in partita; col muro e la battuta di Giannelli Trento però ci impiega poco a recuperare l’avversario e a mettere la freccia sul 9-6. Modena recupera con Zaytsev (10-10) e poi mette di nuovo la freccia (11-13), prima che si scateni Russell che quasi da solo firma con attacco e servizio un nuovo strappo importante (17-14). Zaytsev replica al suo ex compagno di squadra (19-20, time out Lorenzetti). Il rush finale è regolato da Bedznorz, che porta i suoi sul +4 (20-24) e poi chiude i conti sul 23-25, dopo che l’Itas Trentino aveva avuto la forza di annullare tre palle set.
Sull’onda dell’entusiasmo Modena parte alla grande anche nel secondo set, sfruttando al massimo la potenza del proprio servizio, a volte fortunato (ace con l’aiuto del nastro per il 3-5) ed altre invece decisamente potente (6-10). L’Itas Trentino soffre tremendamente in ricezione e lascia spazio agli spunti avversari che volano veloci verso il 2-0 (7-13, 10-16, 17-22 e 19-25) senza che i trentini riescano effettivamente ad impensierire gli avversari, trascinati dal loro opposto.
Trento prova a reagire in avvio di terzo parziale, poggiandosi sul suo servizio e sul muro (8-3). Giannelli è bravo al servizio ed insiste bene su Russell e Lisinac (11-5). Modena non sembra avere le forze per reagire, sbanda (16-10), prova rientrare in partita (19-15) con Zaytsev ma poi cede nettamente per 25-16 grazie alle stoccate decisive di un Vettori in crescita e del solito Russell.
Nel quarto set si torna a giocare punto a punto (6-5), sino a quando non si scatena Kovacevic che quasi da solo firma il +3 (11-8). Holt non ci sta e con la battuta scrive la nuova parità (11-11), prima che Giannelli sempre col servizio scriva un nuovo promettente vantaggio (15-12). L’Azimut Leo Shoes smarrisce la strada del cambiopalla anche perché Vettori e Lisinac diventano spietati a rete ed in battuta; in un attimo i gialloblù accelerano ancora (20-14) e vincono a mani basse anche il periodo, chiuso già sul 25-18.

Il tie break ritrova l’Azimuti aggressivo e vincente dei primi due set. Dalle mani di Christenson (premiato come MVP della partita) sono usciti i servizi giusti per Zaytsev e soci che, grazie anche a muro e servizio, sono riusciti a spegnere la strenua resistenza dei ragazzi di Lorenzetti.

I PROTAGONISTI-

Julio Velasco (Allenatore Azimut Modena)- « I giocatori se lo sono meritato, sono stati bravissimi a rimanere in partita dopo aver perso male terzo e quarto set, questo vuol dire che abbiamo giocatori con la testa giusta, capaci di giocare una palla alla volta con pazienza, senza farsi condizionare. Siamo partiti bene, poi abbiamo avuto un calo ma loro sono cresciuti mettendoci in difficoltà, soprattutto con Giannelli in battuta e con il muro. Quello che mi è più piaciuto dei miei giocatori è stata la forza mentale, la parte tecnica si può migliorare ma il giusto atteggiamento è un punto di partenza importantissimo. Ora dobbiamo gestire i giocatori reduci dal Mondiale,  ci godiamo il successo, due giorni liberi per tutti e poi torneremo a lavorare per il campionato ».

Ivan Zaytsev (Azimut Leo Shoes Modena)- « E’ una bellissima vittoria del gruppo. L’avvio è stato grintoso come in Semifinale e abbiamo incanalato la gara sui binari giusti, poi è arrivato un calo. Ci può stare in questa fase dell’anno. Bravi noi a riprenderci nel momento clou ».

Angelo Lorenzetti (Allenatore Itas Trentino)-« Stasera i complimenti vanno divisi fra le due squadre, a Modena per la bella pallavolo fatta vedere nell’arco del match ma anche ai miei ragazzi perché hanno lottato sino alla fine, ritrovando il bandolo della matassa dopo una partenza in salita. Con così poco lavoro insieme non era scontato farlo ed invece ci siamo riusciti. Le cose da migliorare non mancano ma durante questo weekend abbiamo dimostrato di poter stare fra le grandi del campionato ed è da questa convinzione che bisogna ripartire ».

Jenia Grebennikov (Itas Trentino)- « E’ stata una finale di supercoppa molto intensa: modena è andata avanti di due set soprattutto grazie alla battuta, poi è toccato a noi. Alla fine loro hanno avuto un po’ di energia in più: d’altronde il quinto set si gioca su poche palle ».

IL TABELLINO-

AZIMUT LEO SHOES MODENA-ITAS TRENTINO 3-2 (25-23, 25-19, 16-25, 18-25, 15-8)

AZIMUT LEO SHOES: Urnaut 10, Anzani 5, Zaytsev 25, Bednorz 11, Holt 10, Christenson 6, Rossini (L); Mazzone 2, Kaliberda 3, Pierotti. N.e. Benvenuti, Van Der Ent, Pinali, Keemink All. Julio Velasco.

ITAS TRENTINO: Kovacevic 14, Lisinac 10, Vettori 12, Russell 21, Candellaro 7, Giannelli 7,Grebennikov (L); Van Garderen 2, Nelli, Cavuto, Codarin. N.e. Daldello, De Angelis. All. Angelo Lorenzetti.

ARBITRI: Goitre di Torino e Simbari di Milano.

DURATA SET: 32’, 25’, 25’, 25’, 17’; tot. 2h e 4.

NOTE: 4.050 spettatori, incasso 64.000 euro. Azimut Leo Shoes: 7 muri, 10 ace, 18 errori in battuta, 7 errori azione, 48% in attacco, 40% (27%) in ricezione. Itas Trentino: 12 muri, 9 ace, 16 errori in battuta, 8 errori azione, 49% in attacco, 41% (25%) in ricezione.

Mvp Christenson (Azimut Modena)

L'ALBO D'ORO-

1996

Alpitour Traco Cuneo

1997

Casa Unibon Modena

1998

Sisley Treviso

1999

TNT Alpitour Cuneo

2000

Sisley Treviso

2001

Sisley Treviso

2002

Noicom Bre Cuneo

2003

Sisley Treviso

2004

Sisley Treviso

2005

Sisley Treviso

2006

Lube Banca Marche Macerata

2007

Sisley Treviso

2008

Lube Banca Marche Macerata

2009

CoprAtlantide Piacenza

2010

Bre Banca Lannutti Cuneo

2011

Itas Diatec Trentino

2012

Lube Banca Marche Macerata

2013

Diatec Trentino

2014

Lube Banca Marche Treia

2015

DHL Modena

2016

Azimut Modena

2017

Sir Safety Conad Perugia

2018                Azimut Leo Shoes Modena

Vedi tutte le news di Coppe volley

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti