Coppe volley
0

Supercoppa: Trento batte Civitanova in rimonta

Nella gara di andata della semifinale la squadra di Lorenzetti, finalmente davanti al suo pubblico, va sotto due set ma non molla e si impone al tie break 3-2 (21-25, 25-19, 16-25, 25-21, 15-9)

Supercoppa: Trento batte Civitanova in rimonta
© Legavolley

TRENTO- Ci si aspettava (finalmente !) grande spettacolo, e così è stato alla BLM Arena di Trento per la semifinale di andata di Supercoppa fra Itas Trentino e Cucine Lube Civitanova, due grandi del nostro campionato che tornavano in campo stasera per una partita ufficiale dopo il lungo stop a causa dell’emergenza Coronavirus. Le due formazioni, una profondamente rinnovata (Trento), l’altra con De Cecco in regia al posto di Bruno rispetto alla scorsa stagione, hanno dato vita ad un match tirato e combattuto fino all’ultima palla che ha fatto spellare le mani al pubblico che ha potuto assistere dal vivo al match. L’ha spuntata Trento, capace di rimontare per due volte mettendo in mostra un super Aziz (autore di 20 punti), un Podracanin già in forma campionato ed un positivo Kooy tra i più continui nel corso di tutto il match. La Lube ha giocato, nonostante la sconfitta un eccellente partita trascinata dai soliti Junatorena, Leal e Simon ma è forse mancata nel momento topico del tie break. La gara di ritorno si giocherà domenica prossima 20 settembre (ore 17.30) all’Eurosuole Forum

LA CRONACA DEL MATCH-

L’Itas Trentino si ripropone di fronte ai propri tifosi (contingentati) con un sestetto modificato per sei settimi rispetto alla scorsa stagione; senza Lisinac (in tribuna) e Lucarelli (in panchina ma inutilizzabile) l’unica conferma è quella di Giannelli in regia. Tutti nuovi gli altri: Nimir opposto, Cortesia e Podrascanin centrali, Kooy e Michieletto in banda e Rossini libero. Civitanova si presenta alla BLM Group Arena con De Cecco al palleggio, Rychlicki opposto, Leal e Juantorena schiacciatori, Anzani e Simon al centro, Balaso libero. L’impatto migliore sulla partita lo hanno i padroni di casa che con super Nimir (subito tre punti) si porta immediatamente sul 5-3; Juantorena e Simon ricompongono in fretta il mini-break (6-6). L’Itas Trentino con Cortesia guadagna un nuovo +2 (9-7), prima che un’invasione a rete di Michieletto non porti alla nuova parità a quota dodici. La Cucine Lube mette la freccia con Osmany (13-14), Trento non perde contatto (16-17) prima di subire l’ace di Leal che costringe, sul 18-20, Lorenzetti ad interrompere il gioco. Alla ripresa però un altro ace del brasiliano ed un muro del neoentrato Hadrava allargano ulteriormente la forbice (18-22); gli ospiti proteggono il vantaggio (20-24) e vanno al cambio di campo sul 21-25. 
La reazione dei gialloblù nel secondo set passa dai servizi potenti di Kooy (4-2) e da quelli ricchi di variazioni di Giannelli (8-4), con Podrascanin che inizia a far sentire il suo peso al centro della rete. Anche Michieletto partecipa positivamente alla fase di break point (attacco ed ace) e l’Itas Trentino dilaga (11-5), senza interrompere la propria corsa. Anzi, con Nimir ispirato in attacco i padroni di casa vanno addirittura sul +7 (17-10) e poi anche sul +8 (19-11), vantaggio che consente alla squadra di Lorenzetti di gestire senza problemi il finale di set (22-16 e poi 25-19) nonostante un tentativo di ritorno nel match della Lube.
Sull’onda dell’entusiasmo Trento parte bene anche nella terza frazione, sfruttando l’ace di Michieletto e la continuità in attacco di Nimir (3-0 e 6-4), ma la Cucine Lube con Leal e Simon risponde immediatamente (7-8). Con muro e contrattacco i cucinieri tornano ad avere in mano le redini del gioco e guadagnano progressivamente vantaggio, sfruttando anche la classe di Juantorena e De Cecco (9-11, 11-14). Sul 13-19 (muro di Simon su Nimir) gli ospiti sono in assoluto controllo del set, che si assicurano già sul 16-25 (altro muro, stavolta su Michieletto).
Il quarto periodo torna ad essere equilibrato per merito dei gialloblù che, subito sotto 6-8, con Nimir tornano a lottare sul punto a punto (11-11). Kooy ritrova la vena in attacco e Michieletto regala un altro ace pesante per il 15-12, che costringe De Giorgi ad interrompere il gioco. Alla ripresa il divario non muta (18-15), poi la Lube sfrutta un errore di Kooy (19-18); Podrascanin rilancia i suoi con un primo tempo su ricostruita (23-20) e poi difende definitivamente il vantaggio acquisito (25-21).
Il tie break vede l’Itas Trentino attingere a tutte le sue energie (5-3) e con Michieletto accelera ancora (8-5). Ci pensa Nimir con ace e battuta ad indirizzare definitivamente la partita per il versante gialloblù (11-7, 13-8 ed infine 15-9).

I PROTAGONISTI-

Angelo Lorenzetti (Allenatore Itas Trentino)- « E’ stata una bella partita, magari con fasi alterne, ma dobbiamo essere felici per questo inizio. La vittoria è per il pubblico che, seppur in numero limitato, ha trasmesso grande calore. Per quel che riguarda la serie, sicuramente il pallino del gioco lo ha in mano ancora Civitanova; tuttavia potevamo andare ancora più in difficoltà se avessimo perso in quattro o cinque set ».

Fefè De Giorgi (Allenatore Cucine Lube Civitanova)- « Questa è una sfida su due partite, è stata subito battaglia come sapevamo. Ci sono delle cose che possiamo e dobbiamo fare meglio, merito a Trento che ha saputo spingere in certi momenti mentre noi dobbiamo migliorare il nostro livello di gioco in generale, a partire dalla battuta ma anche la capacità di resistere e giocare punti lunghi. Adesso ci prepariamo per la prossima sfida, dobbiamo far tesoro di ogni passo che facciamo per presentarci sempre meglio ».

IL TABELLINO-

ITAS TRENTINO-CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-2 (21-25, 25-19, 16-25, 25-21, 15-9)

ITAS TRENTINO: Abdel-Aziz 20, Kooy 18, Cortesia 8, Giannelli 3, Michieletto 9, Podrascanin 12, Rossini (L); Sperotto 1, Argenta, De Angelis, Sosa Sierra.  N.e. Acuti, Bonatesta.  All. Angelo Lorenzetti.

CUCINE LUBE: De Cecco, Juantorena 16, Anzani 9, Rychlicki 10, Leal 19, Simon 14, Balaso (L); Hadrava 3, Kovar 1, Yant, Diamantini 1. N.e. Marchisio, Larizza, Falaschi. All. Ferdinando De Giorgi.

ARBITRI: Boris di Pavia e Puecher di Padova.

DURATA SET: 27’, 27’, 24’, 29’, 15’; tot 2h e 2’.

NOTE: 869 spettatori, per un incasso di 8.230 euro. Itas Trentino: 7 muri, 13 ace, 20 errori in battuta, 4 errori azione, 49% in attacco, 64% (36%) in ricezione. Cucine Lube Civitanova: 10 muri, 5 ace, 26 errori in battuta, 3 errori azione, 57% in attacco, 57% (27%) in ricezione. Mvp Abdel-Aziz.

Tutte le notizie di Coppe volley

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti