Coppe volley
0

Coppa Italia: Monza e Milano ai quarti, incertezza nel Girone B

Nella seconda giornata, dopo il successo della squadra di Piazza nell'anticipo, nel Girone A arriva quello dei brianzoli sul campo di Verona. Nel secondo raggruppamento Padova domina contro Piacenza, Ravenna sgambetta Latina a domicilio

Coppa Italia: Monza e Milano ai quarti, incertezza nel Girone B
© Legavolley

ROMA-Primi verdetti nei due gironcini degli ottavi di Coppa Italia. Nel Girone A i successi di Milano e Monza, rispettivamente a Vibo e Verona, chiudono i giochi sui nomi delle due qualificate ai quarti. Più intricata la situazione nel Girone B dove sono in tre a sperare nella qualificazione, Padova in testa a 5 punti, Ravenna con 4 e Latina con 3. Tagliata fuori soltanto Piacenza, deciderà l’ultimo turno in programma mercoledì sera.

GIRONE A-

NBV VERONA – VERO VOLLEY MONZA-

Parte subito col piede giusto la stagione 2020-2021 della Vero Volley Monza. Con la vittoria per 3-2 firmata all’AGSM Forum di Verona contro la NBV Verona, la prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley si qualifica ai quarti di finale della Del Monte® Coppa Italia. Prestazione maiuscola quella messa in campo dalla squadra di Soli nel secondo match della Pool A della competizione nazionale. I lombardi sono capaci di approcciare col turbo i primi due parziali, trainati da un gioco fluido e divertente. La ricezione e la difesa tengono il servizio e l’attacco scaligero, Holt mura con tempismo i tentativi dei padroni di casa e Sedlacek e Lagumdzija martellano con continuità. Sembra che i veneti siano in down, ed invece con Kaziyski e Boyer si galvanizzano andando a conquistare il terzo e quarto parziale con generosità. Monza però è brava a mantenersi lucida e a non sciupare le occasioni capitategli nel tie-break. Guidata da un incontenibile Dzavoronok (MVP finale con 29 punti, 3 ace ed il 62% in attacco), la squadra rossoblù si regala il successo ed il matematico passaggio del turno (la gara di mercoledì contro Milano metterà in palio il primo posto nel Girone A).

Subito break Vero Volley Monza con il velenoso turno al servizio di Dzavoronok (anche un ace per lui), 3-0. Palla out di Boyer, giocata di Lagumdzija e Stoytchev chiama time-out sul 7-3 per i lombardi. Asparuhov e Caneschi cercano di riavvicinare i veronesi (10-6), ma tre lampi di Lagumdzija intervallati da due muri di Holt (su Caneschi e Boyer) portano la Vero Volley sul 17-8. Boyer e Kaziyski firmano il break NBV (18-11) ma i monzesi continuano a macinare gioco e punti, allontanandosi con Dzavoronok e grazie alla palla out di Kaziyski, 20-11. Invasione di Verona dopo il punto di Sedlacek, poi Caneschi dal centro per i padroni di casa (22-13). Monza non sbaglia quasi nulla, sfrutta il vantaggio e chiude il primo gioco, 25-16, con Holt.
Nel secondo set Jaeschke in campo al posto di Asparuhov per Verona e si parte in equilibrio (4-4). Nuovamente monzesi più lesti a firmare il break con due assoli di Sedlacek e una magia di Dzavoronok (7-4). Muro di Sedlacek su Boyer, poi giocata di Jaeschke a tenere in corsa Verona, ma Lagumdzija in evidenza a regalare il più cinque Monza (12-7) e costringere Stoytchev al time-out. Invasione del muro di Verona dopo la fiammata di Sedlacek, con Monza che continua a martellare con precisione,16-9. I padroni di casa si appoggiano all’ace di Kaziyski e al lampo centrale di Aguenier per provare a rincorrere, ma i monzesi sono davvero in giornata di grazia (muro di Orduna su Jaeschke), 20-12. Dentro Peslac per Spirito in regia tra i veronesi: ancora muro di Orduna su Jaeschke (23-13). Kaziyski a bersaglio per gli scaligeri ma Lagumdzija chiude il primo gioco per la Vero Volley, 25-15.
Nuovo set e questa volta break di Verona con Kaziyski e l’errore di Holt (4-1). L’americano di Monza però si rifà prontamente, Sedlacek lo imita bene per due volte, Boyer sbaglia e Lagumdzija piazza l’ace: filotto di cinque punti degli ospiti e sorpasso, 6-4. Sedlacek a consolidare il break Vero Volley per due volte (9-7 e 11-8),  ma Kaziyski mura Lagumdzija (11-9). La NBV infila tre punti consecutivi con Boyer e Kaziyski e passa avanti, 13-12, ma i monzesi non perdono lucidità e tornano in vantaggio con il primo tempo di Holt, 14-13 e Stoytchev chiama time-out. Alla ripresa del gioco ace di Lagumdzija, poi attacco centrale di Holt al quale risponde Jaeschke per Verona, ma i monzesi sono avanti con Dzavoronok (18-16). Caneschi tiene viva Verona (20-18), brava prima a piazzare la parità con Kaziyski e Boyer (20-20) e poi il sorpasso con il fallo di Galassi, 21-20 e Soli chiama time-out. Alla ripresa del gioco Verona sale d’intensità con Boyer, Beretta prende il posto di Galassi, ma gli scaligeri chiudono il gioco 25-22.

Si riparte con i sestetti iniziali del set precedente: Boyer e Caneschi piazzano il break Verona, 5-3. Boyer sale d’intensità in fase offensiva trainando i suoi (7-5), Dzavoronok risponde per i monzesi, accompagnandoli alla parità con due giocate importanti, 8-8. Mani fuori di Boyer e nuovo più due NBV Verona (10-8), capace di allungare con Kaziyski (12-9) e Soli chiama time-out. Dzavoronok inizia a pungere in attacco, ma Kaziyski gli risponde sia in attacco che al servizio (ace), 14-10. Sedlacek suona la carica dei lombardi in attacco e a muro, poi Beretta prende il posto di Galassi (14-12 Monza). Qualche errore in battuta per parte accompagna il gioco sul 17-15 per Verona, poi dentro Brunetti per Sedlacek. Dzavoronok martella bene, Kaziyski fa lo stesso ed è 19-16 NBV. Dzavoronok e Holt portano la Vero Volley a meno uno, 19-18, e Stoytchev chiama la pausa. Holt mura Boyer ed è 19-19, poi punto a punto fino al 26-26 (Dzavoronok e Lagumdzija annullano quattro set-point ai veneti), momento in cui  il muro di Jaeschke su Lagumdzija regala il gioco i padroni di casa, 28-26.

Beretta confermato al centro per Galassi tra le fila di Monza e Dzavoronok apre il quinto gioco con due ace consecutivi (2-0). Sedlacek e Dzavoronok martellano bene per i lombardi (4-2), capaci di chiudere in vantaggio al cambio di campo nonostante la reazione scaligera guidata da un super Kaziyski e Jaeschke, 8-6. Dentro anche Brunetti per Sedlacek a rinforzare la ricezione lombarda. Due assoli di Dzavoronok valgono il 10-6 Vero Volley ed il time-out NBV Verona. Finale tutto monzese con Orduna e Lagumdzija a regalare set, 15-8, e gara 3-2 alla squadra di Soli.

I PROTAGONISTI-

Thomas Jaeschke (NBV Verona )- « Abbiamo liberato la testa dopo il secondo set, mi è piaciuto come abbiamo risposto, mi sento bene in campo, con i compagni, e quando la partita ha cominciato a girare nel verso giusto è una bellissima sensazione che mi mancava da tempo, ecco cosa voglio tenermi di oggi. Adesso pensiamo subito a mercoledì, giochiamo ancora, abbiamo perso ma c’è stata una bella risposta di carattere. Non ho giocato per tanto tempo, quindi penso a tante cose diverse da mettere a posto, ma in campo penso di meno e faccio, sentendomi più sicuro. È frustrante, ovviamente, ma loro hanno giocato bene, hanno sbagliato poco, adesso sta a noi migliorare ».

Santiago Orduna (Vero Volley Monza)- « Da come era cominciata la gara ci aspettavamo di chiuderla in tre set e con i tre punti. Loro però nel roster hanno giocatori fortissimi e la resistenza che hanno fatto era da aspettarsela. Siamo stati molto bravi a tornare in partita nel quarto set e ad approcciare il tie-break con determinazione dopo aver subito una rimonta. Oggi siamo stati davvero in palla in attacco, sbagliando poco e non abbiamo mollato mai: queste sono state le chiavi che ci hanno regalato il passaggio ai quarti di finale e che saranno fondamentali durante tutta la stagione ».

IL TABELLINO-

NBV VERONA – VERO VOLLEY MONZA 2-3 (16-25, 15-25, 25-22, 28-26, 8-15) NBV VERONA: Spirito 0, Kaziyski 23, Aguenier 8, Boyer 18, Asparuhov 2, Caneschi 5, Donati (L), Bonami (L), Peslac 0, Jaeschke 5. N.E. Zanotti, Magalini. All. Stoytchev.

VERO VOLLEY MONZA: Orduna 4, Dzavoronok 29, Galassi 5, Lagumdzija 24, Sedlacek 19, Holt 11, Brunetti (L), Federici (L), Beretta 1, Calligaro 0. N.E. Falgari, Ramirez Pita. All. Soli.

ARBITRI: Frapiccini, Luciani.

NOTE – durata set: 22′, 23′, 31′, 34′, 15′; tot: 125′.

MVP: Donovan Dzavoronok (Vero Volley Monza)
Spettatori: 250

LA CLASSIFICA DEL GIRONE A-

Allianz Milano 6, Vero Volley Monza 5, NBV Verona 1, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 0.

IL PROSSIMO TURNO 23/09/2020 Ore: 20.30-

Allianz Milano-Vero Volley Monza Ore 18:00; NBV Verona-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia

GIRONE B-

TOP VOLLEY CISTERNA – CONSAR RAVENNA-

Una splendida Consar, eccellente in ogni fondamentale e sicura in ogni frangente di gara, guidata da un Redwitz ispiratissimo, che porta meritatamente in Romagna il premio da Mvp, stende la Top Volley, incassa il primo successo di questa nuova annata agonistica e sale a 4 punti nel girone B di Coppa Italia, mostrando un’evidente crescita di condizione, gioco e ritmo, che fa ben sperare in vista del debutto in SuperLega di domenica prossima contro Piacenza, che sarà avversario anche mercoledì 23 al Pala De Andrè nell’ultimo turno del girone di Coppa.

Si parte con gli stessi sestetti che i due coach hanno utilizzato nella precedente partita. Subito Consar con due ace di Grozdanov e Pinali per l’1-4 ospite. Poi ancora Grozdanov e Pinali e un muro molto efficace creano i presupposti per il +5 (4-9). Il time-out di Tubertini scuote i suoi e la Top si rifà sotto (9-11). Guidata da Redwitz, che disegna trame di gioco molto varie, la Consar allunga ancora trovando punti un po’ da tutti i giocatori. Ravenna prende il largo e porta a casa con pieno merito il primo set (16-25) con un tocco di seconda di Redwitz e un considerevole 58% in attacco.
Il secondo set si sviluppa punto a punto fino a quota 7, poi la Consar trova il break con Pinali e Recine per il +2 Ravenna, subito neutralizzato. La squadra di Bonitta ci riprova (12-10) con Recine e Mengozzi ma la Top Volley non lascia scappare gli avversari. Mengozzi e Loeppky propiziano il terzo allungo (19-21) ma dopo il time-out Cisterna riacciuffa la parità a quota 22. La Consar non si scompone, rimette la freccia e va a prendersi anche il secondo set con una bordata di Pinali.
Consar scatenata e in fiducia: un errore avversario e un muro di Grozdanov scrivono il 3-5 e il primo allungo del terzo set, poi Loeppky firma tre punti consecutivi che lanciano la fuga per la vittoria per una Consar che difende di tutto e di più e contrattacca con grande precisione ed efficacia, vanificando ogni tentativo di rimonta dei padroni di casa, che riescono a risalire solo fino al -4 (19-23). Redwitz suggella la sua prestazione superlativa mettendo giù il pallone del match.

I PROTAGONISTI-

Lorenzo Tubertini (Allenatore Top Volley Cisterna)- « Non voglio che venga presa come una giustificazione ma è un po’ di tempo che non riusciamo a dare intensità all’allenamento per la mancanza di alcuni elementi, ma rispetto a Ravenna avevamo un ritmo di gioco inferiore, abbiamo fatto molti errori e non siamo riusciti a fare una cosa positiva. Li temevo molto per la loro organizzazione difensiva, servono molto bene e hanno portato a casa molto di più di quello che mi aspettavo. Ora voglio stare tranquillo e analizzare molte cose e pensare che ci potremo riprovare e continuare a lavorare con quel ritmo di lavoro che eravamo riusciti a ottenere fino a una settimana prima della partita con Piacenza. Un lavoro da sviluppare in palestra che ci ha dato la possibilità di esprimerci a quei livelli. La battuta è stata estremamente fallosa, ci aspettavamo di brillare ancora di più e invece ci siamo caricati di errori dai quali non siamo riusciti a recuperare Gli avversari hanno giocato con il braccio libero e la partita s’è messa subito bene per loro ».

Marco Bonitta (Allenatore Consar Ravenna)- « I ragazzi hanno giocato una grande partita, di attenzione e di sacrificio ma anche con quel gioco corale che deve venire fuori nei momenti importanti. Una bella prova d’orchestra in cui anche chi ha uno strumento meno importante è riuscito a suonarlo intonato, a servizio dell’orchestra. Esultiamo per una partita andata molto bene ma dobbiamo rimanere molto umili ed evitare di andare fuori giri. Dobbiamo lavorare ancora ma nello stesso tempo ci dobbiamo provare. Oltre alla vittoria ci portiamo a casa grande autostima. Sappiamo che se giochiamo bene le chances le possiamo anche trovare. Dobbiamo continuare con la determinazione mostrata questa settimana ».

IL TABELLINO-

TOP VOLLEY CISTERNA – CONSAR RAVENNA 0-3 (16-25, 23-25, 20-25)

TOP VOLLEY CISTERNA: Sottile 1, Tillie 8, Szwarc 5, Onwuelo 9, Randazzo 9, Krick 3, Rondoni (L), Rossi 2, Cavuto 4, Cavaccini (L), Rossato 0. N.E. Sabbi, Seganov. All. Tubertini.

CONSAR RAVENNA: Redwitz 3, Loeppky 9, Grozdanov 7, Pinali 16, Recine 11, Mengozzi 6, Giuliani (L), Pirazzoli (L), Koppers 1, Kovacic (L), Zonca 0, Arasomwan 0, Batak 0. N.E. Stefani. All. Bonitta.

ARBITRI: Zavater, Canessa.

NOTE – durata set: 25′, 31′, 31′; tot: 87′.

MVP: Rafael Redwitz (Consar Ravenna)
Spettatori: gara giocata a porte chiuse

KIOENE PADOVA – GAS SALES BLUENERGY PIACENZA-

Gara intensa alla Kioene Arena come intenso ed emozionante è stato rivedere il pubblico bianconero sugli spalti. La Kioene Padova fa la voce grossa vincendo la seconda gara degli ottavi di Del Monte© Coppa Italia grazie a un ottimo Stern, eletto MVP e al coraggio del canterano Bottolo. Piacenza, quando può, mette in difficoltà i padroni di casa con l’ottima prova di Grozer (15 punti).
Inizio di gara che vede la Kioene Padova allungare grazie a un buon lavoro corale del sestetto di Cuttini e braccia e gambe ancora tiepide dei piacentini (8-4). L’ace di Grozer su Vitelli riporta la parità alla Kioene Arena: è 10-10. Il videocheck conferma in campo l’ace di Milan per il 21-17. E’ proprio il trevigiano, dopo un turno in battuta positivo, a chiudere il primo parziale sul 25-19 con un attacco da seconda linea.
La battuta vincente di Shoji apre il sipario sul secondo set. Sul 16-13 Padova mantiene il vantaggio soprattutto grazie ai colpi di Stern e all’attenzione della seconda linea bianconera, tanto che coach Gardini ferma il gioco. Il neo entrato Merlo, subentrato al capitano Kioene Volpato, segna l’ace del 21-16. Sul -2 di Piacenza (22-20) Cuttini ferma il gioco. Il punto del 22 pari è la battuta vincente di Grozer. Il tocco furbo di Hierrezuelo chiude il set in favore dei piacentini per 23-25.
Doppio ace di Grozer al rientro in campo. Piacenza allunga sull’8-12 con la Kioene Padova poco precisa a muro e in ricezione. -1 bianconero con il muro vincente di Wlodarczyk, mentre la schiacciata di Stern riporta la parità. La Kioene Padova torna avanti, 17-15, grazie al muro di Volpato e all’attacco di Bottolo. Il muro a 3 su Bottolo segna il primo set point per Piacenza. Fine set concitato con il giallo a Grozer dopo la conferma del tocco a muro di Piacenza (25-24). L’invasione ospite decreta il 2-1 bianconero per 26-24.
La Kioene Padova, galvanizzata dal set precedente, entra in campo affamata; il muro di Shoji segna il 10-8 bianconero e Cuttini dà ancora fiducia al giovane Bottolo. La diagonale di Grozer segna il -1 di Piacenza, mentre il 16-16 porta la firma di Izzo, Cuttini interrompe il gioco. Il videocheck conferma il 21-19 Kioene ma Piacenza torna vicina, 22-21, complice il tocco di Shoji. Il muro di capitan Volpato chiude la gara sul 25-21 in favore della Kioene Padova.

I PROTAGONISTI-

Mattia Bottolo (Kioene Padova)- « Sono tre punti importantissimi perché ci danno molta energia ed è quella di cui abbiamo bisogno per tutta la stagione. Siamo una squadra giovane e quindi in questa sfida partivamo da sfavoriti. Piacenza è tra le formazioni top del campionato. Non potevamo scegliere esordio migliore in casa ».

Trevor Clevenot: (Gas Sales Bluenergy Piacenza): « Oggi è mancato tutto. Non riusciamo a giocare di squadra. Dobbiamo spingere e lavorare per trovare feeling tra di noi. Non riguarda la tecnica o  fondamentali. Adesso torneremo in palestra per cercare di trovare una vittoria che possa servire a cambiare questo trend ».

IL TABELLINO-

KIOENE PADOVA – GAS SALES BLUENERGY PIACENZA 3-1 (25-19, 23-25, 26-24, 25-21)

KIOENE PADOVA: Shoji 4, Wlodarczyk 10, Vitelli 6, Stern 21, Milan 9, Volpato 8, Gottardo (L), Danani La Fuente (L), Merlo 1, Bottolo 10. N.E. Canella, Fusaro, Ferrato, Casaro. All. Cuttini.

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA: Hierrezuelo 6, Clevenot 2, Polo 8, Grozer 22, Russell 5, Tondo 0, Fanuli (L), Scanferla (L), Antonov 10, Botto 0, Izzo 1, Candellaro 3. N.E. Shaw. All. Gardini.

ARBITRI: Rapisarda, Caretti.

NOTE – durata set: 24′, 28′, 38′, 25′; tot: 115′.

MVP: Toncek Stern (Kioene Padova)
Spettatori: 275
Incasso: 1769,70 euro

LA CLASSIFICA DEL GIRONE B-

Kioene Padova 5, Consar Ravenna 4, Top Volley Cisterna 3, Gas Sales Bluenergy Piacenza 0.

IL PROSSIMO TURNO 23/09/2020 Ore: 20.30-

Consar Ravenna-Gas Sales Bluenergy Piacenza; Kioene Padova-Top Volley Cisterna

 

 

 

Tutte le notizie di Coppe volley

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti