Coppa Italia di A2: passano S.G.In Marignano, Macerata e Brescia

Nei tre quarti di finale in gara unica giocate stasera vittorie interne per le squadre di Barbolini e Beltrami. Il colpaccio lo firmano le marchigiane di Paniconi che conquistano la semifinale espugnando Mondovì
Coppa Italia di A2: passano S.G.In Marignano, Macerata e Brescia
TagsOmagBalducciBanca Valsabbina

ROMA- Sono Omag – Mt S.Giov. In Marignano, Balducci Hr Macerata e Banca Millenium Brescia a festeggiare l’ingresso nelle semifinali di Coppa Italia di A2 Femminile. Le partite dei quarti giocate stasera hanno visto il successo di due formazioni di casa, la Omag che ha superato agevolmente il Green Warriors Sassuolo, e la Banca Valsabbina Brescia che l’ha spuntata dopo dura lotta e dopo essere stata in svantaggio, sulla CDA Talmassons. Colpo esterno e qualificazione per la Balducci che ha espugnato in quattro set il campo di Mondovì. Da giocare ancora Eurospin Ford Sara Pinerolo-Futura Volley Giovani, rinviata per i casi di Covid che hanno investito la squadra biancorossa.

OMAG – MT S.GIOV. IN MARIGNANO – GREEN WARRIORS SASSUOLO-

Impiega un’ora e tre minuti di gioco l’Omag-MT San Giovanni in Marignano per superare 3-0 la Green Warriors Sassuolo e qualificarsi alle semifinali di Coppa Italia. Le romagnole vanno sotto 3-11 e 8-16 in avvio di partita poi recuperano e vincono 25-22 la prima frazione. Il resto sarà un monologo delle ragazze di Barbolini che giganteggiano a muro (9-5) e soprattutto nel fondamentale del servizio (10 aces a 2). L’Omag-MT fa la voce grossa con la classe di Ortolani (17 punti, 4 muri) e quella di Bolzonetti (13 punti, 53% in attacco), mentre Bonvicini alza il livello della ricezione (42% perfetta). Nel Sassuolo nessuna giocatrice va in doppia cifra.
Gara iniziata con un’ora di ritardo a causa di problemi di viabilità autostradale che hanno costretto Sassuolo ad arrivare con ritardo al PalaMarignano. In semifinale Omag-Mt affronterà la CBF Balducci HR Macerata.

IL TABELLINO-

OMAG – MT S.GIOV. IN MARIGNANO – GREEN WARRIORS SASSUOLO 3-0 (25-22 25-13 25-6)

OMAG – MT S.GIOV. IN MARIGNANO: Mazzon 9, Turco 4, Brina 7, Consoli 3, Ortolani 17, Coulibaly 1, Bonvicini (L), Bolzonetti 14, Ceron 2, Biagini, Aluigi. Non entrate: Zonta, Penna (L). All. Barbolini.

GREEN WARRIORS SASSUOLO: Balboni 3, Cantaluppi 3, Civitico 5, Rasinska 4, Moneta 5, Semprini Cesari 2, Rolando (L), Zojzi 5, Colli. Non entrate: Stanev, Busolini, Mammini, Tassini, Gardini (L). All. Venco.

ARBITRI: Pasciari, Capolongo.

NOTE – Durata set: 26′, 20′, 17′; Tot: 63′.

LPM BAM MONDOVI’ – CBF BALDUCCI HR MACERATA-

Al PalaManera va in scena il Quarto di Finale di Coppa Italia, nel remake della finale dello scorso anno: la Lpm Bam Mondovì ospita la CBF Balducci HR Macerata.

Come nel marzo scorso, sono le marchigiane ad avere la meglio, conquistando oggi il biglietto per la semifinale.

Dopo un avvio punto a punto (7-7), sono le marchigiane a guidare il primo parziale, trovando il break (14-16) e mentendo le distanze fino al 22-25.

Il parziale successivo vede fin da subito una bella reazione corale delle pumine (7-2). Macerata non molla e recupera (12-10). Le padrone di casa trovano l’allungo (19-16)  Le formazioni mettono in campo begli scambi, con Mondovì che costringe le avversarie ad inseguire (23-20). E sono proprio le maceratesi a rifarsi sotto (23-22), ma la zampata finale è della Lpm Bam Mondovì (25-22).

La terza frazione di gioco inizia in equilibrio (7-7). Macerata mette la freccia e spinge sull’acceleratore  (8-14). Il set viaggia a senso unico per le ospiti (12-21), nonostante una prova di orgoglio delle rossoblù (18-25).

Forti dal parziale precedente, le marchigiane proseguono con determinazione (9-14). Dopo il time-out le pumine si ricompattano (12-16). Macerata viaggia decisa (13-19) e strappa il biglietto per la Semifinale (15-25).

Il TABELLINO-

LPM BAM MONDOVI’ – CBF BALDUCCI HR MACERATA 1-3 (22-25 25-22 18-25 15-25)

LPM BAM MONDOVI’: Populini 12, Molinaro 11, Taborelli 10, Hardeman 11, Montani 9, Cumino, Bisconti (L), Pasquino 1, Trevisan, Giubilato, Ferrarini. Non entrate: Bonifacio. All. Solforati.

CBF BALDUCCI HR MACERATA: Ricci 2, Fiesoli 19, Cosi 7, Stroppa 11, Michieletto 15, Pizzolato 6, Bresciani (L), Peretti 3, Ghezzi 2, Gasparroni. Non entrate: Malik, Martinelli. All. Paniconi.

ARBITRI: Pasin, Pristerà

NOTE – Durata set: 27′, 25′, 22′, 23′; Tot: 97′.

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA – CDA TALMASSONS-

Grande prestazione per le Leonesse, capaci di reagire alla tanta sfortuna degli ultimi tempi. Una Scognamillo in funzione calamita raccoglie ogni pallone proveniente dalla parte opposta della rete. La grande prestazione della coppia Cvetnic–Bianchini fa il resto. Applausi comunque ad una generosissima Talmassons, colpita dall’infortunio di Nicolini e con Grigolo in grosso deficit fisico per parte della partita.

Beltrami sceglie per Morello-Bianchini, Ciarrocchi-Fondriest, Cvetnic-Bartesaghi con Scognamillo libero; mentre Barbieri risponde con Nicolini-Obossa, Bovo-Cogliandro, Silva-Grigolo e Maggipinto libero.

La Valsabbina trova il break in apertura con la parallela di capitan Bianchini sul 6-4 e manda Barbieri al primo time-out dell’incontro: 8-5, ace. Cogliandro non è da meno ed imita la collega ponendo il pari al 9, poi Grigolo porta il vantaggio dalla propria parte: 9-12. Cvetnic ruggisce e riprende l’equilibrio perduto al 12, poi Bianchini segue la scia e riporta il break in terra bresciana: 19-16. Il servizio vincente di Silva manda Beltrami al tempo sul 19 pari, che si spingerà poi fino ai vantaggi. Premiata la costanza della Millenium: 26-24.

Talmassons parte determinata e spinge subito forte nel secondo periodo. Grigolo manda le sue allo 0-4 iniziale, con Bianchini che tenta di arginare sul 3-7. Bartesaghi colpisce e riporta al solo break il divario (6-8), ma Grigolo non è d’accordo con la decisione (8-12). Bianchini accorcia al solo punticino sull’11-12, salvo poi subire il colpo di Bovo dal centro che consiglia a Beltrami di fermare le ostilità: 12-15. La sosta per l’infortunio di Nicolini rompe il ritmo delle padrone di casa, che vanno sotto 14-19 dopo l’errore di Cvetnic in attacco. Brescia, però, si ricorda di essere la Leonessa d’Italia e ruggisce. Sironi ricuce sul 18-20, ma non è abbastanza. Il muro di Obossa vale il 20-25 ed il pari nel computo set.

La Millenium vuole riprendersi il vantaggio e lo dimostra ad inizio terzo parziale, andando avanti per 7-4. Le friulane, dal canto loro, non sono da meno. Grigolo pareggia al 7, poi l’invasione di piede di Fondriest, unita all’ace di Cogliandro, portano l’8-11 sul tabellone. Il tempo funziona e le giallonere rispondono presente. Bianchini firma il pari al 15, per poi proseguire la propria azione col diagonale del 18-17 che porta Barbieri alla sospensione. Grigolo reagisce e porta il controsorpasso tra le fila ospiti (16-18), ma Bartesaghi porta con sé il pari al 21. Una serie di errori delle padrone di casa regala il sorpasso ai vantaggi a Talmassons (24-26).

Il break iniziale è in favore di Brescia, con Ciarrocchi che firma la doppia fast del 7-4, ma la qualità friulana permette di raggiungere immediatamente il pari con Grigolo in parallela. Bianchini ricorda l’efficacia del proprio servizio ed allunga: 14-10. Obossa stoppa le offensive bresciane e riporta le sue al -2 (14-12), col medesimo distacco fino al 18-16. Qui viene fuori la grinta della Valsabbina che dapprima allunga con Bianchini (22-18) e poi chiude con il pallonetto di Fondriest che manda le squadre al tie-break finale: 25-21.

Leonesse agguerrite nell’ultimo periodo. Dopo l’equilibrio iniziale al 4, il colpo di Morello vale l’allungo sull’8-5 al cambio campo, seguito a ruota da quello di Bianchini per l’11-6 che sembra definire il match. Così non è. Punto dopo punto le ospiti arrivano a portare il divario alla sola lunghezza (12-11), ma non è abbastanza. Beltrami ferma il tempo e la Millenium ritrova la retta via, indicata da Bianchini: 15-12 dopo l’out di Obossa e 3-2 finale.

I PROTAGONISTI-

Alessandro Beltrami (Allenatore Banca Valsabbina Brescia)- « Oggi abbiamo combattuto “la sfida”. Siamo in un momento di emergenza, da metà partita lo è stato anche per loro, e questo non l’ha resa bellissima. Stiamo ritrovando l’assetto senza Alice e sistemando alcuni dettagli. Dobbiamo ringraziare Giulia (Bartesaghi) e altre per il sacrificio di giocare pur non essendo in condizione». «Comunque andrà la stagione – ha concluso il tecnico di Omegna – non smetterò di dire quanto sia un gruppo fantastico. Però dobbiamo imparare ad essere più freddi e sbagliare meno nei momenti decisivi ».

IL TABELLINO-

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA – CDA TALMASSONS 3-2 (26-24 20-25 24-26 25-21 15-12)

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Bartesaghi 7, Fondriest 11, Morello 1, Cvetnic 22, Ciarrocchi 15, Bianchini 21, Scognamillo (L), Sironi 3, Blasi, Giroldi. Non entrate: Tenca. All. Beltrami.

CDA TALMASSONS: Silva Conceicao 10, Cogliandro 9, Nicolini, Grigolo 26, Bovo 17, Obossa 18, Ponte (L), Pagotto 3, Marchi 2, Maggipinto. Non entrate: Dalla Rosa, Cantamessa. All. Barbieri.

ARBITRI: Gaetano, Licchelli

NOTE – Spettatori: 300, Durata set: 26′, 28′, 27′, 26′, 17′; Tot: 124′.

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti