Cev Cup: Chieri conquista la semifinale, superato il Volero

Secondo 3-2 (25-10, 19-25, 25-19, 20-25, 21-19) della squadra di Bregoli contro le coriacee francesi che lottano fino all'ultima palla prima di arrendersi. Prossimo avversarie di Grobelna e compagne le altre francesi del Levallois Paris Saint Cloud
Cev Cup: Chieri conquista la semifinale, superato il Volero
5 min

TORINO- La Reale Mutua Fenera Chieri ’76, davanti al pubblico del Pala Gianni Asti, riesce alla fine a domare come all'andata per 3-2 (25-10, 19-25, 25-19, 20-25, 21-19) il Volero Le Cannet e conquista la semifinale di Cev Cub dove sfiderà un’altra squadra francese, il Levallois Paris Saint Cloud, che dopo aver vinto 1-3 l’andata con le le ungheresi dell’Vasas Obuda Budapest si sono aggiudicate 3-2 il ritorno.

Una vittoria vera da squadra vera in una partita vera. Il risultato ricalca quello ottenuto una settimana fa ma le due partite non hanno avuto identico andamento. Oggi escluso il primo set (dominato 25-10 da Chieri) è stata una serrata e avvincente lotta pallone su pallone aperta a qualunque epilogo. Con un terzo set appannaggio delle biancoblù (25-19), e secondo e quarto favorevoli alle ospiti (19-25. 20-25), tutto si decide ai vantaggi del tie-break dopo che sul 14-10 le campionesse di Francia annullano 4 match-point a Chieri, e dopo che Chieri annulla a sua volte 4 palle set alle ospiti evitando di portare l’incontro al golden set di spareggio.

Per Chieri è, letteralmente, una vittoria di squadra, anche alla luce dei tantissimi cambi fatti da Bregoli nel corso dell’incontro. Ne è riprova il premio di MVP assegnato ad Anna Gray, inizialmente in panchina.
Nel tabellino fanno la voce grossa sul fronte chierese Skinner (23) e Grobelna (21), mentre dall’altro parte della rete spiccano i 25 di una monumentale Mihajlovic, neo acquisto di Le Cannet e assente nella gara d’andata.

Nella semifinali della CEV Volleyball Cup la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 se la vedrà contro un’altra squadra francese, il Levallois Paris Saint Cloud, che dopo aver vinto 1-3 l’andata con le le ungheresi dell’Vasas Obuda Budapest si sono aggiudicate 3-2 il ritorno.
La semifinale d’andata sarà mercoledì 21 febbraio a Torino. Mercoledì 28 febbraio il ritorno a Parigi.

Nel primo set Chieri parte fortissimo, con primo time-out già ospite sul 4-1 dopo l’ace di Grobelna. Con un gran lavoro in battuta che mette in crisi la ricezione francese il distacco cresce: 8-2 (Skinner), 12-4, 16-6. Un fase favorevole a Le Cannet spinge Bregoli a fermare il gioco sul 17-9, al rientro in campo Weitzel piazza 4 ace di fila e le biancoblù tornano ad allungare. Un errore ospite in attacco conclude la frazione 25-10.
Il secondo set resta in bilico fino all’11-11. Con un break di 3 punti Le Cannet sale a 11-14. Bregoli inserisce Morello per Malinov. Mihajlovic firma in pallonetto il 12-16. Le biancoblù si riavvicinano a 14-16 (Skinner) e restano in scia, fin quando sul 17-19 i colpi di Mihajlovic e alcuni errori chieresi in ricezione spianano la strada a Le Cannet che pareggia i conti sul 19-25.
Molto combattuto anche l’avvio del terzo set in cui Chieri trova per la prima volta il vantaggio sul 5-4 con Omoruyi. Un attacco di Grobelna e due muri fruttano l’allungo a 8-5. Da 12-7 (Omoruyi) il distacco resta nell’ordine di grandezza dei 5 punti per buona parte del set, fin quando Grobelna sigla il 25-19.
Quarto set: sul 12-12 Le Cannet sale a 12-14 grazie a Kochurina. Chieri riesce a rientrare sul 18-18, di nuovo Kochurina riporta avanti la sua formazione (18-20). Nel finale alcuni errori chieresi facilitano il lavoro alle ospiti che chiudono 20-25 con un muro di Kotikova.
Nel tie-break dopo un inizio favorevole alle francesi Chieri pareggia a 7, e dopo una miracolosa difesa di spirito l’attacco di Grobelna porta le biancoblù avanti di uno al cambio campo. Da 10-10 i colpi di Grobena e Omoruyi portano il punteggio sul 14-10. Sembra fatta per Chieri, ma uno dopo l’altro Le Cannet annulla tutti i 4 match-point portando l’incontro ai vantaggi. Qui sono le biancoblù ad annullare 4 palle set alle ospiti, finché sul 20-19 il muro di Gray regala a Chieri il passaggio del turno.

I PROTAGONISTI-

Giulio Cesare Bregoli (Allenatore Reale Mutua Fenera Chieri ’76)-  «Chiaro che fare i complimenti alle ragazze è scontato, ma è assolutamente così. Bisogna davvero fare i complimenti a tutta la squadra, perché stasera non è una frase fatta dire che è stata una vittoria di squadra. Non so quanti cambi ho fatto. E’ una vittoria molto importante per noi, contro una grande squadra rinforzata da un grande giocatore come Mihajlovic che stasera ha giocato a livelli che non vedevo da un po’. Complimenti a Le Cannet che ha giocato veramente bene. E’ stata una bellissima partita che dedichiamo tutti a Fatim Kone e lei sa perché».

IL TABELLINO-

REALE MUTUA FENERA CHIERI’76 – VOLERO LE CANNET 3-2 (25-10, 19-25, 25-19, 20-25, 21-19)

REALE MUTUA FENERA CHIERI’76: Skinner 23, Grobelna 21, Omoruyi 9, Zakchaiou 5, Weitzel 10, Malinov 3, Spirito (L), Morello 1, Kingdon Rishel 3, Gray 4. Non entrate: Rolando, Jatzko, Anthouli, Kone (L). All. Bregoli.

VOLERO LE CANNET: Kotikova 12, Kochurina 11, Popova 9, Lyashko 16, Lee 2, Mihajlovic 25, Stimac (L), Dekeukelaire (L), Schalk, Yaneva, Staniulyte 1. Non entrate: Russu, Kirov. All. Pejovic.

ARBITRI: Voudouris, Makowski.

Durata set: 19′, 24′, 27′, 26′, 28′; Tot: 124′.

 

 

 


Acquista ora il tuo biglietto! Segui dal vivo la partita.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti