Volley: Mondiali 2018, l'Italia murata dalla Serbia
© Fivb
Nazionali volley
0

Volley: Mondiali 2018, l'Italia murata dalla Serbia

La nazionale deve arrendersi davanti alla squadra di Grbic che ci surclassa in tutti i fondamentali. Finisce 0-3 (15-25; 20-25; 18-25). Ora, per andare in semifinale, indispensabile vincere venerdì sera contro la Polonia

TORINO- La delusione è grande. Per chi ci ha creduto e ci crede ancora, per la squadra e per il pubblico straripante del Pala Alpitour, gremito stasera in ogni ordine di posti per l’esordio azzurro nella Final Six. L’Italia si arrende 0-3 (15-25; 20-25; 18-25) alla Serbia giocando una partita incolore, contratta, sempre in balia dello squadrone allenato da Grbic che, in maniera cinica e chirurgica, approfitta delle nostre debolezze, in ricezione e in attacco, per prendersi i tre punti e per mettere quasi in cassaforte la qualificazione alle semifinali.

TUTTI I RISULTATI DELLA SECONDA FASE

Abbiamo pagato a caro prezzo la tensione e la grande responsabilità caduta sui nostri ragazzi ma probabilmente anche un gap tecnico che oggi ci vede complessivamente inferiori ai nostri avversari. Ma nulla è ancora perduto, l’Italia può ancora conquistare la semifinale, a patto che sia capace di resettare rapidamente, cancellare dalla mente quanto avvenuto stasera, ritrovare gioco e motivazioni per affrontare col coltello fra i denti il match con la Polonia di venerdì sera. In quell’occasione ci giocheremo tutto, ma proprio tutto.

LA CRONACA DEL MATCH

Blengini torna al sestetto tipo con Giannelli in regia, Zaytsev opposto, Anzani e Mazzone centrali, Lanza e Juantorena schiacciatori-ricevitori, Colaci libero.

Squadre concentrate e contratte allo stesso modo all’inizio del match. Si parte punto a punto, con la Serbia che fa il primo break proprio a ridosso del primo time out tecnico. Si gira 6-8 per la squadra di Grbic. Un ace di Ivovic porta la Serbia avanti di tre. Ancora un servizio di Lisinac mette in difficoltà la nostra ricezione. Sarà una costante per tutto il match. Atanasijevic e compagni provano la fuga decisiva. L’ Italia non riesce ad esprimere la sua migliore pallavolo, troppi errori sotto rete. Una palla sparata via da Mazzone porta i serbi avanti di cinque, poi ancora un servizio vincente di Podrascanin. Non riusciamo a reagire. Il primo set vola via facile, facile per i nostri avversari che, fra ace e perfette combinazioni d’attacco, mettono in ghiaccio il risultato. La chiude Kovacevic con l’ennesimo ace, il quinto di squadra nel parziale. Il 15-25 finale davvero pesante per noi.

Il secondo set ricomincia con un muro di Pippo Lanza che gli vale una standing ovation di un pubblico che non aspetta altro per scatenarsi. Giochiamo un po' meglio ma la Serbia non si scompone, difende in maniera impressionante, non ci concede neanche uno spiraglio. Zaytsev e gli altri attaccanti azzurri vengono disinnescati. Inseguiamo attaccandoci ad ogni piccola disattenzione avversaria ma la ricezione non ci aiuta e la Serbia scappa via. Il muro di Ivovic ci manda sotto 2-0.

Si riparte sullo stesso clichè dei precedenti parziali. L’Italia lotta ma gli attacchi si infrangono sugli straordinari recuperi difensivi degli uomini di Grbic che, progressivamente, fiaccano le nostre convinzioni. Giannelli le prova tutte per servire gli attaccanti più smarcati e per sorprendere il muro avversario, i risultati sono sconfortanti. Maruotti in campo è un po' meglio di Lanza ma non sposta di troppo i valori. Blengini prova anche ad inserire Baranowitz in regia. Cambia poco. Atanasijevic e soci concludono in surplace. Il suggello finale lo mette Uros Kovacevic con l’ennesima bomba. Chapeau.

Non ci bastano nove punti a muro, non basta l’ottima serata dei centrali. Troppo poco per fermare la Serbia vista stasera. Se non cresciamo, abbiamo paura che quest’Italia non basterà neanche contro la Polonia nel match nel quale venerdì sera ci giocheremo tutto.

I PROTAGONISTI-

Massimo Colaci (Italia)- « E’ stata la classica partita in cui una squadra fa tutto benissimo e ad un’altra non riesce nulla. Hanno meritato la vittoria, nulla da dire. Hanno servito benissimo e noi abbiamo sofferto da subito in ricezione, hanno murato e difeso in maniera incredibile, ci siamo disuniti perché non siamo mai riusciti a metterli in difficoltà. Peccato adesso che ci sia il giorno di riposo, avrei preferito tornare subito in campo. Lo utilizzeremo per recuperare energie mentali e per cancellare le scorie di questa partita ».

Ivan Zaytsev (Italia)- « La partita l’ha decisa il diverso atteggiamento messo in campo fra noi e loro. La Serbia ha lottato su ogni pallone, noi stasera non ci abbiamo neanche provato e questo mi fa arrabbiare molto. Dobbiamo guardarci negli occhi e pensare alla prossima sfida, quella con la Polonia. Tutto è ancora in ballo ma dobbiamo resettare. Complimenti comunque ai nostri avversari oggi gli è riuscito davvero tutto ».

Alexandar Atanasjievic (Serbia)- « L’Italia non ha giocato benissimo stasera, per nostra fortuna. Mi auguro comunque che possa andare avanti insieme a noi fino alle semifinali. La differenza l'ha fatta la nostra difesa, abbiamo preso davvero tutto. I nostri avversari li conoscevamo bene, sono tanti anni che giochiamo in Italia, abbiamo preparato la partita nei dettagli. Forse abbiamo tratto vantaggio di aver già affrontato in questo torneo avversari forti come Stati Uniti, Polonia e Russia.  Non era facile giocare davanti a 15000 persone, abbiamo dimostrato di poter affrontare chiunque ».

IL TABELLINO-

ITALIA-SERBIA 0-3 (15-25 20-25 18-25)

ITALIA: Mazzone 11, Giannelli, Juantorena 4, Anzani 4, Zaytsev 9, Lanza 5, Colaci (L). Baranowicz, Candellaro, Maruotti 1. Non entrati: Randazzo, Rossini (L), Cester, Nelli. All. Blengini.

SERBIA: Ivovic 10, Lisinac , Atanasijevic, Kovacevic, Podrascanin, Jovovic, Rosic (L). Non entrati: Okolic, Katic, Petric, Krsmanovic, Luburic, Majstarovic, Kostic. All. Grbic.

ARBITRI: Zenovich (Rus) e Liu (Chn).

Spettatori: 11.700 incasso 282.900 euro
Durata set: 24, 30, 28
Italia: bs 12, a 1, mv 9, et 19.
Serbia: bs 16, a 10, mv 6, et 19.

 

 

Vedi tutte le news di Nazionali volley

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti