Europei U20: l'Italia su tetto d'Europa

I ragazzi di Matteo Battocchio conquistano il titolo continentale battendo a Montesilvano al termine di una accesa finale la Polonia per 3-2 (25-19, 25-19, 25-26; 25-17; 15-6)
Europei U20: l'Italia su tetto d'Europa© Cev
12 min
TagsEuropei U20ItaliaPolonia

MONTESILVANO (PESCARA)- Ancora un titolo continentale per l'Italia del volley che quest'estate ha dominato in tutte le categorie. Stasera l'Under 20 di Matteo Battocchio ha vinto l'Europeo Under 20 battendo, al termine di un'accesa ed emozionante finale la Polonia. Partita che ha cambiato volto più volte con gli azzurrini in controllo nei primi due set dominati in virtù di una palese superiorità tecnica. Il terzo set sembrava poter ricalcare i due precedenti e regalare a Porro e compagni una netta vittoria. La Polonia però, complice un calo fisico e mentale dell'Italia, è rimasta incollata al match ed ha sfruttato l'occasione per accorciare le distanze. Il quarto set i ragazzi di Grabda hanno sfruttato lo sbandamento azzurro ed hanno pareggiato i conti. L'orgoglio della nostra Under 20 è venuto fuori nel tie break che, grazie anche al sostegno del pubblico, ha ripreso prepotentemente in mano le redini del match dominando il parziale chiudendo così i conti regalandosi un successo sofferto ma certamente meritato. 3-2 (25-19, 25-19, 25-26; 25-17; 15-6) il risultato finale.

La finale per il bronzo, disputata oggi pomeriggio al PalaRoma di Montesilvano, è stata vinta dalla Bulgaria che ha battuto 3-1 (25-17, 25-19, 19-25, 25-17) il Belgio.

Per la finale di questo Europeo Under 20 maschile il tecnico Matteo Battocchio sceglie il sestetto con la diagonale Boninfante-Bovolenta, gli schiacciatori Orioli e Porro, i centrali Balestra e Volpe e il libero Laurenzano.  

Dall’altra parte della rete per la Polonia coach Mateusz Grabda schiera lo starting six con Szymendera, Kufka, Nowik, Sliwka, Majchrzak, Kubicki e il libero Hawryluk.

E’ la Polonia ad aggredire il campo in avvio del match (2-5). Bovolenta a segno e due ace di Porro ristabiliscono la parità (5-5). I polacchi provano ad allungare nuovamente (5-7), gli azzurrini recuperano (7-7) e con due ace di Bovolenta si portano a +2 (10-8). I ragazzi di coach Grabda ricuciono (12-12) e si procede punto a punto (15-15). E’ l’Italia a girare l’inerzia a proprio favore (19-15) e a mantenere gli avversari a distanza (21-17). L’Italia mantiene alto il ritmo e conquista il primo set con due ace di Porro (25-19).

In avvio di secondo parziale è ancora l’Italia a rendersi protagonista del match (5-3). Gli azzurrini trovano buona continuità, la Polonia si disunisce e Boninfante e compagni capitalizzano piazzando il break che vale il +6 (6-5, 11-5). La Polonia accorcia (14-12, 16-14), ma non riesce a ristabilire la parità e gli azzurrini accelerano nuovamente: un pallonetto di Porro vale il 21-17. L’ottimo gioco di squadra degli azzurrini permette all’Italia di conquistare agevolmente anche il secondo set (25-19).

Al rientro in campo sono ancora Boninfante e compagni a dettare il ritmo (7-4). Il time out chiamato da coach Grabda rimette in marcia la Polonia (7-5) che sfrutta il momento di difficoltà degli azzurrini per pareggiare i conti (8-8) e sorpassare (8-11). Coach Battocchio opta per il cambio di diagonale: fuori Boninfante-Bovolenta, dentro Fanizza-Iervolino. Con pazienza gli azzurrini accorciano fino al -1 (13-14), la Polonia si riporta a +3 (13-16). Nel finale l’Italia si riporta a – 1 (19-20) e torna in campo la diagonale Boninfante-Bovolenta. Nella bolgia del PalaRoma all’allungo dei polacchi (21-23), risponde Volpe (22-23), la Polonia conquista il set point (22-24), gli azzurrini portano il set ai vantaggi (24-24), ma sono i ragazzi di coach Grabda a conquistare il set (24-26) e a riaprire la partita.

In avvio di quarta frazione è la Polonia a imporre il proprio gioco: un ace di Kufka vale il 4-8 a favore dei polacchi che spingono forte sull’acceleratore e si portano sul +5 (5-10). L’Italia fatica e ritrovare la giusta continuità (9-14) e coach Battocchio decide che è il momento di fermare per la seconda volta il gioco e opta per il cambio in regia: fuori Boninfante, dentro Fanizza. L’Italia fatica a ritrovare il giusto assetto e i polacchi incrementano il vantaggio (14-20), conquistano il quarto set (17-25) e la partita prosegue al tie-break.

Buon avvio dell’Italia nel 5° set (4-1). Gli azzurrini sono incontenibili (6-2), arrivano al cambio campo sul +6 (8-2) e mantengono gli avversari a distanza (11-5). Il pubblico sostiene gli azzurrini che volano sul 15-6 e conquistano il tetto d’Europa!

I PROTAGONISTI-

Matteo Battocchio (Allenatore Italia)- « Il sogno è diventato realtà. Sono davvero emozionato. Stare 105 giorni fuori casa non è facile per i ragazzi, per noi dello staff, né per le nostre famiglie. Simo andati all’inferno e ne siamo usciti perché questi ragazzi hanno qualcosa di speciale dentro. Queste gare servono soprattutto a loro per capire quanto sono forti. Nel terzo set ci siamo un po’ bloccati: era già capitato con la Francia e abbiamo reagito alla gara dopo, è successo con la Bulgaria e siamo riusciti a reagire subito. Oggi non poteva che finire cosi soprattutto perché sono stat i bravi i ragazzi. Spesso ci si appropria di meriti non nostri, questa volta gli va riconosciuto tutto. Siamo contenti di aver giocato alla pari con una squadra fortissima come la Polonia. Quest’estate abbiamo giocato 19 partite e ne abbiamo vinte 18. E’ importante che questi ragazzi oggi abbiano compreso che, anche nella vita e non solo nella pallavolo, ci possono essere avversari forti ma non dobbiamo mollare mai ».

Alessandro Bovolenta (Italia)- « Siamo riusciti a vincere grazie alla nostra grinta. Sapevamo di essere in casa, il pubblico era con noi, c’erano i nostri familiari, i nostri amici non potevamo deludere loro e non potevamo deludere noi stessi. Quando siamo andati in svantaggio nel quarto set mi sono detto ‘sarà difficile’, ma ci siamo riusciti e questa è la cosa più importante ».

Mattia Boninfante (Italia)-« E’ stata una grandissima battaglia, era una finale contro la Polonia campione del mondo e siamo riusciti a vincerla tutti insieme. E questa è la soddisfazione più grande ».

Julio Velasco (Italia)- « E’ stata una stagione incredibile: sia nel maschile che nel femminile abbiamo vinto tutti i Campionati Europei di categoria. E’ una grande pressione per le squadre perché quando è così hanno l’obbligo di vincere e non è mai facile, per cui siamo più che felici. Questa sera c’è stata una dimostrazione di carattere da parte di questa squadra che dopo il 2-2 della Polonia ha affrontato il tie-break con grande determinazione. Ora tifiamo tutti per le donne, ma senza fare pressione perché il mondiale è difficilissimo e loro sono tra le favorite. Questi risultati sono possibili solo grazie a un lavoro di squadra tra giocatori, tecnici e Federazione che ci ha messo in condizione di lavorare al meglio. Importante anche il contributo delle società con cui lavoriamo. Merito anche ai tifosi che qui sono stati meravigliosi. Da fuori si soffre molto di più, quando sono in campo come allenatore soffro decisamente di meno perché ci sono sempre tante cose a cui pensare. Il tie-break vinto senza sofferenze è stato davvero una liberazione ».

Giuseppe Manfredi (Presidente Fipav)- « Quello che è accaduto in questo 2022 è qualcosa d'eccezionale, unico e storico. Stasera festeggiamo il titolo Europeo Under 20 maschile, al termine di una finale sofferta, ma vinta con pieno merito dai nostri azzurrini. Bravissimi loro e tutto lo staff.  Come per le altre medaglie d'Oro azzurre, dietro questo trionfo c'è una grande mole di lavoro portata avanti da tutta la Federazione e soprattutto dai settori tecnici che con impegno e passione si dedicano alla crescita dei nostri talenti. Un grazie particolare ai nostri due direttori tecnici giovanili Julio Velasco e Marco Mencarelli. Questa stagione ci ha regalato un incredibile en plein a livello giovanile, sei vittorie su sei in tutti i Campionati Europei di categoria: Under 17F, Under 18M, Under 19F, Under 20M, Under 21F e Under 22M. Se aggiungiamo che a livello seniores siamo campioni europei in carica con entrambe le nazionali, posso solo dire che dobbiamo davvero essere orgogliosi del nostro movimento. La Federazione Italiana Pallavolo investe molte risorse sulle nazionali azzurre, ma i risultati che stiamo raccogliendo ci ripagano ampiamente e queste medaglie sono un premio da condividere con tutti i dirigenti e tutte le società che quotidianamente mandano avanti il nostro mondo. Aver festeggiato il trionfo di questa sera nel palazzetto stracolmo di Montesilvano, e con oltre 25.000 persone collegate in diretta su youtube, rende tutto ancora più fantastico ».

IL TABELLINO-

ITALIA-POLONIA 3-2 (25-19, 25-19, 24-26, 17-25, 15-6)

ITALIA: Orioli 6, Balestra 6, Boninfante 8, Porro 16, Volpe 12, Bovolenta 20; Laurenzano (L), Eccher, Penna, Fanizza, Iervolino 2, Roberti. Ne: Ambrose, Staforini (L). All. Battocchio.

POLONIA: Szymendera 5, Kufka 11, Nowik 19, Sliwka 17, Majchrzak 11, Kubicki 5; Hawryluk (L), Olszewski 5, Kedzierski (L), Czerny, Bilinski, Gawel. Ne: Nowak, Ratajewski. All. Grabda.

ARBITRI: Rogic (SRB), Buchar (CZE)

DURATA SET: 23’, 25’, 29’, 21’, 13’.

ITALIA: 10 a, 17 bs, 14 mv, 26 et.

POLONIA: 6 a, 23 bs, 10 mv, 36 et.

I 14 AZZURRINI CAMPIONI D'EUROPA-

Palleggiatori: Mattia Boninfante, Alessandro Fanizza

Opposto: Alessandro Alberto Bovolenta

Schiacciatori: Luca Porro, Mattia Orioli, Gaetano Penna, Federico Roberti, Riccardo Iervolino

Centrali: Ionut Alin Ambrose, Cosimo Balestra, Mattia Eccher, Nicolò Volpe

Liberi: Gabriele Laurenzano, Matteo Staforini

LO STAFF AZZURRO-

Matteo Battocchio (primo allenatore), Nicolò Zanni (secondo allenatore), Giorgio Sabbadin (assistente allenatore), Roberto Vannicelli (medico), Francesco Bettalico (fisioterapista), Annalisa Pinto (scoutman), Mattea Tosetti (team manager).

MEDAGLIERE 

Con quella conquistata oggi salgono a 12 le medaglie vinte dalla Nazionale Under 20 ai campionati Europei di categoria: 4 Ori (1992, 2002, 2012, 2022), 5 Argenti (1988, 1990, 1996, 2000, 2020), 3 Bronzi (1984, 1994, 2006).

 UN’ESTATE D’ORO 

Con quella vinta questa sera salgono a 6 le medaglie conquistate questa estate dalle Nazionali giovanili italiane questa estate:

Europeo Under 17 Femminile: medaglia d’Oro (7 gare, 6 vittorie)

Europeo Under 18 maschile: medaglia d’Oro (7 gare, 7 vittorie)

Europeo Under 21 femminile: medaglia d’Oro (5 gare, 5 vittorie)

Europeo Under 22 maschile: medaglia d’ Oro (5 gare, 5 vittorie)

EYOF – Nazionale Under 20 maschile: medaglia d’Oro (5 gare, 5 vittorie)

EYOF – Nazionale Under 19 femminile: medaglia d’Oro (5 gare, 4 vittorie)

Europeo Under 19 femminile: medaglia d’Oro (7 gare, 7 vittorie)

Europeo Under 20 maschile: medaglia d’ Oro (7 gare, 6 vittorie)

A quelle conquistate nel giovanile si aggiungono le medaglie conquistate dalle Nazionali Seniores:

VNL Femminile: medaglia d’Oro (15 gare, 13 vittorie)

Giochi del Mediterraneo Femminile*: medaglia d’Oro (6 gare, 5 vittorie)

Giochi del Mediterraneo Maschile*: medaglia di Bronzo (5 gare, 4 vittorie)

Campionato Mondiale Maschile: medaglia d’Oro – (7 gare, 7 vittorie)


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti