Corriere dello Sport

Sitting volley

Vedi Tutte
Sitting volley

Sitting Volley: Missaglia si su cuce sul petto lo scudetto maschile

Sitting Volley: Missaglia si su cuce sul petto lo scudetto maschile

La formazione tricolore ha superato in finale Nola Città dei Gigli 3-1 (25-10, 25-9, 22-25, 25-23), dopo un incontro molto incerto ed emozionante

Sullo stesso argomento

 

venerdì 2 giugno 2017 14:37

PESARO- È l’ASD Pallavolo Missaglia la formazione vincitrice del primo Campionato Italiano di Sitting Volley maschile che oggi ha vissuto all’Adriatic Arena il suo atto conclusivo. In finale Missaglia ha avuto la meglio su Nola Città dei Gigli 3-1 (25-10, 25-9, 22-25, 25-23), dopo che le due formazioni hanno dato vita ad un incontro molto appassionante. 
Bella la cornice di pubblico che ha seguito con molta partecipazione tutto l’incontro, con presenti sugli spalti diversi esponenti del Consiglio Federale, il direttore tecnico del settore sitting Amauri Ribeiro e il tecnico della nazionale maschile Emanuele Fracascia.
Nei primi due set Missaglia ha fatto valere tutta la propria forza, mettendo in mostra un ottimo gioco. Dal terzo in poi Nola ha reagito con determinazione ed è riuscita ad imporsi (25-22). Combattutissima la quarta frazione, nella quale non sono mancati momenti di alto agonismo, sempre però contraddistinti da grande correttezza. Missaglia grazie ad un buon break si è portata sul 24-20, ma Nola ancora una volta non si è arresa, sfiorando una difficilissima rimonta, fermatasi sul (25-23).

I PROTAGONISTI-

Paolo Gamba (Missaglia)- « Siamo davvero felici per questa vittoria, è il frutto di un duro lavoro che portiamo avanti da tre anni. I nostri sforzi e il nostro impegno sono stati ripagati. È stata un finale entusiasmante con una splendida cornice di pubblico che ha fatto sentire il proprio incitamento per tutto il match, un bellissimo spot per il Sitting Volley. Onore a Nola che ha saputo metterci in difficoltà, e per questo siamo ancora più orgogliosi di aver conquistato il titolo ».

 Mario Ciaramella (Nola)- « Dopo i primi due set, nei quali siamo stati in difficoltà, nel terzo abbiamo trovato la forza per reagire e il rimpianto più grosso è quello di non esser riusciti ad arrivare al tie-break perché ci credevamo. Bisogna fare i complimenti ai nostri avversari perché sono stati molto bravi. La sconfitta non cancella il bellissimo percorso fatto, il cui merito è soprattutto della nostra società. Adesso l’obiettivo primario è far crescere sempre di più in Italia il Sitting Volley ».

Articoli correlati

Commenti