Corriere dello Sport

SuperLega

Vedi Tutte
SuperLega

Volley: Superlega, Trento e Perugia rispondono a Civitanova

Volley: Superlega, Trento e Perugia rispondono a Civitanova
© Legavolley

Immutate le posizioni di vertice della classifica dopo la quarta di ritorno. La formazione di Lorenzetti resta seconda superando Piacenza, Perugia non perde colpi superando Vibo. Modena lascia un punto a Latina

Sullo stesso argomento

 

domenica 8 gennaio 2017 18:49

ROMA- Nella quinta giornata di ritorno tutto resta immutato ai vertici della classifica. Nessun colpo esterno ha contraddistinto il turno di campionato.

Al successo di venerdì, centrato dalla capolista Civitanova contro Milano, oggi hanno risposto Trento, che ha superato Piacenza, e Perugia che ha battuto Vibo Valentia. Perde ancora colpi Modena che si fa strappare un punto da un Latina in crescita. Vince ancora la Calzedonia Verona capace di imporre un secco 3-0 a Ravenna. Vittorie pesanti per Molfetta contro Padova e per Monza contro Sora.

TUTTE LE SFIDE-

DIATEC TRENTINO - LPR PIACENZA-

A distanza di 48 ore, la Diatec Trentino risponde alla Cucine Lube Civitanova ricomponendo, grazie ai tre punti ottenuti stasera nel match casalingo con Piacenza, il tentativo di fuga in classifica dei marchigiani. Le lunghezze di distanza dalla testa della graduatoria sono tornate ad essere solo tre per mezzo di un successo convincente ed importante della compagine dell’ex Angelo Lorenzetti, che al PalaTrento ha confermato l’impressionante ruolino di marcia fatto registrare sin qui, vincendo il nono incontro su nove giocati in questa stagione. Sin dall’inizio del match Piacenza ha sofferto l’affilato servizio dei padroni di casa e, ancora di più, la grande serata dell’intero fronte d’attacco gialloblù, che ha saputo esaltarsi soprattutto con le prestazioni di Stokr (68%, con un muro e due ace – terzo premio di MPV consecutivo) e dei centrali Solé e Van de Voorde. Nell’unico momento difficile, ovvero nel finale di secondo set, la squadra trentina è stata brava a non perdere lucidità e concentrazione, poi tutto è diventato più semplice e i tre punti hanno preso la via della Diatec Trentino, nonostante la generosa prova del solito Hernandez.

I PROTAGONISTI-

Jan Stokr (Diatec Trentino)- « Giannelli è stato molto bravo a farmi entrare subito in partita, poi tutto è stato più semplice per me. Ho trovato il ritmo giusto per mettere a terra il pallone con continuità, sono contento. Nel secondo set forse siamo calati un po’ di concentrazione e Piacenza è stata brava a risalire la china, ma alla fine tutto è andato per il verso giusto ».

 Alberto Giuliani (Allenatore Lpr Piacenza)- « Ancora più del primo set, è stato l’inizio del secondo parziale ad affossarci. Sotto 1-0 e con un avvio negativo del secondo periodo non siamo riusciti a trovare ritmo nella fase di break point, perché in quella di cambio palla abbiamo fatto intravedere buone cose. E’ ovvio però che per vincere gare come questa si deve riuscire per forza a giocare bene anche su ricostruita e noi non l’abbiamo fatto ».

IL TABELLINO-

DIATEC TRENTINO - LPR PIACENZA 3-0 (25-17, 25-23, 25-20)

DIATEC TRENTINO: Giannelli 6, Urnaut 10, Solé 7, Stokr 16, Lanza 12, Van De Voorde 8, Chiappa (L), Colaci (L). N.E. Blasi, Burgsthaler, Antonov, Mazzone D., Mazzone T., Nelli. All. Lorenzetti.

LPR PIACENZA: Hierrezuelo 3, Clevenot 8, Yosifov 3, Hernandez Ramos 17, Parodi 3, Alletti 2, Papi (L), Manià (L), Zlatanov 1, Tzioumakas 0, Cottarelli 0. N.E. Marshall, Tencati. All. Giuliani.

ARBITRI: Cesare, Boris.

NOTE - durata set: 24', 36', 23'; tot: 83'- Spettatori 3429

MVP Jan Stokr (Diatec Trentino)

EXPRIVIA MOLFETTA - KIOENE PADOVA-

 L’Exprivia si aggiudica il match contro la Kioene Padova con un sonoro 3-0 tra le mura amiche del PalaPoli. Una grande prova della squadra di casa che ha mostrato di essersi lasciata alle spalle le ultime due sconfitte, maturate contro Vibo e Piacenza, distinguendosi in una esibizione corale di compattezza e grinta, imponendo gioco nel primo set, tenendo duro nel secondo e superando con determinazione le difficoltà del ritorno di Padova nel terzo. Nell'Exprivia brilla l’MVP di serata Joao Rafael, 13 punti con il 73% in attacco e il 54% di ricezione positiva. Buone le prestazioni dei centrali biancorossi: Vitelli 7 punti e il 57% in attacco e Maicon Leite, autore di 6 punti e il 75% in attacco. Troppo timida la prova di Padova, a tratti confusa, che, nonostante il cambio in regia, non riesce a sfondare, complice la giornata no dell’ex Fedrizzi, autore di un punto e il 6% in attacco. I patavini trovano in Maar l’unico terminale offensivo (14 punti, 59% in attacco). Padova scende in campo con la diagonale composta da Shaw e Milan, Maar e l’ex Fedrizzi ai lati, Volpato e Averill, Balaso libero. Coach Gulinelli schiera Thiaguinho-Sabbi, Joao Rafael e Olteanu di banda, Vitelli-Maicon al centro e De Pandis libero.

Parte forte Molfetta che con l’ace di Maicon si porta sul 5-1. L’Exprivia allunga con Vitelli, che costringe Baldovin a richiamare i suoi. Padova appare spenta, poi sfrutta un buon break in battuta di Giannotti, subentrato a Volpato per il turno al servizio, per recuperare terreno con il muro di Averill e il tocco di seconda di Shaw (20-13). Molfetta, però, chiude i conti con una pipe di Joao Rafael (25-17).

 L’avvio di secondo set è ancora di marca biancorossa. I due centrali si mettono in mostra e Olteanu si distingue in battuta (8-3). La Kioene sostituisce il palleggiatore e sfrutta qualche errore di troppo al servizio e in attacco dei molfettesi per riportarsi sotto (13-12). Il sorpasso veneto si costruisce sul fondamentale del muro grazie a Maar (14-15) e il finale si gioca sul filo dell’equilibrio. Sabbi scuote i suoi, ma Milan tiene botta. Il duello si risolve a favore del molfettese che chiude il set con un doppio ace (25-21).

L’equilibrio del secondo set si conferma anche nel terzo: il primo allungo è di marca veneta (8-10). Le due squadre si contendono ogni punto fino al turno al servizio di Sabbi che con un doppio ace porta i suoi sul 21-18. È un divario che Padova non riuscirà più a colmare, anche perché l’Exprivia legittima il vantaggio con gli attacchi di Sabbi e Joao Rafael. Il match si chiude sull’attacco out di Fedrizzi (25-20).

I PROTAGONISTI-

Thiago Pontes Veloso (Exprivia Molfetta)- « E’ stata una bella partita. L’abbiamo preparata bene lavorando duramente in questa settimana. Faccio i complimenti a tutta la squadra per la bella prestazione, in particolare a Joao Rafael che è stato strepitoso. Giorno dopo giorno con il lavoro di squadra possiamo risalire in classifica ».

Michele Fedrizzi (Kioene Padova)- « Sicuramente non eravamo nelle migliori condizioni dopo il viaggio, ma questo non deve essere un alibi. Noi siamo partiti contratti mentre Molfetta ha saputo essere cinica. Credo che questa sia una delle nostre peggiori prestazioni della stagione e so cosa vuol dire giocare qui in un caldo Palapoli. Ora ci tocca lavorare tutta la settimana in vista del prossimo match ».

IL TABELLINO-

EXPRIVIA MOLFETTA - KIOENE PADOVA 3-0 (25-17, 25-21, 25-20)

EXPRIVIA MOLFETTA: Pontes Veloso 2, De Barros Ferreira 13, Leite Costa 6, Sabbi 17, Olteanu 10, Vitelli 7, Porcelli (L), De Pandis (L), Del Vecchio 0, Partenio 0, Polo 0. N.E. Jimenez, Hendriks. All. Gulinelli.

KIOENE PADOVA: Shaw 2, Maar 14, Averill 5, Milan 11, Fedrizzi 1, Volpato 6, Bassanello (L), Giannotti 1, Balaso (L), Zoppellari 0, Sestan 0. N.E. Link, Koncilja. All. Baldovin.

ARBITRI: Sobrero, Braico.

NOTE - durata set: 26', 29', 27'; tot: 82'.

MVP Joao Rafael De Barros (Exprivia Molfetta)

Spettatori 1803

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA-

La Sir Safety Conad Perugia rispetta il pronostico con fatica, ma con merito, superando 3-1 la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia di fronte ai 3200 del PalaEvangelisti, e apre nel migliore dei modi il 2017. Partita per almeno due set e mezzo combattuta ed equilibrata, stasera a Pian di Massiano, con i Block Devils di Lorenzo Bernardi che hanno faticato un po’ a trovare il giusto ritmo di gioco e con i calabresi di Waldo Kantor che si sono confermati squadra arcigna e molto ben organizzata, soprattutto in fase break. Decisivo nell’economia del match il primo parziale con Perugia brava ad annullare agli ospiti la bellezza di sei set point prima di trovare il guizzo vincente con Atanasijevic (MVP della sfida) decisivo nei palloni caldi. Proprio l’opposto serbo con 20 punti e il 59% in attacco è stato il miglior realizzatore del match con Perugia che ha trovato strada facendo continuità a muro (11 i vincenti) tenendo anche in ricezione, nonostante Vibo abbia forzato tantissimo dai nove metri (8 gli ace dei calabresi, 4 a testa per Barreto Silva e Geiler). Dal terzo set i bianconeri si sono sciolti regalando spettacolo al PalaEvangelisti con Bernardi che ha potuto ruotare quasi tutti gli effettivi a disposizione e con Chernokozhev (in campo nelle fasi conclusive) che ha chiuso le ostilità con l’attacco finale.

Perugia si conferma al terzo posto e ora si prepara al Quarto di Finale di Del Monte® Coppa Italia SuperLega in programma mercoledì con Piacenza, ancora al PalaEvangelisti, per un match che vale l’accesso alla Final Four di Bologna.

I PROTAGONISTI- 

Federico Tosi (Sir Safety Conad Perugia)- « Era importante vincere da tre punti. Sapevamo che era una gara difficile perché Vibo sta giocando molto bene. Per noi la ripresa dopo dieci giorni è stata un po’ complicata e abbiamo pagato la pausa nel secondo set con alcune disattenzioni e qualche errore di troppo. Ma poi siamo stati molto bravi a vincere una partita difficilissima ».

Davide Marra (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)- « Abbiamo qualche rammarico per il primo set. Abbiamo avuto un po’ di occasioni per chiuderlo, ma brava Perugia ad annullare i set point con grandi giocate. Complimenti a loro perché ogni volta che ne hanno l’occasione non ti danno possibilità di entrare nel match e portano sempre a casa la vittoria ».

IL TABELLINO-

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-1 (31-29, 22-25, 25-19, 25-15)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 4, Zaytsev 12, Buti 7, Atanasijevic 20, Russell 16, Birarelli 5, Bari (L), Podrascanin 6, Tosi (L), Mitic 0, Berger 1, Chernokozhev 1, Della Lunga 0. N.E. Franceschini. All. Bernardi.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Coscione 2, Geiler 9, Costa 11, Michalovic 11, Barreto Silva 11, Barone 5, Marra (L), Izzo 0, Diamantini 0, Alves Soares 2. N.E. Rejlek. All. Kantor.

ARBITRI: Zavater, Bartolini.

NOTE - durata set: 39', 31', 29', 25'; tot: 124'.

MVP Aleksandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia)

Spettatori 3200

GI GROUP MONZA - BIOSÌ INDEXA SORA- 

Il 2017 del Gi Group Team Monza si apre con tre punti preziosi, grande entusiasmo e tante buone nuove. Nella quinta giornata di ritorno della SuperLega UnipolSai, infatti, gli uomini di Falasca si impongono in rimonta 3-1 sulla Biosì Indexa Sora, firmando il successo numero nove della stagione, il sesto casalingo, il sorpasso sulla LPR Piacenza, ora settima con un punto in meno dei brianzoli, e il distacco su Vibo Valentia di quattro lunghezze. Note davvero positive per Botto e compagni che, dopo una partenza scarica nel primo set, complice anche la determinazione e la buona organizzazione dei sorani in attacco (17 punti di Rosso e 10 di Miskevich), in difesa (bella prova di Santucci, alla presenza n. 200 in Serie A) e al servizio (due ace di Seganov), riacquistano lo smalto delle migliori giornate e si aggiudicano secondo, terzo e quarto gioco. Ad agevolare la riuscita della rimonta monzese non sono solo gli assoli dei quattro uomini in doppia cifra (Fromm 16, Botto 11, Hirsch 21 e Beretta 16), i 14 muri finali (5 di Beretta) e gli 11 ace messi a segno (due a testa di Botto, Verhees e Beretta e tre di Fromm), ma soprattutto la coralità e la generosità di una squadra in crescita. Sora riparte dalla prestazione del primo set per affrontare Modena nella Del Monte®Coppa Italia, il Gi Group Team dalla continuità di questa sera per provare a insidiare in trasferta Trento e raggiungere, per la prima volta nella sua storia, le Final Four della Coppa Nazionale.

I PROTAGONISTI- 

Simon Hirsch (Gi Group Monza)- « Stasera siamo partiti in sordina: i troppi errori e le disattenzioni del primo set non ci hanno permesso di esprimere la nostra pallavolo. Poi, nel secondo, abbiamo iniziato a giocare come sappiamo, forse un pizzico sotto le nostre possibilità, ma comunque in modo efficace al punto da fermare la reazione della Biosì Indexa. Cominciare con tre punti il 2017 infonde morale e positività. Contro Trento, però, dovremo alzare l’asticella della qualità e tornare a giocare sui livelli delle giornate migliori ».

Svetoslav Gotsev (Biosì Indexa Sora)- « Tornare in questo palazzetto, rivedere tanti amici, mi ha fatto emozionare, lo ammetto. Dispiace non essere riusciti a esprimerci al meglio, soprattutto dopo l’ottimo primo set giocato. Abbiamo concesso troppo ai nostri avversari e loro, come ci aspettavamo, sono stati bravi a cogliere tutte le occasioni possibili per aggiudicarsi i tre punti. Questo stop non deve però condizionare il nostro cammino: siamo in crescita, nonostante i risultati in questo ultimo periodo non stiano arrivando. Dobbiamo continuare a lavorare così e i punti arriveranno ».

IL TABELLINO-

GI GROUP MONZA - BIOSÌ INDEXA SORA 3-1 (24-26, 25-19, 25-19, 25-20) –

GI GROUP MONZA: Jovovic 3, Botto 11, Beretta 16, Hirsch 21, Fromm 16, Verhees 9, Brunetti (L), Rizzo (L), Dzavoronok 0, Daldello 0, Galliani 0, Terpin 0. N.E. All. Falasca.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 3, Kalinin 9, Gotsev 7, Miskevich 10, Rosso 17, Sperandio 4, Corsetti (L), Santucci (L), Marrazzo 0, De Marchi 0, Tiozzo 2. N.E. Mattei, Mauti, Lucarelli. All. Bagnoli.

ARBITRI: Rapisarda, Florian.

NOTE - durata set: 40', 27', 27', 27'; tot: 121'.

MVP Thomas Beretta (Gi Group Monza)

Spettatori 1614

AZIMUT MODENA - TOP VOLLEY LATINA- 

C’è tanto pubblico al PalaPanini per la sfida tra Azimut Modena e Top Volley Latina. Piazza schiera Orduna-Vettori, Piano-Holt in mezzo, Ngapeth-Cook bande, Rossini libero. Daniele Bagnoli risponde con Sottile-Fei, Klinkenberg-Maruotti bande, Rossi-Quintana al centro, Fanuli libero. Match equilibrato che inizia con ottimi cambio palla da ambo le parti. Modena mette la freccia e va sul 16-13 con un’ottima difesa e buona capacità in attacco. Continua a spingere l’Azimut e va sul 24-19 per poi chiudere 25-21 il primo set. Nel secondo parziale Modena prende subito il largo e con l’ottima fase di attacco dei ragazzi di Piazza va sul 14-7. L’Azimut, devastante al servizio, è avanti 17-11 con set che sembra indirizzato. Si rifà sotto alla grande Latina, 22-19 e giochi aperti. Modena chiude il secondo set 25-21. Nel terzo set parte fortissimo Latina che si porta sul 10-14 e non si ferma chiudendo il terzo set 22-25. Buono l’approccio di Modena al quarto parziale. Latina non molla nulla, 15-16. Si arriva al 20-20. Latina vince il quarto parziale 23-25 in volata ed è tie-break. Al quinto set Modena si impone 15-10

I PROTAGONISTI-

Roberto Piazza (Allenatore Azimut Modena Volley)- « Dobbiamo imparare a non innervosirci, a non sprecare. Ci sarà qualcosina da cambiare. Stasera non ha funzionato l’attacco. Quello è mancato. La gara con Sora? Dobbiamo vincere, lo sappiamo bene, dobbiamo pensare meno a essere belli e badare più alla concretezza ».

Daniele Bagnoli (Allenatore Top Volley Latina)- « Abbiamo giocato contro una grande squadra. Sapevamo che sarebbe stata dura, non rimprovero niente alla mia compagine ».

IL TABELLINO-

AZIMUT MODENA - TOP VOLLEY LATINA 3-2 (25-21, 25-21, 22-25, 23-25, 15-10)

AZIMUT MODENA: Orduna 8, Ngapeth E. 13, Holt 19, Vettori 15, Cook 14, Piano 14, Rossini (L), Onwuelo 1, Salsi 0, Massari 0, Le Roux 0, Petric 0. N.E. Ngapeth S.. All. Piazza.

TOP VOLLEY LATINA: Sottile 0, Maruotti 15, Rossi 12, Fei 21, Klinkenberg 9, Pistolesi 0, Caccioppola (L), Strugar 0, Fanuli (L), Quintana Guerra 1, Penchev 5, Gitto 4. N.E. Ishikawa. All. Bagnoli.

ARBITRI: Pozzato, Gnani.

MVP Maxwell Philip Holt (Azimut Modena Volley)

Spettatori 3783

CALZEDONIA VERONA - BUNGE RAVENNA- 

Un 2016, quello della Calzedonia Verona, chiuso nel migliore dei modi, grazie alle vittorie a punteggio pieno con Piacenza e Monza, e grazie soprattutto a un’intesa di gioco e determinazione ritrovate. Sulle rive dell’Adige, dopo essere stata sconfitta per 3 a 1 all’andata, arriva la Bunge Ravenna, reduce dalla vittoria contro Modena al Palapanini e dalla sconfitta in casa contro Perugia. Un match, almeno nei primi due set, senza storia. Verona domina dall’inizio alla fine andando a vincere il primo 25 a 18 e il secondo 25 a 16. A fare la differenza, in casa Calzedonia, un muro imponente (10 block nei primi due set). Terzo set combattuto e giocato punto su punto. Termina 25 a 23 per i ragazzi di Grbic che conquistano così la terza vittoria consecutiva. Uros Kovacevic premiato MVP di serata con una Calzedonia Verona molto forte a muro (12 totali) e in attacco (58% di positività).

Un primo set caratterizzato, inizialmente, da molti errori in battuta sia da una parte che dall’altra, con Verona che inizia lentamente a prendere le misure portandosi a più tre su Ravenna (9-6). Calzedonia va molto bene a muro e, grazie anche a un buon turno in battuta di Ferreira, capace di mettere in difficoltà la difesa di Ravenna, allunga (15-10). Supremazia di Verona che si fa sentire e vedere con i muri di Djuric e Zingel (24-16). Set che termina 25 a 18.

Un secondo parziale in cui si ripete il copione del primo. Supremazia di Verona che, già nelle prime battute, allunga (11-3) dopo un bel muro di Ferreira e un ace di Djuric. A metà set sale in cattedra Uros Kovacevic che con due ace consecutivi porta il risultato sul 18 a 10. Ottima prova anche del centrale australiano Zingel, autore del muro del 20 a 11. In campo c’è solo Verona e con Diuric prima, e Kovacevic poi, allunga ancora sulla squadra di Soli (22-11). Set senza storia che termina in 22 minuti 25 a 16 per la Calzedonia.

Ultimo parziale giocato punto a punto con Ravenna che reagisce, mentre Calzedonia abbassa ritmo e concentrazione. I ragazzi di Grbic rimangono sempre avanti, fino al sorpasso dei romagnoli che arriva sul 19 a 20. Di nuovo sorpasso e break di Verona (24-22) con un doppio muro di Ferreira (per lui 5 in totale nel match). Finisce 25 a 23 con la Calzedonia che conquista la sua terza vittoria consecutiva.

I PROTAGONISTI- 

Simone Anzani (Calzedonia Verona)- « Siamo arrivati a questa partita che non eravamo al 100%. Siamo stati bravi a reagire e a portare a casa tre punti che ci fanno sperare per questo inizio di anno. Tutta la squadra è in forma e abbiamo ripreso consapevolezza dei nostri mezzi, cosa che prima ci mancava. Stiamo lavorando tutti duramente, la strada è quella giusta quindi dobbiamo proseguire così ».

Fabio Soli (Allenatore Bunge Ravenna)-Abbiamo giocato i primi due set in modo davvero imbarazzante. Dobbiamo ricordare che il nostro deve essere un gioco di sacrificio. Contro Verona non lo abbiamo capito e loro ci sono passati sopra come un rullo. È stato sicuramente merito loro, ma anche demerito nostro. Siamo venuti meno a noi stessi. I ragazzi non si meritano di giocare partite così; in altre abbiamo dimostrato di saper reagire come nel terzo set, ma non è stato sufficiente. Entrare in campo con il piglio dei primi due set è veramente da suicidio. Nel terzo set loro sono un po’ calati e noi abbiamo tirato fuori l’orgoglio.

IL TABELLINO-

CALZEDONIA VERONA - BUNGE RAVENNA 3-0 (25-18, 25-16, 25-23)

CALZEDONIA VERONA: Baranowicz 1, Kovacevic 16, Anzani 5, Djuric 16, Ferreira 11, Zingel 8, Frigo (L), Giovi (L). N.E. Stern, Lecat, Randazzo, Mengozzi, Paolucci. All. Grbic.

BUNGE RAVENNA: Spirito 3, Lyneel 12, Bossi 4, Torres 8, Van Garderen 6, Ricci 4, Marchini (L), Goi (L), Calarco 1, Raffaelli 1. N.E. Grozdanov, Kaminski, Leoni. All. Soli.

ARBITRI: Santi, Frapiccini.

NOTE - durata set: 20', 22', 26'; tot: 68'.

MVP Uros Kovacevic (Calzedonia Verona)

Spettatori 3156

I RISULTATI-

Azimut Modena-Top Volley Latina 3-2 (25-21, 25-21, 22-25, 23-25, 15-10);

Exprivia Molfetta-Kioene Padova 3-0 (25-17, 25-21, 25-20);

Calzedonia Verona-Bunge Ravenna 3-0 (25-18, 25-16, 25-23);

Cucine Lube Civitanova-Revivre Milano 3-0 (25-19, 25-16, 25-17) Giocata venerdì;

Diatec Trentino-LPR Piacenza 3-0 (25-17, 25-23, 25-20);

Gi Group Monza-Biosì Indexa Sora 3-1 (24-26, 25-19, 25-19, 25-20);

Sir Safety Conad Perugia-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (31-29, 22-25, 25-19, 25-15)

LA CLASSIFICA-

Cucine Lube Civitanova 47, Diatec Trentino 44, Sir Safety Conad Perugia 43, Azimut Modena 40, Calzedonia Verona 34, Gi Group Monza 28, LPR Piacenza 27, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 24, Bunge Ravenna 19, Exprivia Molfetta 18, Top Volley Latina 15, Kioene Padova 14, Revivre Milano 13, Biosì Indexa Sora 12.

IL PROSSIMO TURNO 15/01/2017 Ore: 18.00 -

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Azimut Modena Ore 16.30;

Kioene Padova-Cucine Lube Civitanova;

Sir Safety Conad Perugia-Diatec Trentino;

Biosì Indexa Sora-Calzedonia Verona;

Bunge Ravenna-Exprivia Molfetta si gioca il 13/01/2017 ore 20.30;

Top Volley Latina-Gi Group Monza;

Revivre Milano-LPR Piacenza Diretta Lega Volley Channel

Articoli correlati

Commenti