Corriere dello Sport

SuperLega

Vedi Tutte
SuperLega

Volley: Superlega, Milano al top con Matteo Piano

Volley: Superlega, Milano al top con Matteo Piano

Il centrale azzurro lascia Modena e si mette a disposizione di Andrea Giani. « Ho scelto un ambiente che ha voglia di riportare la grande pallavolo in una grande metropoli »

Sullo stesso argomento

 

sabato 1 luglio 2017 16:19

MILANO- Un colpo sensazionale quello piazzato nelle ultime ore dalla Powervolley Revivre Milano. Il lavoro minuzioso del DS Fabio Lini e la grande volontà del Presidente Lucio Fusaro di allestire una rosa competitiva e che faccia divertire nella prossima stagione, hanno consentito alla formazione meneghina di assicurarsi per la prossima stagione le prestazioni sportive del centrale azzurro Matteo Piano.

Nelle ultime settimane “il caso” Matteo Piano aveva tenuto banco in questa fase di mercato della SuperLega UnipolSai. La destinazione del campione di Asti, infatti, era incerta fino a ieri sera quando ai microfoni di “Solo Volley” su Radio Busto Live il Presidente Lucio Fusaro ha preannunciato la notizia della firma del contratto che sigilla l’arrivo del centrale ex Modena alla Revivre Milano.

LA CARRIERA-

Nato ad Asti il 24 ottobre 1990, è sicuramente un top player della SuperLega UnipolSai, e i successi ottenuti con Modena nelle ultime tre stagioni ne sono una perfetta dimostrazione: 1 Scudetto (2015/16), 2 Coppa Italia (2014/15 e 2015/16), 2 Supercoppa Italiana (2015 e 2016). In precedenza ha militato 3 anni nella formazione umbra dell’Altotevere Città di Castello, che ha porta in Serie A1 nel 2012/13 grazie alla vittoria del campionato cadetto, e a Piacenza dove tra giovanili e prima squadra ha vinto anche una Supercoppa Italiana nel 2009.

Nelle ultime 4 stagioni in SuperLega, Matteo Piano a siglato 746 punti in 121 partite giocate e 410 set disputati, 424 in attacco, 56 in battuta e ben 266 a muro, risultando uno dei migliori giocatori nel proprio ruolo del nostro campionato (4° nella classifica dei muri sommando le statistiche degli gli ultimi 4 anni giocati). Nella stagione 2013/14 è stato il miglior muro dell’intera Serie A1 siglando ben 98 block vincenti.

Il nuovo centrale della Revivre Milano è uno dei simboli della Nazionale Italiana. Le prime convocazioni arrivano nel 2013 e subito vince la medaglia di bronzo alla World League e alla Grand Champions Cup e conquista il secondo posto ai Campionati Europei giocati in Danimarca e Polonia. Nel 2014 altro bronzo in World League mentre nel 2015 conquista il terzo posto agli Europei di Bulgaria e Italia e la medaglia d’Argento alla Coppa del Mondo in Giappone. La più grande soddisfazione per Matteo Piano è la medaglia d’Argento vinta ai Giochi Olimpici di Rio De Janerio nel 2016.

Da lunedì 3 luglio, dopo un periodo di riposo, Matteo Piano raggiungerà Cavalese per rispondere alla convocazione azzurra del tecnico Gianlorenzo Blengini che inizierà nella località trentina la preparazione dei Campionati Europei che si svolgeranno in Polonia dal 24 agosto al 3 settembre 2017.

Oltre ad essere un grandissimo giocatore, Matteo Piano è uno dei volti più noti della Pallavolo Italiana degli ultimi anni. E non solo grazie alle sue gesta sportive, ma anche per il proprio carattere estroverso e sempre sorridente che lo ha portato ad essere un simbolo per tanti ragazzi e ragazze. Matteo “Deejay”: insieme a Luca Vettori ha creato “Brodo di Becchi”, (https://www.spreaker.com/user/brododibecchi), programma web radiofonico che racconta delle avventure dei due giocatori amici, in “Un brodo di parole, suoni, idee e viaggi”.

LE DICHIARAZIONI-

Matteo Piano- « Sono veramente molto contento della scelta di venire a Milano. Inizia un percorso diverso nella mia carriera professionale e personale fatto di maggiori responsabilità in un ambiente che ha voglia di riportare la grande pallavolo in una grande metropoli. Ho scelto la Revivre consapevole che non sono più un ragazzino: voglio portare la mia grinta e la voglia di lavorare ogni giorno in palestra, essere sempre a disposizione della squadra, dei miei nuovi compagni e della società per dimostrare la grande fiducia che è stata riposta nei miei confronti e fare bene dentro e fuori dal campo. Adesso devo mettere il mio fuoco perennemente ogni giorno in palestra e dimostrare di essere sempre sul pezzo. Il progetto a Milano è ambizioso. e la voglia dei dirigenti e del Presidente Lucio Fusaro di portarmi alla Powervolley mi ha fatto veramente molto piacere. Si parte da zero, una nuova avventura per tutti ed il passato non dovrà più contare. Bisogna essere pronti per mettersi a disposizione del progetto. L’insistenza nel farmi arrivare a Milano, prendere tanti giocatori giovani di talento, un grande staff tecnico e la mentalità che avremo in palestra saranno tutti aspetti fondamentali per un unico obiettivo: crescere personalmente e far diventare grande questa società.

C’è stato una sorta di “caso Matteo Piano” in queste settimane e nessuno sapeva quale potesse essere la mia destinazione finale. Seguendo anche la mia libertà di scelta sono arrivato a Milano, ambiente composto da persone buone con le quali io ora sento la necessità di lavorare. Molto spesso ci si dimentica che la professionalità ed il valore umano contano di più di tanti altri aspetti: avevo bisogno di una realtà in cui le persone sono messe al centro del progetto e Milano mi ha fatto sentire così.

Sono contento di giocare con Sbertoli, Cebulj, Nimir e tanti altri talenti che dalla prossima stagione vorranno emergere: ognuno di noi ha nella propria storia attuale la voglia di mettersi in mostra e dare il massimo, da chi è più giovane ed è più spavaldo, da chi si cimenta per la prima volta da protagonista nel nostro campionati o da chi, come per me, arriva da una stagione in cui non è stato premiato. Puntiamo tutti insieme a portare Milano dove merita e soprattutto sono ansioso sia di giocare al PalaYamamy e spero presto al PalaLido. Poi ritrovo Andrea Giani come allenatore: mi ha scritto questa mattina e sono felice. E’ la persona giusta al posto giusto ».

Andrea Giani (Allenatore Powervolley Milano)« Decisamente un grande acquisto, un regalo che Lucio Fusaro ha voluto fare fortemente ad una società e ad una squadra che ora si presenta con grandi ambizioni. Matteo, al di la delle qualità tecniche, in questi anni ha maturato una grande esperienza a livello nazionale ed internazionale, e questo per noi sarà importante sia dentro che fuori dal campo. Sarà un giocatore decisivo per la squadra, un punto di riferimento per i giovani del gruppo e per coloro che faranno la prima esperienza nel nostro campionato. In campo porterà fisicità a muro e in attacco sarà fondamentale per i nostri meccanismi di gioco, oltre a tanta sicurezza e grinta. E’ un giocatore della nazionale, ed è importante che nel nostro gruppo entrino atleti che facciano la differenza proprio come lui. Portiamo un atleta di prima fascia al PalaYamamay, sarà seguito e apprezzato come tutti i suoi nuovi compagni di squadra: ma quello che conteranno saranno i risultati ed un giocatore come Matteo potrà contribuire fortemente a raggiungere gli obiettivi determinanti per dare entusiasmo al club e alla città che ci ospita. Sono felice perché con lui si completa una squadra di grande qualità.: c’è la volontà di un grande Presidente che vuol far crescere questa società in tutto e per tutto. Per quello che sta succedendo, stiamo dando un’immagine diversa all’esterno: Milano sta vuole diventare grande, vuole essere una protagonista. I risultati ora dovranno fare la differenza e confermare questo pensiero ».

Articoli correlati

Commenti