Volley: Superlega, incredibile finale, la Lube conquista il suo quinto scudetto
© Legavolley
SuperLega
0

Volley: Superlega, incredibile finale, la Lube conquista il suo quinto scudetto

Grande rimonta della formazione di De Giorgi che, sotto 2-0 nella quinta e decisiva partita della Serie di Finale, ribalta tutto e finisce per imporsi al tie break 2-3 (25-22; 25-21; 12-25; 21-25; 10-15) demolendo con servizio e muro le resistenze di Perugia 

PERUGIA- Incredibile, stupendo finale di campionato. La Cucine Lube Civitanova sfata il fattore campo, che fino ad oggi aveva contrassegnato tutte le sfide della serie scudetto, e si cuce sul petto, per la quinta volta nella sua storia, il tricolore. La vittoria della formazione di De Giorgi è arrivata nel più difficile dei modi. Juantorena e compagni si sono trovati sotto 2-0, ad un passo dalla sconfitta, ma hanno saputo reagire, hanno ripreso in mano, dal terzo set in poi, il match, trascinata dai suoi campioni, Simon, Leal, Bruno, Juantorena che, con i fondamentali di muro e servizio, hanno stroncato le resistenze di una Sir Safety che, pallone dopo pallone, si è sciolta, incapace di ritrovare il bandolo della matassa. Alla fine la vittoria al tie break premia la squadra più coriacea, quella che forse ci ha creduto di più. La soddisfazione è ancora più grande perchè la Lube arriva al titolo partendo dal terzo posto in Regular Season con 65 punti, 1 punto in meno di Trento, due dietro alla Sir, staccando di due vittorie piene i 49 punti della quarta forza Modena. Ora nelle Marche si esulta ma la stagione per i cucinieri può diventare davvero trionfale. Sabato a Berlino c’è la finale di Champions League contro lo Zenit Kazan. Civitanova può davvero scrivere la storia.

LA CRONACA DEL MATCH-

Il primo set vede subito la Sir Safety Perugia fare la voce grossa. Le bordate di Atanasijevic e Leon, serviti in maniera precisa da Luciano De Cecco, mandano fuori giri i muri della Cucine Lube Civitanova. La ricezione non aiuta la squadra di De Giorgi che prova a registrare la squadra con l’ingresso di Kovar. Il vantaggio di cinque punti acquisto all’inizio del parziale permette agli umbri di condurre e portarsi sull’ 1-0 nonostante il tentativo finale di risalire la china di Bruno e compagni grazie ad una serie vincente in battuta di Juantorena che riporta sotto i marchigiani (21-18) . Il quarto ace di Leon rimette Perugia a distanza di sicurezza (24-19) regalando cinque set point alla squadra di Bernardi.  Civitanova ne annulla tre con Sokolov al servizio. Poi Atanasijevic chiude i conti con una botta delle sue (25-22).

Si riparte ed il primo gap per Perugia lo scrive Leon che al servizio è devastante (6-2). Civitanova resta attaccata al set anche se fatica a ribaltare l’inerzia del match. La squadra di De Giorgi forza in battuta con qualche risultato positivo ma anche con diversi, inevitabili errori. La Lube si riavvicina (18-16). Un muro di Juantorena accorcia ancora (20-19). Un block, stavolta di Simon, sancisce la parità (21-21). Poi è solo Sir. Un ace di Filippo Lanza, che spara su Balaso, riporta Perugia avanti di due (23-21). Il muro di Podrascanin regala tre set point agli umbri. La chiude ancora Lanza al servizio. (25-21).

La Cucine Lube non può più sbagliare. Ora o mai più. I cucinieri partono forte (0-2) ma Perugia reagisce subito (2-2) sfruttando un errore di Simon. Due muroni dello stesso Simon mandano avanti gli ospiti (2-5). Atanasijevic spara due palloni fuori, cresce il vantaggio di Civitanova (3-7). La Sir rifiata mentre Bruno e compagni crescono al servizio e a muro, Juantorena, che stoppa un attacco avversario, ed un errore di Podrascanin scavano un solco importante (5-12) poi (6-14). La Lube inscena la fuga decisiva (7-19). Bernardi mette dentro Hoogendoorn, il secondo opposto, per far rifiatare uno stonato Atanasijevic ma gli errori in attacco sono una costante, in questa fase, nel campo umbro. La tendenza non si inverte, anzi ! La punizione per i padroni di casa in questo terzo set è pesantissima (12-25) e partita riaperta.

C’è curiosità all’inizio del quarto  per capire chi delle due squadre possa avere il sopravvento, visto il diverso comportamento delle due contendenti nei parziali precedenti. Un doppio ace di Atanasijevic, con due sassate, fa pendere subito l’ago della bilancia dalla parte della Sir (3-1). Civitanova però non molla e si riporta avanti (4-3). Il match cresce di intensità, le due formazioni danno tutto e si confrontano a suon di colpi vincenti. Si gioca in una bolgia. Due muri di Diamantini tengono avanti i cucinieri (5-7). Le manone di Simon fanno 6-9. Bernardi cerca di cambiare l’inerzia chiamando un time out sul (7-11). Riordinare le idee serve alla Sir per riavvicinarsi. Un ace di Podrascanin mette il sigillo sulla parità (11-11).  Risponde Juantorena con la stessa moneta, servizio vincente e 11-13. La partita in questa fase è esaltante ed in grande equilibrio. Due ace di Leon riportano avanti Perugia (15-14) con Juantorena in difficoltà in ricezione. Stavolta il time out è di De Giorgi. La parità regge fino ad un sprazzo vincente di Kovar, inserito al posto di Leal mossa vincente di Fefè, che con un grande muro ed una schiacciata perentoria porta la Lube avanti di tre (19-22). E’ il break decisivo. L’errore di Leon al servizio è fatale per la Sir. Civitanova si impone (21-25) e può giocarsi lo scudetto al quinto set.

Incredibile, un intero campionato sarà deciso da un set corto. La tensione in campo è palpabile. La Lube azzanna, riparte fortissimo e si porta avanti (0-3) con due muri vincenti che ammutoliscono il Pala Barton. Civitanova si porta poi a + 4 (2-6) sfruttando gli errori in attacco dei frastornati Block Devils. Al cambio di campo, grazie ad una gran botta di Juantorena, si va sul 3-8. Perugia non c’è più, Civitanova vola (4-10).  Lo scudetto viaggia sempre più veloce verso le Marche. Una bomba di Sokolov manda in paradiso la Lube (10-15). Quinto titolo per Civitanova, al termine di una partita e di una serie indimenticabile. Perugia piange, ma stasera ha vinto chi è stato più bravo.

I PROTAGONISTI-

Gino Sirci (Presidente Sir Safety Perugia)- « Stagione piuttosto magra, inutile nasconderlo ci aspettavamo di più. Oggi ci siamo inceppati, pensavamo forse di aver già vinto e non siamo riusciti a rialzarci nel momento di difficoltà. Ad un certo punto abbiamo perso gli occhi di tigre, siamo caduti a livello mentale. Ora ripartiremo consapevoli di essere forti, senza abbatterci, c’è sempre un domani. Ora è giusto che festeggino loro, nello sport vincono sempre i migliori ed oggi loro sono stati più bravi. Noi siamo pronti a lottare sempre ai massimi livelli, naturalmente con Bernardi che ha un altro anno di contratto e che qui ha fatto già grandi cose, cercando di migliorarci dove è possibile ».

Massimo Colaci (Sir Safety Conad Perugia)- « Prima di tutto complimenti alla Lube. Nello sport bisogna dare sempre merito ai vincitori e se hanno vinto è perché sono stati più bravi di noi. Cosa ci è mancato? Forse volevamo chiuderla subito e poi strada facendo ci siamo innervositi. Mi è capitato in carriera di vincere partite sotto 0-2 e di perderle avanti 2-0. Onore a loro, peccato per noi ».

Ferdinando De Giorgi (Allenatore Cucine Lube Civitanova)-« Sono felicissimo come tutti. Oggi abbiamo fatto un’impresa perché tutti conosciamo la forza di Perugia soprattutto in casa, ma non sono riusciti a spezzarci. I ragazzi sono stati determinati a volerla vincere fino alla fine. Credo che il lavoro che abbiamo fatto puntava a creare un po’ più di equilibrio nella partita perché nelle precedenti il nostro potenziale non si era espresso, abbiamo lavorato molto sull’aspetto della tenuta di squadra. Per me è una doppia soddisfazione perché sono molto legato all’ambiente Lube Volley: come tredici anni fa, ho fatto una foto con i miei figli per ricordarci come siamo cambiati dal primo storico Scudetto ».

Robertlandy Simon (Cucine Lube Civitanova)- « Questo scudetto era quello che volevamo dall’inizio. Siamo arrivati molto in forma a questo appuntamento. Dopo il 2-0 eravamo sempre convinti che potevamo farcela. Nel terzo set siamo entrati più convinti di giocare meglio ed abbiamo vinto due set. Il quinto era solo da concretizzare. Lo scudetto mi mancava, lo avevo sfiorato per due anni con Piacenza ed avevo proprio voglia di vincerlo ».

Bruno (Cucine Lube Civitanova)- « Oggi sembrava impossibile ma ce l’abbiamo fatta, è incredibile e bellissimo. Un film così, come la partita giocata qui, non ce lo immaginavamo neanche. Con il cuore abbiamo fatto una grande impresa, siamo venuti a Perugia dopo due bastonate senza farci condizionare e siamo riusciti a ribaltare una partita che si era messa davvero male. Arrivare alla Lube è stata una grande sfida, ho avuto qualche difficoltà all’inizio poi De Giorgi mi ha dato le indicazioni giuste e sono riuscito a tornare ai miei livelli. Non so se ho giocato bene o ho giocato male, l’importante era vincere ed abbiamo vinto ».

Osmany Juantorena (Cucine Lube Civitanova)- « È uno Scudetto straordinario, il più bello per me e non riesco a descrivere le sensazioni che provo in questo momento. Dopo il 2-0 tutta Italia era convinta che la partita fosse finita ma noi siamo rientrati con il cuore ed abbiamo fatto un’impresa incredibile per vincere qui a Perugia. Faccio i complimenti alla Società perché dopo tante finali perse ti rimane sempre questo fantasma in testa. Complimenti anche alla Sir per la bella serie ma i Campioni d’Italia siamo noi ».

Dragan Stankovic (Cucine Lube Civitanova)- « È stata una partita strana, su un campo dove quest’anno non avevamo mai vinto un set. Ci eravamo detti che oggi potevamo anche perdere ma dovevamo aver dato il massimo per farci valere qui a Perugia e quando abbiamo vinto il terzo set abbiamo capito che si poteva fare. Abbiamo poco tempo per festeggiare perché ci aspetta un’altra Finale ma troveremo il tempo dopo perché ce lo meritiamo ».

IL TABELLINO-

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 2-3 (25-22, 25-21, 12-25, 21-25, 10-15)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 5, Lanza 10, Podrascanin 4, Atanasijevic 14, Leon Venero 20, Ricci 6, Della Lunga (L), Seif 0, Hoag 0, Colaci (L), Piccinelli 0, Hoogendoorn 0. N.E. Berger, Galassi. All. Bernardi.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Mossa De Rezende 5, Juantorena 16, Simon 16, Sokolov 19, Leal 15, Cester 0, Marchisio (L), D’Hulst 0, Cantagalli 0, Balaso (L), Kovar 3, Diamantini 5. N.E. Stankovic, Massari. All. De Giorgi.

ARBITRI: Rapisarda, Puecher.

NOTE – Spettatori 4028, durata set: 29′, 27′, 21′, 30′, 17′; tot: 124′

MVP: Osmany Juantorena (Cucine Lube Civitanova)

L'ALBO D'ORO DEL CAMPIONATO-

1946 Robur Ravenna
1947 Robur Ravenna
1948 Robur Ravenna
1949 Robur Ravenna
1950 Ferrovieri Parma
1951 Ferrovieri Parma
1952 Robur Ravenna
1953 Minelli Modena
1954 Minelli Modena
1955 Minelli Modena
1956 Crocetta Modena
1957 Avia Pervia Modena
1958 Ciam Villa D’Oro Modena
1959 Avia Pervia Modena
1960 Avia Pervia Modena
1961 Ciam Villa D’Oro Modena
1962 Interauto Avia Pervia Modena
1962/63 Avia Pervia Modena
1963/64 Ruini Firenze
1964/65 Ruini Firenze
1965/66 Virtus Bologna
1966/67 Virtus Bologna
1967/68 Ruini Firenze
1968/69 Pallavolo Parma
1969/70 Panini Modena
1970/71 Ruini Firenze
1971/72 Panini Modena
1972/73 Ruini Firenze
1973/74 Panini Modena
1974/75 Ariccia
1975/76 Panini Modena
1976/77 Federlazio Roma
1977/78 Paoletti Catania
1978/79 Klippan Torino
1979/80 Klippan Torino
1980/81 Robe di Kappa Torino
1981/82 Santal Parma
1982/83 Santal Parma
1983/84 Kappa Torino
1984/85 Mapier Bologna
1985/86 Panini Modena
1986/87 Panini Modena
1987/88 Panini Modena
1988/89 Panini Modena
1989/90 Maxicono Parma
1990/91 Il Messaggero Ravenna
1991/92 Maxicono Parma
1992/93 Maxicono Parma
1993/94 Sisley Treviso
1994/95 Daytona Las Modena
1995/96 Sisley Treviso
1996/97 Las Daytona Modena
1997/98 Sisley Treviso
1998/99 Sisley Treviso
1999/00 Piaggio Roma
2000/01 Sisley Treviso
2001/02 Daytona  Modena
2002/03 Sisley Treviso
2003/04 Sisley Treviso
2004/05 Sisley Treviso
2005/06 Lube Banca Marche Macerata
2006/07 Sisley Treviso
2007/08 Itas Diatec Trentino
2008/09 Copra Nordmeccanica Piacenza
2009/10 Bre Banca Lannutti Cuneo
2010/11 Itas Diatec Trentino
2011/12 Lube Banca Marche Macerata
2012/13 Itas Diatec Trentino
2013/14 Cucine Lube Banca Marche Macerata
2014/15 Energy T.I. Diatec Trentino
2015/16 DHL Modena
2016/17 Cucine Lube Civitanova
2017/18 Sir Safety Conad Perugia
2018/19 Cucine Lube Civitanova

Tutte le notizie di SuperLega

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti