Volley: A2 Maschile, Carmelo Gitto, secondo rinforzo per Siena
SuperLega
0

Volley: A2 Maschile, Carmelo Gitto, secondo rinforzo per Siena

Il centrale siciliano viene da un positivo triennio in Superlega a Latina. Lo scorso anno ha festeggiato il raggiungimento dei 400 muri in carriera

SIENA- ll centrale siciliano Carmelo Gitto è il secondo acquisto dell’Emma Villas Siena dopo l’ufficializzazione del regista Falaschi. Il quasi trentaduenne di due metri (compirà gli anni il prossimo 3 luglio), nato a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina, ha collezionato fino ad ora ben 15 stagioni in Serie A, di cui ben 13 in SuperLega, nelle quali ha messo ha segno 1869 punti e 162 nell’ultima stagione a Latina.

LA CARRIERA-

Sebbene sia con Latina la squadra con la quale l’atleta stringe la relazione di più lunga data – otto le stagioni con la società laziale -, la sua carriera inizia nel 2003 nelle giovanili di Macerata, con qualche sporadica apparizione nella prima squadra. Nel 2006 conquista una medaglia di bronzo con la Nazionale Juniores agli europei di categoria. Dalla stagione 2007 trascorre due stagioni in A2 con il Bassano Volley e in quello stesso biennio vince il premio “G. Badiali” (miglior U23 italiano della Serie A2). Il 2009 è l’anno che segna il suo ritorno nella massima serie, cinque anni a Latina e poi l’approdo a Verona dal 2014 al 2016 con la quale conquista, l’ultimo anno, la Challenge Cup. Segue un triennio a Latina con la quale, nel novembre dello scorso anno, raggiunge il traguardo dei 400 muri in carriera.

LE PAROLE DI CARMELO GITTO-

« Ho scelto Siena perché mi è piaciuto il progetto e l’entusiasmo con il quale mi è stato presentato. Ho incontrato la Emma Villas Siena anche negli anni passati, in più di un’occasione, per tornei o competizioni amichevoli, e le ho sempre riconosciuto molta ambizione. Questo club ci tiene a far bene ed ha una grande desiderio di riscatto dall’ultima stagione. Sarò felice di dare il mio contributo. Sono una persona a cui non piace fare le valigie: quando aderisco ad un progetto, scelgo situazioni compatibili con i miei desideri e le mie ambizioni. Cerco di rimanere più a lungo possibile per costruire un progetto e condividerne un percorso. Questa estate continuerò ad allenarmi, a godermi qualche vacanza quando possibile, ma rimango volentieri a casa, in Sicilia, per godermi a pieno la mia terra. La voglia di lavorare con Gianluca Graziosi mi ha motivato molto in questa scelta. Non ho mai lavorato direttamente con lui ma avendo iniziato la mia carriera nelle giovanili fino ad arrivare alla prima squadra a Macerata, nelle Marche, di dove lui è originario, ci siamo “scontrati” molte volte. Ho apprezzato il suo lavoro fatto negli ultimi anni a Bergamo e Ravenna. Lavora molto bene e si sta ritagliando uno spazio interessante ».

 

Tutte le notizie di SuperLega

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti