SuperLega
0

Superlega, Milano sbanca l'Eurosole, Perugia trema a Verona

Alla ripresa del campionato i Campioni del Mondo conoscono la prima sconfitta stagionale in campionato. I Block Devils soffrono contro la squadra di Stoytchev ma la spuntano in volata. Nelle altre due partite della giornata successi per Modena, nel derby contro Piacenza, e Trento, che va a vincere sul campo di Monza

Superlega, Milano sbanca l'Eurosole, Perugia trema a Verona
© Powervolley

ROMA- Quattro le partite del secondo turno di ritorno di Superlega giocate questa sera. La grande sorpresa è uscita all’Eurosole di Civitanova dove l’imbattuta Cucine Lube ha conosciuto il primo ko stagionale cedendo ad una scintillante Allianz Milano che si impone al tie break. Altra sfida conclusa al quinto set quella che ha visto protagonista la seconda forza del campionato. Alla fine la Sir Safety Perugia la spunta sul campo della Calzedonia Verona. Nette vittorie, ma non senza sofferenza, per l’Itas Trentino, sul campo della Vero Volley Monza, e per la Leo Schoes Modena nel derby casalingo con la Gas Sales Piacenza.

TUTTE LE SFIDE-

CUCINE LUBE CIVITANOVA – ALLIANZ MILANO-

Altalena di emozioni all’Eurosuole Forum di Civitanova ma con il verdetto più bello per l’Allianz Powervolley Milano che batte la Lube per 3-2, infliggendo la prima sconfitta stagionale in campionato ai campioni d’Italia, d’Europa e del mondo. Una gara lunghissima, durata più di 2 ore, in cui è venuta fuori la grinta dei meneghini che, sotto di 2-1, trovano la forza e l’orgoglio di non mollare mai e di imporsi al tie break trascinati da un super Nimir, MVP del match!

Coach Piazza, che deve fare a meno di Petric per un affaticamento muscolare, lancia in campo il francese Basic, mantenendo l’assetto base finora utilizzato e che tante soddisfazioni ha dato al tecnico dell’Allianz Powervolley. Al cospetto dei campioni del mondo in carica, Milano gioca il primo set in maniera spavalda e con il coltello tra i denti e, trascinata dal solito Nimir, fa suo il primo parziale 23-25 con 10 punti dell’opposto olandese. L’inizio del secondo set è promettente per i meneghini, ma sono i padroni di casa che, tolte da dosso le polveri iniziali, spingono in attacco ma soprattutto bloccano Milano a muro, che non riesce a trovare il bandolo della matassa nonostante i cambi di Piazza con Okolic e Alletti in campo per Gironi e Kozamernik. Nel terzo parziale (chiuso con il 19% in attacco) alla qualità degli avversari si aggiungono i troppi di una Milano imprecisa sotto rete, che concede ben 11 punti ad una squadra come la Lube che non ha certo bisogno di aiuti. Ritorno al modulo classico nel quarto set per coach Piazza che torna in campo con i due centrali (Alletti per Gironi e Kozamernik) e svolta la partita: Milano domina il parziale, subisce il ritorno casalingo ma chiude 23-25. È l’episodio che rilancia la gara dell’Allianz Powervolley che spinge in battuta nel finale del quinto set con Nimir e trova un successo tanto insperato alla vigilia quanto cercato in partita.

Primo allungo Lube sul muro di Anzani sul primo tempo di Kozamernik (4-2). Juantorena trova la diagonale dell’8-5, ma l’errore dello stesso Juantorena porta Milano sul 9-8. L’errore di Leal porta l’Allianz Powervolley sul 10-10, con l’ace di Nimir a scrivere il 10-11. Muro vincente di Kozamernik per il 12-13, con l’allungo dei ragazzi di Piazza sull’errore di Rychlicki. La Lube trova con il muro del lussemburghese il 16 pari, con le due squadre a giocarsi il set punto a punto (19-20 sull’errore di Leal). Out l’attacco di Juantorena e break Milano (19-21). Nuovo pareggio Lube con il muro di Anzani su Nimir (21-21). Muro vincente di Sbertoli e 21-23 per Milano, con Clevenot a schiacciare per il 22-24. Chiude il set Nimir con il suo 10° punto personale (23-25).

Lube avanti di un break all’inizio del secondo set con il primo tempo di Anzani (7-5): scambi combattuti ma sono i padroni di casa a volare sul 10-6 sull’attacco out di Nimir. Ancora Civitanova che blocca Nimir a muro (14-9) con time out per Piazza. Ancora un muro Lube con Bruno su Gironi per il 16-10, cui risponde il muro di Clevenot su Juantorena per il 17-12. Ace di Sbertoli per il 18-14, ma ancora i muri della Lube a stoppare Milano (23-16). Chiude il set Leal ancora a muro per il 25-18.

Subito break Civitanova nel terzo con Rychlicky (3-1), con Piazza a chiamare subito time out sul 5-1. La musica non cambia, perché Civitanova vola sul +7 (8-1). Muro Gironi per l’11-5, ma risponde subito la Lube con l’ace di Leal (13-5). È l’errore di Leal a consegnare il 9° punto a Milano, che trova con Clevenot l’ace del 18-10. Lube inarrestabile per il 24-13, con Anzani a chiudere a muro 25-13.


Milano parte bene alla ripresa del gioco con il muro di Clevenot per lo 0-2. Muro di Basic per il 3-6 Milano e time out di De Giorgi. Torna a far volare il braccio Nimir che trova il 6-9, con Trevor Clevenot che trova lo smash del 6-10. Mani out Nimir (6-11), con Clevenot a giocare mani out (8-13). Ancora il francese a trovare la pipe del 9-15 che costringe la Lube al secondo time out. Muro di Nimir per il 9-16. Kozamernik trova il millimetro del 9-17. Basic a segno per il 10-18, con Piazza a chiamare time out sul 14-19. Muro di Alletti per il 14-20, con Clevenot a trovare un punto d’alta scuola per il 15-21. Accorcia la Lube per il 18-21, ma Nimir sfonda la seconda linea cuciniera per il 18-22. La rimonta Lube arriva al -1 con il muro vincente di Anzani su Nimir (21-22), ma arriva il muro di Milano per il 21-24. Errore di Nimir per il 23-24, Nimir la chiude per il 23-25.

Nel tie break ace di Rychlichy per il 3-2 di Civitanova, ma Milano risponde con il muro di Clevenot (3-4). Ancora Clevenot in diagonale (5-6). Al cambio campo si va sull’8-7 Lube e sul muro di Bieniek Piazza chiama time out. Ace di Nimir per il 10 pari, Basic trova il contrattacco per il 10-11, con l’olandese a colpire ancora dai 9 metri per il 10-12. Alletti trova il 10-13, ed è ancora ace con Nimir per il 10-14. Attacco out di Leal per il 10-15 finale.

I PROTAGONISTI-

Fefè De Giorgi (Allenatore Cucine Lube Civitanova)- « E’ stata una gara un po’ particolare, nel primo set non abbiamo iniziato al massimo dal punto di vista agonistico, facendo qualche errore di troppo. Poi abbiamo migliorato il nostro gioco, ma il quarto set è stato deleterio nonostante la rimonta sfiorata. Nel quinto set, dal 10-9 Nimir ha fatto la differenza al servizio. Come prendiamo punto dalle vittorie, bisogna farlo anche da questa partita: con i numeri siamo stati migliori di Milano ma nell’essenza e nei momenti importanti siamo stati al di sotto ».

Trevor Clevenot (Allianz Milano)- «Siamo proprio così, un gruppo che non vuole mollare mai. Non è facile ripartire quando subisci così nel terzo set, ma abbiamo fatto quello che sappiamo fare: giocare a pallavolo. Non siamo i favoriti in partite di questo genere, ma vogliamo ogni volta dimostrare che ci siamo, che possiamo fare bene e cercare di mettere in difficoltà i nostri avversari. Oggi siamo felicissimi per questo successo ».

IL TABELLINO-

CUCINE LUBE CIVITANOVA – ALLIANZ MILANO 2-3 (23-25, 25-18, 25-13, 23-25, 10-15)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Mossa De Rezende 1, Juantorena 12, Bieniek 7, Rychlicki 19, Leal 21, Anzani 12, Marchisio (L), Balaso (L), Kovar 2, Massari 1, D’Hulst 0. N.E. Simon, Diamantini, Ferri. All. De Giorgi.

ALLIANZ MILANO: Sbertoli 2, Gironi 4, Clevenot 14, Abdel-Aziz 30, Basic 9, Kozamernik 4, Hoffer (L), Pesaresi (L), Okolic 1, Alletti 5, Weber 0, Izzo 0. N.E. Petric. All. Piazza.

ARBITRI: Gnani, Puecher.

NOTE – durata set: 31′, 24′, 22′, 32′, 16′; tot: 125′.

MVP: Nimir Abdel-Aziz (Allianz Milano):
Spettatori: 3.471.
Incasso: 31.827 euro.

LEO SHOES MODENA – GAS SALES PIACENZA-

Un PalaPanini con oltre 4400 spettatori accoglie la terza gara di Superlega tra la Leo Shoes Modena di Giani e Gas Sales Piacenza di Gardini. La Leo Shoes parte con la diagonale Christenson-Zaytsev, in banda ci sono Bartosz Bednorz e Matt Anderson, al centro Bossi e Mazzone, il libero è Salvatore Rossini. Piacenza parte con Cavanna-Nelli, in banda Kooy-Berger, Stankovic-Krsmanovic al centro con Scanferla libero. Parte il match ed è subito punto a punto con Modena che va sull’8-6. Christenson alza ancora il ritmo di Modena che scappa e va sul 17-15, Piacenza non molla nulla, 17-17 e match tiratissimo. La Leo Shoes chiude il parziale con uno Zaytesev-Bednorz show 25-21. Il secondo set parte sulla falsariga del primo con Modena che va sul 9-7. E’ di altissimo livello la reazione di Piacenza che mette la freccia e segna il 17-19. E’ punto a punto straordinario il finale di set, 29-29 e PalaPanini che spinge tantissimo. Modena chiude un parziale di volley clamorosamente bello da ambo le parti 33-31, è 2-0. Nel terzo set la Leo Shoes va sul 14-11 e chiude il parziale 25-23 e il match 3-0.

I PROTAGONISTI-

Andrea Giani (Allenatore Leo Shoes Modena)- « L'ultimo periodo non è stato buono nel gioco e c'era tensione, siamo stati bravi nelll'approccio, determinati e lucidi anche quando la partita si complicava, tranne quando siamo tornati a sederci nel secondo. La battuta? Siamo andati bene un po' in tutto il girone di andata, ma non dobbiamo pensare ai punti facili, dobbiamo essere bravi a costruirci i punti con la difesa. Micah e Anderson? Hanno lavorato bene nella sosta, soprattutto sulla testa: da adesso in poi dobbiamo assumerci le nostre responsabilità ».

Andrea Gardini (Allenatore Gas Sales Piacenza)- « Abbiamo giocato una buona gara contro una grandissima squadra, serviva maggiore lucidità nei momenti topici dei set, torniamo in palestra consci della nostra forza, sapendo che dobbiamo ancora lavorare, giorno dopo giorno ».

IL TABELLINO-

LEO SHOES MODENA – GAS SALES PIACENZA 3-0 (25-21, 33-31, 25-23)

LEO SHOES MODENA: Christenson 2, Anderson 14, Mazzone 11, Zaytsev 12, Bednorz 18, Bossi 8, Iannelli (L), Rossini (L), Estrada Mazorra 0, Salsi 0. N.E. Truocchio, Kaliberda, Pinali, Sanguinetti. All. Giani.

GAS SALES PIACENZA: Cavanna 0, Berger 11, Stankovic 9, Nelli 19, Kooy 16, Krsmanovic 4, Fanuli (L), Scanferla (L), Botto 0, Pistolesi 0, Fei 0. N.E. Yudin, Tondo, Copelli. All. Gardini.

ARBITRI: Cerra, Pozzato.

NOTE – durata set: 30′, 40′, 30′; tot: 100′.

MVP: Bartosz Bednorz (Leo Shoes Modena)
Spettatori 4.418.
Incasso:45.049 euro.

CALZEDONIA VERONA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA-

Montagne russe a Verona per la Sir Safety Coand Perugia che, dopo due ore abbondanti di gioco, espugna al tie break il campo della Calzedonia tornando a casa con due punti importanti per la propria classifica.
La pausa natalizia fa perdere un po’ di ritmo ai Block Devils che mancano a tratti in continuità nella costruzione del gioco. Ma i ragazzi, sotto 2-1 nel conto dei set, tirano fuori orgoglio, attributi e voglia di vincere capovolgendo la situazione e chiudendo al quinto parziale con l’ace di Ricci.
Prima un match a più facce. Bellissima quella di Perugia nel primo set con la fase break che funziona al meglio e con pochissimi errori diretti. In calo quella del secondo e terzo con i bianconeri che diventano fallosi (11 errori gratuiti in entrambi i set) e con Verona che cresce trascinata da Boyer e Solè.
Heynen in avvio di quarta frazione scuote i Block Devils che reagiscono al meglio, limitando nuovamente gli errori e ritrovando continuità al servizio e soprattutto nella correlazione muro difesa con Leon ed un ottimo Lanza che finalizzano in contrattacco. Nel tie break lo strappo lo dà l’asso cubano-polacco che infila tre attacchi vincenti di seguito dal 5-5 al 5-8. È il break decisivo perché Perugia mantiene il vantaggio fino in fondo con un cambiopalla infallibile.
Sono proprio Leon e Lanza i migliori realizzatori nella metà campo bianconera. 20 punti a testa per i martelli umbri con Lanza (70% in attacco) che infila anche 4 ace mentre Leon chiude con 4 muri vincenti. Doppia cifra anche per Atanasijevic (16 palloni a terra), bene il gioco al centro con Ricci e Podrascanin, mentre riprende il 2020 come aveva chiuso il 2019 un super Colaci in seconda linea, dando solidità in ricezione (60% di positiva) e tirando su tutto in difesa.
Per Perugia dunque un rientro comunque positivo in Superlega ed all’orizzonte due incontri casalinghi ravvicinati e consecutivi con il match di domenica con Monza per la terza di campionato e quello di mercoledì con Padova per l’importantissimo quarto di finale di Coppa Italia.

Ricci e Podrascanin al centro, Leon e Lanza in posto quattro. Queste le scelte di Heynen per la prima del 2020 dei Block Devils. Si parte con il muro vincente di De Cecco (0-1). Invasione aerea di Spirito, poi maniout di Leon (1-4). Lanza a segno in parallela (4-8). Ancora un break per Perugia dopo l’attacco out di Solè (5-10). Arrivano il muro punto di Ricci, l’ace di Lanza ed il contrattacco di De Cecco (6-14). Altro muro, stavolta di Leon (7-16). Verona accorcia con i punti di Boyer (12-19), ma i bianconeri tengono bene il campo e si avvicinano alla chiusura del set con Lanza (14-23). Leon porta i suoi al set point (15-24). Chiude Atanasijevic (16-25).
Seconda frazione con equilibrio iniziale e con Atanasijevic che chiude il pallone del 3-3. Ace di Leon, poi maniout di Lanza (3-5). L’ace di Boyer pareggia (6-6). Si gioca punto a punto con Atanasijevic che dà il doppio vantaggio a Perugia con un bel maniout (11-13). Le due squadre lavorano bene in fase di cambiopalla e la pipe di Lanza mantiene le distanze (15-17). Attacco out di Leon e parità (17-17). Atanasijevic a segno da posto due (19-20). Verona si porta a condurre dopo l’errore proprio di Atanasijevic (21-20). Ricci mette a terra il primo tempo del 22-22. Ace di Lanza (22-23). Perugia arriva al set point (23-24). Solè manda il set ai vantaggi (24-24). Diagonale vincente di Leon (24-25). Boyer pareggia ancora (25-25). Out Leon, stavolta il set point è per Verona (26-25). Ancora fuori Leon, la Calzedonia pareggia i conti (27-25).
Squadre a braccetto nel terzo parziale (5-5). Ace di Boyer, poi errore di Leon, Verona scappa via (8-5). Leon accorcia, Cester ristabilisce (10-7). Dentro Russo e Plotnytskyi, ma Perugia è molto fallosa (14-10). Ace di Boyer (17-12). Muro di Leon (17-14). Fuori Atanasijevic (19-14). In campo l’attacco di Muagututia, poi Solè (22-15). Il set è segnato per i Block Devils con Asparuhov che manda Verona a condurre (25-18).
Prova a reagire Perugia nel quarto set con Podrascanin e Lanza di nuovo in campo (0-2). Maniout proprio di Lanza che si ripete in contrattacco (1-4). Altri due sempre per il martello azzurro (2-6) che poi infila anche l’ace (3-8). A segno Leon (6-12). Ace di Asparuhov (10-14). Ricci chiude un bello scambio (10-16). Verona torna sotto con l’ace di Spirito (14-17). Tre di Leon (due attacchi ed un muro) per il 14-20. Maniout di Lanza (15-22). Ricci regala a Perugia il set point (16-24). L’errore al servizio di Kluth rimanda tutto al tie break (18-25).
Quinto set con Verona avanti (3-1). L’ace di Lanza pareggia subito (3-3). Contrattacco di Atanasijevic (3-4). Tre in fila di Leon (5-8). Colpo vincente di Atanasijevic (6-9). Chiude il primo tempo Podrascanin (7-10). Non è da meno Ricci (8-11). Ancora Ricci (9-12). In campo l’attacco di Leon (10-13). Il muro di Leon porta i Block Devils al match point (10-14). Chiude subito Ricci con il servizio vincente (10-15).

I PROTAGONISTI-

Luca Spirito (Calzedonia Verona)-  « Un po’ di delusione c’è, giochi contro Perugia e la metti sotto per buona parte della gara e ti aspetti di arrivare al quinto set e portarla a casa. Non è andata così, ma siamo sulla buona strada. Ottimo l’atteggiamento in campo, si vedeva la voglia di vincere da parte di tutti, nonostante qualche imprecisione che ha creato dei buchi abbiamo lavorato bene in difesa e copertura. Bravi tutti, si è visto anche dal contributo dalla panchina, tutti quelli che sono entrati hanno dato tutto ».

Marco Podrascanin (Sir Safety Perugia)- « Ce l’aspettavamo difficile ma non così. Comunque siamo stati bravi riuscendo a rimontare e a portare a casa due punti pesanti da un campo dove non è semplice vincere. Non era semplice dopo la pausa di due settimane anche per noi che abbiamo disputato le qualificazioni Olimpiche. Adesso ci aspetta un periodo davvero intenso, con partite ogni tre giorni, dobbiamo dare in ogni occasione qualcosa in più per non lasciare punti per strada. Chiudo con un ringraziamento ai nostri tifosi che ci seguono ovunque dimostrando di essere i migliori del mondo ».

IL TABELLINO-

CALZEDONIA VERONA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 2-3 (16-25, 27-25, 25-18, 18-25, 10-15)

CALZEDONIA VERONA: Spirito 1, Muagututia 15, Solé 12, Boyer 19, Asparuhov 10, Cester 5, Donati (L), Marretta 0, Bonami (L), Aguenier 0, Chavers 1, Kluth 0. N.E. Zanotti, Franciskovic. All. Stoytchev.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 2, Leon Venero 20, Podrascanin 8, Atanasijevic 16, Lanza 20, Ricci 11, Biglino (L), Piccinelli (L), Zhukouski 0, Colaci (L), Taht 0, Russo 0, Plotnytskyi 0. N.E. Hoogendoorn. All. Heynen.

ARBITRI: Simbari, Cappello.

NOTE – durata set: 25′, 35′, 25′, 27′, 17′; tot: 129′.

Spettatori: 3.496

MVP: Filippo Lanza (Sir Safety Conad Perugia)

VERO VOLLEY MONZA – ITAS TRENTINO-

Il 2020 dell’Itas Trentino inizia con una convincente vittoria esterna a Monza. Questa sera alla Candy Arena i gialloblù hanno infatti imposto il 3-0 ai padroni di casa del Vero Volley nel match valevole per il quindicesimo turno di regular season SuperLega Credem Banca 2019/20, rilanciando le proprie ambizioni di classifica, che ora li vede nuovamente al quarto posto. La lunga pausa di tre settimane del campionato ha evidentemente consentito alla squadra di Lorenzetti di presentarsi in campo con rinnovato smalto e soprattutto con una condizione fisicamente decisamente più brillante, come dimostrano le percentuali in attacco fatte registrare da molti effettivi (su tutti Russell col 78% e Lisinac col 69%) e la grande tenuta sfoggiata nel corso del secondo set, il più difficile da portare a casa.
Dopo una buona partenza, Giannelli e compagni hanno infatti subito nel parziale centrale la reazione di Monza, passata per le mani di Sedlacek; sono riusciti a contenerla, vincendo ai vantaggi (31-29), grazie agli spunti individuali ma anche grazie alle ottime cose mostrate fra muro e difesa. Il successo allo sprint di quel sey ha poi aperto la strada anche per il terzo periodo, vinto nuovamente in scioltezza sulla falsariga del primo. Lo stesso Russell (best scorer con 16 punti ed mvp) è stato solo uno dei quattro trentini a terminare il match in doppia cifra; assieme a lui anche Lisinac (13), Vettori e Cebulj (11 a testa), a conferma di una direzione in regia di Giannelli molto efficace.

I PROTAGONISTI-

Fabio Soli (Allenatore Vero Volley Monza)- « Abbiamo messo più cuore rispetto a quello visto nelle ultime gare. Dobbiamo migliorare sicuramente delle cose, è evidente. Lo abbiamo condiviso in questa pausa ma non è bastato. Questa squadra può dare di più rispetto a stasera e alla gara contro Milano. La strada è dura, lunga, lo sappiamo. Dobbiamo e vogliamo crescere anche se purtroppo i risultati non ci danno una mano. Dobbiamo essere noi però a darci una mano con la qualità di gioco. Oggi sapevamo che saremmo stati in emergenza, motivo per cui avevo detto ai ragazzi di aspettarsi di uscire ed entrare, cambiare, magari giocare fuori ruolo. Lo hanno fatto bene, giocando col giusto piglio. Dobbiamo mettere sicuramente più qualità, perchè durante la gara diventiamo scontati e questo si ripercuote sul nostro entusiasmo, aspetto fondamentale per risolvere momenti del match che non ti arridono ».

Angelo Lorenzetti (Itas Trentino)- « Abbiamo messo in mostra una buona pallavolo ma va anche considerato che siamo stati sicuramente aiutati nel nostro intento dall’assenza pesante di Kurek fra le fila di Monza . L’atteggiamento della squadra è stato buono in ogni situazione ed è quello che conta di più stasera. Nel secondo set abbiamo mostrato carattere ma anche determinazione, lavorando bene fra muro e difesa dopo che gli avversari ci avevano messo in difficoltà in fase di cambiopalla. Il nostro ritmo deve necessariamente crescere, ma sicuramente siamo stati bravi ad uscire da una situazione che poteva farsi complicata ».

IL TABELLINO-

VERO VOLLEY MONZA – ITAS TRENTINO 0-3 (19-25, 29-31, 21-25)

VERO VOLLEY MONZA: Orduna 0, Dzavoronok 12, Galassi 2, Ramirez Pita 1, Sedlacek 16, Beretta 7, Federici (L), Calligaro 0, Buchegger 1, Yosifov 4, Goi (L), Louati 4. N.E. Capelli, Kurek. All. Soli.

ITAS TRENTINO: Giannelli 2, Russell 16, Candellaro 6, Vettori 11, Cebulj 11, Lisinac 13, De Angelis (L), Grebennikov (L), Michieletto 0, Djuric 0. N.E. Sosa Sierra, Daldello, Codarin, Kovacevic. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Tanasi, Piana.

NOTE – durata set: 27′, 40′, 29′; tot: 96

Spettatori: 1.863.

MVP: Russell (Itas Trentino).

I RISULTATI-

Calzedonia Verona-Sir Safety Conad Perugia 2-3 (16-25, 27-25, 25-18, 18-25, 10-15);

Vero Volley Monza-Itas Trentino 0-3 (19-25, 29-31, 21-25);

Cucine Lube Civitanova-Allianz Milano 2-3 (23-25, 25-18, 25-13, 23-25, 10-15);

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Kioene Padova Rinviata;

Consar Ravenna-Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3-2 (25-19, 21-25, 21-25, 25-23, 15-10) Giocata ieri;

Leo Shoes Modena-Gas Sales Piacenza 3-0 (25-21, 33-31, 25-23)

Ha riposato: Top Volley Cisterna

LA CLASSIFICA-

Cucine Lube Civitanova 39, Sir Safety Conad Perugia 33, Leo Shoes Modena 31, Itas Trentino 30, Allianz Milano 30, Kioene Padova 18, Consar Ravenna 18, Calzedonia Verona 18, Vero Volley Monza 15, Gas Sales Piacenza 12, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 9, Top Volley Cisterna 9, Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 5.

Note: 1 Incontro in meno: Kioene Padova, Top Volley Cisterna; 2 Incontri in meno: Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia;

IL PROSSIMO TURNO- 19/01/2020 Ore: 18.00-

Top Volley Cisterna-Cucine Lube Civitanova;

Globo Banca Popolare del Frusinate Sora-Leo Shoes Modena;

Gas Sales Piacenza-Calzedonia Verona;

Sir Safety Conad Perugia-Vero Volley Monza;

Allianz Milano-Consar Ravenna;

Itas Trentino-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia

Riposa: Kioene Padova

Tutte le notizie di SuperLega

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti