Sfogo social di Baranowicz: "Fatemi giocare"

Ancora imprigionato dal contratto che lo lega alla Tonno Callipo il regista ha affidato ad Instagram il suo sfogo dettato dalla voglia di risolvere al più presto la questione

PIACENZA- A seguito della difficile situazione creatasi, e dell’impossibilità di scendere in campo con  la Gas Sales Piacenza società con la quale si è appena accordato, Michele Baranowicz ha postato suo profilo instagram uno sfogo che fotografa la sua attuale situazione rivolgendo in particolare le sue attenzioni alla Tonno Callipo Vibo Valentia, società per la quale è stato tesserato nella passata stagione.

Questo il testo dello sfogo del giocatore: «Sono molto amareggiato e deluso per quello che mi sta accadendo e dispiaciuto per la mia nuova società, Piacenza, che ancora non ha potuto schierarmi in campo. Conosco molto bene i regolamenti ed ho chiesto io di non essere tesserato per Vibo a luglio, senza nemmeno immaginare che al momento in cui ho fatto richiesta di trasferimento a Piacenza potesse succedere un episodio del genere. Tengo a precisare che ho avuto un rapporto leale, sereno e cordiale con la famiglia Callipo e non ho nessuno contenzioso legale con loro. Ho provato più volte in questi giorni a contattare il Presidente Callipo cercando di comprendere cosa stesse accadendo senza alcuna risposta. Venerdì mattina mi è stato richiesto dal Direttore sportivo della TonnoCallipo il Sig. De Nicolo dove volevo trasferirmi, codice fipav e modello di trasferimento, dopo aver inviato tutto (visita medica compresa)...il caos, quella che sembrava una prassi vissuta da noi atleti molte volte nella carriera si è trasformata in Odissea. Ancora oggi mi trovo fermo, senza poter giocare con il mio nuovo Club. Nulla impedisce a Vibo di farmi giocare da subito. Ringrazio Piacenza per avermi dato questa grande opportunità che vorrei cogliere immediatamente e ricambiare la loro fiducia scendendo in campo già dalla prossima gara ».

Da non perdere





Commenti