Corriere dello Sport

A2 femminile

Vedi Tutte
A2 femminile

Volley: A2 Femminile, Nicola Negro è il nuovo tecnico di Trento

Volley: A2 Femminile, Nicola Negro è il nuovo tecnico di Trento

Dopo il divorzio da Iosi la Delta Informatica riporta in in Italia l'allenatore che ha guidato le formazioni polacche Wroclaw e Dabrowa in Champions e che nella stagione 2014/2015 ha guidato Conegliano

Sullo stesso argomento

 

martedì 23 maggio 2017 11:01

TRENTO- Sarà Nicola Negro, nato a Treviso trentasette anni fa, il nuovo allenatore della Delta Informatica Trentino in vista della stagione sportiva 2017/2018, quarta esperienza consecutiva in serie A2 per la società del presidente Roberto Postal. Dopo la separazione con Iosi, la scelta della società gialloblù è ricaduta su un tecnico che, seppur molto giovane, ha già maturato una grande esperienza sia a livello nazionale, sia in campo internazionale, avendo allenato nel recente passato in Turchia, Azerbaijan, Polonia, Romania e Slovenia, togliendosi la soddisfazione di vincere uno scudetto in Polonia e di partecipare due volte alla Champions League, con Wroclaw e Dabrowa.
Negro – per sette anni braccio destro di Alessandro Chiappini nella prima parte della sua carriera da allenatore – arriverà all’ombra del Bondone dopo un’annata vissuta tra Romania e Slovenia, prima sulla panchina del CSM Bucarest e, da fine gennaio in avanti, alla guida del Calcit Lubiana, partecipando, oltre alle competizioni slovene, anche alla Coppa Cev e alla Mezva Cup, terminata al secondo posto. Il tecnico trevigiano tornerà dunque in Italia a due anni e mezzo di distanza dall’ultima esperienza nella nostra Penisola: nella stagione 2014/2015 Negro ha infatti allenato in serie A1 l’Imoco Conegliano.

LE PAROLE DI NICOLA NEGRO-

« Sono molto felice di arrivare a Trento, ho accettato l’offerta della società perché mi ha mostrato la voglia di fare le cose seriamente ed ha l’ambizione di crescere. La prima impressione è stata davvero molto positiva e quella di Trento mi è parsa un’ottima realtà dove poter lavorare. Ho allenato una sola volta in A2, dieci anni fa a Milano, ma ho sempre seguito questo campionato da esterno con grande interesse; arrivo a Trento in punta di piedi per conoscere meglio questo campionato e per ambientarmi il più velocemente possibile. Sono convinto che saremmo in grado di costruire una squadra importante. Obiettivi? E’ tutto ancora in divenire ma quel che è certo è che il sottoscritto e la società vogliono fare il massimo per raggiungere traguardi importanti ».

Articoli correlati

Commenti