A2 Femminile, Trento vince a Soverato, la Omag torna al successo

La squadra di Bertini passa in Calabria al tie break, quella di Saja dopo due sconfitte, si prende i tre punti contro la Barricalla

© Delta Informatica

ROMA- Il Coronavirus in A2 Femminile ferma soltanto due partite, una nella Pool Promozione nella quale è stato rinviato il derby piemontese Eurospin Ford Sara Pinerolo-Lpm Bam Mondovi’ e una nella Pool Salvezza dove non si è giocato a Montecchio dove era atteso l’arrivo del Green Warriors Sassuolo. Nel raggruppamento che guarda alla serie A1 successo al tie break della capolista Delta Informatica Trentino sul difficile campo di Soverato. Accorcia le distanze dalla vetta l’Omag S.G.Marignano che si prende i tre punti nel match interno contro il Barricalla Cus Torino. Si issa al quarto posto la Conad Ravenna corsara sul campo del Geovillage Olbia. Partita tirata fino al quinto set fra Itas Città Fiera Martignacco e Futura Busto Arsizio con successo per le padrone di casa.

Nella Pool Salvezza colpo dell’Exacer Montale che espugna il palazzetto della capolista Roana Macerata. Altro successo in trasferta quello nettissimo centrato da Cutrofiano sul campo dell’Acqua&Sapone Roma. Continua la striscia positiva della P2P Baronissi che batte il Cda Talmassons. Vittoria pesante della Sigel Marsala che rimanda a casa il Club Italia Crai con un passivo di 3-0

POOL PROMOZIONE-

TUTTE LE SFIDE-

ITAS CITTA’ FIERA MARTIGNACCO – FUTURA VOLLEY GIOVANI BUSTO ARSIZIO-

L’Itas Città Fiera Libertas Martignacco si sblocca. Nella terza d’andata della Pool promozione, le friulane di coach Marco Gazzotti superano 3-2 (25-27, 25-22, 15-25, 25-15, 15-12) Busto Arsizio e raccolgono i primi punti al termine di una partita molto combattuta che entusiasma i numerosi appassionati accorsi in via San Biagio. L’Itas Città Fiera ha il merito di crederci sempre e raddrizzare la sfida dopo essere andata sotto sull’1-2. «Ci godiamo questa vittoria, sofferta e in rimonta, contro una squadra che ha destato una grande impressione e non a caso aveva sconfitto San Giovanni in Marignano nel turno precedente. Con le unghie e con i denti le nostre ragazze hanno dato tutto quello che avevano e ci congratuliamo con loro. Menzione speciale per Pascucci che ha espresso tutto il suo potenziale e dimostrato perché abbiamo puntato su di lei. Questi due punti sono i primi nella Pool promozione, quindi è giusto celebrarli», dice il presidente Bernardino Ceccarelli. Il tabellino friulano: Carraro 4, Busolini 7, Dhimitriadhi 2, Rucli 14, Nwanebu 6, Fiorio 14, Stival 3, Pascucci 23.

IL TABELLINO-

ITAS CITTA’ FIERA MARTIGNACCO – FUTURA VOLLEY GIOVANI BUSTO ARSIZIO 3-2 (25-27 25-22 15-25 25-15 15-12)

ITAS CITTA’ FIERA MARTIGNACCO: Fiorio 14, Busolini 7, Carraro 4, Pascucci 23, Rucli 14, Nwanebu 6, Caravello (L), Stival 3, Dhimitriadhi 2, Caserta, Pecalli. Non entrate: Beltrame, Sabadin, Giugovaz (L). All. Gazzotti.

FUTURA VOLLEY GIOVANI BUSTO ARSIZIO: Zingaro 11, Sartori 12, Latham 18, Pistolesi 13, Veneriano 13, Cialfi 7, Garzonio (L), Pinto 3, Gallizioli 1, Danielli, Peruzzo. Non entrate: Cicolini, Grippo, Francesconi (L). All. Lucchini.

ARBITRI: Mesiano, Clemente.

NOTE – Durata set: 31′, 29′, 23′, 24′, 16′; Tot: 123′.

GEOVILLAGE HERMAEA OLBIA – CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA-

L’Hermaea Olbia rimanda ancora l’appuntamento con la prima vittoria nella Poule Promozione del campionato di A2. Al PalAltoGusto l’Olimpia Teodora Ravenna piega le resistenze delle biancoblu e si impone in rimonta per 3 set a 1 (20-25; 23-25; 22-25; 20-25). Nulla da fare, dunque, per la squadra di Giandomenico, partita benissimo ma poi frenata da un calo di precisione.

La partenza delle galluresi è ottima, e sul -5 (12-7) il tecnico ospite Bendandi deve già chiamare il primo timeout. Guidata dall’esperienza di Bacchi e Manfredini Ravenna torna a contatto sul 14-13, ma poi viene trafitta da una nuova fiammata dell’Hermaea, capace di guadagnare il +6 (20-14) dopo il muro vincente di Angelini. Barazza e compagne giocano molto bene e difendono il margine di vantaggio anche dopo il secondo timeout di Bendandi. Sul più bello qualcosa si inceppa, e le romagnole risalgono fino al -3 (23-20). Nel finale, però, torna la lucidità: Emmel conquista la palla set, sfruttata al primo tentativo grazie a un errore delle ospiti.

Il motivo principale del secondo set è l’equilibrio: Olbia e Ravenna vanno a braccetto fino al 17 pari, poi l’Olimpia Teodora guadagna due punticini di vantaggio, prontamente recuperati dalle padrone di casa. Con un altro muro punto Angelini firma il 21-21, poi l’Hermaea commette tre errori che pesano come un macigno e consentono a Ravenna di pareggiare il conto set sul 23-25.

Anche nel terzo game le squadre sono protagoniste di un lunghissimo punto a punto fino al 18 pari, poi Guidi e Bacchi orchestrano la nuova accelerazione di Ravenna fino al 17-20 che induce Giandomenico a chiedere il timeout. Dopo essere scivolata anche sul -4 l’Hermaea rivede la luce sul 20-22 propiziato da un errore di Piva. Ancora una volta, però, manca un pizzico di cattiveria negli scambi decisivi, mentre l’Olimpia Teodora non perdona e sorpassa nel conto (22-25).

Le biancoblu vogliono reagire e conducono per buona parte della quarta frazione (14-12 dopo l’ace di Maruotti). A questo punto, però, salgono nuovamente in cattedra le due individualità più pregiate di Ravenna, ovvero Bacchi e Manfredini, che guidano la loro squadra verso il successo sul definitivo 20-25.

I PROTAGONISTI-

Emiliano Giandomenico (Allenatore Geovillage Olbia)- « Siamo partiti molto bene la squadra si è espressa ottimamente nel primo set e per buona parte del secondo, poi, nella fase finale, ha commesso tre errori decisivi. A quel punto c’è stato forse un calo mentale che ci ha portato alla sconfitta. E’ un peccato, perché resto convinto che l’Hermaea possa giocarcela contro qualunque avversario, e anche oggi ha saputo dimostrarlo. Rilassamento? Non credo sia subentrato dopo la salvezza, le ragazze continuano ad allenarsi forte in allenamento. Parleremo in settimana per comprendere meglio i perché di queste tre sconfitte ».

IL TABELLINO-

GEOVILLAGE HERMAEA OLBIA – CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA 1-3 (25-20 23-25 22-25 20-25)

GEOVILLAGE HERMAEA OLBIA: Barazza 9, Fiore 14, Maruotti 15, Angelini 12, Bonciani 1, Emmel Roxo 13, Caforio (L), Moltrasio, Formaggio. Non entrate: Filacchioni, Poli, Fancello. All. Giandomenico.

CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Poggi 2, Strumilo 2, Parini, Manfredini 17, Bacchi 17, Guidi 12, Rocchi (L), Piva 17, Torcolacci 3, Angelelli, Calisesi. Non entrate: Canton, Altini (L). All. Bendandi.

ARBITRI: Toni, Grassia.

NOTE – Durata set: 26′, 33′, 28′, 26′; Tot: 113′.

VOLLEY SOVERATO – DELTA INFORMATICA TRENTINO-

Cuore e carattere. Sono queste le armi alle quali la Delta Informatica Trentino si è dovuta aggrappare sull’8-13 del tie break, quando il Volley Soverato era giunto fino a soli due punti dalla vittoria. Con una rimonta pazzesca il sestetto di Matteo Bertini ha rovesciato le sorti del match, infilando un parziale incredibile di 7-0 che ha permesso a Trento di espugnare il PalaScoppa di Soverato e di conquistare due punti d’oro per proseguire la propria cavalcata in vetta alla classifica, ora con due lunghezze di margine su San Giovanni in Marignano. Decisivo il turno al servizio di Virginia Berasi, che ha trovato un ace ma soprattutto ha messo in perenne difficoltà la seconda linea di casa: le difese di un’ottima Moro e i contrattacchi di Piani e Melli hanno completato la rimonta gialloblù. Nel corso dell’incontro da segnalare l’infortunio al ginocchio occorso alla centrale di casa Vittoria Repice, trasportata immediatamente in ospedale per sottoporsi agli esami strumentali: a Vittoria, ex centrale della Delta Informatica nel 2015/2016, i più sinceri auguri di una pronta guarigione da parte di Trentino Rosa.
Tra le fila trentine 18 punti personali per Piani con il 33% a rete, 14 punti per Melli, 11 per Fondriest e 10 per Furlan, mentre in casa Soverato spiccano i 22 palloni messi a terra dalla bulgara Chausheva, i 17 di Botarelli e i 13 di Chiara Mason, una delle tre ex della gara in campo con la maglia biancorossa assieme a Bortoli e Repice.
Sestetto trentino con Kosekova in regia, Piani opposto, Melli e D’Odorico laterali, Furlan e Fondriest al centro e Moro libero. Napolitano risponde con Bortoli in regia, Chausheva opposto, Quarchioni e Mason laterali, Repice e Caneva al centro e Gibertini libero.
Primo parziale nel segno di Trento che parte forte con gli attacchi di Melli e l’ace di D’Odorico e allunga 1-4. Soverato reagisce immediatamente (8-8), ma il turno al servizio di Melli regala alle gialloblù un break pesantissimo (8-15). Furlan e Piani si esaltano a muro e la Delta Informatica chiude agevolmente il primo set (16-25).
Napolitano inserisce Botarelli in banda e la musica cambia, nonostante Soverato perda Repice per un infortunio al ginocchio. Dopo una fiammata trentina (11-14) le calabresi crescono con Botarelli e Caneva protagoniste, agganciando Trento e allungando (19-15). La Delta Informatica rientra in partita fino al 21-20 ma un errore di D’Odorico e l’ace di Raparbelli valgono il 25-21.
Terza frazione in cui le gialloblù reagiscono prontamente: dopo un avvio equilibrato (5-6) la Delta Informatica prende il largo con il muro di Melli e l’ottimo turno al servizio di D’Odorico (10-18). Va a segno in battuta anche Fondriest (11-21), prima del pallonetto di Furlan che porta Trento avanti nel computo dei set (14-25).
Soverato, però, non molla la presa con Botarelli protagonista al servizio. Bertini inserisce Berasi per Kosekova (7-5), ma dopo un attacco di Piani da seconda linea sale in cattedra Chausheva che, con tre punti consecutivi, un muro e due ace, porta Soverato al massimo vantaggio (15-11). Trento reagisce (16-14) ma la rimonta si ferma sotto i colpi di Chausheva (19-15),decisiva nel rush finale che allunga il match al tie break (25-19).
Soverato domina fino al 13-8, quando Bertini pesca il jolly Berasi: il turno al servizio della giudicariese manda in tilt la ricezione di casa, Moro si esalta in difesa, Piani e Melli trasformano in oro ogni contrattacco. Break di 7-0 e Delta Informatica che festeggia un successo importantissimo (13-15), il diciassettesimo consecutivo della truppa gialloblù.

I PROTAGONISTI-
Matteo Bertini (Allenatore Delta Informatica Trentino)- « E’ stata una partita molto altalenante. Abbiamo faticato a dare continuità al nostro gioco e questo sarà certamente un aspetto sul quale dovremo lavorare molto in palestra. Dobbiamo imparare a soffrire e battagliare, rimanere sereni ed estrarre quel carattere che è emerso nella parte conclusiva del tie break. L’ingresso di Virginia al servizio si è rivelato determinante e ha contribuito in maniera evidente ai fini di un successo importantissimo su un campo particolarmente ostico come quello di Soverato ».

IL TABELLINO-

VOLLEY SOVERATO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 2-3 (16-25 25-21 14-25 25-19 13-15)

VOLLEY SOVERATO: Quarchioni 2, Repice 1, Bortoli 3, Mason 13, Caneva 7, Chausheva 22, Gibertini (L), Botarelli 17, Riparbelli 6, Miceli, Muscetti. All. Napolitano.

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Piani 18, D’Odorico 8, Fondriest 11, Kosekova 3, Melli 14, Furlan 10, Moro (L), Barbolini 1, Berasi 1, Cosi. Non entrate: Vianello, Giometti. All. Bertini.

ARBITRI: Vecchione, Morgillo.

NOTE – Durata set: 23′, 32′, 21′, 28′, 20′; Tot: 124′.

OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO – BARRICALLA CUS TORINO-

La Omag sconfigge in quattro set “tirati” il Barricalla Cus Collegno, dopo una gara giocata a viso aperto da entrambe le formazioni, dando l’ennesima dimostrazione di attaccamento alla maglia e desiderio di giocare a testa alta con una buona dose di entusiasmo, nonostante le avversità. Il risultato era tutt’altro che scontato e la squadra merita un plauso per aver saputo tenere il pallino del gioco, lottare palla su palla e gestire i finali di set. Solo un passaggio a vuoto nel terzo set, ma in campo ci sono anche gli altri. Quando si lotta sul filo di lana sono le piccole cose a fare la differenza. La brutta prestazione di Busto è archiviata. La posizione in classifica resta la seconda e la Omag può continuare ancora a sognare.

Veniamo alla gara
Nel team di casa, confermata l’indisponibilità di Battistoni, in regia si alternano Bonelli e Saveriano con opposto Decortes, Saguatti e Pamio in banda, Lualdi e Gray al centro, Bresciani libero. Chiappafreddo risponde con Rimoldi in regia, Vokshi opposto, Michieletto e Lotti in posto 4, Mabilo e Cometti al centro e Gamba libero.
Parte forte la Omag nel primo parziale. E’evidente che voglia scrollarsi di dosso la tensione accumulata in questo arido mese di febbraio. Buon avvio per Decortes e Lualdi, ben servite da Bonelli. Chiappafreddo ferma il gioco (13-7). Spinge ancora la Omag con Saguatti e Pamio e Chiappafreddo effettua il doppio cambio palleggiatore-opposto (19-12). Qualche errore di troppo in casa Omag costringe Saja a chiamare time out (22-17). Di nuovo in campo il sestetto di partenza per Collegno. Sono entrambe di Decortes i 2 punti che regalano 2 set point alla Omag. Chiude Pamio al primo tentativo (25-19).

La Omag mette il turbo anche nella seconda frazione. Saguatti e Lualdi in attacco e i voli pindarici di Bresciani creano un break che costringono Chiappafreddo al discrezionale (8-4). La Omag prende il largo ma Torino non ci sta e dopo essere stata sotto (17-8) recupera. Complice il classico passaggio a vuoto delle marignanesi, e Saja ferma il gioco (18-17). Ci pensano però Decortes e Pamio a rimettere in carreggiata il set (22-19). Saguatti firma il punto 24 per i 4 set point. Ancora 2 errori in casa Omag e Saja richiama la squadra per il secondo time out (24-22). Si riprende e Lualdi chiude il set con un bel primo tempo (25-22).

Nel terzo set sono le universitarie a partire meglio. Spingono subito sull’acceleratore e creano un break interessante. Saja chiama il primo stop (4-9). Si procede punto a punto. La coppia arbitrale ci mette del suo per complicare le cose e, per protesta, il capitano Saguatti si prende anche un giallo (10-17). Ancora a segno Collegno e Saia chiama il secondo time out (10-18). Cambio in casa Omag, Mazzon rileva Lualdi ma è ancora Collegno ad andare a segno (12-20). Due sono i punti che rosicchia la Omag e Chiappafreddo ferma subito il gioco (14-20). Un altro errore grossolano dell’arbitro regala 7 set point a Collegno che non fatica a chiudere il set a proprio favore (17-25).

Partenza in equilibrio nel quarto parziale. Al primo allungo Omag, Chiappafreddo ferma il gioco (7-4). Collegno recupero e si riporta in parità (9-9). Saveriano rileva Bonelli in regia. Collegno si porta in vantaggio ed è time out Omag (9-10). Sono un primo tempo ed un ace di Lualdi a permettere alla Omag di riportarsi in vantaggio (13-11). Da qui il set sembra prendere una direzione decisa a vantaggio delle marignanesi. Due muri di Gray. Chiappafreddo chiama il time out (15-12) nel tentativo di arginare il vantaggio. Ma la Omag è già in fuga con un ottimo lavoro a muro (18-12). Torino non molla ed accorcia (21-17). Decortes va a segno a servizio (23-17). Dopo un lungo scambio è Saguatti a dare 6 match point per le “Zie”. Sempre Saguatti chiude al primo tentativo (25-18).

 IL TABELLINO-

OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO – BARRICALLA CUS TORINO 3-1 (25-19 25-22 17-25 25-18)

OMAG S.GIOV. IN MARIGNANO: Bonelli 1, Pamio 13, Gray 7, Decortes 22, Saguatti 14, Lualdi 9, Bresciani (L), Mazzon, Saveriano. Non entrate: De Bellis, Pinali, Coulibaly, Mandrelli (L), Battistoni. All. Saja.

BARRICALLA CUS TORINO: Lotti 8, Gobbo, Vokshi 19, Michieletto 15, Mabilo 6, Rimoldi 7, Gamba (L), Cometti 3, Bisio 1, Fantini, Severin, Camperi. All. Chiappafreddo.

ARBITRI: Marconi, Proietti.

NOTE – Durata set: 22′, 25′, 24′, 25′; Tot: 96′.

I RISULTATI-

Itas Citta’ Fiera Martignacco-Futura Volley Giovani Busto Arsizio 3-2 (25-27, 25-22, 15-25, 25-15, 15-12)

Eurospin Ford Sara Pinerolo-Lpm Bam Mondovi’  Rinviata

Geovillage Hermaea Olbia-Conad Olimpia Teodora Ravenna 1-3 (25-20, 23-25, 22-25, 20-25)

Volley Soverato-Delta Informatica Trentino 2-3 (16-25, 25-21, 14-25, 25-19, 13-15)

Omag S.Giov. In Marignano-Barricalla Cus Torino 3-1 (25-19, 25-22, 17-25, 25-18)

LA CLASSIFICA-

Delta Informatica Trentino 56; Omag S.Giov. In Marignano 54; Volley Soverato 42; Conad Olimpia Teodora Ravenna 40; Lpm Bam Mondovi’ 38; Eurospin Ford Sara Pinerolo 37; Futura Volley Giovani Busto Arsizio 34; Barricalla Cus Torino 32; Itas Citta’ Fiera Martignacco 27; Geovillage Hermaea Olbia 24.

IL PROSSIMO TURNO- 01/03/2020 Ore 17.00-

Volley Soverato – Futura Volley Giovani Busto Arsizio Ore 16.00

Geovillage Hermaea Olbia – Lpm Bam Mondovi’

Conad Olimpia Teodora Ravenna – Omag S.Giov. In Marignano

Barricalla Cus Torino – Eurospin Ford Sara Pinerolo

Delta Informatica Trentino – Itas Citta’ Fiera Martignacco

POOL SALVEZZA-

TUTTE LE SFIDE-

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB – CUORE DI MAMMA CUTROFIANO-

Contro Cuore di Mamma Cutrofiano arriva la seconda sconfitta consecutiva della pool salvezza per l’Acqua & Sapone Roma, che cade 3-0 in casa. La squadra di Cavaioli ha trovato molte difficoltà e non ha offerto una prestazione degna del curriculum delle atlete che vestono la maglia della squadra della Capitale. Una gara che le pugliesi hanno condotto dall’inizio alla fine mettendo in crisi la ricezione e il gioco romano incapace di trovare il bandolo della matassa anche nella costruzione del gioco con molti errori in tutte le fasi. Vista la classifica delle due squadre e la posizione delicata era una gara in cui oltre a far vedere le qualità, le romane avrebbero dovuto mettere in campo carattere e orgoglio, mostrando una reazione che è arrivata troppo timida e discontinua solo nel terzo set. Nei primi due, infatti, solo Cutrofiano in campo, che prima ha preso il vantaggio e poi ha amministrato. In classifica Roma è ora con Talmassons a 21 punti. Ha esordito il neo acquisto americano Bedart-Ghani.

I PROTAGONISTI-

Deborah Liguori (Acqua & Sapone Roma)- « Non abbiamo giocato bene, è stata una partita difficile, Cutrofiano ci ha messo in difficoltà in ricezione. Dobbiamo continuare a lavorare soprattutto sulla continuità all’interno della stessa partita, in cui alterniamo alti e bassi. Vogliamo e dobbiamo risollevarci e fare punti altrimenti si mette male ».

IL TABELLINO-

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB – CUORE DI MAMMA CUTROFIANO 0-3 (11-25 18-25 20-25)

 ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB: Balboni 1, Pietrelli 4, Cecconello 7, Bedart-Ghani 4, Arciprete 3, Mastrodicasa 6, Quiligotti (L), Liguori 6, Tosi 2, Bucci (L). Non entrate: Varani, Pizzolato, De Luca Bossa. All. Cavaioli.

CUORE DI MAMMA CUTROFIANO: Baggi 5, Antignano 7, Valli 15, Provaroni 12, Cogliandro 12, Avenia 10, Barbagallo (L). Non entrate: Vincenti, Negro, Kajalina, Tommasin. All. Carratu’.

ARBITRI: Pasciari, Cruccolini. NOTE – Durata set: 20′, 22′, 24′; Tot: 66′.

P2P SMILERS BARONISSI – CDA TALMASSONS-

Terza vittoria consecutiva – la settima in otto partite – per la P2P Smilers. Nella terza giornata della pool salvezza di Serie A2, la squadra di coach Barbieri batte 3-1 Talmassons e balza a quota 25 nel girone. Staccate di 4 punti le friulane, un punto da recuperare sul Club Italia che ha perso a Marsala. Il primo set, vinto 25-22, è stato archiviato con un muro di Travaglini.

I PROTAGONISTI-

Leonardo Berbieri (Allenatore P2P Baronissi)-  « Molto contento per i 14 muri di squadra, a fine match. Dovevamo contenere i loro fondamentali di prima linea e l’abbiamo fatto al meglio. La squadra è solida, ha avuto un buon approccio alla partita e non si è mai disunita nei momenti di difficoltà, che non sono mancati ».

IL TABELLINO-

P2P SMILERS BARONISSI – CDA TALMASSONS 3-1 (25-22 25-19 22-25 25-18)

P2P SMILERS BARONISSI: Panucci 9, Martinuzzo 8, De Lellis 4, Bartesaghi 18, Travaglini 14, Esdelle 20, Ferrara (L), Norgini, Ferrara. Non entrate: Amaturo, Peruzzi, D’Arco (L), Casa, Marchesano. All. Barbieri.

CDA TALMASSONS: Gomiero 18, Ceron 2, Smirnova 22, Joly 11, Nardini 2, Stocco 2, Ponte (L), Barbanzeni 2, Pagotto 1, Cerruto (L), Cristante, Petruzziello. Non entrate: Poser. All. Guidetti.

ARBITRI: Chiriatti, Capolongo.

NOTE – Durata set: 28′, 25′, 28′, 26′; Tot: 107′.

SIGEL MARSALA – CLUB ITALIA CRAI-

La lunga trasferta a Marsala non premia il Club Italia CRAI che cede 3-0 (25-22, 26-24, 25-22) con la Sigel nella terza giornata di andata della Pool Salvezza del Campionato di A2.
Una partita dal rendimento altalenante da parte delle azzurrine che sono state protagoniste di momenti molto positivi, come ad esempio nella seconda parte del primo set e per buona parte della seconda frazione, e di momenti in cui non hanno saputo arginare efficacemente il gioco avversario. 
Per l’avvio di gara il tecnico Federale Massimo Bellano si affida alla diagonale Monza-Frosini, alle schiacciatrici Populini e Gardini, alle centrali Kone e Nwakalor e al libero Sormani. Dall’altra parte della rete coach Daris Amadio schiera il sesetto composto da Dahlke, Bertaiola, Mangani, Soleti, Caruso, Vallicellie il libero Lorenzini.

Avvio equilibrato del match con le due formazioni che approfittano delle prime battute per studiarsi (2-2). E’ Marsala a provare a rompere l’inerzia e trovare il primo allungo (6-3). Le azzurrine faticano a rimettere in ordine la propria manovra e le padrone di casa possono accelerare fino a raggiungere il +8 (14-6). Il time out chiamato da coach Bellano non sortisce l’effetto sperato e Marsala continua a tenere a distanza le ospiti (17-10). Cambio di diagonale in casa azzurrina: fuori Monza e Frosini, dentro Pelloia e Ituma. Il Club Italia non riesce però ad arginare le avversarie (21-12). Dopo il nuovo cambio di diagonale per la formazione federale le ragazze di coach Bellano riprendono a macinare punti e con tenacia assottigliano il distacco: Populini, Kone e due ace consecutivi di Gardini valgono il -4 (22-18). La formazione di casa subisce ora il gioco azzurrine e un muro piazzato porta le ospiti sul -3 (23-20). Nel finale il Club Italia CRAI annulla due palle set, ma sono le padrone di casa a chiudere a proprio favore il primo parziale (25-22).
Per un lungo tratto il secondo set è caratterizzato dall’equilibrio (8-8). Sono le azzurrine a consolidare il primo allungo nel parziale portandosi sul +3 (9-12) con un muro di Nawakalor e a mantenere a distanza le avversarie (14-17). Nel finale arriva la reazione d’orgoglio di Marsala che accorcia le distanze (22-23) e pareggia i conti (24-24). I due time out chiamati da coach Bellano non sortiscono l’effetto sperato e le padrone di casa chiudono a proprio favore anche la seconda frazione (26-24).-
Nel terzo set è Marsala a partire subito forte (6-2). Il tecnico federale prova a cambiare l’inerzia della gara fermando il gioco ma la manovra azzurrina non ha l’efficacia sufficiente per ricucire lo strappo e la compagine di casa può allungare ulteriormente (9-4). Con tenacia il Club Italia prova a riaprire il match e un ace di Gardini vale il -2 (10-8). Pronta però la ripartenza di Marsala che rimette le azzurrine a distanza (16-12). Il time out della panchina federale dà un nuovo impulso al gioco di Populini e compagne che nel finale di set accorciano le distanze (23-22). E’ però Marsala a trovare lo spunto giusto per chiudere set e partita (25-22).

 IL TABELLINO-

SIGEL MARSALA – CLUB ITALIA CRAI 3-0 (25-22 26-24 25-22)

SIGEL MARSALA: Dahlke 17, Bertaiola 13, Mangani 4, Soleti 14, Caruso 9, Vallicelli 3, Lorenzini (L), Buiatti, Scire’. Non entrate: Vaccaro (L), Spinello, Laragione, Colarusso

CLUB ITALIA CRAI: Gardini 16, Kone 3, Frosini 12, Populini 8, Nwakalor 5, Monza 1, Sormani (L), Ituma 2, Graziani 1, Pelloia. Non entrate: Omoruyi, Marconato, Bassi, Trampus. All. Bellano.

ARBITRI: Selmi, Laghi.

NOTE – Durata set: 27′, 29′, 26′; Tot: 82′.

ROANA CBF H.R. MACERATA – EXACER MONTALE-

Battuta di arresto per la Roana CBF che soccombe 1-3 in casa al cospetto di una Exacer Montale che si sgancia momentaneamente dall'ottavo posto in Pool Salvezza.

Rispetto alla vittoria con Sassuolo, in casa Macerata l'assenza di Lipska per influenza riporta in banda Giorgia Mazzon mentre al centro Tajè parte al posto di Martinelli.

Bene Montale in battuta, mettendo in difficoltà la ricezione di Mazzon e rendendo difficile la costruzione offensiva della Roana CBF. Lancellotti in regia cerca di fare il possibile per dare palle giocabili alle proprie attaccanti ma il muro ospite fa male. Macerata che conduce a lungo il set ma senza mai andare oltre il +2. Brina, in attacco prima e a muro poi, sancisce il sorpasso ospite sul 18-20. La Roana CBF accusa il colpo e va fuori giri in attacco. Sul 19-24 Mazzon annulla la prima palla set ma Brina mette a terra la seconda. 20-25.

Macerata parte bene nel secondo set con gli attacchi di Taborelli che guidano la Roana CBF al 9-4 iniziale. Sembra il preludio della riscossa ma la Exacer ribalta la china con i turni al servizio di Brina e Pincerato. Montale riacciuffa Macerata quindi e si porta avanti 12-15. Il turno al servizio di Lancellotti rimette in carreggiata la Roana CBF che allunga con un attacco di Mazzon e un out di Brina. La stessa Brina riporta in parità la Exacer ma le padrone di casa trovano l'allungo buono e Pomili trova il muro out di Fronza per il 24-21. Giubilato, subentrata a Mazzon, sbaglia la pipe del primo set ball ma la pipe di Pomili trova il mano out per il 25-22 che rimette in parità la partita.

Paniconi inserisce Martinelli per Tajè ma è il muro ospite che torna a far male nel terzo set con 3 blocchi vincenti consecutivi di Luketic e Fronza su Taborelli (1-5). Il turno alla battuta di Rita però sancisce il cambio di passo di Macerata, con un ace, un attacco di Mazzon e tre consecutivi di Taborelli. 8-6 e come nel primo set ricomincia l'elastico che vede la Roana CBF andare non oltre il +2. Sul 14-14 sale Luketic che insieme alle bande Brina e Rubini porta Montale sul +5, sul 14-19 prima e sul 17-22 poi. Fronza e Rubini murano rispettivamente su Pomili e Martinelli per il 18-25.

Senza storia il quarto set che inizia con il turno al servizio di Rubini che inguaia la Roana CBF, che non riesce più ad uscire dal pantano, nonostante i tentativi in attacco di Martinelli e Taborelli. Non basta però perche gli attacchi di Luketic sfiancano le padrone di casa, aprendo la strada ai colpi di Fronza e Brina, fino al 14-25 finale, firmato proprio da Luketic.

I PROTAGONISTI-

Luca Paniconi (Allenatore Roana Macerata)- « Nonostante Elisa Lancellotti abbia fatto l'impossibile per metterci in condizione di attaccare, abbiamo associato una scarsa determinazione in attacco ad una scarsa qualità in ricezione. Ne è nata una partita in cui abbiamo sempre faticato oltre misura. Ci sono stati un paio di momenti in cui potevamo approfittare delle situazioni che ci erano state concesse ma non lo abbiamo fatto. Ci troviamo a commentare quindi una partita che poteva andare diversamente nonostante l'assenza di Ola, una partita che ricorda per certi aspetti partite come quelle con Montecchio e Torino ».

Ivan Tamburello (Allenatore Exacer Montale)- « Sono settimane in cui seguiamo costantemente i punti. Ogni partita dobbiamo giocarla così cercando di ricavare il massimo. Oggi abbiamo fatto bottino pieno su un campo difficilissimo, con una prestazione quasi perfetta. Complimenti alle ragazze ».

IL TABELLINO-

ROANA CBF H.R. MACERATA – EXACER MONTALE 1-3 (20-25 25-22 18-25 14-25)

ROANA CBF H.R. MACERATA: Taje’ 4, Lancellotti 1, Pomili 9, Rita 5, Taborelli 21, Mazzon 15, Pericati (L), Martinelli 4, Giubilato, Peretti. Non entrate: Spitoni, Nonnati. All. Paniconi.

EXACER MONTALE: Pincerato 3, Rubini 11, Fronza 15, Luketic 19, Brina 20, Gentili 5, Bici (L), Bellini 2, Sandoni, Blasi. Non entrate: Migliorini, Buffagni (L), Giovannini. All. Tamburello.

ARBITRI: Traversa, Licchelli.

NOTE – Durata set: 22′, 26′, 25′, 22′; Tot: 95′.

I RISULTATI-

Acqua & Sapone Roma Volley Club-Cuore Di Mamma Cutrofiano 0-3 (11-25, 18-25, 20-25)

Sorelle Ramonda Ipag Montecchio-Green Warriors Sassuolo Rinviata

P2p Smilers Baronissi-Cda Talmassons 3-1 (25-22, 25-19, 22-25, 25-18)

Sigel Marsala-Club Italia Crai 3-0 (25-22, 26-24, 25-22)

Roana Cbf H.R. Macerata-Exacer Montale 1-3 (20-25, 25-22, 18-25, 14-25)

LA CLASSIFICA-

Roana Cbf H.R. Macerata 32; Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 32; Cuore Di Mamma Cutrofiano 28; Club Italia Crai 26; P2p Smilers Baronissi 25; Exacer Montale 22; Acqua & Sapone Roma Volley Club 21; Cda Talmassons 21; Sigel Marsala 19; Green Warriors Sassuolo 14;

IL PROSSIMO TURNO- 01/03/2020 Ore 17.00-

Cda Talmassons – Acqua & Sapone Roma Volley Club

Club Italia Crai – Sorelle Ramonda Ipag Montecchio Si gioca il 29/02/2020 Ore 17.00

Exacer Montale – Sigel Marsala

Cuore Di Mamma Cutrofiano – Roana Cbf H.R. Macerata

Green Warriors Sassuolo – P2p Smilers Baronissi

 

 

 

Commenti