Macerata vince il big match, Marsala conquista la Pool Promozione

Emozionante sequela di risultati nei recuperi del campionato di A2 Femminile. La squadra di Paniconi espugna Ravenna al tie break, le siciliane superano Montale, vittoria del Club Italia sul Cus Torino
Macerata vince il big match, Marsala conquista la Pool Promozione

ROMA- Tre sfide interessanti quelle giocate questa sera per il campionato di A2 Femminile. Tre risultati che hanno detto molto per la classifica dei due Gironi. La Balducci Macerata fa sua la sfida al vertice con l’Olimpia Ravenna. Le ragazze di Paniconi si impongono al tie break dopo dura lotta. Conquista la matematica certezza di giocare la Pool Promozione la Sigel Marsala che supera in tre set l’Exacer Montale. Bella vittoria del Club Italia nella sfida casalinga con la Barricalla Cus Torino.

LE TRE SFIDE-

CLUB ITALIA CRAI – BARRICALLA CUS TORINO-

La 16ª giornata del Girone Ovest del Campionato di A2 sorride al Club Italia CRAI che conquista 3 punti battendo 3-0 (25-15, 25-19, 25-17) il Barricalla Cus Torino nella partita disputata questa sera al Centro Federale Pavesi di Milano. Le azzurrine sono scese in campo con convinzione e, senza lasciare spazio alle avversarie, hanno dettato il ritmo della gara e imposto il proprio gioco.
Per questo match il tecnico federale Massimo Bellano ha schierato il sestetto composto dalla diagonale Monza-Frosini, dalle schiacciatrici Nervini e Gardini, dalle centrali Nwakalor e Marconato e il libero Armini. Dall’altra parte della rete coach Mauro Chiappafreddo ha fatto scendere in campo Pinto, Mabilo, Vokshi, Venturini, Batte, Severin e il libero Gamba.
Archiviata la vittoria di questa sera le azzurrine torneranno in campo domenica alle 17 al Centro Federale Pavesi di Milano per la gara che vedrà il Club Italia CRAI affrontare l’Acqua & Sapone Roma Volley Club.

Le due formazioni viaggiano appaiate in avvio di match (5-5). Un attacco vincente di Gardini dà il “la” al Club Italia CRAI che si spinge sul +4 (10-6). Nwakalor, un ace di Frosini e una diagonale di Nervini permettono alle giovani della formazione federale di staccare ulteriormente le avversarie (13-8) e coach Chiappafreddo chiama time out. L’efficacia in attacco di Gardini e Marconato permette alle azzurrine di aumentare il divario (19-11). Nuovo time out per la panchina di Torino e cambio tra le fila azzurrine: fuori Nervini dentro Ituma. Il Club Italia continua a dettare il ritmo del gioco e con un attacco messo a segno da Ituma può chiudere agevolmente il primo set (25-15).
Avvio equilibrato anche nella seconda frazione: Torino risponde colpo su colpo al Club Italia CRAI e si procede sostanzialmente in equilibrio (7-7). Le piemontesi provano ad allungare il passo (7-9), ma Monza e compagne piazzano un break che permette loro di pareggiare i conti (9-9) e di tornare in vantaggio (11-9). Torino prova a rimanere in scia (15-13), ma le azzurrine non abbassano il ritmo e un ace di Gardini vale il +4 (17-13). Il Club Italia CRAI continua a macinare punti e bel gioco: Gardini conquista il primo set point (24-18), Torino annulla (24-19) e Marconato chiude (25-19).
Il Club Italia CRAI aggredisce la gara e non lascia libertà di manovra alle ospiti: un attacco vincente di Frosini vale il +3 (5-2). Torino fatica a ritrovare ordine e Monza a compagne possono allungare il passo: i punti messi a segno da Marconato e Nervini valgono il +7(11-4). Coach Chiappafreddo prova a cambiare l’inerzia del set chiamando il secondo time out a disposizione. Al rientro Torino ritrova efficacia in attacco e si riavvicina (11-7). L’azione delle azzurrine trova nuovo slancio e le giovani della formazione federale tornano a imporre il proprio gioco (20-12) e riescono a chiudere agevolmente set e partita (25-17).

I PROTAGONISTI-

Giulia Marconato (Club Italia)- « E’ stata una partita molto bella. Abbiamo affrontato la gara con il giusto approccio: siamo scese in campo subito pronte e, come si vede dal risultato del primo set, siamo riuscite a fare il nostro gioco. Eravamo super cariche ed è anche grazie a questo che siamo riuscite a conquistare la seconda vittoria per 3-0 della stagione. Ora non dobbiamo distrarci e cominciamo a pensare subito alla prossima partita. Domenica ci aspetta appuntamento impegnativo: con Roma cercheremo di dare il meglio di noi e di conquistare il maggior numero di punti possibile ».

IL TABELLINO-

CLUB ITALIA CRAI – BARRICALLA CUS TORINO 3-0 (25-15 25-19 25-17)

CLUB ITALIA CRAI: Nervini 11, Nwakalor 8, Monza, Gardini 20, Marconato 5, Frosini 11, Armini (L), Ituma 3, Barbero, Trampus, Giuliani. Non entrate: Bassi (L), Pelloia, Gannar. All. Bellano.

BARRICALLA CUS TORINO: Pinto 8, Mabilo 2, Vokshi, Venturini 11, Batte 1, Severin, Gamba (L), Sainz 5, Bertone 4, Sironi 2, Rimoldi, Torrese. All. Chiappafreddo.

ARBITRI: Scotti, .

NOTE – Durata set: 21′, 23′, 21′; Tot: 65′.

SIGEL MARSALA – EXACER MONTALE-

La Sigel si afferma in casa contro Montale con i parziali tirati nel terzo secondo set [25-20; 17-25; 25-23; 25-23]. Qualche difficoltà qui e là come previsto alla vigilia del match, ma ha prevalso la maggior forza e la maggior tecnica delle locali che da stasera sono ufficialmente qualificate in Pool Promozione, in quanto Busto Arsizio in questo finale di regular-season non è nelle condizioni di raggiungere Ilaria Demichelis e compagne. Sale a trenta punti con questo recupero della terza giornata di ritorno la squadra allenata da Amadio ed è un gennaio veramente produttivo, dall’alto degli undici punti racimolati in quattro gare tra partite calandarizzate e recuperi.

Montale deve fare a meno di Cioni, Cigarini, Aguero e Lancellotti con le seguenti diagonali: Saccani/Botarelli; Fronza/Gentili; Blasi/Brina. Libero Bici.

Marsala in campo con lo stesso schieramento che ha battuto internamente Club Italia. Al palleggio Demichelis in diagonale con Mazzon, schiacciatrici Pistolesi e Gillis; centri Parini e Caruso, libero Vaccaro.

 

Marsala in campo con lo stesso schieramento che ha battuto internamente Club Italia. Al palleggio Demichelis in diagonale con Mazzon, schiacciatrici Pistolesi e Gillis; centri Parini e Caruso, libero Vaccaro.

Botarelli si incarica del primo servizio ma in out: 1-0. Risponde Francesca Gentili in fast: 1-1. Passa avanti Montale con un bagher vincente di Blasi: 1-2. Pronta la replica di Marsala con un gran punto di Mazzon: 2-2. In seguito, timbri di Brina e Mazzon con le squadre incollate in avvio. Cambio-palla recuperato e dentro Mistretta per andare dalla linea dei nove metri al posto di Parini, che dopo qualche scambio, a un nuovo punto realizzato Marsala, torna in campo. Dal punto a muro di Demichelis Marsala si mette davanti prima 8-6 e poi 10-6. Mentre i punti del 13-8 e 14-8 (primo tempo) sono compiuti da Sveva Parini. Poi break di tre punti da parte di Montale e svantaggio accorciato: 14-11. Sul 15-12, dopo un nuovo punto modenese Daris Amadio chiama il discrezionale. Qualche scambio più avanti dentro Venturelli per Brina. Qualche errore di troppo nelle fila ospiti, aggiunto al nuovo primo tempo di Sveva Parini: 20-15 e time-out Montale voluto da Tamburello. Più avanti dentro l’attaccante Rubini per provare l’arrembaggio finale in cas Montale. La Sigel in questo finale è presa per mano da doppio un punto di Mazzon e la chiusura sul set è di Caruso con un attacco centrale che fissa il parziale sul 25-20 finale.

Comincia il secondo set e c’è subito l’errore al servizio marsalese di Sara Caruso. A pareggiare un muro di Demichelis: 1-1. Protagonista per Montale in questo avvio di secondo atto è Gentili che prima finalizza un attacco e poi realizza l’ace del 2-3. Sempre di un punto il vantaggio che vanta Montale su Marsala al passaggio del 5-6. Con un attacco centrale Parini mette giù la palla del pari: 6-6. La stessa centrale, a cambio-palla acquisito, lascia il posto a Caserta appositamente per andare alla battuta. Botarelli, dopo un gran scambio giocato dalle squadre, fa passare ancora Montale avanti. Pistolesi sottorete trova il punto del 8-8. Con Fronza incaricata del servizio break nerofucsia: 8-10 e Amadio è costretto a rifugiarsi in un time-out. Non va meglio neanche al passaggio del 11-12 con Blasi puntualmente incaricata del servizio, Montale vola sull’11-15 (si consuma il cambio Soleti al posto di Gillis). Marsala richiama il time-out, secondo ed ultimo di questo gioco. Al ritorno in campo, Montale farà ancora un altro punto quello del 11-16, poi Blasi effettua il servizio che si infrange sulla rete: 12-16. Punto di Botarelli e nuovamente -5: 12-17. Sul 12-18, a nuovo punto ospite, esce Demichelis per far posto alla compagna Colombano. Parini punto su primo tempo e qualche sbavatura di troppo tra le fila ospiti, Marsala rimonta e si porta a due incollature: 17-19. Ma nel finale doppio ace di Saccani, muro di Fronza e punto di Botarelli consegnano a Montale il secondo parziale per 17-25.

Nel terzo set le formazioni sono le stesse che hanno iniziato il match, il primo punto è di Montale. Poi la Sigel portata avanti da un doppio punto di Parini e dai punti di Gillis e Pistolesi va avanti prima 5-1 (time-out ospite) e addirittura 8-2 con un efficace turno al servizio della statunitense Gillis. Fronza e Gentili soprattutto sono le firmatarie della rimonta modenese: 9-9. Marsala come nel secondo set va sotto, prima per 13-11 e poi 14-12 (punto dell’opposto Botarelli). Caruso da speranza di recupero su fast: 13-15. Entra Mistretta alla battuta e Pistolesi decide così di salire in cattedra e firma il punto del 15-15, colpendo in diagonale con Blasi intontita dalla pallonata e che esce al posto di Pinali. Gioco interrotto per un minuto. Momento e giorno da ricordare per Alessandra Mistretta che compie il punto su ace del sorpasso: 16-15. Il successivo scambio non viene giocato, perchè il secondo arbitro sig. Gaetano di Lamezia Terme (Catanzaro) ravvisa errore di formazione nel sestetto di casa, ma poi si ravvede dell’errore sulla chiamata e fa rigiocare lo scambio. Nel Montale ci saranno ancora momenti di estrema resistenza soprattutto con qualche muro indovinato e una Gentili immensa. Sul finale l’errore al servizio di Saccani,

 il punto di Mazzon e delle due centrali, prima Parini e poi Caruso,e Marsala vola al punto numero ventiquattro. Montale compie un punto su muro di Gentili. Ma Pistolesi sul 24-22 indovina un gran muro e porta Marsala sul 25-23. Due set a uno.

In avvio timbro di Brina iniziale, poi doppio punto di Gillis: 2-1. Mazzon e Pistolesi mettono la Sigel davanti (fa ingresso nuovamente Mistretta dalla linea dei nove metri), ma ancora Gentili a muro dimostra quanto sia ferrata nel fondamentale. Fatto sta che il match procede punto a punto fino al 11-11. In seguito, Brina, Fronza e un ace di Saccani portano Montale sul 14-18 (qui punto di Mazzon e in mezzo cambio di Soleti e fuori Pistolesi). Subito doppio punto in fast di Caruso, poi Mazzon e punto di Gillis, Marsala scappa sul 19-18.  Mazzon e un punto di Demichelis di seconda fanno andare Marsala sul 22-20. Ci penseranno la neoentrata Rubini prima e poi Botarelli a far vivere un finale abbastanza incerto. Le panchine si affidano all’interruzione del gioco attraverso i time-out. Ma Pistolesi leva i carboni ardenti dal fuoco e compie il venticinquesimo punto: 25-23.

IL TABELLINO-

SIGEL MARSALA – EXACER MONTALE 3-1 (25-20 17-25 25-23 25-23)

SIGEL MARSALA: Caruso 9, Demichelis 3, Mc Call-Ginnis 13, Parini 9, Mazzon 15, Pistolesi 15, Vaccaro (L), Mistretta 2, Soleti, Caserta, Colombano. Non entrate: Nonnati. All. Amadio.

EXACER MONTALE: Botarelli 20, Blasi 5, Gentili 14, Saccani 6, Brina 14, Fronza 12, Bici (L), Rubini 1, Venturelli, Pinali. All. Tamburello.

ARBITRI: Scarfo’, Gaetano.

NOTE – Durata set: 27′, 26′, 29′, 31′; Tot: 113′.

OLIMPIA TEODORA RAVENNA – CBF BALDUCCI HR MACERATA-

Ancora una vittoria, ancora al tie-break. La CBF Balducci HR Macerata si conferma infallibile in questo inizio di 2021 cogliendo a Ravenna il sesto successo consecutivo e si avvicina sensibilmente alla Pool Promozione. Le ragazze di Luca Paniconi, come già accaduto negli ultimi impegni, accelerano quando più ce n’è bisogno e ottengono un preziosissimo 2-3 al PalaCosta: i due punti permettono alle marchigiane di raggiungere quota 23, a più uno su Ravenna ma con una partita in più da giocare e la certezza di restare davanti in caso di arrivo a pari punti. Dopo un primo set vinto nettamente dall’Olimpia Teodora, guidata da una Piva incontenibile (27 punti con 5 muri), le ospiti prendono le misure a muro e in seconda linea, salendo di colpi con Lipska e Pomili e vincendo i successivi due. Il quarto è di marca ravennate, mentre nel quinto la CBF Balducci costruisce immediatamente il vantaggio che mantiene fino al 10-15.

IL TABELLINO-

OLIMPIA TEODORA RAVENNA – CBF BALDUCCI HR MACERATA 2-3 (25-18 16-25 19-25 25-14 10-15)

 OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Guasti 7, Assirelli 6, Morello, Piva 27, Torcolacci 13, Kavalenka 11, Rocchi (L), Poggi 2, Guidi 1, Monaco, Giovanna, Bernabe’. Non entrate: Grigolo, Missiroli. All. Bendandi.

CBF BALDUCCI HR MACERATA: Lipska 16, Rita 10, Renieri 10, Pomili 17, Martinelli 7, Peretti, Bisconti (L), Galletti 1, Giubilato, Maruotti, Mancini. Non entrate: Sopranzetti (L), Pirro. All. Paniconi.

ARBITRI: Serafin, Lorenzin.

NOTE – Durata set: 22′, 21′, 25′, 23′, 15′; Tot: 106′.

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti