Corriere dello Sport

Volley A1 femminile

Vedi Tutte
Volley A1 femminile

Volley: A1 Femminile, Scandicci-Conegliano anticipo di lusso

Volley: A1 Femminile, Scandicci-Conegliano anticipo di lusso

Prologo della 24a giornata domani alle 20.30 in Toscana fra la formazione di Chiappafreddo e la capolista imbattuta da 14 turni. Domenica il match clou è quello fra Piacenza e Casalmaggiore

Sullo stesso argomento

 

venerdì 11 marzo 2016 21:37

ROMA- Solo tre giornate al termine della Regular Season della Master Group Sport Volley Cup di Serie A1 Femminile, si avvicina il tempo dei verdetti. La 24a giornata, in programma nel weekend, potrebbe districare in più punti la matassa del Campionato: l’Imoco Volley Conegliano, capolista reduce da 14 vittorie consecutive, è a caccia del primato matematico, che consegnerebbe la qualificazione diretta alla prossima Champions League. Le pantere di Davide Mazzanti saranno di scena sul campo della Savino Del Bene Scandicci nell’anticipo del sabato sera.

Ottenendo un successo da 3 punti, le gialloblù attenderebbero con serenità il risultato della sfida, fissata alle 18.00 di domenica tra Nordmeccanica Piacenza e Pomì Casalmaggiore, con la possibilità di rendersi irraggiungibili da entrambe le inseguitrici. Oltre a quello tra emiliane e casalasche, l’agenda domenicale propone anche la ‘classica’ tra Igor Gorgonzola Novara e Foppapedretti Bergamo, riedizione del recente quarto di finale di Coppa Italia. Già assegnati 7 degli 8 posti disponibili per i Play Off Scudetto, resta da definire l’ultima ‘eletta’: turno di riposo per la Unendo Yamamay Busto Arsizio – attualmente ottava con 27 punti -, così la Metalleghe Sanitars Montichiari (a quota 25) può inscenare il sorpasso vincendo il match casalingo con Il Bisonte Firenze, anch’esso però alla ricerca di punti per appigliarsi ai Play Out. Stesso obiettivo del Sudtirol Bolzano, cui toccherà la trasferta a Modena contro la Liu Jo. Potrebbe festeggiare l’aritmetica salvezza l’Obiettivo Risarcimento Vicenza: serviranno i tre punti in trasferta contro il Club Italia e risultati favorevoli dagli altri campi.

L’anticipo dunque vedrà protagoniste la Savino Del Bene Scandicci e l’Imoco Volley Conegliano. Le toscane di Mauro Chiappafreddo sono da tempo qualificate ai Play Off e avranno la possibilità di testare le proprie ambizioni contro la prima della classe, su un campo già indigesto a molte formazioni di ‘rango’. Le pantere di Davide Mazzanti affronteranno la penultima partita della propria Regular Season con l’obiettivo di allungare ulteriormente la striscia di 14 successi di fila (nella stagione regolare 2011-12, Busto Arsizio ne collezionò 17) e di sigillare la prima posizione. Le gialloblù si ritroveranno di fronte due grandi ex, Emiliya Nikolova e Valentina Fiorin, entrambe a Conegliano fino all’estate scorsa dopo tre stagioni di permanenza. Squadra al completo per coach Mazzanti:

« Questa di Scandicci è una delle tre partite in trasferta, assieme all’ultima che giocheremo con Il Bisonte e quella già giocata con il Club Italia, che ho indicato alla squadra come i migliori test di allenamento per il primo turno di Play Off – spiega il tecnico tricolore l’anno scorso con la Pomì -. Nei quarti di finale giocheremo la prima fuori casa in situazioni simili a questa, contro squadre non favorite sulla carta che potranno quindi giocare libere e rischiare molto. Voglio che la mia squadra si metta bene in testa che in questi casi non bisogna gestire e gestirsi, ma bisogna avere un approccio aggressivo e giocare con il giusto piglio dall’inizio. Loro stanno attraversando un ottimo momento, sono una squadra con talento e ottime qualità e vorranno di certo fare uno sgambetto alla capolista ».

« Conegliano è sicuramente la squadra con il roster migliore del campionato – la replica di Chiappafreddo -. Ha giocatrici di primissimo livello, annovera straniere con molta esperienza a livello internazionale che hanno partecipato a Mondiali e Olimpiadi. La loro caratteristica principale è la forza fisica. Sappiamo che sarà una partita complicata, contro una squadra che durante la stagione ha lasciato molto poco alle avversarie e ha perso pochi punti per strada. Confidiamo molto nel settimo uomo in campo, ovvero il pubblico di Scandicci che speriamo ci sostenga fortemente come ha fatto fino adesso dandoci quella carica e grinta in più che in queste occasioni può giocare un ruolo determinante ».

Il ‘derby del Po’ tra Nordmeccanica Piacenza e Pomì Casalmaggiore mette in palio, a sole tre giornate dal termine della Regular Season, il secondo posto in classifica: una posizione importantissima in chiave Play Off. Al momento le lombarde sono seconde a quota 49 punti (meno cinque rispetto ad Imoco Conegliano), le emiliane terze a quota 48 (più 6 su Igor Gorgonzola Novara). Nordmeccanica e Pomì sono anche le uniche squadre ancora in corsa su tutti i fronti: Campionato, Coppa Italia (in programma sabato 19 e domenica 20 marzo al Pala De André di Ravenna) e Champions League (con Casalmaggiore già qualificata, in qualità di società organizzatrice, alle Final Four che si disputeranno il 9-10 aprile al PalaGeorge di Montichiari e Piacenza impegnata nei Play Off 6 con la Dinamo Kazan). In Campionato le rosa sono reduci da una vittoria interna per 3-1 sulla Savino Del Bene Scandicci, importante soprattutto perché ha mostrato segnali di solidità mentale nelle fasi critiche dell’incontro. Domenica scorsa le piacentine hanno invece dilagato a Bolzano contro il Südtirol. Le biancoblù di Marco Gaspari, peraltro, scenderanno in campo con la lunga trasferta di Kazan nelle gambe. Si avvicina un periodo molto delicato per Bauer e compagne, che dovranno essere capaci di concentrazione e brillantezza pur considerata l’alta frequenza di partite che le aspettano. Diverse le ex in campo: nel campionato scorso Kozuch era a Piacenza, mentre Bianchini fu tra le protagoniste dello scudetto di Casalmaggiore. All’andata la Pomì si impose 3-1 al PalaRadi: l’unica vittoria su cinque precedenti in serie A1.

A una settimana dalla Final Four di Coppa Italia, la Foppapedretti Bergamo torna dove il sogno di conquistare il trofeo è iniziato con una prestazione maiuscola. Le rossoblù faranno visita all’Igor Gorgonzola Novara, laddove poco meno di un mese fa strapparono alle azzurre la qualificazione alla semifinale. Un match dalla duplice importanza per le orobiche di Stefano Lavarini: significativo quale test in vista dell’appuntamento di Ravenna e per muovere la classifica. Con uno sguardo all’anticipo di sabato sera che metterà di fronte Scandicci e la capolista Conegliano: le toscane precedono di un solo punto la Foppapedretti che potrebbe tentare il sorpasso da qui al 2 aprile, data dell’ultima giornata di Regular Season. La gara di domenica al PalaIgor, in programma alle 17, segnerà anche il debutto di Vesna Durisic, nuovo tassello nel mosaico rossoblù, a Bergamo solo da mercoledì ma già pronta a fare la sua parte. La centrale serba ha garantito di volere dare il meglio, un valore aggiunto per l’esperienza e la tenacia che la contraddistinguono. Le azzurre ripartono dal successo sofferto del PalaYamamay per difendere il quarto posto in classifica, importante in ottica del quarto di finale dei Play Off, da disputare con il fattore campo a favore.

L’Obiettivo Risarcimento Vicenza, dopo dieci giorni di stop, è pronto per tornare in campo domenica a Busto contro il Club Italia in quella che potrebbe essere la Gara con la G maiuscola. A tre gare dal termine del campionato le vicentine hanno infatti 10 punti di vantaggio sul penultimo posto, portare a casa l’intera posta in palio potrebbe quindi significare aver raggiunto finalmente l’obiettivo stagionale della salvezza, salvo sorprese dagli altri campi. Il quinto risultato utile consecutivo non sarà però facile, sia per il campo difficile che – soprattutto – per la caratura dell’avversario. Il Club Italia sta attraversando un momento di difficoltà, ma ha qualità tecniche e atletiche che lo rendono imprevedibile:

« Sicuramente mi aspetto una squadra diversa da quella vista in campo a Firenze – le parole di Cristiano Lucchi, coach delle azzurrine -, perché in questi giorni ci siamo confrontati e credo che alle ragazze abbia fatto bene esternare le difficoltà, anche emotive, che abbiamo avuto in questo periodo. Fisicamente stiamo bene e quindi la reazione deve arrivare sotto l’aspetto mentale: in questa stagione abbiamo sempre dimostrato di essere una squadra combattiva e che sa aggredire le avversarie, anche quando eravamo considerati la “cenerentola” del campionato. Dobbiamo affrontare la partita a testa alta e secondo me saremo un po’ più libere dalla pressione che ci ha accompagnato nelle ultime gare, anche se di fronte avremo una formazione forte che sta vivendo il suo momento migliore  ».

Due le biancoblu che sono passate per la ‘scuola’ del Club Italia, vale a dire Partenio (B1) e Prandi (A2).

Non ha ancora perso la speranza di agguantare il quarto posto finale la Liu Jo Modena, che fa ritorno al PalaPanini per incontrare il Sudtirol Bolzano. Il punto conquistato al PalaVerde ha tenuto alto il morale di una squadra che nell’ultimo periodo ha dovuto fare i conti con la sfortuna ma ne è sempre uscita con grinta e coraggio. Anche nell’allenamento congiunto sostenuto in settimana in casa del Volley 2002 Forlì, coach Alessandro Beltrami ha avuto modo di proseguire nel percorso di inserimento di tutte le atlete nel sestetto, anche le più giovani. Sempre fuori capitan Di Iulio, ma risposte positive arrivano sia da Scuka che da Rivero, elementi importanti per far rifiatare Diouf e Horvath, principali attaccanti bianconere. Dall’altra parte della rete la formazione altoatesina di Stefano Micoli, a digiuno di vittorie nel 2016 (solo 4 set vinti in 9 partite) e ora ultima in classifica dopo essere stata agganciata da Il Bisonte Firenze:

« Questo è il momento di restare tutti uniti e pensare solamente ad affrontare al massimo una gara alla volta – afferma l’altoatesina Sara Bertolini, per lei nell’ultimo match qualche rotazione al posto di Lazic nell’inedito ruolo di schiacciatrice – a partire dalla trasferta di domenica a Modena. Ma noi dobbiamo pensare a fare del nostro meglio fino all’ultimo impegno contro Bergamo. Ci sono tanti punti in palio, dobbiamo cercare di portarcene a casa il più possibile ».

Al lavoro per ottimizzare le ultime settimane di allenamento e per concentrare ogni sforzo verso la qualificazione ai Play Off. E’ la missione della Metalleghe Sanitars Montichiari, difficile, ma non impossibile. Mancano due sole partite alle biancorosse di Leonardo Barbieri – con in mezzo la semifinale di Coppa Italia a Ravenna – per terminare il proprio lavoro e sono entrambe da vincere a punteggio pieno per sperare di recuperare i due punti di svantaggio sull’ottava posizione. Le stesse partite – contro Club Italia e Piacenza – che mancano alla Unendo Yamamay Busto Arsizio, a riposo nel weekend (mentre saranno le bresciane a fermarsi in occasione dell’ultimo turno). L’ultima avversaria che scenderà sul taraflex del PalaGeorge è Il Bisonte Firenze, reduce dalla vittoria contro le azzurrine e avversario di valore, che sta esprimendo gioco e grinta crescenti nelle ultime gare.

A Dalia e compagne serviranno un approccio mentale aggressivo e al contempo tanta lucidità per chiudere il match al meglio:

« Malgrado siamo al termine del campionato, dobbiamo lavorare ancora tanto. Ogni partita è una finale ormai », ha commentato il capitano biancorosso domenica nel dopopartita di Bergamo. Per le toscane di Francesca Vannini l’esigenza di cogliere altri punti per sperare nel Play Out, distante ora 6 punti.

IL PROGRAMMA DELLA 24a GIORNATA-

Sabato 12 marzo, ore 20.30
Savino Del Bene Scandicci – Imoco Volley Conegliano  Arbitri: Cipolla-Luciani
Domenica 13 marzo, ore 17.00
Igor Gorgonzola Novara – Foppapedretti Bergamo  Arbitri: Lot-Tanasi
Domenica 13 marzo, ore 18.00
Nordmeccanica Piacenza – Pomì Casalmaggiore  Arbitri:  Rapisarda-Zucca
Metalleghe Sanitars Montichiari – Il Bisonte Firenze  Arbitri:  Goitre-Florian
Liu Jo Modena – Sudtirol Bolzano  Arbitri: Frapiccini-Oranelli
Club Italia – Obiettivo Risarcimento Vicenza  Arbitri: Zavater-Puletti
Riposa: Unendo Yamamay Busto Arsizio

Articoli correlati

Commenti