Corriere dello Sport

Volley A1 femminile

Vedi Tutte
Volley A1 femminile

Volley: A1 Femminile, Modena espugna Novara e va in semifinale

Volley: A1 Femminile, Modena espugna Novara e va in semifinale
© Liu Jo Modena/Andrea Colombo

Gara 3 dei Quarti di finale decreta l'affermazione di Diouf e compagne a spese della squadra di Fenoglio che dopo aver vinto il primo set perde il bandolo del gioco e si inchina 1-3 (25-17; 16-25; 23-25; 23-25)

Sullo stesso argomento

 

sabato 16 aprile 2016 20:23

NOVARA- La Liu Jo Modena accede per la prima volta nella sua giovane storia alle semifinali dei Play Off della Master Group Sport Volley Cup di Serie A1 Femminile. Lo fa grazie al successo al PalaIgor di Novara in Gara-3 dei quarti di finale contro la Igor Gorgonzola, la squadra che l’aveva estromessa dai giochi due stagioni fa e che l’aveva battuta l’anno scorso in Finale di Coppa Italia, il punto più alto – almeno per ora – della triennale avventura emiliana. Il 3-1 in rimonta dopo aver perso primo set è figlio di una prestazione gagliarda, intensa, in difesa e in attacco: 22 punti per Valentina Diouf (con 3 muri e 3 ace), 16 per capitan Di Iulio e 11 per Folie. Le bianconere di Alessandro Beltrami affronteranno ora l’Imoco Volley Conegliano: Gara-1 al PalaPanini martedì 19 aprile, poi giovedì ed eventualmente domenica due partite al PalaVerde.

Dopo la Pomì Casalmaggiore, lascia la post-season anche l’altra protagonista dell’ultima Finale Scudetto. Rispetto a Gara-2, le azzurre di Marco Fenoglio sono apparse meno precise e più impaurite. Di fatto, pochi punti sia nel terzo che nel quarto set hanno fatto la differenza a favore delle emiliane. Il PalaIgor lascia le sue beniamine con un bell’applauso.

Manca dunque un solo tassello per definire le semifinali dei Play Off. Domenica alle 17.30 (diretta Rai Sport HD) la decisiva Gara-3 tra Nordmeccanica Piacenza e Savino Del Bene Scandicci.

La cronaca. Entrambe le formazioni al completo. La Liu Jo si presenta con Diouf opposta a Ferretti, Horvath e Di Iulio in banda, Heyrman e Folie al centro, Arcangeli libero. L’Igor conferma l’assetto con Fawcett opposta, Signorile al palleggio, Fabris e Malesevic in banda, Guiggi e Chirichella centrali, Sansonna libero.

Il muro di Chirichella sulla pipe di Horvath apre l’incontro. Da seconda linea passa invece Fabris, che sigla il 3-1. La croata, impiegata in ricezione, non controlla il servizio di Diouf (3-3). Novara si stacca sul muro di Guiggi, che intercetta la pipe di Diouf, e il primo punto di Fawcett (7-5). Modena impatta e sorpassa con due block-in di Folie (7-9). Si procede a folate, con Fabris sempre in spinta: due attacchi e il bolide dai nove metri della croata, cui segue il mani out di Malesevic (11-9). Fawcett spedisce le squadre al time out tecnico (12-10), poi rimbalza sulle braccia protese di Heyrman ed è ancora parità: 13-13. Il livello sale scambio dopo scambio, Chirichella chiude un punto sofferto e il PalaIgor esplode. Guiggi fa buona guardia a muro, coach Beltrami chiama time out (16-14). Capitana azzurra protagonista subito dopo, la sua presenza sottorete frena Horvath (rilevata da Scuka) e il tecnico bianconero sul 19-15 sfrutta anche il secondo time out. La Igor tira su tutto, con Sansonna in trance agonistica. La pipe di Fabris fa 23-16, il tocco di seconda di Signorile il 24-17. Chiude il muro di Chirichella, 25-17.

La Liu Jo prova a scuotersi in avvio di secondo parziale, l’ace di Folie è accolto da un urlo collettivo. Le bianconere lottano in seconda linea – il tuffo difensivo di Diouf quasi si tramuta in punto diretto – ma Fabris è difficile da arginare (6-4). La croata è già in doppia cifra, mentre dall’altra parte Horvath non riesce ad ingranare e 8-5. Folie perde il contrasto con Signorile, Beltrami ferma il gioco (9-6). Al rientro è proprio l’ungherese a riavvicinare Modena con un turno di servizio efficace, 9-10 con l’ace dopo la fast a lato di Chirichella. Coach Fenoglio inserisce Bruno in seconda linea, Diouf fa +2 e il coach azzurro ricorre al time out. Alla pausa tecnica è davanti Modena con la parallela di Di Iulio (11-12). Heyrman elude il muro con un pallonetto preciso, Fabris commette un errore insolito e 13-15. La centrale belga colpisce al servizio, Folie non si lascia sfuggire la slash: 14-18 e time out Fenoglio. Le azzurre attraversano un momento di confusione, Guiggi non passa con la fast (14-20) e dalla panchina esce Bonifacio. Cambia anche la diagonale di posto due, dentro Bosio e Wawrzyniak. La Igor regala due servizi consecutivi, mentre la battuta al salto delle bianconere fa male (16-23). Altre due imprecisioni in attacco e il set si conclude 16-25.

Le bianconere prendono coraggio e salgono 2-4 nel terzo con il pallonetto di Heyrman che spezza la resistenza di Sansonna. Reagisce la Igor, Malesevic si esalta in difesa e Guiggi trasforma la fast del 6-5. Heyrman si fa valere al servizio, ace e controsorpasso con la martellata di Diouf (6-8). Bonifacio rileva Guiggi e va subito a segno, Fawcett sopra le mani del muro per il 9-9. Strepitosa Sansonna su Diouf, che poi sbaglia e concede l’11-10 che accende il tifo azzurro. Entra Wawrzyniak per Fawcett, mentre Diouf si riprende il punto perso e porta la Liu Jo al time out tecnico sul +1 (11-12). Di Iulio picchia, Diouf inchioda l’ace del 12-15 e Fenoglio chiama tempo. E’ il momento di Cruz, che rileva Malesevic. Di Iulio difende e Diouf contrattacca il 13-17. Con il muro di Bonifacio la Igor si avvicina e Beltrami si prende una pausa. Rientra Fawcett ma la pipe è lunga e la Liu Jo torna a +3 (16-19). Cruz sale in cattedra con il fulmine del -1 (19-20) e la parallela del pareggio. Sono gli attimi decisivi: Diouf gestisce una palla difficile (21-22), Di Iulio mura Fawcett (21-23). Chirichella manda in rete il servizio, due set point per le emiliane. Il primo sfugge sul fallo di Horvath, il secondo è quello buono grazie alla botta di Di Iulio: 23-25 e 1-2.

Nel quarto la Igor si ripresenta con Cruz e Bonifacio. Parziale in equilibrio, proprio la portoricana firma il mini allungo di casa (5-3). Protestano le bianconere per due chiamate dubbie (cartellino giallo), le azzurre ne approfittano per allungare sul 9-5 e Beltrami chiama time out. Aumentano i decibel del PalaIgor, due punti di Malesevic spediscono le squadre alla pausa tecnica sul 12-8. Heyrman accorcia le distanze (12-10), Fabris riallarga la forbice (14-10). Sansonna si moltiplica in campo, tenta anche di murare ma l’arbitro non glielo permette. Horvath non molla, Diouf colpisce Signorile in pieno volto e le bianconere sono lì: 17-16. Chirichella ridà fiato alle compagne con la fast del +2, ma Diouf mura ed è pareggio a 18. Cutuk entra al servizio, Cruz appena fuori con l’attacco e Modena è avanti 19-20. Mani out di Di Iulio (20-21), dentro Scuka per alzare il muro. Invasione e 21-21. Heyrman in fast e a muro, la Liu Jo scatta 21-23. Cruz realizza, ma Fabris affossa in rete il servizio al salto e 22-24. Scambio interminabile, Folie invade e 23-24. E’ di Horvath il punto che proietta la Liu Jo per la prima volta nella sua giovane storia in una semifinale Play Off.

I PROTAGONISTI-

Alessandro Beltrami (Allenatore Liu Jo Modena)- « E' stata una bella partita, i primi due set sono andati in maniera speculare da alcuni punti di vista, battuta e ricezione soprattutto. Siamo stati bravi a ripeterci e ribadire dopo il primo set che dovevamo continuare a fare alcune cose per mettere sotto pressione loro e vedere come reagivano, poi siamo stati bravi ad andare avanti con le nostre cose che funzionavano, a mantenere la pressione nel terzo set e a recuperare nel quarto sotto 15-10. Bravi ad avere pazienza, a riprenderle e poi pian piano è tornato il nostro gioco. La nostra miglior partita di sempre? In gara 1 è stato un andamento un po' simile perché comunque nel primo set eravamo sotto, mentre in altre partite come Conegliano abbiamo ripreso la partita in alcune situazioni. In queste condizioni, invece, è una cosa nuova. Le occasioni come stasera ci devono dare la consapevolezza perché siamo stati più bravi di tutte le altre volte. Siamo cresciuti strada facendo costruendo la partita e che partita. Adesso domani giorno libero per forza, dobbiamo riposare dopo una settimana trascorsa in albergo, poi si preparerà per forza la sfida con Conegliano, brave loro a non essere impegnate stasera chiudendo in due gare la loro serie ».

Chiara Di Iulio (Liu Jo Modena)- « E' normale che in campo la posta in palio e la tensione fosse più alta di quello che effettivamente ci stavamo giocato, è una cosa che volevamo da tutto l'anno. Quello che ho detto sempre e che ripeto ancora è che siamo un bellissimo gruppo, che lavora bene e quello che semini poi è normale che lo raccogli, ce lo meritavamo. Il pubblico di Novara si è fatto sentire tanto, ma noi abbiamo rotto loro le uova nel paniere e per questo la festa è ancora più bella, vincere in questo modo è bellissimo. Loro venivano dalla bella vittoria in gara 2 di giovedì, ma io sentivo un'energia buona perché in gara 1 avevamo già seminato un bel pezzo di percorso, quindi voglio fare i complimenti a tutte le compagne, allo staff, alla squadra, perché è stata una delle nostre vittorie più belle. Loro sono partite forte, sapevamo che sarebbe stato così, ma abbiamo fatto i nostri aggiustamenti tattici e abbiamo messo in campo tutto, poi è normale che quando metti a posto diverse cose spingi di più e meglio. Siamo state molto attento e questo ci ha fatto fare la differenza sia in gara 1 che adesso ».

IL TABELLINO-

IGOR GORGONZOLA NOVARA – LIU JO MODENA 1-3 (25-17, 16-25, 23-25, 23-25)

IGOR GORGONZOLA NOVARA: Fawcett 7, Bruno, Wawrzyniak, Malesevic 13, Guiggi 6, Cruz 6, Bonifacio 4, Chirichella 9, Sansonna (L), Signorile 4, Bosio, Fabris 20. Non entrate Bosetti. All. Fenoglio.

LIU JO MODENA: Gamba, Heyrman 9, Di Iulio 16, Folie 11, Arcangeli (L), Ferretti, Diouf 22, Cutuk, Scuka, Horvath 9. Non entrate Carraro, Rivero, Mangani Linda. All. Beltrami.

ARBITRI: Puecher, Rapisarda.

NOTE – durata set: 26′, 26′, 34′, 35′; tot: 121′.

Articoli correlati

Commenti