Volley: A1 Femminile, per Firenze vittoria da Play Off
© Legavolley Femminile/Innocenti
Volley A1 femminile
0

Volley: A1 Femminile, per Firenze vittoria da Play Off

La squadra di Caprara dispone facilmente del Club Italia imponendosi 3-0 (25-14 25-21 25-17) al Mandela Forum nel posticipo della 9a di ritorno e consolida il settimo posto

FIRENZE- Tre punti dovevano essere, e tre punti sono stati per Il Bisonte Firenze. Il Mandela Forum si conferma un fortino inespugnabile. La squadra di Caprara con il 3-0 rifilato al Club Italia Crai infila la sesta vittoria consecutiva davanti ai suoi tifosi e mette un’ipoteca sui play off: la nona in classifica, Bergamo, è distante dieci punti ma deve giocare solo tre partite, mentre Brescia, decima, è a – 11, un margine praticamente incolmabile in quattro giornate. In attesa della matematica, le bisontine hanno consolidato il settimo posto (+ 5 su Cuneo) e allo stesso tempo si sono avvicinate a – 3 dal sesto di Casalmaggiore: il tutto grazie a una partita in cui hanno rischiato davvero poco, e in cui Caprara ha lanciato Venturi, alla prima da titolare come libero e protagonista di ottime difese e di un 63% in ricezione, ricevendo molte risposte dalla battuta (10 ace totali), da tutte le sue giocatrici ma soprattutto da Alberti, proclamata MVP con 11 punti (5 muri e il 71% in attacco).

LA CRONACA DEL MATCH-

Giovanni Caprara parte con Dijkema in regia, Lippmann opposto, Degradi e Daalderop in banda, Alberti e Popovi? al centro e Venturi (all’esordio da titolare) libero, mentre Bellano risponde con Morello in palleggio, Sylvia Nwakalor opposto, Pietrini e Battista schiacciatrici laterali, Lubian e Fahr al centro e De Bortoli libero.

Il Bisonte entra subito in campo concentrato, con Degradi che va al servizio e piazza due ace e una pipe per il 4-0, poi Pietrini prova ad accorciare (6-4), ma Alberti riallunga con la fast (12-7) e poi Dijkema di seconda e Lippmann trovano i punti del 14-7 che costringono Bellano al primo time out della gara. Firenze non si ferma, Alberti stampa due muroni e Daalderop attacca il 22-12, poi Caprara inserisce Malesevic per Daalderop e Bellano risponde con Scola e Malual per Sylvia Nwakalor e Morello, ma il set è ormai nelle mani de Il Bisonte che lo chiude grazie a un attacco out di Pietrini (25-14).

Nel secondo set il Club Italia parte decisamente meglio con Sylvia Nwakalor e Pietrini (3-6), poi Degradi accorcia le distanze (6-7), e alla fine la rincorsa si concretizza con due muroni consecutivi di Alberti (12-11): Bellano chiama time out, Lippmann piazza due ace di fila per il 15-13, ma Pietrini tiene in partita il Club Italia (17-17) e Caprara inserisce Sorokaite per Degradi, ma ancora Pietrini mette giù il 17-18 costringendo il coach fiorentino al time out. E fa bene perché al rientro arrivano l’attacco di Sorokaite, l’ace di Alberti e la bomba di Lippmann (sei punti nel set), che danno il la all’allungo decisivo, chiuso proprio dall’opposto tedesco (25-21).

Nel terzo c’è Enweonwu per Battista, ma il primo allungo è de Il Bisonte, con l’ace di Degradi e l’attacco di Daalderop che valgono il 12-8 e il time out Bellano: Popovic mette il punto esclamativo a un ottimo set (cinque punti personali) con l’ace del 15-9, Bellano prova la carta Scola per Morello ma il margine si allarga ancora col turno in servizio della serba (18-9). Nel finale Caprara inserisce anche Bonciani, Sorokaite, Candi e Malesevic per Lippmann, Dijkema, Alberti e Degradi, e alla fine è un fallo in battuta di Enweonwu a consegnare la partita a Il Bisonte (25-17).

I PROTAGONISTI-

Giovanni Caprara (Allenatore Il Bisonte Firenze) - « Abbiamo fatto una buona partita, anche se oggettivamente abbiamo avuto qualche problema di troppo in attacco rispetto alle ultime uscite. Siamo stati, invece, bravi in battuta e a muro con delle buone variazioni. Dovevamo vincere 3-0 e lo abbiamo fatto, siamo soddisfatti di questo e adesso continuiamo per il nostro cammino. Dobbiamo continuare il nostro percorso di crescita cercando di migliorare ancora nei fondamentali in cui lavoriamo in palestra, e mettere subito la testa alla prossima partita che, sicuramente, sarà molto più ostica e probante. Sesto posto? Credo oggettivamente che sarà molto difficile arrivare in quella posizione. L'unica cosa che mi auguro è vedere il processo di crescita continuare in queste tre ultime uscite. La posizione finale, poi, la vedremo alla fine della regular season, ma alla fine tra sesto o settimo posto cambia poco, visto che comunque ci toccherà giocare contro una delle tre pretendenti al titolo finale ».

Marina Lubian (Club Italia Crai)- « Non abbiamo fatto una buona partita e non abbiamo sicuramente fatto del nostro meglio. Le nostre avversarie sono state brave ad aggredirci sfruttando i nostri punti deboli e noi non siamo state in grado di rialzarci. C’è sicuramente un po’ di rammarico e dobbiamo fare in modo che le prossime partite vadano in modo diverso. Il nostro motto resta quello di stare in campo il più possibile in modo da imparare tutto quello che possiamo dai nostri avversari. Il nostro obiettivo resta poi quello di conquistare almeno una vittoria prima della fine del campionato ».

IL TABELLINO-

IL BISONTE FIRENZE – CLUB ITALIA CRAI 3-0 (25-14 25-21 25-17)

IL BISONTE FIRENZE: Degradi 10, Popovic 6, Lippmann 13, Daalderop 7, Alberti 11, Dijkema 3, Parrocchiale (L), Sorokaite 3, Venturi (L), Malesevic, Candi, Bonciani. All. Caprara.

CLUB ITALIA CRAI: Morello, Battista, Fahr 8, Nwakalor 10, Pietrini 9, Lubian 2, De Bortoli (L), Enweonwu 4, Malual 2, Scola, Panetoni (L), Populini. Non entrate: Nwakalor, Kone. All. Bellano.

ARBITRI: Moratti, Noce.

NOTE – Spettatori: 600, Durata set: 21′, 26′, 22′; Tot: 69′. 

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 52; Igor Gorgonzola Novara 46; Savino Del Bene Scandicci 44; Saugella Team Monza 40; Unet E-Work Busto Arsizio 39; E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore 38; Il Bisonte Firenze 35; Bosca San Bernardo Cuneo 30; Zanetti Bergamo 25; Banca Valsabbina Millenium Brescia 24; Lardini Filottrano 14; Reale Mutua Fenera Chieri 7; Club Italia Crai 2.

Vedi tutte le news di Volley A1 femminile

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti