A1 Femminile, Scandicci e Busto vincono i derby
Volley A1 femminile
0

A1 Femminile, Scandicci e Busto vincono i derby

Conclusa stasera la 7a giornata con quattro incontri. La formazione di Mencarelli supera Firenze, quella di Lavarini va a vincere a Bergamo. Primo successo per Filottrano contro Chieri, Monza vince al tie break la battaglia con Casalmaggiore

ROMA- Si è completata questa sera la 7a giornata di andata di A1 Femminile con quattro incontri. La Savino Del Bene Scandicci festeggia la vittoria nel derby contro Il Bisonte Firenze. Successo in un confronto regionale anche per la Unet E Work Busto Arsizio che supera in rimonta la Zanetti Bergamo al Pala Agnelli. Tre punti pesantissimi per la Lardini Filottrano che centra la prima vittoria stagionale al cospetto della Reale Mutua Fenera Chieri. Vittoria al quinto set, dopo lunga lotta, per la Saugella Monza sul campo dell’ Èpiù Pomì Casalmaggiore.

TUTTE LE SFIDE-

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – IL BISONTE FIRENZE-

Testa e cuore.  Sono gli ingredienti con cui Coach Marco Mencarelli ha condito la sua Savino Del Bene Scandicci che, davanti ad un palazzetto dello sport di Scandicci pieno in ogni ordine di posto ha domato un Bisonte sottotono. E proprio il pubblico scandiccese ha supportato la squadra per gli ottantotto minuti di gara.

Coach Mencarelli sceglie Malinov opposta a Stysiak, Stevanovic e Kakolewska centrali con Pietrini e Bricio in banda, Merlo è il libero. Caprara risponde con Djkema opposta a Nwakalor, Daalderop- Degradi come schiacciatrici, Fahr e Alberti come centrali e Venturi libero.

Avvio equilibrato, Il Bisonte attacca con Nwakalor e Daalderop e Stysiak risponde. La giovane polacca fa addirittura due ace (4-3); le fiorentine ci provano ma sempre Stysiak e Stevanovic allungano (8-5). La Savino Del Bene ha fame e Kakolewska si inventa una fast vincente (11-7), le ospiti accorciano ma Bricio è letale (12-8). Poi inizia una vera e propria danza con Scandicci che vola sul più 7 con l’ace di Pietrini (17-10) e Caprara ferma tutto. Il vantaggio si allarga sotto i colpi di Stevanovic (20-12). Stysiak è una potenza in diagonale (22-13), ma Il Bisonte accorcia prepotentemente. Malinov poi chiude la contesa sul 25-17.

Il secondo set si apre in equilibrio (1-1), poi Stevanovic suona la carica e vola in cielo per una fast e allunga sul +4 (4-1). Dopo il tempo di Caprara, Stevanovic colpisce ancora (5-1) e Stysiak allunga. La Savino Del Bene è una furia e lascia Il Bisonte a un punto (7-1). Scandicci continua nella sua marcia (10-2), ma Nwakalor ci prova (11-4). Il parziale diventa pesantissimo sotto i colpi del duo Stysiak-Bricio, tanto da arrivare sul 17-5. Bricio allunga ancora (20-7), ma Il Bisonte torna sotto con Degradi al servizio (20-11). Stysiak è una furia in diagonale (22-12), ma le ragazze di Caprara sono lì. Poi Stevanovic chiude con una “magia” sul 25-17.

Il terzo set si apre in parità (3-3), ma poi Bricio riporta il “Messico e nuvole” su Scandicci ed è incontrollabile per la difesa fiorentina. Sempre la messicana mette a segno il 9-6 e Caprara chiama tempo. Il Bisonte ci prova con Santana, ma è Stysiak a far volare Scandicci. Il terzo set è pura poesia con una Savino Del Bene Scandicci cinica e precisa così come non si era mai vista dall’inizio del campionato. La gara viene chiusa da un servizio sbagliato da parte delle ragazze di Caprara e Scandicci si prende set e tre punti.

I PROTAGONISTI-

Marco Mencarelli (Allenatore Savino Del Bene Scandicci)- « Per me è il primo derby, e l’ho vissuto con un po’ meno pressioni. Dopo Chieri non eravamo pienamente soddisfatti e già in settimana ho visto che ci stavamo allenando con tanta determinazione, le prime partite di campionato ci hanno dato la mentalità per lottare e ciò che abbiamo visto oggi è che siamo apparsi subito determinati e forti mentalmente ».

Giovanni Caprara (Allenatore Il Bisonte Firenze) – « La partita è stata fortemente condizionata dalla differenza in battuta e ricezione fra le due squadre, e di conseguenza dall’efficacia in attacco: loro giocavano sempre palla in mano e ci mettevano in difficoltà, noi giocavamo con palla staccata e quindi era più complicato, fra l’altro contro il muro alto. Ci sono però anche delle note positive, perché durante la partita siamo migliorati: l’unico rammarico è per la parte centrale del terzo set, quando eravamo punto a punto ma abbiamo commesso due o tre ingenuità che hanno condizionato il parziale. Le ragazze stavano interpretando meglio i colpi di attacco ma per giocarsela alla pari bisognava fare qualcosa che non abbiamo mai fatto, e quando fai cose nuove ci vuole del tempo per imparare: il mio obiettivo era che le ragazze rimanessero mentalmente nella partita proprio per imparare qualcosa, l’abbiamo parzialmente fatto ma non del tutto ».

IL TABELLINO-

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – IL BISONTE FIRENZE 3-0 (25-18 25-17 25-20)

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Bricio 11, Kakolewska 6, Stysiak 21, Pietrini 9, Stevanovic 10, Malinov 6, Merlo (L). Non entrate: Milenkovic, Sloetjes, Bosetti, Lubian, Molinaro, Carraro, Cardullo. All. Mencarelli. IL

BISONTE FIRENZE: Degradi 4, Fahr 3, Nwakalor 9, Daalderop 2, Alberti 1, Dijkema 1, Venturi (L), Santana 8, Foecke 3, Maglio 2, Turco. Non entrate: De Nardi. All. Caprara.

ARBITRI: Braico, Sobrero.

NOTE – Spettatori: 1500, Durata set: 26′, 27′, 27′; Tot: 80′.

E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE – SAUGELLA MONZA-

La Saugella Monza, al termine di una vera e propria battaglia, esce vincitrice al tie break dal PalaRadi di Cremona contro una Vbc Èpiù Pomì Casalmaggiore trainata da una Carcaces da 32 punti e una Bosetti da 20 che ci prova ma deve arrendersi. La squadra di Dagioni ha messo nella contesa il proprio maggiore tasso tecnico ed una maggiore determinazione nell’acceso finale.

E’ un muro di Mina Popovic ad aprire la gara, Carcaces poi ribadisce con un colpo sporco, 2-0. Carcaces letteralmente abbatte Meijners con una parallela e fa 4-0, time out Monza. Ortolani porta le sue più vicine alle rosa ma Carcaces le riallontana, 6-3. Pipe di Cuttino e le rosa si portano sul 7-4, un’infrazione però regala il 5-7 a Monza. Il primo ace della gara è di Meijners che sigla il 6-7. Bel tocco morbido di capitan Bosetti che mette a terra il pallone del 8-6. Si va in cifra tonda, è Mina Popovic che finalizza il suo bel primo tempo, 10-7, un muro poi allunga. Bel muro di Heyrman che porta le sue a meno uno, 11-12, ma Cuttino ristabilisce subito le distanze. Cuttino alla prima battuta in salto in maglia rosa sigla subito un ace potente, 14-11. Scuka entra per il giro in ricezione di Carcaces direttamente in battuta e trova subito un ace, 16-12. Bello il colpo sulle mani del muro di Bosetti che fa schizzare il pallone e sigla il 17-13. Ortolani sfrutta il mani out e sigla il 17-19 così coach Gaspari preferisce chiamare il time out. Al ritorno in campo cannonata di Carcaces in diagonale 20-17. Monza si rifà sotto ma ci pensa Carcaces a frenare le fucsia-blu, 22-19. Muro di Stufi su Orthmann a conclusione di una lunga azione, 23-20, time out Monza. La Saugella infila due punti consecutivi grazie ad Heyrman, la migliore delle sue, e ad un errore di Cuttino, 22-23 time out per coach Gaspari. Monza però grazie a qualche errore di Casalmaggiore passa in vantaggio e fa 24-23 ma Antonijevic d’esperienza rimette tutto in parità. Squarcini entra in battuta e trova subito l’ace del 26-25, Bosetti in diagonale strettissima ristabilisce la

Si inizia il secondo set con Scuka dentro per Cuttino. E’ Casalmaggiore ad aprire le danze ma un muro monzese pareggia i conti, 1-1. Uno-due di Carcaces e Casalmaggiore si porta sul 3-2, l’ace di Popovic poi allunga. Scuka mura un bel tentantivo di Mariana e fa 6-2, Ortolani accorcia. Dentro Veglia per Stufi, Carcaces spara un missile sulle braccia di Orthman che non può nulla, 8-6. Bosetti ferma il tentativo di fast di Heyrman, 9-7. Buon momento di Monza, Danesi mura Bosetti e fa 10 pari. Danesi ferma il tentativo anche di Scuka, porta avanti le sue sull’11-10 e coach Gaspari chiama time out. Dentro Camera per Antonijevic, Bosetti trova l’ 11-12. Scuka trova la parallela giusta, 12-13. Orthmann regala la parità alla Vbc e Carcaces trova il sorpasso, 14-13. Primo tempo vincente di Popovic che nel vertice lungo fa 15-14, l’errore di Meijners allunga. Mina Popovic lascia impietrita la difesa monzese, ace e 17-14, time out per coach Dagioni. Un po’ troppi errori per le rosa che regalano la parità alla Saugella 17-17, Veglia però riporta avanti Casalmaggiore, 18-17 e Carcaces allunga. Veglia ci mette ancora la “manona” e blocca l’incursione Saugellina, 20-18. Gran tocco morbido di Bosetti sulla riga ed è 21-19. Popovic fa 22-20, dentro Maggipinto per Carcaces, time out per Monza. Si torna in campo ed è Scuka a trovare il varco giusto, set point 24-20. E’ il mani out di Bosetti a chiudere 25-20. Casalmaggiore chiude con un ottimo 80% in ricezione con una Spirito al 100% di perfetta. Top Scorer: Carcaces 5, Ortolani e Heyrman 4

Il terzo set riparte riparte con Camera al palleggio e Scuka opposto. E’ Carcaces ad aprire la frazione, Popovic ribadisce, 2-0. Casalmaggiore spinge e constringe all’errore Monza, 8-5 Casalmaggiore, Camera in ace poi allunga, Bosetti poi sigla il 10-5, time out Monza. La Saugella prova a restare attaccata al set, 9-12, time out per coach Gaspari. Carcaces passa sopra tutti e fa 13-10. Monza conclude la sua rimonta trovando il 13 pari ma Carcaces fa prima 14-13 e poi 15-13, distanze ristabilite. Due muri consecutivi mandano Monza avanti 16-15, coach Gaspari inverte la diagonale. Heyrman trova anche il punto dell’allungo 17-15, coach Gaspari è costretto al time out. E’ fuori il tentativo di Monza, 16-18 Vbc. Ancora una volta entra Squarcini e trova l’ace, 21-18, ma Bosetti accorcia. Altro mani fuori di Bosetti che porta le rosa sul 20-22, Carcaces accorcia nuovamente. Monza guadagna il primo set point ma Carcaces lo annulla, 22-24. E’ un errore in battuta di Popovic a chiudere la frazione 25-21 per la Saugella. Top Scorer: Carcaces 9, Ortolani e Meijners 4

Carcaces apre la quarta frazione, Danesi pareggia, Popovic riporta avanti le sue, 2-1 Vbc Èpiù Pomì Casalmaggiore. Veglia riporta avanti le rosa, 3-2. Heyrman ci prova ma Carcaces c’è, 4-2. Il muro rosa sembra invalicabile, 6-2. Meijners trova un ace e manda Monza a meno uno, 5-6, Carcaces però caparbiamente ristabilisce le distanze. Le ospiti spingono e si portano avanti 9-8, coach Gaspari preferisce chiamare time out. Al ritorno in campo è capitan Bosetti a mettere a terra il pallone e a ritrovare la parità 9-9. E’ ancora Bosetti a ritrovare il pareggio con una staffilata che manda Mariana in spaccata, 10-10. Il muro di Carcaces-Veglia blocca il tentativo di Ortolani e fa 13-11. Azione strepitosa quella del 14-15 finalizzata da Carcaces. Cuttino prova ad interrompere il buon momento ospite, diagonale e 15-17. Monza trova l’ace del 19-15 e coach Gaspari chiama time out. Al ritorno in campo è il capitano rosa a trovare il punto, 16-19. Popovic ferma l’incursione delle ospiti, muro e 17-20. Altro gran tocco sotto di Caterina Bosetti, quasi un marchio di fabbrica, 18-20, time out Monza. Scuka fa 19-21 con una parallela,  ma Meijners ristabilisce le distanze, Popovic però piega le mani del muro, 20-22. Carcaces ci prova tre volte nella stessa azione ma l’ultima è quella buona, diagonale e 21-22 e l’errore di Ortolani rimette tutto in parità, time out Monza. Super Carcaces, mani out e sorpasso al ritorno in campo 23-22. Kenia is on fire, altro punto della cubana, 24-23, set point ma la battuta di Scuka è a rete. Ma ci pensa ancora Carcaces, 25-24. E’ sempre la cubana a siglare il punto, 26-25, Il tentativo di Mariana è out e chiude la frazione, 27-25 confermata dal video check. 

Monza spinge nel tie break e si porta sul 4-1, time out Vbc Èpiù Pomì. Popovic poi fa 3-5 ma Mariana trova il mani out. Carcaces fa 4-6, e il tentativo out di Mariana accorcia nuovamente, 5-6. Bellissima fast di Heyrman al ritorno in campo, 7-5 Monza. Si va al cambio di campo sull’8-5 per Monza con un errore di Cuttino. Monza si porta sul 9-5, la panchina rosa chiama time out. Orthmann ci prova ma al ritorno in campo è un muro di Veglia a cadere a terra, 6-9. Bosetti accorcia con l’ennesimo mani out della gara, 7-9, Carcaces poi trova l’ace dell’ 8-9, time out Monza. Ma si torna in campo ed è Bosetti che mette la staffilata a terra, ma Monza ristabilisce le distanze, 11-9 Saugella. E’ un botta e risposta, Monza sigla il punto, Bosetti mette a terra il pallone, 10-12. Ortolani però prende per mano le sue, trova il match point 14-10 e l’ace di Bonvicini chiude la gara 15-10 e 3-2.

I PROTAGONISTI-

Ilaria Bonvicini (Saugella Monza)- « Partiamo sempre con qualche punto di ritardo, ma siamo brave a rientrare in ogni set a riprova che ci siamo sempre. Serve continuità, è bello aver trovato la seconda vittoria consecutiva in campionato: dobbiamo continuare così, siamo partite un po’ in ritardo in questa stagione, ma adesso ci siamo ».

IL TABELLINO-

E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE – SAUGELLA MONZA 2-3 (26-28 25-20 22-25 27-25 10-15)

 E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE: Bosetti 20, Popovic 14, Cuttino 6, Carcaces 32, Stufi 1, Antonijevic 1, Spirito (L), Scuka 7, Veglia 4, Camera 1, Maggipinto, Fiesoli. Non entrate: Mulas, Vukasovic. All. Gaspari.

SAUGELLA MONZA: Skorupa, Orthmann 8, Danesi 10, Ortolani 19, Meijners 24, Heyrman 17, Bonvicini (L) 1, Squarcini 3, Mariana 2, Parrocchiale (L). Non entrate: Obossa, Begic, Di Iulio. All. Dagioni.

ARBITRI: Cerra, Bassan.

NOTE – Spettatori: 2251, Durata set: 34′, 25′, 25′, 34′, 15′; Tot: 133′.

ZANETTI BERGAMO – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO-

Una vittoria sofferta, ma importante perchè arrivata, ancora una volta, nelle avversità. La Unet e-work Busto Arsizio, ancora senza Leonardi e anche senza Orro (out per una distorsione alla caviglia rimediata venerdì in allenamento, ma comunque presente ed in campo per qualche istante del terzo e quarto set) espugna il Pala Agnelli di Bergamo per 3-1 e conquista il terzo posto in classifica.

La gara è stata in salita per le farfalle, partite piano nel primo parziale ma capaci, grazie ai cambi di Lavarini, di trovare la quadratura del cerchio. Fondamentali sono stati infatti per la UYBA gli innesti, a metà del secondo set, di Berti al centro per Washington, di Bici (13 punti con 57%) per Lowe e di Villani (10 col 66%) per Herbots. Le tre neo entrate hanno impattato bene il match, garantendo a Cumino, brava in regia, più sostanza in fase offensiva, più tocchi a muro e più tranquillità nella distribuzione del gioco. Recuperato dunque lo svantaggio nel secondo set, la UYBA ha trovato più fluidità, riuscendo col passare dei minuti ad imporre la propria pallavolo e a portare a casa l’intera posta in palio.

Per la UYBA da segnalare anche l’immensa prova di Alessia Gennari, MVP con 18 punti (47% offensivo) e tanta qualità in tutte le zone del campo. Ottima anche Wang in seconda linea.

Per la Zanetti Mitchem (19) e Smarzek (16) le ultime a mollare.

Abbondanza parte con Mirkovic – Smarzek, Olivotto – Melandri, Rodrigues – Mitchem, libero Sirressi.

Lavarini risponde con Cumino – Lowe, Bonifacio – Washington, Herbots – Gennari, Wang libero,

Nel primo set Herbots parte forte al servizio, Gennari è ottima in attacco e a muro (due per le fino al 3-6); Mitchem e Smarzek tengono comunque in scia le padrone di casa (8-9), poi Lowe attacca lungo il 9-9. Herbots ben servita da Cumino fa 10-11, ma la Zanetti sorpassa e fa chiedere tempo a Lavarini con Mitchem (13-11). La numero 22 va a segno anche per il 14-12, poi Washington e Lowe cancellano il gap (14-14); si procede a braccetto (16-16) con Herbots sempre positiva da posto 4 (doppietta del 17-18) e con Smarzek ispiratissima da posto 1 (19-18). Mitchem allunga (22-19 tempo Lavarini), di nuovo Smarzek passa per il 23-19, Gennari ed Herbots ci provano (24-21 time-out Abbondanza), ma Mirkovic chiude di prima intenzione (25-21).

A tabellino Herbots e Smarzek 7, Mitchem 8.

Lavarini torna in campo nel secondo set con Berti per Bonifacio e la numero 15 biancorossa si fa sentire subito con buona presenza a muro (1-3); Mitchem non ci sta e Bergamo è sempre lì (5-5), con Olivotto che supera a muro (6-5) e di nuovo Mitchem a segno per il 7-5 (dentro Bonifacio per Washington). Gennari serve bene ed attacca la pipe del 7-7, ma la Zanetti approfitta del muro di Rodriguez per allungare (10-8 dentro Bici per Lowe). Smarzek e Mitchem fanno interrompere il gioco alla UYBA (12-9), le farfalle faticano in rice e Lavarini prova anche Villani per Herbots (13-10); Bici ha il braccio caldo (tre punti in pochi istanti per lei, 14-13) e induce Abbondanza al time-out. Gennari a muro chiude lo splendido scambio che porta al 16-16), Bergamo con una ingenuità regala alla UYBA il vantaggio (16-17 tempo Zanetti); le farfalle crescono sul servizio di Bici, Cumino a muro fa 16-18, Gennari allunga (16-19 dentro Prandi al palleggio per le padrone di casa). La capitana va segno anche con il mani-out del 17-20, Villani con una magia firma il 18-21, Berti e Bici realizzano fino al 21-24, Mitchem attacca fuori il 22-25.

A tabellino: Gennari 6, Bici 5, Mitchem 6.

Lavarini riparte con il 6+1 che ha concluso il secondo parziale, ma la Zanetti è carica in avvio; Mitchem e l’errore di Berti portano al 7-3 (tempo UYBA), poi le farfalle tornano sotto con Villani, Bici e grazie a qualche errore delle orobiche (9-8). Villani carica il braccio anche al servizio (10-10 tempo Abbondanza), Gennari trova sempre cambiopalla da posto 4 (12-12) e affonda lo splendido 12-13. Bici tira un cannone dai 9 metri (12-14), mentre sul 13-14 si rivedono in campo Lowe e Orro al palleggio. Bergamo non molla e Loda (entrata su Mitchem) supera (15-14), poi si procede in pari (16-16); sul 17-17 rientrano Cumino e Bici, con l’albanese subito a segno per il nuovo vantaggio UYBA (18-19 e 19-20). Herbots entra al servizio e propizia il 19-21 di Gennari (time-out Abbondanza), Bici risponde a Loda (20-22); Gennari affonda il 21-23, Bonifacio bura il taraflex con l’attacco del 22-25.

A tabellino: Bici e Gennari 6, Olivotto 6.

Nel quarto set Bici spinge ancora forte in avvio (1-3), ma la Zanetti vuole allungare al tie-break; Smarzek impatta (4-4), ma Gennari conferma la splendida serata personale con la doppietta del 4-6. Mitchem pareggia con l’ace del 7-7, ma Villani va a segno due volte per il 7-9 (dentro Van Rik per Smarzek) e Bonifacio conferma il break con il pallonetto dell’8-10. La numero 13 bustocca allunga con il muro del 9-12 (time-out Abbondanza), mentre sul 12-14 Lavarini rimette in campo Washington per Berti. Gennari passa ancora due volte (12-16 rientra Smarzek), la UYBA rimette in campo Lowe e Orro, mentre Villani chiude il 14-19 e il 14-20 (tempo Zanetti). L’ace di Washington (14-22) chiude di fatto la partita, l’ultimo punto è di Villani (18-25).

I PROTAGONISTI-

Rossella Olivotto (Zanetti Bergamo)- « Dispiace perché avevamo iniziato bene, molto lucide e aggressive. Dispiace perché abbiamo la sensazione di aver buttato via noi la partita, perché il secondo set eravamo avanti, stavamo giocando bene, poi abbiamo fatto molti errori e siamo andate via via sempre peggio. Poteva andare diversamente e mi dispiace molto ».

Stefano Lavarini (Allenatore Unet E-Work Busto Arsizio)- « Il merito di questa vittoria va alle ragazze perchè quando eravamo in difficoltà e perdavamo i nostri riferimenti hanno tirato fuori quello che secondo me fa la differenza: l’idea che nei momenti complicati ognuna debba iniziare a fare il proprio mestiere, invece che fermarsi a guardare gli altri, pensando che siano loro a risolvere le cose o che l’aiuto arrivi da qualcun’altro. Le ragazze si sono aiutate tanto, ne è venuta fuori una bella vittoria di squadra, difficile da analizzare da un punto di vista tecnico tattico, ma che mi lascia negli occhi un atteggiamento che mi è piaciuto tanto ».

IL TABELLINO-

ZANETTI BERGAMO – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 1-3 (25-21 22-25 23-25 18-25)

ZANETTI BERGAMO: Smarzek 16, Mirkovic 4, Melandri 7, Rodrigues De Almeida 3, Olivotto 11, Mitchem 19, Sirressi (L), Loda 6, Prandi, Imperiali, Van Ryk. Non entrate: Civitico. All. Abbondanza.

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Lowe 7, Gennari 18, Washington 3, Cumino 2, Herbots 8, Bonifacio 7, Simin (L), Bici 13, Villani 10, Berti 4, Orro. Non entrate: Negretti, Bertolucci, Leonardi. All. Lavarini.

ARBITRI: Venturi, Rapisarda.

NOTE – Spettatori: 1195, Durata set: 26′, 31′, 28′, 27′; Tot: 112′.

LARDINI FILOTTRANO – REALE MUTUA FENERA CHIERI-

La Lardini Filottrano, con una prestazione maiuscola centra al Pala Triccoli la prima vittoria della stagione surclassando una Reale Mutua Fenera Chieri ’76 incostante e poco incisiva. Vittoria meritatissima per le marchigiane, in una partita che si presta a più chiavi di lettura nella quale non sono mancate indicazioni positive da parte delle ragazze di Bregoli che però certamente non hanno saputo esprimere la loro miglior pallavolo.
In casa Reale Mutua Fenera Chieri ’76 il rammarico è duplice. In primo luogo per aver di fatto regalato i primi due set, giocati sotto ritmo e pieno di errori, molto meno combattuti di quanto potrebbero far pensare i punteggi finali (25-21, 25-22). Il secondo rammarico è per la conclusione di gara: dopo aver raddrizzato il match del terzo set, vinto 23-25 in rimonta da 18-12 e 20-16 (decisivi gli ingressi di Bosio, Mazzaro e Meijers per Poulter, Rolfzen e Grobelna), le chieresi se la sono giocata punto a punto per gran parte del quarto set, sfuggito 25-23 sotto i colpi a servizio di Nicoletti dopo essere state avanti 21-23.
Premio di MVP ad Angelina, autrice di 21 punti e seconda miglior realizzatrice della gara dietro Nicoletti (23). Top scorer biancoblù Perinelli con 18 punti.

IL TABELLINO-

LARDINI FILOTTRANO – REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-1 (25-21 25-22 23-25 25-23)

LARDINI FILOTTRANO: Papafotiou 2, Angelina 21, Mancini 1, Nicoletti 23, Partenio 18, Grant 10, Bisconti (L), Moretto, Bianchini. Non entrate: Chiariot, Sopranzetti, Pirro, Pogacar, Tapp. All. Schiavo.

REALE MUTUA FENERA CHIERI: Guerra 12, Akrari 11, Grobelna 6, Perinelli 18, Rolfzen 5, Poulter, De Bortoli (L), Mazzaro 6, Meijers 3, Bosio 1, Lanzini. Non entrate: Enright. All. Bregoli.

ARBITRI: Santi, Rolla.

NOTE – Spettatori: 1200, Durata set: 25′, 25′, 30′, 26′; Tot: 106′.

I RISULTATI-

Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta-Igor Gorgonzola Novara 1-3 (21-25, 25-20, 22-25, 21-25) Giocata il 12/11

Savino Del Bene Scandicci-Il Bisonte Firenze 3-0 (25-18, 25-17, 25-20) Giocata il 12/11

E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore-Saugella Monza 2-3 (26-28, 25-20, 22-25, 27-25, 10-15)

Zanetti Bergamo-Unet E-Work Busto Arsizio 1-3 (25-21, 22-25, 23-25, 18-25)

Lardini Filottrano-Reale Mutua Fenera Chieri 3-1 (25-21, 25-22, 23-25, 25-23)

Bartoccini Fortinfissi Perugia-Banca Valsabbina Millenium Brescia 3-0 (25-22, 25-22, 25-23) Giocata ieri

Bosca S.Bernardo Cuneo-Imoco Volley Conegliano 0-3 (23-25, 14-25, 20-25)

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 23; Igor Gorgonzola Novara 18; Unet E-Work Busto Arsizio 16; Il Bisonte Firenze 15; E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore 13; Savino Del Bene Scandicci 11; Banca Valsabbina Millenium Brescia 11; Reale Mutua Fenera Chieri 10; Saugella Monza 9; Zanetti Bergamo 7; Bosca S.Bernardo Cuneo 6; Lardini Filottrano 5; Bartoccini Fortinfissi Perugia 5; Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta 4

IL PROSSIMO TURNO- 24/11/2019 Ore 17.00-

Imoco Volley Conegliano – Savino Del Bene Scandicci

Igor Gorgonzola Novara – Saugella Monza

Unet E-Work Busto Arsizio – Bosca S.Bernardo Cuneo Si gioca il 23/11/2019 20.30

Il Bisonte Firenze – Zanetti Bergamo

Reale Mutua Fenera Chieri – E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore Si gioca il 20/11/2019 20.30

Banca Valsabbina Millenium Brescia – Lardini Filottrano

Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta – Bartoccini Fortinfissi Perugia

Tutte le notizie di Volley A1 femminile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti