Volley A1 femminile
0

A1 Femminile, Busto supera Casalmaggiore, Monza espugna Chieri

Giocate le partite della 10a giornata. La squadra di Lavarini consolida il secondo posto. Successi anche per Scandicci a Perugia, Bergamo a Caserta e Cuneo su Filottrano

A1 Femminile, Busto supera Casalmaggiore, Monza espugna Chieri
© Legavolley Femminile/Santi

ROMA- Lontane dall’Italia Imoco Conegliano, che ha vinto il Mondiale per Club in Cina, e Igor Gorgonzola Novara, impegnata nello stesso torneo, che avevano già anticipato il loro incontri della 10a giornata contro Brescia e Firenze, oggi sono andate in scena le altre cinque partite del turno. La sfida più attesa era quella che opponeva Unet E-Work Busto Arsizio alla E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore. La formazione di Lavarini si è imposta per 3-0 ribadendo il secondo posto in classifica alle spalle di Conegliano. La Saugella Monza è andata a vincere sul campo della Reale Mutua Chieri salendo al quarto posto. Torna al successo la Savino Del Bene Scandicci in casa del fanalino di coda Bartoccini Perugia. La Zanetti Bergamo del nuovo tecnico Fenoglio vince una vera e propria battaglia sul campo della Golden Tulip Caserta al quinto set. Tre punti pesanti in chiave salvezza quelli centrati dalla Bosca San Bernardo Cuneo sul proprio campo contro la Lardini Filottrano.

TUTTE LE SFIDE-

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE-

La Unet e-work Busto Arsizio vince lo scontro diretto con la èpiù Pomì Casalmaggiore e consolida il suo secondo posto in classifica salendo a quota 24 in classifica. 3-0 per le farfalle il risultato di una gara condotta con grande sicurezza dal team di Lavarini, soprattutto nei primi due set, vinti senza troppi problemi. Combattutissimo invece il terzo parziale in cui, comunque, Gennari e compagne riescono ad annullare 6 set ball e a chiudere 34-32, mandando in estasi i 2600 del Palayamamay.

Per la UYBA brillante prova corale, in cui spiccano i 19 punti di una straripante Herbots (48% offensivo) e i 17 di Karsta Lowe, 39% e sempre lucida nei momenti cruciali. Buonissima gara anche per la capitana Gennari (11 col 45%) e della centrale Washington, trascinante (10 col 46%). Per Casalmaggiore partita super per Caterina Bosetti, continua per tutta la durata dell’incontro  (17 punti col 41%), assistita a tratti dagli spunti di Carcaces (11) e Cuttino (9).

Nel primo set le farfalle partono bene con il muro difesa ed affondano gli attacchi con Lowe, Herbots e Gennari (4-1); Herbots firma anche l’ace del 6-2 e propizia, sempre col servizio, il 7-2 di Bonifacio (tempo Gaspari). Cuttino regala qualcosa di troppo e la UYBA ne approfitta (10-4), Washington mura e chiude lo splendido scambio che porta all’11-4 (ancora time-out Pomì). Lowe piazza di forza all’incrocio delle righe il 14-7, Bonifacio passa ancora due volte per vie centrali (15-8, 16-9); Bosetti e due muri ospiti fanno interrompere il gioco a Lavarini (17-13), l’attacco out di Washington porta al 17-14. Lowe trova l’importante cambiopalla del 18-14 e il mani out del 20-16, mentre l’ace di Cuttino dà nuova speranza alle ospiti (20-18). Bonifacio di fino aggiusta la palla del 22-19, Lowe non sbaglia il diagonale del 23-20, Orro mura il 24-20, ancora Lowe chiude 25-22.

A tabellino: Lowe 7, Bonifacio 5, Cuttino 4.

Nel secondo set Herbots riparte di slancio (4-1), ma Casalmaggiore c’è: Carcaces in pallonetto trova presto la doppietta del pareggio (4-4); da qui si procede a braccetto con buoni scambi fino al 7-7, poi la UYBA allunga grazie all’errore di Cuttino (9-7) e Gennari fa +3 con due bellissimi punti (11-8); la capitana va a segno anche da posto 2 per il 13-9 che induce Gaspari al time-out, poi Herbots mura il 14-9 ed attacca il 15-10. Washington firma l’ace del 16-10 (tempo Casalmaggiore), Lowe risponde a Cuttino per il 17-12, Herbots colpisce ancora dai 9 metri per il 19-13, Carcaces spara out il 20-13 (dentro Camera e Vukasovic). Nel finale Lowe mura il 22-15 della sicurezza, Washington allunga con la fast del 23-15, Gennari trova 7 set-ball (24-17), Bosetti regala il 25-17 conclusivo.

A tabellino: Herbots 8, Gennari 5, Carcaces 3, Washington 3.

Nel terzo parziale Gaspari si affida ora stabilmente a Scuka nel ruolo di opposto per Cuttino e questa l’avvio appare più equilibrato (3-3); Bosetti si esalta con il muro del 3-4 e per l’ace del 4-6, poi Gennari trova cambiopalla (5-6) e sbroglia una situazione intricata per il 7-8; Carcaces tiene alte le quotazioni ospiti con la stoccata dell’8-10, ma Lowe e Gennari ritrovano il pari sull’11. La capitana impatta anche sul 13, l’americana supera con l’attacco del 14-13 (tempo Gaspari). Herbots allunga in pipe (15-13 (dentro Camera e Cuttino per la Pomì), Washington conferma il +2 (17-15), Cuttino ha subito il braccio caldo e fa sperare le sue (doppietta del 17-17). Bosetti mura il 17-18 e Lavarini ferma il gioco, ma al riento in campo è ancora lei a colpire due volte fino al 17-20 (ancora tempo UYBA). Berti (appena entrata su Bonifacio) trova cambiopalla (18-20), Orro realizza il super ace del 19-20 e induce Gaspari al time-out; dopo il 19-21 di Bosetti rientrano Antonijevic e Scuka, mentre Herbots tiene incollata la UYBA (20-21); Lowe fa lo stesso (due volte per il 22-23), Washington trova il pari (23-23). Lowe annulla il set-ball conquistato da Stufi (24-24), Bosetti non ci sta (24-25), Washington annulla a muro (25-25). Bosetti passa ancora (25-26), Herbots dice no (26-26), la Pomì regala il 27-26, ma Orro serve in rete (27-27). Herbots sfonda per il 28-27, la solita Bosetti annulla (28-28), Carcaces fa 28-29, Lowe impatta ancora (29-29). Bosetti è infermabile (29-30), Gennari risponde con vigore (30-30); Washington supera di nuovo (31-30), Carcaces annulla e controsorpassa (31-32), Washington c’è (32-32); Herbots si scatena (33-32), Lowe chiude 34-32.

I PROTAGONISTI-

Sara Bonifacio (Unet E-Work Busto Arsizio)- « Un’ottima partita, siamo riuscite a tenere alto il nostro ritmo, soprattutto nei primi due set. Nel terzo potevamo fare meglio all’inizio, ma è stato importante riuscire a mantenere la freddezza nei momenti decisivi. Questo secondo posto ci gasa molto, vogliamo mantenerlo e provare a fare qualcosa di buono anche in Coppa Italia. Conegliano inarrivabile? Vi rispondo dopo il 26 dicembre ».

IL TABELLINO-

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE 3-0 (25-22 25-17 34-32)

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 11, Washington 10, Orro 2, Herbots 19, Bonifacio 6, Lowe 17, Leonardi (L), Berti 1, Simin, Bici. Non entrate: Villani, Cumino. All. Lavarini.

E’PIU’ POMI’ CASALMAGGIORE: Bosetti 17, Popovic 8, Cuttino 9, Carcaces 11, Stufi 8, Antonijevic 1, Spirito (L), Vukasovic 1, Scuka, Camera, Fiesoli. Non entrate: Veglia, Maggipinto. All. Gaspari.

ARBITRI: Goitre, Tanasi.

NOTE – Spettatori: 2659, Durata set: 28′, 27′, 40′; Tot: 95′.

REALE MUTUA FENERA CHIERI – SAUGELLA MONZA-

Prosegue con successo la serie vincente della Saugella Monza di Massimo Dagioni, che batte la Reale Mutua Fenera al Pala Fenera di Chieri per 3-0 e piazza il quinto sorriso consecutivo nella Serie A1 femminile 2019-2020. Decima giornata di andata della stagione regolare estremamente positiva per la prima squadra femminile del Consorzio Vero Volley, capace di sfornare un'altra prestazione corale di grande qualità espugnando l'ostico campo chierese. Sono le inarrestabili partenze delle lombarde nei prologhi di set, ancora senza Skorupa scesa comunque in panchina con la sua squadra, a stordire le padrone di casa, sempre pronte però a farsi sentire con gli ingressi convincenti, dal secondo set in poi, di Bosio e Guerra, in aggiunta alla buona performance di Grobelna e Perinelli. Le piemontesi lottano con generosità, fino a giocarsi punto a punto il secondo parziale dopo essere state sotto, ma impattano contro una Saugella in giornata di grazia. Se nel primo parziale sono le fiammate offensive di Orthmann e Meijners e l'ottimo turno al servizio di Squarcini a garantire la conquista del parziale alle monzesi, nel secondo si aggiungono anche quelle di Ortolani (MVP della gara con 18 punti e 5 muri) Heyrman e Danesi, illuminate con precisione da una ispirata Di Iulio. Monza parte forte anche nel terzo gioco, sfruttando anche la solida ricezione di Mariana e le tempestive difese di Parrocchiale per costruire il vantaggio e custodirlo fino alla fine del match. Terzo successo esterno dell'annata sportiva per la Saugella Monza, ora attesa dal big-match casalingo della prossima settimana contro Busto Arsizio che mette in palio altri tre punti pesanti in chiave volata Coppa Italia.

Subito break Saugella Monza con Meijners e Danesi (muro su Poulter), 2-0. Meijners ancora a segno per le monzesi, poi muro di Ortolani su Grobelna e Bregoli chiama time-out sul 5-2 Monza. Akrari spezza il momento sì delle monzesi, Perinelli la imita bene e Chieri torna in scia, 6-3. Grobelna risponde a Meijners, che però continua a martellare con costanza, 8-4. Quattro punti consecutivi, con una Perinelli sugli scudi, consentono l'aggancio a Chieri, ma le monzesi rimettono la testa avanti con Orthmann, 11-9. Primo tempo ed ace di Danesi e Monza allunga 14-11. Heyrman va a segno con la fast (16-13), Perinelli risponde per le piemontesi, ma ancora Ortolani e Orthmann a schiacciare bene per la Saugella: 18-14 e Bregoli chiama a raccolta le sue. Dopo l'invasione monzese e grazie ad Enright, Chieri accorcia a meno due (19-17) e tiene il passo della Saugella fino al meno uno (muro di Akrari su Meijners) e Dagioni chiama la pausa sul 20-19 per le sue. Finale di grande intensità: punto a punto fino al 21-21, poi la Saugella diventa inarrestabile, con Meijners, Ortolani e Squarcini (grande turno al servizio per lei, anche un ace) fino ad aggiudicarsi il primo parziale, 25-21.  
Nel secondo set Danesi, Ortolani e Meijners firmano subito un filotto per la Saugella Monza (4-0) e Bregoli chiama time-out. Alla ripresa del gioco Ortolani mura Grobelna e Meijners piazza la pipe: 6-0 Monza. Bregoli inserisce Bosio e Guerra per Poulter e Enright, poi Grobelna ad interrompere la serie positiva delle lombarde (6-1). Ortolani e Meijners passano con costanza (10-4) ma Chieri non demorde e tenta la risalita con Grobelna e Bosio (12-6): E' proprio Bosio con due ace di fila, nel migliore momento delle lombarde, a costringere Dagioni a chiamare la pausa sul 14-10 per le sue. La Saugella però torna a martellare con grande determinazione sia in attacco che al servizio (ace di Squarcini) e allunga 17-12, con Bregoli che ferma il gioco per parlare con le sue. Akrari dal centro, errore di Orthmann ed ace di Guerra ad avvicinare la Reale Mutua Fenera, 18-15, ma Monza accelera con la pipe di Orthmann e la fast di Heyrman, 20-16. Grobelna ed il muro di Bosio su Ortolani fanno sperare le chieresi, brave a sfruttare l'errore di Orthmann per portarsi a meno uno, 21-20. Bosio mura anche Mariana, appena entrata per Orthmann, e Dagioni chiama la pausa sul 21-21. Guerra a segno, errore di Meijners e Chieri va sul più due, 23-21. Guerra spara out, Mariana e Meijners fanno il contrario e la Saugella mette nuovamente la testa avanti, 24-23. Punto a punto fino al 24-24, poi Mariana e Danesi (muro su Guerra) regalano il gioco a Monza, 26-24.

Alla ripresa del gioco Ortolani, due fast di Heyrman ed il pallonetto di Meijners portano subito la Saugella avanti, 5-1 e Bregoli chiama time-out. Fast di Heyrman, pipe di Meijners e Monza che scappa sull'8-2. Perinelli e Meijers a guidare la rimonta chierese ma ancora Heyrman a stoppare la fiducia delle padrone di casa (9-4). Danesi alza l'intensità sia in attacco che a muro, con la Reale Mutua Fenera che risponde con Guerra e Akrari (12-7). La Saugella gestisce il vantaggio con Ortolani ma Chieri non vuole mollare, reagendo con Guerra e Akrari (15-12). Mariana ed un errore delle piemontesi spianano la strada alla formazione monzese (17-13), ma Chieri rimane in gara con il mani e fuori di Grobelna ed il primo tempo di Akrari, 17-14. Errore di Guerra, attacco vincente di Ortolani e Bregoli ferma il gioco sul 19-14 Saugella Monza. Quando Perinelli firma il nuovo meno tre per Chieri, però, Dagioni ferma il gioco sul 20-17 per le sue che, al ritorno in campo, scappano sul 22-18 complice il muro di Ortolani su Perinelli e la battuta sbagliata di Enright. Rolfzen sbaglia in battuta, Bonvicini fa lo stesso ma Guerra gioca bene sulle mani del muro monzese (23-21). Danesi a segno per la Saugella, Guerra per Chieri, poi errore di Meijners: meno uno piemontese, 24-23 e time-out Dagioni. Al rientro in campo muro di Danesi su Perinelli: la Saugella Monza vince 25-23 il gioco e 3-0 il match.

I PROTAGONISTI-

Giulio Cesare Bregoli (Allenatore Reale Mutua Chieri)- «Sulla fase break non abbiamo lavorato malissimo. Ci manca ancora qualcosa nel cambio palla, abbiamo ancora qualche passaggio a vuoto, e facciamo fatica a mantenere la stessa intensità di battuta per tutto il tempo. Per giocare contro squadre di questo livello dobbiamo crescere in questi fondamentali, soprattutto nei momenti importanti facciamo un po’ troppi errori, qualche insicurezza, qualche incomprensione. Rispetto a Casalmaggiore è stata una prestazione nettamente migliore ma c’è ancora molto da fare. Dobbiamo iniziare a essere più determinati in certi momenti».

Isabella Di Iulio (Saugella Monza)- « E' stata una vittoria importantissima per noi. Torniamo a casa con tre punti importanti arrivati grazie a delle ottime partenze negli inizi di set: cosa che solitamente non ci ha contraddistinto in questo avvio di stagione. Quando siamo state avanti ci è poi capitato di subire il loro ritorno, complice anche un'ottimo approccio da parte di Chieri, ma siamo state sempre brave a stopparlo e a chiudere i parziali a nostro favore. Questo è un campo molto difficile, lo sapevamo. Siamo state molto brave quindi a fare nostra questa gara in tre set senza lasciargli spazio di rientro. Queste cinque vittorie di fila? Siamo felici, perchè non abbiamo mai smesso di pensare in grande. Ora subentra la Coppa Cev che ci porterà al doppio impegno e alla doppia fatica: noi però ci siamo. A Monza ho trovato un ambiente di alto livello, un'azienda vera e propria. C'è una realtà professionale che punta a fare grandi cose ».

IL TABELLINO-

REALE MUTUA FENERA CHIERI – SAUGELLA MONZA 0-3 (21-25 24-26 23-25)

REALE MUTUA FENERA CHIERI: Rolfzen 6, Poulter, Enright 6, Akrari 8, Grobelna 8, Perinelli 8, De Bortoli (L), Guerra 12, Bosio 6, Meijers 1, Lanzini (L). Non entrate: Laak, Mazzaro, Guarena. All. Bregoli.

SAUGELLA MONZA: Di Iulio, Orthmann 6, Danesi 11, Ortolani 18, Meijners 13, Heyrman 11, Parrocchiale (L), Squarcini 2, Mariana 2, Bonvicini. Non entrate: Obossa, Skorupa. All. Dagioni.

ARBITRI: Frapiccini, Curto.

NOTE – Spettatori: 891, Durata set: 27′, 30′, 32′; Tot: 89′.

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – SAVINO DEL BENE SCANDICCI-

Il decimo turno di campionato vede la Savino Del Bene Scandicci ospite della Bartoccini Fortinfissi Perugia. Nel capoluogo umbro la Savino Del Bene, settima forza della A1, se la deve vedere con l’ultima in classifica, Perugia infatti alla vigilia della sfida si presenta con appena 5 punti raccolti in campionato.

Per la partita del Pala Barton coach Mencarelli punta sull’ormai classico 6+1: la neo capitana Malinov al palleggio, Stysiak da opposto, Stevanovic e Kakolewska come cantrali, Bricio e Pietrini in banda e Merlo da libero.

La formazione di casa risponde con Demichelis al palleggio, Montibeller da opposto, Casillo e Strunjak da centrali, Bidias e Angeloni in banda. Cecchetto il libero.

L’avvio di gara sembra promettere equilibrio. Le due formazione sono quattro volte in parità fino al 4-4 da cui prende il via la fuga scandiccese. Il 5-9 è una perla di Bricio che chiude un bello scambio, subito dopo arriva un bel muro di Stysiak per il 5-10. Un fallo di Malinov riporta Perugia sul -4 (10-14), ma per la Bartoccini Fortinfissi non è possibile tenere il passo di Scandicci. Uno scambio lungo e contraddistinto da belle difese è chiuso da Stysiak per l’11-17. Kakolewska lavora bene a muro e in attacco e con due punti consecutivi (14-21) costringe Bovari al time out. Il “tempo” non aggiusta le cose per le umbre, tanto che al rientro in campo arriva l’ace di Bricio (14-22). Il set si chiude sul 14-25 con Stysiak protagonista di due punti in fila.

Nel secondo set Mencarelli non modifica la sua “macchina perfetta”, mentre Bovari, dopo aver provato nel primo set la carta Raskie per Demichelis, manda in campo Lazic per Angeloni. La formazione umbra gira meglio, Montibeller martella e, anche a causa di alcuni errori al servizio della Savino Del Bene, Perugia si porta avanti sul 6-4. Nel giro di pochi scambi la gara torna in equilibrio (6-6) e inizia una sfida punto a punto. Sul 13-12 Mencarelli prova a spezzare l’andamento della seconda frazione e chiama un time out, ma al rientro in campo Montibeller è ancora ispirata ed un ace di Bidias spinge il punteggio sul +3 per la squadra di Bovari (17-14). Sul 19-15 Mencarelli sostituisce Stysiak con Sloetjes e l’olandese sembra subito mandare a terra il primo punto della sua partita, ma un videocheck contestato toglie il punto alla orange. Perugia non frena e Mencarelli per fermare la corsa umbra si affida a Lubian e Milenkovic, in campo per Stevanovic e Pietrini, il set è però della Bartoccini Fortinfissi, che approfitta delle sbavature di Scandicci e si aggiudica la frazione per 25-20.

La Savino Del Bene vuole subito rialzarsi nel terzo set, ma Perugia vola sulle ali dell’entusiasmo e soprattutto su quelle di Montibeller e Bidias. Sul 7-7 Mencarelli inserisce Carraro al palleggio e sul 9-9 Scandicci piazza un break importante che la riporta in vantaggio sul 9-13 firmato a muro proprio dalla palleggiatrice in maglia numero 1. La Savino Del Bene non trova continuità e viene raggiunta sul 14-14 e rispedita sul -2 (17-15), Mencarelli deve così nuovamente ricorrere ad un time out e alle forze di Lubian e Milenkovic nuovamente spedite in campo. Sul 20-19 è Bovari a chiamare un time out per Perugia e al ritorno in campo è nuovamente sfida punto a punto. Sloetjes segna, Lazic risponde, Milenkovic invece mette a segno l’ace che vale il 22-22. Perugia torna avanti sul 23-22 per effetto di un errore di misura di Bricio, ma Perugia dopo un lungo scambio commette il fallo che riporta il punteggio in parità sul 23-23. Il set si decide ai vantaggi con Perugia che con due falli consecutivi fa harakiri e consente alla Savino Del Bene di aggiudicarsi il secondo set della sua gara (25-27).

Nel quarto set Perugia va subito avanti 3-1, ma la Savino Del Bene pareggia il conto con Bricio sul 4-4. Il sorpasso scandiccese arriva sul 5-6 firmato da Lubian. Malinov, rientrata in campo nel finale di terzo set, e Stysiak segnano per il 6-8, mentre è la solita Bricio a fare 6-9. Gli errori di Perugia spingono sul +5 Scandicci e coach Bovari decide dunque di chiamare il time out. Lo stesso tecnico di Perugia ferma la gara anche dopo l’ace con cui Malinov segna il 6-13. La Savino Del Bene è in controllo del set e LubianTre punti si fa vedere in attacco con due punti consecutivi (7-16). Nonostante la resistenza di una Montibeller sempre pericolosa la Savino Del Bene fugge via e si aggiudica il set, chiudendo la gara a proprio vantaggio con il muro di Stysiak che firma il decisivo 13-25.

Torna alla vittoria la Savino Del Bene che in un’ora e quarantacinque minuti supera 1-3 la Bartoccini Fortinfissi Perugia e conquista la sua sesta vittoria in campionato, la seconda da tre punti. Con Merlo eletta MVP al termine dell’incontro e Lubian protagonista di una grande gara, la Savino Del Bene può sorridere anche per una classifica che la vede salire a quota 16 punti in campionato.

I PROTAGONISTI-

Marco Mencarelli (Allenatore Savino Del Bene Scandicci)- « Ho dovuto, mio malgrado, tirare le orecchie alla squadra. Vinto il primo set siamo state distratte all’inizio del secondo, commettendo troppi errori e dando entusiasmo alla squadra avversaria. Abbiamo suscitato una reazione che era ampiamente preventivabile e forse Perugia avrebbe meritato di raccogliere anche qualcosa da questa reazione. Una volta vinto un set noi non possiamo poi non costruirci sopra qualcosa e su questo ho fatto una piccola tirata di orecchie. Per il futuro bisogna fare tesoro di una gara così: una vittoria da tre punti, in trasferta, dopo un secondo set giocato così e così e dopo un terzo set in cui non abbiamo mai mollato la determinazione, riuscendo poi nel quarto set, anche favoriti da qualche errore di Perugia, a riprendere il gioco in mano. La vittoria da due punti non ci soddisfaceva più, dunque dobbiamo prendere tutto il buono di questa vittoria da tre punti ».

IL TABELLINO-

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 1-3 (14-25 25-20 25-27 13-25)

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Angeloni 2, Casillo 4, Montibeller 21, Bidias 13, Strunjak 1, Demichelis, Cecchetto (L), Lazic 7, Menghi 2, Raskie, Taborelli. Non entrate: Pascucci, Mio Bertolo, Bruno. All. Bovari.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Bricio 16, Kakolewska 8, Stysiak 10, Pietrini 11, Stevanovic 7, Malinov 3, Merlo (L), Lubian 11, Sloetjes 1, Milenkovic 1, Carraro 1. Non entrate: Molinaro, Ferreira Da Silva, Cardullo. All. Mencarelli.

ARBITRI: Gnani, Papadopol.

NOTE – Spettatori: 780, Durata set: 22′, 28′, 35′, 19′; Tot: 104′.

GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA – ZANETTI BERGAMO-

Una maratona, un ribaltone e l’urlo finale: la Zanetti avanti due set a zero, Caserta che recupera e porta la gara al tie break, e poi un punto a punto sbloccato da Smarzek (29 punti a fine match) e Loda che portano la vittoria a Bergamo. La decima di Campionato finisce così per la Zanetti, dopo due ore e mezza di gioco e con due punti da mettere in valigia.

Fenoglio conferma il sestetto che ha battuto Cuneo una settimana fa: Mirkovic al palleggio opposta a Smarzek, Loda e Mitchem in banda, Melandri e Olivotto al centro, Sirressi è il libero. Cuccarini e Caserta rispondono con l’alzatrice Bechis, le centrali Garzaro e Alhassan, l’opposto Castaneda e le schiacciatrici Gray e Cruz. Il libero è la bergamasca Ghilardi.

La ricezione è perfetta al 50% e Mirkovic manda a segno tutte: partono forte le centrali Olivotto e Melandri, in corsa si fa sentire Loda, Smarzek e Mitchem vanno a chiudere il set.

Bergamo riparte sull’uno a zero, ma Caserta non si fa intimorire e va a condurre. La Zanetti torna in parità sul 12-12 risalendo da 8-12, il muro (6) e la difesa rossoblù fanno la differenza insieme a Mitchem ed è 13-17 per Bergamo, che resiste al tentativo di rimonta della Volalto e si porta sul due a zero.

Fenoglio chiede alle sue di chiudere il match, la Zanetti si spinge sul 14-10, ma Caserta risale ed è 15-15. Loda e Mitchem rimettono le distanze, Cruz tiene in gioco le padrone di casa. Il muro di Loda per il 23-21 bergamasco sembra determinante, ma Gray prima pareggia e poi sorpassa con il primo set point. Caserta sciupa la prima occasione, ma ancora Gray conquista un nuovo setball, annullato da Smarzek, Castaneda fa 26 e di nuovo Smarzek pareggia. E’ il turno di Cruz, ma un errore e Smarzek ribaltano la situazione. L’opposto polacco è l’autentica protagonista di un finale infuocato, Cruz e Gray le rispondono portano ad una fase infinita che si chiude solo al 35-33 proprio di Cruz. E Caserta porta la Zanetti al quarto set. Che si tiene avanti, Caserta la raggiunge sul 14-14 e sorpassa. Mitchem interrompe il buon momento della Volalto. Sul 17-16 per le campane, Samara prende il posto di Loda, la Zanetti si tiene agganciata e con Mitchem fa 20-20. Caserta fa +2 con Gray, Melandri pareggia (23-23), le risponde di nuovo Gray e Smarzek annulla la prima palla set di Caserta. Ma Cruz chiude 26-24 e porta il match al tie break.

Torna in campo Loda, Caserta sfrutta l’entusiasmo della rimonta e va 4-1. Bergamo pareggia, Smarzek sorpassa (5-6) ed è punto a punto (7-8 al cambio di campo) fino al break di Smarzek per il +2 del 11-13. Cruz non passa ed è 14 per la Zanetti e Loda chiude: 11-15 e vittoria.

IL TABELLINO-

GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA – ZANETTI BERGAMO 2-3 (17-25 22-25 35-33 26-24 11-15)

GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA: Cruz 25, Alhassan 11, Bechis 2, Gray 21, Garzaro 9, Castaneda Simon 13, Ghilardi (L), Ameri. Non entrate: Dalia, Holzer, Poll. All. Cuccarini.

ZANETTI BERGAMO: Smarzek 30, Loda 16, Melandri 7, Mirkovic 6, Mitchem 23, Olivotto 13, Sirressi (L), Prandi, Rodrigues De Almeida. Non entrate: Van Ryk, Civitico, Imperiali. All. Fenoglio.

ARBITRI: Feriozzi, Vagni.

NOTE – Spettatori: 300, Durata set: 26′, 25′, 44′, 29′, 15′; Tot: 139′.

BOSCA S.BERNARDO CUNEO – LARDINI FILOTTRANO-

La Bosca S.Bernardo Cuneo torna al Pala UBI Banca dopo quasi un mese e davanti a 1912 spettatori conquista quel successo che mancava dallo scorso 27 ottobre. Per avere la meglio sulla Lardini Filottrano sono servite oltre due ore di gioco e una prova monstre di Van Hecke, autrice di 30 punti. Per le biancorosse importanti segnali di crescita, soprattutto in attacco e dal punto di vista dell’atteggiamento, ma anche la consapevolezza che c’è ancora tanto da lavorare.

Le ‘gatte’ biancorosse scendono in campo con Cambi al palleggio, Van Hecke opposto, Candi e Zambelli centrali, Markovic e Ungureanu in banda, Zannoni libero. Dall’altra parte della rete coach Schiavo sceglie Papafotiou in diagonale con Nicoletti, Grant e Moretto al centro della rete, Angelina e Partenio schiacciatrici, Bisconti a difendere la seconda linea. Sotto la direzione dei signori Boris e Braico e con il servizio campo a cura delle pallavoliste dell’Under 14 e dell’Under 13 della Granda Volley Academy parte bene la Bosca S.Bernardo Cuneo che sfruttando il turno al servizio di Candi vola sul 3-0 grazie a Van Hecke e Ungureanu. Ancora Ungureanu e Markovic firmano il 5-1 e coach Schiavo è costretto a spendere il primo time out del set, ma le biancorosse allungano ulteriormente grazie all’ace di Van Hecke. Cambi si prende la licenza di attaccare e firma il punto del 7-2. Due punti consecutivi di Van Hecke portano le biancorosse sul 10-5, poi arriva il muro di Moretto su Markovic. Nicoletti chiude un’azione combattuta siglando il punto dell’11-8, poi un’incomprensione nel campo di Cuneo regala il punto alle marchigiane. Filottrano accorcia ancora grazie a Angelina e coach Pistola ferma il gioco sull’11-10. È Grant a siglare il punto della parità, ma la Bosca S.Bernardo Cuneo torna immediatamente a condurre grazie a un attacco di Van Hecke e a un monster block di Zambelli: 13-11. Zambelli e Van Hecke trascinano Cuneo sul 15-12. Filottrano si porta sul 17-16 grazie a due errori in attacco di Cuneo, poi il muro di Partenio vale il 17-17 e coach Pistola chiede il secondo time out del parziale. Nicoletti firma due punti consecutivi e porta in vantaggio Filottrano per la prima volta nel match (18-20). Allungano ancora le ospiti con la fast di Grant (19-22), ma Cuneo reagisce sfruttando un errore al servizio di Filottrano e un punto di Ungureanu: è time out per le marchigiane. Il muro di Grant su Van  Hecke vale il set ball per Filottrano, ma la stessa Van Hecke dice no: 23-24. Il punto di Nicoletti consegna a Filottrano il primo set: 0-1 (23-25). Non bastano alle padrone di casa gli 11 punti di Van Hecke; Grant e Nicoletti (5) sono le top scorer di Filottrano.

L’inizio del secondo parziale è all’insegna dell’equilibrio (5-5), poi il mani out di Markovic e i muri di Candi e Van Hecke segnano il primo break: 8-5. Dentro Bianchini per Angelina; Candi mette nuovamente palla a terra e coach Schiavo spende il primo time out del set sul 9-5 per la Bosca S.Bernardo Cuneo. Filottrano accorcia con un muro di Papafotiou e un attacco di Nicoletti: 11-9. Dentro Agrifoglio per Cambi. Unugureanu difende e trova il mani out: 13-9. Sul 14-9 firmato da Markovic è time out per Filottrano. L’ace di Bianchini porta le ospiti sul 14-12 e coach Pistola ferma il gioco per tentare di arginare la rimonta di Filottrano. Bianchini fa ancora male dalla linea dei nove metri e la formazione di coach Schiavo impatta: 14-14. Ungureanu di potenza mette a segno il punto del 16-15, poi ci pensano Markovic e un attacco out di Partenio a portare le biancorosse sul 18-15. È la stessa capitana delle ospiti a siglare il punto del 18-17, poi è Nicoletti a mettere la firma sulla parità. Nuovamente in campo Cambi per Agrifoglio, quindi dentro Nizetich per Zambelli al servizio sul 19-19. L’attacco out di Filottrano vale il 22-20 per le padrone di casa. Sul 22-21 dentro Mancini, un’ex, al servizio. I punti di Van Hecke e Candi significano set ball, ma il muro di Papafotiou sigla il 24-22. È out la difesa di Filottrano sull’attacco di Van Hecke: la Bosca S.Bernardo Cuneo si porta sull’1-1 (25-22).

Nel terzo set punto a punto fino al 3-3, poi Filottrano accelera: 4-6 e time out per la Bosca S.Bernardo Cuneo. Le ospiti mantengono il margine di due lunghezze di vantaggio (6-8 prima e 9-11 poi), poi l’errore in attacco di Ungureanu e un tocco di Grant a rete permettono a Filottrano di volare sul 9-13. Nicoletti firma il punto dell’11-14, poi sbaglia il servizio. Dentro Nizetich per Zambelli in battuta, ma Partenio non perdona in attacco: 12-15. Un pallonetto di Van Hecke, un fallo di Filottrano e ancora un attacco dell’opposto belga della Bosca S.Bernardo Cuneo permettono alle biancorosse di impattare (15-15). Zannoni difende, Markovic chiude: è sorpasso Cuneo. Partenio d’esperienza per il 17-17. Sul 17-18 per Filottrano dentro Rigdon per Ungureanu. Una palla piazzata di Van Hecke e un attacco out delle marchigiane valgono il 20-18 per le ‘gatte’: coach Schiavo ferma il gioco. Il fallo in palleggio di Zambelli e l’ace di Bianchini siglano la nuova parità (20-20). Un punto della neoentrata Rigdon e un errore in attacco di capitan Partenio portano le biancorosse sul 22-20. Il pallonetto di Markovic chiude un’azione con grandi difese cuneesi: 23-20. Un muro di Partenio su Van Hecke e un errore in attacco della stessa opposta cuneese decretano il 23-22. Il Pala UBI Banca si fa sentire e Van Hecke si fa subito perdonare mettendo a segno il punto che vale il set ball, poi l’attacco di Nicoletti tiene aperte le sorti del parziale. Le marchigiane pareggiano i conti, ma l’attacco di Van Hecke e il monster block di Markovic siglano il 26-24 per le biancorosse. Cuneo si porta sul 2-1. Per la prima volta nel match la Bosca S.Bernardo Cuneo vince il confronto a muro (3-2).

Il quarto parziale si apre con Rigdon in campo. Punto a punto fino al 3-3, quando un bel diagonale di Rigdon e un attacco di Van Hecke valgono l’allungo della Bosca S.Bernardo Cuneo: 5-3 e time out richiesto da coach Schiavo. Zannoni difende, Van Hecke non sbaglia in attacco: 6-3. Capitan Partenio tiene a galla le sue e firma il punto del 6-5. Una Van Hecke incontenibile mette a segno il punto del 9-7. È out l’attacco di Bianchini: 11-8 a favore della Bosca S.Bernardo Cuneo. Il muro di Nicoletti su Rigdon vale il 12-10, poi ci pensa ancora Van Hecke a tenere le ospiti a distanza di sicurezza. Markovic per il 15-12; dentro Nizetich per Zambelli al servizio. L’attacco di Markovic e l’errore in attacco delle ospiti portano le padrone di casa sul 18-14 e costringono coach Schiavo a spendere il secondo time out del set, ma Rigdon e Markovic permettono alle biancorosse di volare sul 20-15. Rigdon e Van Hecke continuano a macinare punti, Filottrano non riesce più a reagire (23-15). Ci pensa Cambi a mettere giù il punto del 25-17 regalando alla Bosca S.Bernardo Cuneo un successo che mancava dallo scorso 27 ottobre.

I PROTAGONISTI-

Andrea Pistola (Allenatore Bosca S.Bernardo Cuneo)- «Serviva solamente una vittoria per risollevare il morale e ritrovare un po’ di certezze. Stasera l’unica cosa che contava era vincere. È stata una partita molto sofferta perché in alcuni momenti si è vista la nostra apprensione dovuta alle sconfitte precedenti. Filottrano ha difeso molto bene per tre set e ci ha complicato la vita, ma siamo riusciti a trovare le soluzioni giuste per avere la meglio e portare a casa questi tre punti fondamentali. Segnali positivi dall’attacco con percentuali d’attacco buone e dalla difesa; in certi momenti non abbiamo servito con la giusta aggressività, ma confido che nelle prossime partite anche questo aspetto migliori».

Filippo Schiavo (Allenatore Lardini Filottrano)- « Non abbiamo offerto una delle nostre migliori prestazioni; abbiamo fatto fatica soprattutto in attacco, merito del muro difesa di Cuneo e demerito nostro per alcune scelte di gestione e dei colpi d’attacco. Abbiamo fatto bene a muro tranne che su Van Hecke; bisognava portare pazienza con lei e lavorare bene sulle altre. Il crocevia è stata la parte centrale del terzo set, quando avevamo girato l’inerzia della gara; lì ci siamo disuniti e Cuneo è riuscita a rientrare ».

IL TABELLINO-

BOSCA S.BERNARDO CUNEO – LARDINI FILOTTRANO 3-1 (23-25 25-22 26-24 25-17)

BOSCA S.BERNARDO CUNEO: Markovic 13, Candi 5, Van Hecke 30, Ungureanu 9, Zambelli 9, Cambi 2, Zannoni (L), Rigdon 5, Nizetich, Agrifoglio. Non entrate: Frigo, Baldi. All. Pistola.

LARDINI FILOTTRANO: Nicoletti 18, Partenio 12, Grant 12, Papafotiou 2, Angelina 6, Moretto 9, Bisconti (L), Bianchini 5, Mancini. Non entrate: Sopranzetti, Pirro, Pogacar, Chiariot. All. Schiavo.

ARBITRI: Boris, Braico.

NOTE – Spettatori: 1912, Durata set: 29′, 30′, 31′, 25′; Tot: 115′.

I RISULTATI-

Unet E-Work Busto Arsizio-E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore 3-0 (25-22, 25-17, 34-32)

Il Bisonte Firenze-Igor Gorgonzola Novara 2-3 (27-25, 25-23, 16-25, 18-25, 11-15) Giocata il 23/10

Reale Mutua Fenera Chieri-Saugella Monza 0-3 (21-25, 24-26, 23-25)

Banca Valsabbina Millenium Brescia-Imoco Volley Conegliano 0-3 (17-25, 15-25, 14-25) Giocata il 16/10

Bartoccini Fortinfissi Perugia-Savino Del Bene Scandicci 1-3 (14-25, 25-20, 25-27, 13-25)

Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta-Zanetti Bergamo 2-3 (17-25, 22-25, 35-33, 26-24, 11-15)

Bosca S.Bernardo Cuneo-Lardini Filottrano 3-1 (23-25, 25-22, 26-24, 25-17)

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 26; Unet E-Work Busto Arsizio 24; E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore 19; Saugella Monza 18; Il Bisonte Firenze 18; Igor Gorgonzola Novara 17; Savino Del Bene Scandicci 16; Zanetti Bergamo 12; Banca Valsabbina Millenium Brescia 11; Lardini Filottrano 11; Reale Mutua Fenera Chieri 10; Bosca S.Bernardo Cuneo 9; Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta 8; Bartoccini Fortinfissi Perugia 5.

IL PROSSIMO TURNO- 15-12-2019 Ore 17.00-

Imoco Volley Conegliano – Reale Mutua Fenera Chieri

Igor Gorgonzola Novara – Bartoccini Fortinfissi Perugia

Savino Del Bene Scandicci – Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta

Saugella Monza – Unet E-Work Busto Arsizio

E’piu’ Pomi’ Casalmaggiore – Bosca S.Bernardo Cuneo Si gioca il 14/12/2019 Ore 20.30

Zanetti Bergamo – Banca Valsabbina Millenium Brescia Si gioca il 14/12/2019 Ore 20.30

Tutte le notizie di Volley A1 femminile

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti