A1 Femminile, Conegliano suona la quinta, Scandicci tiene il passo

Nelle gare della sesta giornata resta a punteggio pieno la squadra di Santarelli che vince a Perugia. Risponde la formazione toscana che passa a Busto Arsizio. Successo esterno di Chieri al PalaRadi contro Casalmaggiore. Vince al tie break Firenze contro Trento
© Legavolley Femminile/Rubin

ROMA- Stasera sono nadate in scena quattro sfide della sesta giornata del campionato di A1 Femminile. Continua la marcia vincente dell'Imcono Conegliano che in casa della Bartoccini Perugia incassa la quinta vittoria in cinque partite. Tiene il passo la Savino Del Bene Scandicci che va a vincere sul campo di un'incompleta Unet E-Work Busto Arzizio. Vince in trasferta la Reale Mutura Fenera Chieri sul campo della Vbc E’piu’ Casalmaggiore. Cade a Firenze sul campo de Il Bisonte ma soltanto al quinto set la Delta Despar Trentino.

TUTTE LE SFIDE-

VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE – REALE MUTUA FENERA CHIERI-

Vince ancora la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 e lo fa imponendosi 0-3 al Pala Radi di Cremona, contro quella Vbc Èpiù Casalmaggiore con cui nelle tre precedenti sfide in A1 non aveva mai fatto un punto. Dunque, dopo l’impresa di quattro giorni prima contro la Saugella Monza, un’altra tradizione sfavorevole sfatata dalle biancoblù, al secondo successo esterno stagionale per 0-3 e fin qui sempre capaci di muovere la classifica in trasferta.
Le ragazze di Bregoli si impongono con parziali 17-25, 24-26 e 19-25, specchio fedele di un match quasi sempre condotto, giocato in modo lucido, attento, ordinato e coraggioso. Certamente un vantaggio è arrivato dalle condizioni fisiche non ottimali delle avversarie, ma guardando in casa propria è giusto riconoscere i meriti delle chieresi, autrici di un’altra positiva prova di squadra: lo testimonia il premio di MVP assegnato a Bosio, bravissima nel tenere sempre in temperature le attaccanti mandandone pure quattro in doppia cifra.

Confermato lo starting six di mercoledì, Chieri è partita molto bene (1-4 su servizio di Bosio). Recuperate da Casalmaggiore a 8-8, le biancoblù hanno subito ripreso un margine di qualche punto (8-12, muro di Zambelli) che hanno mantenuto fino al 14-16, incrementando in distancco nelle fasi conclusive fino al 17-25 di Villani.
Il secondo set è stato il più equilibrato, con le due squadre sempre a contatto e ripetuti sorpassi e controsorpassi. Sul 23-23 Chieri ha guadagnato la prima palla set con Perinelli, annullata nell’azione successiva di Montibeller. Quindi Grobelna con un mani out e ancora Perinelli (stellare il suo set: 9 punti con l’82% in attacco) hanno siglato il 24-26.
Persa Melandri per un problema al ginocchio nel finale del set precedente, nella terza frazione Casalmaggiore ha opposto resistenza fino al 10-13. Qui due turni di servizio, di Bosio e della neo entrata Frantti, hanno scavato un break di 9 punti portando il punteggio al 11-20. Riavvicinate a 18-23, le chieresi hanno realizzato il 18-24 con Grobelna, per chiudere poi i secondi alla seconda palla match con Frantti.

IL TABELLINO-

VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE – REALE MUTUA FENERA CHIERI 0-3 (17-25 24-26 19-25)

VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE: Partenio 6, Melandri 7, Montibeller 13, Vasileva 12, Stufi 6, Marinho, Sirressi (L), Bajema 2, Vanzurova 2, Bonciani, Ciarrocchi. Non entrate: Kosareva, Maggipinto. All. Parisi.

REALE MUTUA FENERA CHIERI: Perinelli 17, Zambelli 6, Bosio 4, Villani 13, Mazzaro 11, Grobelna 13, De Bortoli (L), Frantti 1, Meijers, Alhassan. Non entrate: Gibertini, Marengo, Mayer, Laak. All. Bregoli.

ARBITRI: Lot, Puecher.

NOTE – Spettatori: 200, Durata set: 23′, 27′, 24′; Tot: 74′.

IL BISONTE FIRENZE – DELTA DESPAR TRENTINO-

Il Bisonte Firenze si sblocca finalmente al Mandela Forum e supera in rimonta al tie break la Delta Despar Trentino, che oggi ha dimostrato di essere così in alto in classifica non per caso: la prima vittoria casalinga stagionale, seconda consecutiva in generale dopo quella di martedì a Bergamo, certifica che il processo di crescita della squadra di Mencarelli procede spedito, come si evince anche dalla classifica che adesso la vede al settimo posto con 7 punti. Un po’ altalenante l’andamento della partita: l’unico vero set equilibrato è stato il terzo, vinto dalle ospiti 22-25 per l’1-2 parziale, ma qui Il Bisonte ha svoltato anche dal punto di vista mentale, dominando quarto e quinto grazie al traino di Guerra (21 punti totali con 5 muri), Venturi (straordinaria in difesa e con l’82% di efficienza in ricezione) e delle due centrali (Belien 17 punti e Alberti 16, comprensivi di 6 muri).

Marco Mencarelli, privo dell’indisponibile Nwakalor, parte con Cambi in regia, Enweonwu opposto, Van Gestel e Guerra in banda, Alberti e Beliën al centro e Venturi libero, mentre Bertini risponde con Cumino in palleggio, Piani opposto, Melli e D’Odorico schiacciatrici laterali, Furlan e Fondriest al centro e Moro libero.

L’approccio della Despar è sicuramente migliore e Melli con un paio di mani-out vincenti crea il primo gap (2-5), che D’Odorico allarga con un altro mani-fuori (3-7): qui entra in partita Il Bisonte, con un ottimo turno in battuta di Van Gestel (7-7), ma le ospiti scappano di nuovo col muro di D’Odorico (8-11). In battuta Firenze funziona (ace di Enweonwu per il 14-15), ma in attacco i problemi continuano (14-18 con attacco out e murata) e sul 16-20 (ace di Cumino) Mencarelli deve chiamare time out: altri due attacchi out consecutivi costringono il coach fiorentino a un immediato secondo time out (16-22), ma l’emorragia continua e l’ace di Cumino chiude un parziale di 0-7 che vale il 16-25.

Nel secondo set Il Bisonte parte decisamente meglio, con una super Belien e col muro di Guerra (7-4), poi l’ace della stessa Guerra vale il 9-5 e il primo time out della partita per Bertini: dopo una fase in cui il cambio palla funziona da entrambe le parti, la Despar prova a riavvicinarsi con l’attacco di D’Odorico e il muro di Furlan (16-14), ma le bisontine non ci stanno e con l’ace di Alberti e l’attacco di Van Gestel si riportano sul + 5 (19-14), provocando un nuovo time out ospite. Stavolta Firenze non si fa sorprendere, allunga ancora con Belien (23-16) e alla fine chiude con un gran muro di Guerra (25-17).

L’inerzia rimane in mano alle bisontine anche nel terzo set, con le difese di Van Gestel (una anche trasformata direttamente in punto) che permettono a Enweonwu e Guerra di firmare il primo allungo (8-5): Alberti con un pallonetto e un ace conferma il + 3 (10-7), poi si scatena Melli (10-10) e l’errore di Van Gestel vale il primo vantaggio ospite (12-13), con Piani che successivamente con un pallonetto trova il + 2 (14-16). Sul 16-18 Mencarelli decide di chiamare il time out, e subito dopo Firenze riesce a impattare con la giocata di seconda di Cambi (19-19), ma quando Trentino torna sul + 2 (20-22) Mencarelli deve di nuovo fermare tutto: gli scambi diventano bellissimi, entrambe le squadre tengono il cambio palla, poi sul 22-24 è un errore di Van Gestel a regalare il set alle ospiti (22-25).

Il Bisonte è di nuovo in palla a inizio quarto set (4-1 e time out Bertini), adesso funziona tutto e Bertini è costretto a usare subito anche il suo secondo tempo (9-2), ma il trend non cambia con il Guerra show che porta fino al 14-4: Bertini inserisce Pizzolato, Bisio e Ricci per Fondriest, Piani e Cumino, Firenze è un rullo compressore anche con i muri di Alberti e le difese di Venturi (19-4), poi però si distrae (21-12) e Mencarelli inserisce Hashimoto per Cambi, con l’ace di Enweonwu che alla fine manda tutti al tie break (25-12).

Il Bisonte prova a spingere forte fin da subito e l’ace di Van Gestel vale il 3-1, seguito da quello di Belien per il 5-2: i due attacchi out di D’Odorico significano 8-3 al cambio campo e time out Bertini, Alberti mura Piani per il 9-3 (alla fine saranno 16 i block in vincenti totali) e poi Cambi mette l’ace del 10-3 che spiana la strada al 15-4 finale del capitano Alberti, e alla prima vittoria casalinga stagionale de Il Bisonte.

I PROTAGONISTI –

Marco Mencarelli (Allenatore Il Bisonte Firenze)- « Questa partita metteva di fronte due squadre di cui una alla ricerca della propria identità e del proprio profilo migliore, l’altra che viaggiava sulla scia di un entusiasmo che è qualcosa di esemplare e contagioso. La gara si è equilibrata su questi fattori, abbiamo visto una bella pallavolo e piano piano siamo riusciti a mettere in campo qualcosa in più sul muro-difesa in termini di esperienza e lettura, prevenendo così le loro mosse: questo ci ha favoriti, perchè quando abbiamo preso vantaggio ho visto cambiare le loro espressioni e trasformare il loro entusiasmo in difficoltà, rendendoci più facili gli ultimi due set ».

Matteo Bertini  (Allenatore Delta Despar Trentino)- «La sconfitta sicuramente non fa piacere ma è un punto guadagnato in un campo difficile. Essendo la terza partita in sette giorni mi aspettavo un calo fisico, purtroppo è arrivato anche quello mentale a partire dal quarto set ma sono cose che fanno parte del gioco. Torniamo a Trento con un punto guadagnato in un palazzetto ostico, muoviamo ancora la nostra classifica e questo lo considero un passo in avanti per arrivare a raggiungere il nostro obiettivo».

IL TABELLINO-

IL BISONTE FIRENZE – DELTA DESPAR TRENTINO 3-2 (16-25 25-17 22-25 25-12 15-4)

IL BISONTE FIRENZE: Guerra 21, Alberti 16, Enweonwu 11, Van Gestel 13, Belien 17, Cambi 3, Venturi (L), Panetoni, Hashimoto, Lazic. Non entrate: Kone, Nwakalor. All. Mencarelli.

DELTA DESPAR TRENTINO: D’Odorico 9, Furlan 8, Piani 20, Melli 9, Fondriest 5, Cumino 1, Moro (L), Pizzolato 3, Trevisan 1, Bisio 1, Ricci. Non entrate: Marcone. All. Bertini.

ARBITRI: Zavater, Luciani.

NOTE- Durata set: 21′, 22′, 24′, 22′, 13′; Tot: 102′.

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO-

Quinto match e quinta vittoria per le Pantere che piazzano il “full” al PalaBarton di Perugia vendicando la sconfitta di 10 mesi fa, l’ultima e l’unica subita dall’Imoco Volley finora in questo 2020.
Coach Santarelli, nella “sua” Umbria schiera in campo capitan Wolosz al palleggio, Egonu opposto, al centro De Kruijf e Fahr, schiacciatrici Sylla e Adams, libero De Gennaro. La squadra di Perugia invece inizia il match con Di Iulio in diagonale con l’ex Pantera Serena Ortolani, Koolhaas-Aelbrecht, Carcaces in banda con Havelkova, libero Cecchetto.

Il primo set vede Perugia tenere sulla corda i tentativi di fuga dell’Imoco Volley che mette la testa avanti (6-8) grazie alle alte percentuali delle sue attaccanti, ma non riesce a scappare per oltre metà set, con le umbre che pur soffrendo si aggrappano all’esperienza di Ortolani e Carcaces per rimanere vicine (13-16). Nel finale arriva lo strappo di Wolosz e compagne, la difesa inizia a carburare e i contrattacchi di Sylla (4 punti), Adams (4) e della solita Paola Egonu (5 punti e 1 solo errore nel set)n spianano la strada alla conquista del parziale. Il primo break (15-21) è la spallata decisiva, per la chiusura 18-25 che manda avanti Conegliano.

Nel secondo parziale c’è meno pathos con la squadra di coach Santarelli che prende subito in mano le redini della partita e detta legge fin dai primi scambi (3-7). Paola Egonu è scatenata, scaraventa a terra tutto quello che le viene offerto da capitan Wolosz (per lei 7 punti nel set con il 72%) e piazza anche 2 muri-punto. Quando arriva il doppio cambio con Gicquel e Gennari, la francesina non la fa rimpiangere, attacco e muro e l’Imoco vola imprendibile (12-21), alzando il ritmo in attacco e a muro (ben 5 di squadra nel set) e lasciando le briciole all’attacco avversario, costretto al 24%.  Si fa vedere un’efficacissima Robin De Kruijf con un bel 3/3 in attacco che testimonia anche una ricezione praticamente perfetta, orchestrata da Moki De Gennaro con il valido supporto del duo Sylla-Adams, e si registra anche l’esordio per il “giro dietro” di Kim Hill che torna in campo dopo sette mesi. Il set si chiude con un comodo 15-25.

Terzo set e l’Imoco Volley forse troppo sicura di aver già in tasca il match (12-16) tira un po’ i remi in barca nel finale, consentendo a Di Iulio e compagne di farsi minacciose. Qualche errore di Conegliano (3 in attacco, 4 in battuta) permette alle umbre di tornare vicine (19-21), ma come spesso accade proprio in questi momenti viene fuori il cinismo di Sylla e compagne che ritornano brillanti e con ardore si rimettono in careggiata. Asia Wolosz dirige da par suo l’orchestra gialloblù, Sarah Fahr è puntale sotto rete (4 punti nel set), Paola Egonu (chiuderà da top scorer con 17 punti, il 64$ in attacco e 3 muri) e un’ottima Adams (11 punti) firmano punti pesanti, mentre al centro anche “The Queen” De Kruijf (8 punti alla fine con il 78% in attacco) si conferma in grande spolvero per la chiusura 21-25 a favore delle Pantere di Conegliano, che brindano così a un’altra bella vittoria esterna.

IL TABELLINO-

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 0-3 (18-25 15-25 21-25) –

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Carcaces 8, Koolhaas 2, Ortolani 13, Havelkova 5, Aelbrecht 2, Di Iulio, Cecchetto (L), Casillo, Rumori. Non entrate: Mlinar, Scarabottini, Agrifoglio, Angeloni. All. Bovari.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Wolosz 3, Sylla 8, Fahr 8, Egonu 17, Adams 10, De Kruijf 8, De Gennaro (L), Gicquel 3, Gennari, Caravello, Hill. Non entrate: Eckl, Omoruyi, Butigan. All. Santarelli.

ARBITRI: Caretti, Toni.

NOTE – Spettatori: 340, Durata set: 25′, 24′, 27′; Tot: 76′.

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI-

Per il sesto turno della Serie A1 2020-2021 la Savino Del Bene Scandicci va a far visita la Unet E-Work Busto Arsizio. Per la formazione di coach Barbolini si tratta del decimo incontro in un mese, ma soprattutto di un’occasione per dare continuità ad un cammino fatto di quattro vittorie nelle prime cinque giornate di campionato. Per Busto Arsizio invece è una nuova occasione di scendere in campo dopo lo stop del turno infrasettimanale, che ha visto la formazione bustocca non disputare il match contro Brescia a causa della positività al covid 19 di tre atlete e di un membro dello staff.

Senza Poulter, Piccinini, Stevanovic e coach Fenoglio, fermati dal virus, la Unet E-Work Busto Arsizio scende in campo con Bonelli da alzatrice, Mingardi come opposto, Gennari e Gray in banda, Olivotto e Herrera Blanco come centrali, mentre la maglia da libero finisce sulle spalle della confermatissima Leonardi.

La Savino Del Bene Scandicci risponde in campo con un 6+1 composto da Malinov al palleggio, Stysiak da opposto, Pietrini e Courtney in banda, con Lubian e Popovic da centrali e Merlo da libero.

Il primo set è da subito molto combattuto, con le due formazioni a confrontarsi punto a punto. Busto in avvio riesce ad avere un massimo di due punti di vantaggio, mentre la Savino Del Bene, dopo un breve vantaggio iniziale (1-2), è costretta ad inseguire. Splendido il punto dell’8-7 con Stysiak che prima salva con una gran difesa e poi trasforma l’azione in punto. Sempre l’opposto polacco della Savino Del Bene è protagonista del muro che porta in parità il primo set (15-15). Il sorpasso scandiccese arriva invece grazie a Popovic, che confeziona l’ace del 16-17 e costringe Busto Arsizio al primo time out dell’incontro. Herrera a muro acciuffa il pari (17-17), subito dopo è Lubian, sempre a muro, a restituire il vantaggio a Scandicci (17-18). La battaglia di fine set è sul filo di lana, Gennari riporta avanti la Unet E-Work (19-18), ma Scandicci non molla e mette la freccia con Stysiak e Courtney (20-22). Busto ricorre ad un nuovo time out e in uscita dal “tempo” Gray e Gennari accorciano fino al 22-23. Il primo set se lo aggiudica comunque la Savino Del Bene, che sprinta e chiude il set a proprio favore (23-25).

L’avvio di secondo set vede Busto Arsizio andare avanti per 3-0 anche grazie ad un ace di Gennari. La Savino Del Bene così è costretta a rincorrere nuovamente. Il primo pareggio scandiccese arriva con l’8-8 realizzato da Pietrini, mentre il primo vantaggio nel set è ad opera di Stysiak (9-10). La risposta che riporta avanti la formazione bustocca è targata Mingardi e Gray (11-10). Stysiak continua a martellare e segna il 13-13 per riequilibrare la frazione. La Savino Del Bene torna in vantaggio (13-14) per effetto di un errore in attacco di Gray, ma Busto non rallenta e, arrivata sul 17-15, costringendo Barbolini al time out. Dopo la pausa Stysiak, con due punti consecutivi, riporta il set in equilibrio sul 17-17, ma qualche sbavatura di troppo e una Gennari ispirata rispediscono indietro la Savino Del Bene (20-18). Scandicci riacciuffa il pari sul 20-20 e poi passa in vantaggio con la solita Stysiak, che firma altri due punti consecutivi, di cui uno su ace (21-22). La Unet E-Work Busto Arsizio chiama un nuovo time out, in uscita dal quale Escamilla realizza i suoi primi due punti e conduce la formazione lombarda in vantaggio (23-22). Barbolini è obbligato al time out. Pietrini pareggia i conti sul 23-23, poi è Stysiak a rispondere a Mingardi realizzando il 24-24. Mingardi continua a segnare e realizza il 25-24, Malinov risponde con il muro del 25-25, mentre è nuovamente Mingardi a piazzare la zampata del 26-25. Poco dopo Courtney realizza il mani-out del 26-26. La sfida dei vantaggi diventa un Mingardi Show, con la Unet E-Work Busto Arsizio che, con gran merito del suo opposto, si impone 33-31.

Anche l’avvio di terzo set vede fronteggiarsi a viso aperto le due formazioni. Il primo allungo porta Scandicci avanti di tre punti (6-9) ed obbliga Busto Arsizio al time out. Un attacco out di Mingardi porta il vantaggio della Savino Del Bene sul +4 (7-11). Con Herrera ed Escamilla la Unet E-Work Busto Arsizio si riporta sul -1 e per coach Barbolini un time out diventa necessario. Dopo il “tempo” Busto Arsizio pareggia sull’11-11, ma Lubian a muro restituisce 2 punti di vantaggio a Scandicci (12-14). Tre punti consecutivi di Stysiak riportano la Savino Del Bene ad un comodo +4 (13-17) e costringono Busto Arsizio al time out, dal quale però la formazione bustocca esce subendo un murone da parte di Courtney. Il +6 scandiccese è tutto merito di Stysiak che letteralmente si inventa un mani out (14-20). Mingardi cerca di tenere le sue in partita con il punto del 16-21, ma la Savino Del Bene non molla il vantaggio. Con un numero di magia Malinov segna il 17-23, mentre il set lo chiude Lubian con un punto in fast ed un servizio insidioso che porta al fallo di Busto Arsizio (18-25).

Popovic inizia il quarto set con due ace consecutivi (0-3), ma Busto Arsizio non fa scappare Scandicci e pareggi i conti con l’ace del 4-4 realizzato dalla solita Mingardi. Le padrone di casa si portano in vantaggio 9-6 e Barbolini non può fare a meno di fermare l’incontro. La Savino Del Bene riacciuffa il pari sul 10-10 grazie a due super muri di Popovic, mentre il 10-11 lo segna Stysiak. La fase centrale del set è contraddistinta da una battaglia punto a punto, con la parità che si verifica per ben sei volte, prima che Pietrini piazzi il punto del +2 Scandicci (17-19). La Savino Del Bene non riesce a produrre l’allungo decisivo e Busto Arsizio torna in parità sul 20-20 con i muri vincenti di Escamilla e Herrera. Coach Barbolini arresta il set chiamando un time out, la reazione delle sue ragazze è sintetizzata da due punti consecutivi di Stysiak (20-22). Nonostante una ricezione difettosa la Savino Del Bene segna il 21-24 sfruttando l’opportunismo di Courtney. Il set e il match si chiudono con il punto del 21-25 che manda i titoli di coda su di una sfida bella e combattuta, vinta da una Savino Del Bene che si porta a 5 successi in campionato, 9 nell’ultimo mese, considerando anche le vittorie ottenute nei preliminari di CEV Champions League. L’imposizione esterna consente inoltre alla Savino Del Bene di salire al secondo posto in classifica, dove con 14 punti le ragazze di Barbolini sono ad una sola lunghezza di distanza dalla capolista Conegliano.

I PROTAGONISTI-

Ana Escamilla (Unet E-Work Busto Arsizio)- « La gara è stata bella ed emozionante, ma credo che non siamo state ordinate nel muro difesa e questo abbia fatto la differenza. Stysiak è stata super ma anche su di lei potevamo fare meglio. Anche noi in attacco abbiamo fatto bene, soprattutto Camilla Mingardi che è stata eccezionale. Io sono abbastanza soddisfatta della mia prestazione, meglio in difesa che in attacco, ma lavoro ogni giorno per dare sempre di più il mio apporto alla squadra ».

Massimo Barbolini (Allenatore Savino Del Bene Scandicci)« Abbiamo giocato tre partite di campionato in sette giorni e abbiamo ottenuto 9 punti, vincendo contro squadre complicate e superando due avversarie in trasferta. Sapevamo che Busto è una squadra difficile indipendentemente dalle assenze. È una squadra che difende e che lotta e stasera ce lo ha fatto vedere. Dobbiamo prendere una lezione da questa partita perchè dovevamo sicuramente fare meglio. Abbiamo avuto troppi momenti in cui abbiamo regalato e questo non deve esistere. In certi momenti, soprattutto nel primo set, alcuni errori di Busto ci hanno aiutato. Penso comunque sia stata una partita molto bella e divertente per chi l’ha vista ».

IL TABELLINO-

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 1-3 (23-25 33-31 18-25 21-25)

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 13, Olivotto 8, Mingardi 27, Gray 4, Herrera Blanco 9, Bonelli 2, Leonardi (L), Escamilla 8. Non entrate: Galletti, Cucco, Bulovic. All. Musso.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Courtney 11, Popovic 12, Stysiak 31, Pietrini 14, Lubian 10, Malinov 3, Merlo (L), Bosetti, Markovic, Drewniok. Non entrate: Carocci, Samadan, Camera, Cecconello. All. Barbolini.

ARBITRI: Braico, Brancati.

NOTE – Spettatori: 80, Durata set: 28′, 38′, 25′, 26′; Tot: 117′.

I RISULTATI-

Igor Gorgonzola Novara-Banca Valsabbina Millenium Brescia 3-0 (25-18, 25-16, 25-16) Giocata ieri

Vbc E’piu’ Casalmaggiore-Reale Mutua Fenera Chieri 0-3 (17-25, 24-26, 19-25)

Il Bisonte Firenze-Delta Despar Trentino 3-2 (16-25, 25-17, 22-25, 25-12, 15-4)

Bosca S.Bernardo Cuneo-Zanetti Bergamo 0-0 Rinviata a data da destinarsi

Bartoccini Fortinfissi Perugia-Imoco Volley Conegliano 0-3 (18-25, 15-25, 21-25)

Unet E-Work Busto Arsizio-Savino Del Bene Scandicci 1-3 (23-25, 33-31, 18-25, 21-25)

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 15; Savino Del Bene Scandicci 14; Delta Despar Trentino 13; Igor Gorgonzola Novara 9; Reale Mutua Fenera Chieri 9; Bosca S.Bernardo Cuneo 8; Il Bisonte Firenze 7; Saugella Monza 7; Vbc E’piu’ Casalmaggiore 6; Unet E-Work Busto Arsizio 3; Bartoccini Fortinfissi Perugia 3; Zanetti Bergamo 1; Banca Valsabbina Millenium Brescia 1.

IL PROSSIMO TURNO- 25/10/2020 Ore 17.00-

Imoco Volley Conegliano – Saugella Monza Si gioca il 24/10/2020 Ore 20.30

Unet E-Work Busto Arsizio – Il Bisonte Firenze

Savino Del Bene Scandicci – Igor Gorgonzola Novara Si gioca il 24/10/2020 Ore 21.00

Zanetti Bergamo – Bartoccini Fortinfissi Perugia

Banca Valsabbina Millenium Brescia – Reale Mutua Fenera Chieri Si gioca il 24/10/2020 Ore 18.00

Delta Despar Trentino – Bosca S.Bernardo Cuneo

Commenti