Vittorie per Conegliano, Monza e Novara

Tre le partite dell' 8° turno andate in scena questa sera. La capolista vince a Firenze, la squadra di Gaspari fa suo il derby al tie break contro Bergamo, le ragazze di Lavarini travolgono Casalmaggiore

© Saugella Monza

ROMA- Turno infrasettimanale, valevole per l’8a di andata, pesantemente condizionato dai rinvii per Covid. Sono state tre, su sei, le partite andate in scena questa sera. L’Imoco Conegliano continua imperturbabile la sua marcia vincente andando a vincere sul campo de Il Bisonte Firenze al quale però lascia il primo set. Bella prestazione casalinga dell’Igor Gorgonzola Novara che spazza via la resistenza dell’ E’piu’ Casalmaggiore. Vittoria al tie break della Saugella Monza in un derby palpitante contro la Zanetti Bergamo.

TUTTE LE SFIDE-

IGOR GORGONZOLA NOVARA – VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE-

Vittoria pesantissima per la Igor Volley di Stefano Lavarini, che supera in tre set Casalmaggiore e si porta a 14 punti in classifica dopo i primi sei incontri. Tra le fila azzurre, ottima la prestazione a muro (14 a segno in tre parziali) con Haleigh Washington autrice di 5 “stampate” vincenti e premiata con merito MVP dell’incontro.

Igor in campo con Smarzek opposta a Hancock, Bonifacio e Washington centrali, Bosetti e Herbots schiacciatrici e Sansonna libero; Casalmaggiore con Ananda Cristina in regia e Rosamaria in diagonale, Ciarrocchi e Stufi al centro, Partenio e Vasileva in banda e Sirressi libero.

Dopo un avvio testa a testa, Casalmaggiore prova la fuga (7-9) a muro ma Bosetti e Bonifacio firmano il sorpasso a muro (10-9) con Washington che regala il primo break alle azzurre sul 14-12. Casalmaggiore rientra, Bosetti firma l’allungo che porta Novara sul 20-15, mentre Parisi cambia regia senza però rompere l’inerzia del match; Si chiude con due muri di Bosetti per il 25-17.

Casalmaggiore reagisce con Stufi (2-5), Smarzek trova il pareggio e Bonifacio pesca un break importante sul 9-7 in primo tempo dopo uno scambio lunghissimo. Stufi ricuce lo strappo (11-11), Washington alza la voce a muro (15-13) e Novara alza il ritmo, trovando il 20-15 con l’ace di Hancock. Non cambia più l’inerzia, nonostante i cambi tra le ospiti, con Bonifacio che fa 22-16 a muro e Washington che chiude il parziale in fast, sul 25-18.

Novara accelera per chiudere e Smarzek fa subito 5-2 in pallonetto, mentre Casalmaggiore, con Bonciani in regia, si aggrappa al muro per rientrare sul 7-6. Ancora Smarzek (muro su Vasileva) per il 10-7, Herbots sancisce la fuga azzurra sul 16-10 mentre Parisi ferma il gioco e rimescola le carte inserendo Bajema, Ananda Cristina e Vanzurova. Dopo l’ace di Hancock (18-11), Vanzurova accorcia in diagonale (19-15) e Lavarini ferma il gioco; non cambia più niente: Herbots in pipe fa 25-18 e chiude il 3-0.

I PROTAGONISTI-

Haleigh Washington (Igor Gorgonzola Novara)- « Volevamo vincere e volevamo farlo in tre set, per non incorrere in un altro match lungo e combattuto come quello di sabato. Quella vittoria ci ha caricate, questa lo fa ancora di più: ora abbiamo nel mirino la prossima trasferta di domenica a Trento .

IL TABELLINO-

IGOR GORGONZOLA NOVARA – VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE 3-0 (25-17 25-18 25-18)

IGOR GORGONZOLA NOVARA: Washington 11, Hancock 5, Bosetti 14, Bonifacio 8, Smarzek 9, Herbots 11, Sansonna (L), Napodano. Non entrate: Battistoni, Daalderop, Populini, Chirichella. All. Lavarini.

VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE: Partenio 5, Ciarrocchi 6, Montibeller 4, Vasileva 11, Stufi 4, Marinho, Sirressi (L), Bajema 4, Vanzurova 1, Bonciani 1. Non entrate: Melandri, Kosareva, Maggipinto. All. Parisi.

ARBITRI: Piana, Pozzato.

NOTE – Durata set: 23′, 24′, 27′; Tot: 74′.

SAUGELLA MONZA – ZANETTI BERGAMO-

Quarta vittoria casalinga consecutiva in campionato per la Saugella Monza, che nel turno infrasettimanale dell'ottava giornata di andata della Serie A1 femminile 20/21 stende la Zanetti Bergamo 3-2 all'Arena di Monza. Prosegue dunque la striscia positiva delle monzesi in Brianza, andate vicinissimo a chiudere il confronto con le orobiche al quarto set ma poi costrette a sudare più di qualche camicia per aggiornare positivamente la casella delle vittorie. Heyrman e compagne quando spingono sono davvero belle (14 muri di squadra e 5 atlete in doppia cifra), ma quando le ospiti difendono tanto e contrattaccano con le fiammate del duo Enright-Loda soffrono parecchio. La gara è un susseguirsi di emozioni e capovolgimenti di fronte, secondo parziale a parte dominato da Monza, brava ad ingranare il turbo nel momento chiave del tie-break con le accelerazioni di Heyrman, Meijners e Begic (MVP della gara con 15 punti, 1 ace e 2 muri). Per le bergamaschè è il sesto stop in campionato, il secondo al quinto set. Monza mette invece due punti in più in graduatoria in attesa di affrontare Scandicci in Lombardia nel prossimo turno.

Gaspari sceglie Orro in diagonale con Van Hecke, Danesi ed Heyrman al centro, Orthmann e Meijners in banda, Parrocchiale libero. Turino risponde con la diagonale Valentin-Lanier, Mio Bertolo e Dumancic al centro, Enright e Loda schiacciatrici, Fersino libero. Break Bergamo complici un paio di sbavature monzesi (5-2), ma la Saugella reagisce prontamente risalendo con Meijners e Danesi, 5-4. Mani fuori di Loda (7-4 Zanetti), poi reazione delle rosablù guidata da Van Hecke (attacco vincente e muro su Loda) e Orthmann, 7-7. Equilibrio fino all'11-11, con i due sestetti che si rispondono colpo su colpo, poi nuovo più due delle orobiche con Enright, 13-11. Le monzesi inseguono con Meijners, ma ancora Loda a bersaglio e Gaspari chiama time-out sul 16-14 per le ospiti. Bergamo tenta la fuga con le fiammate di Lanier (19-16), ma la Saugella non molla, risalendo al meno uno con Meijners ed Heyrman (19-18). Dentro Begic per Orthmann per le monzesi ma ancora più due Zanetti grazie al muro di Enright su Heyrman (21-18) e nuovo time-out Gaspari. Squarcini entra e piazza l'ace, con Turino che ferma il gioco per provare a spezzare il ritmo della centrale monzese (22-20). Pallonetto vincente di Lanier, muro di Enright su Van Hecke e 24-20 Bergamo, brava a chiudere con la palla veloce di Prandi dopo la diagonale di Van Hecke, 25-21.

Gaspari alla ripresa conferma Begic per Orthmann, lasciando in campo le stesse del primo gioco. Turino si affida a Prandi al posto di Valentin in cabina di regia. Punto a punto nel prologo (4-4), poi più tre Saugella con Meijners (attacco vincente ed ace), 7-4 e time-out Bergamo. Danesi, Heyrman, Van Hecke, Begic e Meijners salgono d'intensità in attacco, ben imbeccate da Orro, e Monza fa le prime prove di fuga, 12-7. Diagonale e muro su Lanier per Meijners: 15-10 Saugella e Turino chiama a raccolta le sue. Sul turno in battuta di Orro Monza incrementa il vantaggio (17-10), ipotecando il gioco con il primo tempo di Danesi ed il muro di Begic su Lanier, 19-11. Dentro Marcon per Loda e Johnson ma le cose non cambiano. La Saugella gestisce il vantaggio con lucidità grazie ai preziosismi di Heyrman (fast e muro su Marcon), 23-14, chiudendo poi due delizie di Begic (mani fuori ed ace), 25-14. 
Equilibrio nel prologo del terzo (3-3), poi Saugella che piazza il break con Van Hecke, 5-3. Bergamo pareggia con Enright e l'errore di Meijners ma Monza ritorna a spingere con il servizio di Meijners ed i muri di Begic e Van Hecke, 9-5 e Turino ferma il gioco. Alla ripresa del gioco prosegue il turno in battuta di Meijners, che schiaccia forte anche dalla seconda linea, e Turino ferma il gioco sull'11-5 Monza. Errore di Van Hecke ed ace di Prandi: la Zanetti risale 13-10 e Gaspari chiama time-out. Muro di Lanier su Meijners, ace di Loda e Bergamo a meno due, 14-12, ma Monza è sempre avanti grazie a Van Hecke (16-13). Meijners e Begic schiacciano per la Saugella, Bergamo insegue con il secondo tocco vincente di Prandi e la diagonale di Loda (19-17). Mani fuori di Heyrman, lungolinea e diagonale di Meijners e Monza scappa sul 22-17. Ancora Meijners scatenata in attacco a spingere le sue sul 24-19. Quando Mio Bertolo mura Meijners e Lenier va a segno (24-21) le ospiti ci credono e Gaspari chiama time-out. Si torna in campo: tocco di Orro e Monza chiude 25-21 il terzo parziale.

Subito break nel quarto per la Zanetti Bergamo con Loda e l'errore di Begic (4-1). Van Hecke accorcia due volte per le monzesi (5-4), che sbagliano però qualcosa di troppo in battuta e in attacco (7-5). Sale in cattedra Heyrman: fast vincente e due muri su Lanier che vogliono dire sorpasso Saugella, 9-8 e time-out Bergamo. Heyrman diventa devastante sia in fase offensiva che a muro (cinque giocate consecutive della belga), grazie anchel turno in battuta di Van Hecke, e Turino chiama la pausa sul 12-8 per le padrone di casa. Le monzesi difendono tanto e contrattaccano bene (13-9), ma le ospiti si affidano a Loda e Lanier per tentare la risalita (14-12) e Gaspari chiama time-out. Alla ripresa del gioco mani fuori di Van Hecke, ace di Orthmann (appena entrata per Heyrman in battuta) ma lampo di Loda e muro di Moretto su Danesi (16-15 Monza). Meijners risponde a Lanier, Van Hecke a Moretto e Saugella che si porta sul 19-17. Van Hecke mantiene il break saldo (23-21), ma due lampi di Loda a valere la parità (23-23) ed il time-out Gaspari. Equilibrio fino al 27-27, poi errore di Orro e pallonetto di Enright, 29-27 Zanetti.

Bergamo parte convinta nel tie break con Enright e Moretto, 4-2. Due assoli di Van Hecke a valere la parità (4-4) e punto a punto fino al 7-7, momento in cui Enright porta la Zanetti avanti al cambio di campo, 8-7. Equilibrio di grande intensità fino al 10-10, poi primo tempo di Danesi, mani fuori di Begic e break Saugella, 12-10, con Turino che chiama time-out. Ace di Squarcini, errore di Loda e nuovo time-out Bergamo. Finale tutto monzese: chiude Begic, 15-10 il set e 3-2 la partita.

I PROTAGONISTI-

Edina Begic (Saugella Monza)- « E' stata una gara molto dura, ma sono contenta che siamo riuscite ad uscire dalla difficoltà e portare a casa un successo. Potevamo vincere da tre punti, è vero, ma la cosa più importante è che siamo riuscite a riportare sui giusti binari una gara complessa. Certi momenti del match non abbiamo espresso la nostra migliore pallavolo, soprattutto nel muro-difesa in alcune fasi, ma alla fine è stato molto positivo che ci siamo state nei momenti che contavano. Ora testa alla prossima sfida per continuare questo buon momento ».

Stephanie Enright (Zanetti Bergamo)- « Siamo contente perché abbiamo giocato bene e stiamo facendo vedere miglioramenti rispetto alle prime partite. La stagione è lunga e noi siamo pronte perché abbiamo fiducia e cuore: se continuiamo ad allenarci bene, possiamo fare bene e far vedere bel gioco ».

IL TABELLINO-

SAUGELLA MONZA – ZANETTI BERGAMO 3-2 (21-25 25-14 25-21 27-29 15-10) –

SAUGELLA MONZA: Van Hecke 24, Orthmann 3, Heyrman 15, Orro 2, Meijners 21, Danesi 12, Parrocchiale (L), Begic 15, Squarcini 2, Davyskiba. Non entrate: Obossa, Negretti, Carraro. All. Gaspari.

ZANETTI BERGAMO: Valentin, Loda 15, Mio Bertolo 5, Lanier 16, Enright 18, Dumancic, Fersino (L), Moretto 7, Prandi 6, Marcon 1, Faraone, Faucette Johnson. All. Turino.

ARBITRI: Puecher, Usai.

NOTE – Durata set: 27′, 24′, 31′, 37′, 18′; Tot: 137′.

IL BISONTE FIRENZE – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO-

Primo match infrasettimanale della stagione per l’Imoco Volley che sul campo di Firenze coglie la sua settima vittoria consecutiva confermandosi capolista imbattuta della Serie A1.
Coach Mencarelli  parte con Cambi in diagonale con la Pantera in prestito in Toscana Terry Enweonwu, Alberti-Belien, Guerra-Van Gestel, libero Venturi.

 Santarelli mescola le carte inserendo dall’inizio la diagonale Gennari regista e Gicquel opposto , Fahr-De Kruijf al centro, linea di schiacciatrice tutta USA con Kim Hill che per la rima volta parte dall’inizio e con lei c’è Adams , libero De Gennaro.

Il primo punto è firmato proprio dalla ex di turno nelle fila gialloblù, Sarah Fahr che va a segno dal centro, poi anche De Kruijf (2-2). Con Belien e Enweonwu il Bisonte sale 4-2, ma Hill accorcia. Alberti da una parte e De Kruijf dall’altra si divertono con le “fast”, poi Gicquel piazza attacco e muro, ma le padrone di casa restano avanti (8-6) con i colpi di Van Gestel (5 punti nel set), poi allungano fino a +4 con l’ace della castellana Guerra (10-6). La regista Gennari trova buone soluzioni al centro, ma l’assetto di giornata tarda un po’ a carburare ed arriva qualche errore di troppo, specie in ricezione, a spianare la strada alle toscane: 13-8. Coach Santarelli corre ai ripari gettando nella mischia le titolari Wolosz ed Egonu, ma Enweonwu continua a martellare in battuta contro le sue ex compagne (14-8), ed entra anche Sylla per Adams. Nonostante il sestetto titolare in campo, le Pantere continuano a soffrire e Firenze insiste con Guerra che sigla il +7 (16-9), arriva il secondo time out per le venete. Il Bisonte è alla carica, Alberti piazza un altro ace (18-10), poi rientrano Gennari e Giquel, ma la difesa  gialloblù non è quella consueta, così come l’intensità di gioco: Fahr viene murata da Belien (4 punti nel set) e Firenze scappa definitivamente (24-15). L’Imoco si risveglia e annulla quattro set point con Gicquel (4 punti)  e De Kruijf (5 punti con il 100% in attacco nel set), poi cede 25-19 al diagonale di Van Gestel (5 punti nel set).

Dopo il set perso all’esordio di campionato con Casalmaggiore, arriva il secondo parziale ceduto alle avversarie dalle Pantere, che si ripresentano in campo con il sestetto che ha finito il primo set. Miriam Sylla suona la carica con un bel muro (1-2), ma pareggia Enweonwu. Continua qualche problema in ricezione per le Pantere, che si affidano in attacco a Sylla, che poi va anche a murare (3-5). Il Bisonte non ci sta, Belien mura (5-5), Guerra e Van Gestel continuano ad attaccare con sfrontatezza e il parziale resta in grande equilibrio (8-8). Si combatte corpo a corpo al Mandela Forum, lunghissimo lo scambio del 13-14 chiuso di forza da Sylla (6 punti nel set con 2 muri). Entra il doppio cambio di lusso con Wolosz ed Egonu, poi un’ottima De Kruijf piazza il muro del +2 (15-17), ma Guerra scatenata (8 punti nel set!) tiene in scia le toscane. La presenza di Paola Egonu si fa sentire in attacco (6 punti nel…mezzo set giocato) e l’Imoco vola a +3 (18-21), ma ancora Guerra implacabile tiene le padrone di casa a contatto (20-21). Cambi fa male con la sua battuta e arriva un break per le toscane che vanno al set ball (24-23), a quel punto sale in cattedra Egonu, due super attacchi valgono il sorpasso 24-25. Dopo il time out è ancora caldo il braccio di Paola che chiude a terra il diagonale del 24-26. 1-1 e chi voleva un match combattuto stasera è servito.

Nel terzo set torna il sestetto con Gicquel e Gennari, ma inizia bene il Bisonte con due punti (muro e attacco) di Alberti. Proprio l’opposto francese pareggia in battuta, si continua a combattere con le gialloblù che sembrano però aver trovato lo spirito giusto. Ora l’Imoco Volley forza il ritmo in battuta e trova punti a muro con De Kruijf (4 punti nel set) e in attacco con Sylla per il primo strappo (3-7). Miriam Sylla veste i panni della tuttofare tra difese, attacchi e muri che tengono avanti le Pantere venete, anche se la resistenza di Belien e Enweonwu continua a tenere vicine le toscane (6-8). “Lulù” Gicquel cresce e si fa notare in attacco, ma è ancora Sylla la “vedette” di Conegliano, altri due punti dell’azzurra per il 7-11.  Il +5 è un ace di Fahr (8-13). Giulia Gennari punta le sue fiches in attacco sul duo Sylla-Gicquel eviene ripagata, specie da “Miri” che non sbaglia proprio mai (8 punti nel set!) e continua a far ammattire il muro avversario (12-17). Arriva un doppio ace di Belien e Il Bisonte con le sue difese e la battuta sempre insidiosa si fa minaccioso sul 15-17. Entra Paola Egonu, ma c’è il muro di Guerra (16-18). Torna a marcare anche Kim Hill e Conegliano torna a +4 (16-20), time out di coach Mencarelli, che poi prova anche qualche risorsa dalla panchina (Nwakalor) quando Egonu (4 punti nel set) e compagne volano via 17-22. Ancora Hill, smaltita la “ruggine” dopo i suoi primi set stagionali, sigla punti importanti  oltre a recuperare palloni importanti in difesa e le Pantere chiudono 19-25, sorpassando 2-1 con un’ottima combinazione finale Gennari-Egonu.

Egonu resta in campo dall’inizio per il quarto set e lo inaugura con un ace dei suoi. Il Bisonte non molla, Belien, Guerra (20 punti alla fine con il 58%) e Van Gestel lottano e tengono la scia dell’Imoco che cerca di scappare trascinata dall’esuberanza atletica di Sylla (18 punti e 5 muri, top scorer gialloblù) ed Egonu, ma deve fare i conti con qualche errore di troppo specie in ricezione. Sul 10-10 entra Omoruyi per Hill. Firenze è sempre sul pezzo e sorpassa con Van Gestel (16 punti) ed Enweonwu (12-11), poi Loveth Omoruyi e un …bagher di Moki De Gennaro regalano il controbreak, completato dai punti di Gennari e di una Sylla in grande spolvero, 4-0 e time out toscano (12-15). L’ingresso di Omoruyi si conferma , ace dell’azzurrina, poi fast di un’ottima De Kruijf (17 punti, 3 muri, 73% in attacco!) e Conegliano vola via (12-17). De Gennaro e compagne, partite piano, ora spingono il ritmo usuale, ancora Egonu piazza il +6 (14-20). E’ il vantaggio decisivo che viene confermato nel finale dalla bomba dell’opposta azzurra che chiude 17-25 regalando a Conegliano il settimo successo stagionale.

I PROTAGONISTI-

Marco Mencarelli (Il Bisonte Firenze)- « Abbiamo fatto un ulteriore passo avanti, sicuramente in campo ma spero anche nella nostra convinzione, per poter affrontare anche le altre squadre con la stessa determinazione di stasera. In più portiamo a casa un’idea di continuità che in altre partite non abbiamo avuto. Dobbiamo però anche riflettere su qualcosa: prima della gara non avrei mai detto che potessimo trovarci a riflettere su alcuni aspetti di una partita contro Conegliano, invece ci sono un paio di cose da aggiustare e sulle quali lavorare durante la settimana. Tutti avevamo la consapevolezza che oggi avremmo dovuto fare gli straordinari e li abbiamo fatti: questo ci soddisfa, e ci portiamo a casa le note positive per proseguire sul nostro percorso, e le note meno positive per riflettere su cosa fare in allenamento ».

Daniele Santarelli (Imoco Conegliano)- «Non è stata una bella partita. Di buono c’è stata la vittoria da tre punti, abbiamo sofferto tantissimo nel primo set il loro gioco nel quale noi ci siamo espressi a livelli non buoni soprattutto in attacco ma anche in ricezione abbiamo commesso errori non da noi. Il secondo set lo abbiamo ripreso con le unghie e con i denti nonostante avessimo un ampio vantaggio. Poi abbiamo trovato la quadra ci siamo ripresi ed abbiamo portato a casa un risultato utile contro una squadra giovane ma che gioca bene a pallavolo ».

IL TABELLINO-

IL BISONTE FIRENZE – IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 1-3 (25-19 24-26 19-25 17-25)

IL BISONTE FIRENZE: Guerra 20, Belien 10, Enweonwu 10, Van Gestel 16, Alberti 5, Cambi 2, Venturi (L), Panetoni, Nwakalor. Non entrate: Lazic, Neri, Kone. All. Mencarelli.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Adams, Fahr 7, Gicquel 9, Hill 5, De Kruijf 17, Gennari 2, De Gennaro (L), Sylla 18, Egonu 16, Omoruyi 1, Wolosz. Non entrate: Butigan, Caravello. All. Santarelli.

ARBITRI: Frapiccini, Cerra.

NOTE – Durata set: 25′, 27′, 23′, 23′; Tot: 98′.

I RISULTATI-

Igor Gorgonzola Novara-Vbc E’piu’ Casalmaggiore 3-0 (25-17, 25-18, 25-18)

Saugella Monza-Zanetti Bergamo 3-2 (21-25, 25-14, 25-21, 27-29, 15-10)

Reale Mutua Fenera Chieri-Delta Despar Trentino Rinviata

Il Bisonte Firenze-Imoco Volley Conegliano 1-3 (25-19, 24-26, 19-25, 17-25)

Bosca S.Bernardo Cuneo-Banca Valsabbina Millenium Brescia Rinviata

Bartoccini Fortinfissi Perugia-Unet E-Work Busto Arsizio Rinviata

Riposava:Savino Del Bene Scandicci

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 21; Savino Del Bene Scandicci 15; Igor Gorgonzola Novara 14; Delta Despar Trentino 13; Reale Mutua Fenera Chieri 12; Saugella Monza 12; Bosca S.Bernardo Cuneo 8; Il Bisonte Firenze 7; Unet E-Work Busto Arsizio 6; Vbc E’piu’ Casalmaggiore 6; Zanetti Bergamo 5; Bartoccini Fortinfissi Perugia 3; Banca Valsabbina Millenium Brescia 1

IL PROSSIMO TURNO- 01/11/2020 Ore 17.00-

Imoco Volley Conegliano – Bosca S.Bernardo Cuneo

Unet E-Work Busto Arsizio – Vbc E’piu’ Casalmaggiore

Saugella Monza – Savino Del Bene Scandicci

Reale Mutua Fenera Chieri – Il Bisonte Firenze Si gioca il 31/10/2020 Ore 20.30)

Banca Valsabbina Millenium Brescia – Zanetti Bergamo

Delta Despar Trentino – Igor Gorgonzola Novara

Da non perdere





Commenti