Vittorie esterne per Busto, Firenze e Roma

Nei tre anticipi della 3a di ritorno la squadra di Musso espugna Perugia, quella di Bellano si porta via i tre punti da Trento, le wolves vincono al tie break la battaglia con Casalmaggiore
Vittorie esterne per Busto, Firenze e Roma© Acqua & Sapone
21 min
TagsUnet E-WorkIl BisonteAcqua e Sapone

ROMA- I tre anticipi della 3a giornata di ritorno hanno visto festeggiare le tre formazioni che hanno giocato lontano da casa. L’ Unet E-Work Busto Arsizio ha approfittato delle difficoltà della Bartoccini Fortinfissi Perugia scesa in campo senza Valentina Diouf (sempre più forti le voci di una sua rescissione nei prossimi giorni). Successo importante de Il Bisonte Firenze che ha espugnato il campo della Delta Despar Trentino in quattro set. Vittoria che fa morale e classifica quella centrata dall’Acqua&Sapone Roma sul campo della Trasporti Pesanti Casalmaggiore, al termine di una sfida che si è conclusa al tie break. Decisiva Stigrot che ha messo a segno 38 punti.

TUTTE LE SFIDE-

BARTOCCINI-FORTINFISSI PERUGIA – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO-

Trascinata dalla sua capitana Jovana Stevanovic la Unet e-work Busto Arsizio riesce a conquistare i tre punti al Pala Barton di Perugia contro le padrone di casa della Bartoccini Fortinfissi. 3-1 il risultato finale per la squadra di Marco Musso, partita un po’ in sordina nel primo set (perso a 19) e cresciuta poi con il passare dei minuti.
Gara sofferta comunque per le farfalle che, fatta eccezione per il terzo set, hanno dovuto faticare fino all’ultimo per chiudere secondo e quarto game: tanta la fame del team di Cristofani che, senza Diouf sostituita da Diop, ha tenuto testa alla Unet e-work grazie alle prestazioni top di Guerra (19 punti), Havelkova (15) e agli spunti delle due centrali Melandri e Bauer (12 a testa).
Tra le biancorosse, sostenute da una decina di tifosi sugli spalti, Camilla Mingardi è stata proclamata MVP grazie alla solita prestazione tutto cuore (20 punti per lei), mentre la top scorer è risultata Alexa Gray (24 col 41% offensivo). Come detto in apertura super show per Stevanovic (19 punti, 65% in attacco, 5 muri e 1 ace). Da segnalare l’ottimo lavoro in ricezione della coppia Zannoni – Bosetti (65 e 70% di perfette rispettivamente) che ha permesso a Jordyn Poulter di giocare spesso e volentieri palla in mano.
Prossimo appuntamento di campionato in programma domenica prossima (30 gennaio) quando alla e-work arena arriverà la Reale Mutua Fenera Chieri.

Musso parte con Poulter – Mingardi, Olivotto – Stevanovic, Gray – Bosetti, Zannoni libero, Cristofani risponde con Bongaerts – Diop, Melandri – Bauer, Hevelkova – Guerra, Sirressi libero.

Nel primo set Gray e Mingardi partono alla grande (1-3), ma Bauer non ci sta e mura tre volte di fila fino al 6-4; Bosetti risponde a Diop per il 7-6, Gray c’è con la pipe del 9-8, Havelkova conferma il +2 umbro (10-8). Melandri mura e fa chiamare tempo a Musso (11-8), Stevanovic trova cambiopalla e rimette in corsa le farfalle (11-9). Bauer è davvero scatenata (13-10), ma Bosetti d’astuzia trova il -1 (13-12) e Olivotto chiude il lungo scambio che porta al 13-13. Mingardi attacca e mura (14-15 tempo Cristofani) e poco dopo allunga con il colpo del 14-16; Bosetti mura il 15-17, ma ancora con il muro Perugia rientra in gioco (17-17 Havelkova). Diop supera (18-17), Guerra supera con la pipe (19-17 time-out Musso), Havelkova allunga con il mani-fuori (20-17) e con il pallonetto (21-17 dentro Monza e Battista). Diop fa 22-17, Battista tira in rete il 23-17 e Perugia chiude senza troppi affanni (25-19 Guerra).
A tabellino 5 muri Perugia, Havelkova 6, Bauer e Guerra 5, Mingardi 5.

Secondo set: la UYBA cerca di reagire (1-4 ok Stevanovic e Gray), Mingardi fa chiamare tempo a Cristofani con il muro del 2-6. Le farfalle ora volano (2-8), ma Havelkova e il muro di Melandri riportano a -4 Perugia (5-9). Bosetti mette a terra il 5-10, Mingardi chiude il lungo scambio che porta al 6-11, Havelkova regala il 6-12. Le padrone di casa combattono, ma le farfalle riescono a mantenere un buon vantaggio (8-13 Bosetti); tuttavia l’ace di Guerra fa chiamare time-out a Musso (12-15) e la UYBA ritorna in campo con l’atteggiamento giusto (12-16 Mingardi). Bauer e Bongaerts realizzano due ace e Musso ferma il gioco (16-17), Stevanovic trova l’importante cambiopalla del 16-18, Poulter e il muro della capitana fanno respirare la UYBA (17-20). Guerra e Bauer non si arrendono (20-21), Gray si accende (20-23), Mingardi di gran forza fa 20-24 e poi chiude 21-25.
A tabellino: Gray 8, Mingardi 6, Diop e Guerra 5 a testa

Terzo set: l’avvio è equilibrato (4-4), ma l’ace di Guerra prova a lanciare le padrone di casa (6-4 time-out Musso). Havelkova allunga (7-4), Bauer a muro fa volare Perugia sul 9-5. Mingardi trova cambiopalla (9-6), Stevanovic mura il 9-7 ed attacca il 9-8, ma Gray spara lunga la pipe che porta all’11-8. Stevanovic si esalta a muro per l’11-10, Gray pareggia (11-11) e Cristofani chiama time-out (dentro Melli per Diop). Gray e Mingardi allungano (nuova interruzione Perugia 11-14), Stevanovic risponde a Melli (12-15); Gray e Mingardi portano alle farfalle il +5 (13-18), Guerra prova il recupero (16-19), ma ancora Mingardi mette a segno il 16-20. Nel finale Stevanovic trascina (18-22 rientra Diop) e la UYBA arriva presto al 18-25 (muro Stevanovic).
A tabellino: Stevanovic 7, Mingardi 6

Quarto set: le farfalle partono forte (1-4 ancora super Stevanovic), ma il servizio di Guerra riporta in scia le padrone di casa (4-5). Melandri mura il 5-5, ma la UYBA lotta e riesce a stare avanti (6-9 Stevanovic); ancora la capitana realizza il muro del 7-11 (time-out Cristofani), ma Guerra e l’ace di Bauer portano Perugia al -1 (11-12 tempo Musso). Stevanovic tira il chiodo dell’11-13, Gray mura l’11-14 (rientra Melli per Diop), Olivotto mura due volte ed è 14-17. Stevanovic va ancora a segno (15-18), Bosetti con il mani-out regala alla UYBA il 15-19 (tempo Cristofani), Gray in pipe attacca il 16-20. Melandri prova l’ultimo assalto (18-20 time-out Musso), Mingardi attacca out il 19-20, ma Stevanovic c’è ancora (19-21), ma un regalo UYBA porta al 21-21. Guerra supera (22-21), Melandri conferma il vantaggio (23-22), Mingardi trova il pari (23-23). Gray firma l’ace del 23-24, Mingardi chiude con una perla (23-25).

I PROTAGONISTI-

Helena Havelkova (Bartoccini Fortinfissi Perugia)- « Abbiamo giocato molto bene, ovviamente mi dispiace che non siamo riuscite a conquistare punti perché secondo me ce lo meritavamo, sono convinta che se continuiamo a lavorare così come abbiamo lavorato in questo mese di stop, riusciremo ad ottenere quello che vogliamo ».

Camilla Mingardi (Unet e-Work Busto Arsizio)- « Oggi faccio i complimenti a tutta la squadra e in particolare a Jovana Stevanovic che è stata veramente super determinante e avrebbe anche lei meritato il titolo di MVP. Una gara  difficile per noi, era dura mettere giù la palla, loro hanno giocato con il coltello tra i denti. Abbiamo messo il carattere che ci voleva per trovare i tre punti ».

IL TABELLINO-

BARTOCCINI-FORTINFISSI PERUGIA – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 1-3 (25-19 21-25 18-25 23-25)

BARTOCCINI-FORTINFISSI PERUGIA: Havelkova 15, Melandri 12, Diop 12, Guerra 19, Bauer 12, Bongaerts 3, Sirressi (L), Melli 1, Provaroni. Non entrate: Nwakalor, Scarabottini, Masciullo, Rumori (L). All. Cristofani.

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Bosetti 6, Stevanovic 19, Poulter 2, Gray 24, Olivotto 8, Mingardi 20, Zannoni (L), Bressan, Monza, Battista. Non entrate: Herrera Blanco, Ungureanu (L), Colombo. All. Musso.

ARBITRI: Mattei-Merli

NOTE – Spettatori: 300, Durata set: 26′, 28′, 25′, 30′; Tot: 109′.

MVP: Camilla Mingardi (Unet e-Work Busto Arsizio)

DELTA DESPAR TRENTINO – IL BISONTE FIRENZE-

Il Bisonte Firenze torna a giocare dopo un mese e mezzo (l’ultima gara di campionato disputata risaliva al 5/12/21 a Monza) e, oltre le difficoltà, si impone con carattere sul campo della Delta Despar Trentino (1-3) che era reduce dall’ottima prestazione di Domenica scorsa a Cuneo (3-2).

Coach Bertini parte con Raskie in regia e Piani in diagonale, Berti e Furlan al centro, Nizetich e Rivero in banda e Moro libero.

Massimo Bellano risponde con Cambi in regia, Nwakalor opposto, Knollema e Enweonwu in banda, Sylves e Beliën al centro e Van Panetoni libero.

Avvio a braccetto delle due formazioni, muro di Sylves (3-5). Ottima diagonale stretta di Knollema (6-9). Super spike in parallela di Nwakalor, ace di Sylves (10-14).                           +6 Firenze con Belien vincente in fast, muro di Sylves (13-20) e secondo time out tecnico di Bertini. Bellissimo anticipo di Cambi, mani out di Knollema (15-21). Finale aggressivo per le bisontine: murone di Nwakalor, primo tempo di Sylves che regala il set point poi, chiude Enweonwu in attacco (16-25).

Partenza a rilento nella seconda frazione di gioco ed è la formazione di casa ad aggredire (4-0), dopo il time out di Bellano è Beliën ad accorciare con la fast che vale il -3. Le gialloblu alzano il ritmo, migliorando decisamente nei fondamentali di muro-difesa (9-4). Pronta risposta delle bisontine: Enweonwu in attacco, ace di Sylves e muro di Belien su Furlan (9-8) e Bertini ferma le sue. Trento aggressivo anche dai nove metri è nuovamente in vantaggio di quattro lunghezze, Beliën accorcia ancora su base fast. Ace gialloblu (17-13), Nwakalor scarica la bomba del -2 ma Piani prima e Furlan poi rispondono prontamente (19-15) e Bellano richiama la squadra. Cambi opta per la pipe di Enweonwu, che va a segno. Furlan trascinatrice sul finale sia a muro che in attacco (23-19). Dentro Lapini su Sylves al servizio. Piani regala il set point (24-19) ma poi è il Bisonte show. Belien prima e Knollema poi vincenti a muro (24-22) e ferma il gioco Bertini. Knollema inarrestabile super spike e monster block (24-24). Il finale di set è un susseguirsi di errori sia al servizio che in attacco, poi sul 27-27 Nwakalor e Enweonwu sono determinanti (27-29).

Nella terza frazione di gioco le ragazze di Bertini spingono forte dai nove metri mettendo in seria difficoltà la ricezione di Firenze (10-4) e Bellano ferma il gioco cercando di far ritrovare fiducia alle sue. Migliora la ricezione ma le padrone di casa sono molto presenti anche a muro facendo della fase break l’arma vincente (18-9). Bellano tenta di spezzare il ritmo inserendo Bonciani su Cambi e Lapini su Knollema ma non cambia l’inerzia del set dominato dalla squadra di casa che trascinata dalle ottime Nizetich e Piani chiude in agilità (25-11).

Buona partenza delle bisontine aggressive in fase offensiva con Nwakalor e Sylves (2-5), accorciano le gialloblu con la capitana Nizetich (4-6). Pipe vincente di Nwakalor (6-8). Accorcia Trentino Rosa fermando prima Sylves a muro e trovando poi l’ace che vale il -1. Mani out di Knollema, poi Nwakalor (8-12) e time out discrezionale per Bertini. Diagonale stretta di Nwakalor (11-14). Cambi di seconda intenzione (12-16) e secondo time out di Bertini. Beliën in fast, ace di Enweonwu (13-18). Super pipe di Nwakalor (15-19) che mantiene il +4 chiudendo anche l’attacco del turno successivo. Primo tempo di Sylves (17-21). Nwakalor passa da zona 2 (19-23), Beliën regala il primo match point a Firenze mettendo a segno una bella fast (20-24), annulla Rivero prima in attacco e poi al servizio (22-24). Bellano spezza il ritmo e suona la carica con il secondo time out discrezionale. Errore di Trento e Cambi e compagne chiudono set e partita (22-25).

I PROTAGONISTI- 

Matteo Bertini (Allenatore Delta Despar Trentino)- « Abbiamo accusato troppi alti e bassi nel corso della partita, la battuta si è rivelata l’ago della bilancia: molto efficace in alcuni frangenti, troppo fallosa in altri momenti. Nel secondo set non abbiamo saputo sfruttare un’occasione importante e contro avversarie di questo livello poi si paga a caro prezzo. Nel quarto parziale abbiamo commesso tanti piccoli errori, dunque dovremo lavorare soprattutto sulla precisione e sulla continuità ».

Massimo Bellano (Il Bisonte Firenze)- « Una vittoria davvero bella e importante per come è maturata e per il periodo da cui veniamo fuori. Nel primo set abbiamo giocato davvero con una grande qualità interpretando bene la partita. Nel secondo set siamo partiti non benissimo, ma poi dalla metà abbiamo ritrovato ordine a muro ed in difesa alzando le percentuali in contrattacco e coronando una rimonta importante che ci ha portato sul 2-0. Nel terzo peccato solo per il turno al servizio di Nizetich sulla nostra P1 che ha creato un divario tra noi e loro che non siamo poi riusciti a colmare nel corso del set. Nel quarto siamo ripartiti bene e abbiamo tenuto un livello di cambio palla importante e forse inaspettato per il poco tempo che abbiamo avuto per provare il sestetto; il tutto unito a qualche muro e ad un paio di difese importanti che ci hanno regalato i break. Siamo riusciti a portare a casa una vittoria che deve servire a darci convinzione sulla qualità del gruppo che rimane comunque alta e del fatto che lavorando bene la nostra stagione può continuare sullo stesso percorso che abbiamo avuto finora ».

 IL TABELLINO-

DELTA DESPAR TRENTINO – IL BISONTE FIRENZE 1-3 (16-25 27-29 25-11 22-25)

DELTA DESPAR TRENTINO: Rivero 12, Furlan 10, Piani 17, Nizetich 21, Berti 3, Raskie 3, Moro (L), Mason 2, Quiligotti (L), Botarelli, Stocco. Non entrate: Rucli. All. Bertini.

IL BISONTE FIRENZE: Enweonwu 13, Belien 10, Cambi 2, Knollema 9, Sylves 7, Nwakalor 26, Panetoni (L), Lapini, Bonciani. Non entrate: Graziani, Diagne, Van Gestel, Golfieri (L). All. Bellano.

ARBITRI: Pozzato-Lot

NOTE – Spettatori: 250, Durata set: 22′, 34′, 4′, 25′; Tot: 85′.

MVP: Sylvia Nwakalor (Il Bisonte Firenze)

VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE – ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB-

L’Acqua & Sapone Roma Volley Club torna a sorridere, mettendo a segno una splendida vittoria ai danni della Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore (2-3 25-22; 29-31; 25-18; 19-25; 9-15). Sul campo del Pala Radi di Cremona, la squadra di coach Stefano Saja parte e termina contratta nel primo set, lotta fino ai vantaggi nel secondo, cede prima del dovuto nel terzo per poi esprimere la sua migliore pallavolo nel quarto e nel quinto mandando fuori giri la formazione di coach Volpini e intascando punti fondamentali per l’obiettivo stagionale. Protagonista assoluta e indiscussa dell’intenso match, la capitana Lena Stigrot, nominata MVP con ben 38 punti messi a segno, seguita dalle ottime prestazioni di Decortes e Trnkova autrici entrambe di 14 punti. Tra le file di Casalmaggiore, la migliore realizzatrice è stata la schiacciatrice Braga (26 punti).

La squadra giallorossa festeggia il meritato successo e si prepara a tornare al lavoro e preparare il delicato scontro con la Bartoccini Fortinfissi Perugia in programma domenica 30 gennaio al Palazzo dello Sport di Roma.

Primo set- Coach Volpini inizia con lo starting six composto da Bechis palleggiatrice, Malual opposto, Braga e Shcherban in banda, Zambelli e Guidi centrali, libero Carocci. Risponde Saja schierando nella diagonale principale Bugg e Klimets, Stigrot e Rabadzhieva schiacciatrici, al centro Rebora e Cecconello, Venturi è il libero.

L’avvio di set è equilibrato con le due formazioni che si alternano sul tabellone: sul 3-3, sono dell’opposta Klimets i primi due i punti messi a referto. Malual, collega nel ruolo, le risponde a tono ed è con Braga che Casalmaggiore riconferma ancora la parità (6-6). Fino al sorpasso sul 15-12 che costringe coach Saja a fermare il gioco. Una volta in campo, le padrone di casa scappano sul +7 (20-13). Roma prova a riaprire la contesa con il turno al servizio di Trnkova, ma Bechis e compagne contengono la reazione giallorossa (23-20) fino alla sbracciata di Shcherban che chiude il primo set sul 25-22.

Secondo set- Cambiano le interpreti in campo per Roma con Decortes su Klimets. Come nel set precedente, le due contendenti procedono appaiate con scambi di alta qualità tecnica (7-7) fino a quando nel primo scambio prolungato del secondo parziale è Decortes a sbloccare le sue (8-9). Stigrot rincara la dose, prima a muro e poi in pipe (10-12). Casalmaggiore è sempre lì fino al riaggancio (14-14), ma è ancora l’opposta capitolina a costituire il maggior pensiero per le avversarie (14-17). Shcherban trova un angolo difficilissimo e porta al largo tutto il sestetto, riaccorciando le distanze (16-18). Qualche passaggio a vuoto nella metà campo giallorossa concede spazio alle padrone di casa che con Ferrara sugli scudi ribalta l’inerzia nel finale di set fino ai vantaggi. Le due squadre battagliano fino al 28-30 firmato dalla coppia Stigrot-Trnkova a muro sulla fast di Zambelli che consegnano a Roma il secondo parziale.

Terzo set- Casalmaggiore prende subito spazio con Malual dai nove metri (4-2). È la capitana Stigrot a guidare le sue, da prima e seconda linea, fino al 7-5: tuttavia non basta a frenare la rincorsa delle lombarde che scappano sul tabellone fino al +5 (17-12). All’ottimo lavoro fatto in difesa dai liberi di Casalmaggiore si aggiungono le prestazioni di Malual e Shcherban che, insieme, diluiscono il vantaggio (20-13). Entrano per Roma Arciprete e l’opposta Klimets, ma la musica non cambia: è con Malual da fondo campo che le padrone di casa si prendono anche il terzo set (25-18).

Quarto set- Cambia il sestetto di partenza con Pamio su Rabadzhieva, ma resta ancora invariato l’equilibrio iniziale (5-5). Le difese di Venturi e le sbracciate di Decortes concedono qualche margine di vantaggio sulle avversarie (10-13) che però non danno mai l’impressione di allentare la presa. Bugg si affida al braccio caldo di Trnkova che dal centro dimostra di voler portare la contesa al tie-break, la segue tutto il sestetto che si porta con determinazione sul +7 (16-23). Casalmaggiore cede lentamente e le Wolves ne approfittano ancora con Trnkova che spedisce il match al tie-break (19-25).

Quinto set- Si parte subito con Roma guidata da una super Stigrot (3-5). La vera spina nel fianco delle capitoline è Braga che trasforma in punto ogni alzata della sua regista (5-6). La risposta delle lombarde non intimidisce però Stigrot e compagne: le Wolves non sbagliano nulla in difesa, ricostruzione e attacco e volano fino al raddoppio sul +6 (6-12). Casalmaggiore commette qualche errore di troppo e la gara procede a senso unico con Roma al comando: è la capitana Stigrot che mette l’ultimo (9-15), valido per la vittoria del quinto set e dell’anticipo della terza giornata di ritorno.

I PROTAGONISTI-

Luna Carocci ( Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore)- « C’è rammarico perchè, per come era partita la gara sarebbe stato meglio non arrivare al quinto set. Peccato perchè siamo calate sia nel quarto che nel quinto, si si è ricominciato a vedere qualcosa di meglio rispetto a fine 2021 e alla gara contro Novara, ma dobbiamo sicuramente dare di più tutte insieme…dobbiamo ripartire da quelle cose buone ma sicuramente dobbiamo stare tutte più attente a tutto ».

Lena Stigrot (Acqua & Sapone Roma Volley Club)- « Sono molto orgogliosa della mia squadra, ciascuna di noi ha giocato veramente bene oggi arrivando a vincere una partita che per noi era fondamentale. È stato fantastico e portiamo a casa punti importantissimi per il nostro percorso. Sono esausta, ma anche tanto felice per tutto questo ».

IL TABELLINO-

VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE – ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB 2-3 (25-22 29-31 25-18 19-25 9-15)

VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE: Braga 26, Zambelli 7, Bechis 2, Shcherban 23, Guidi 8, Malual 18, Carocci (L), Szucs, Ferrara (L), Mangani. Non entrate: White, Davoli, Di Maulo. All. Volpini.

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB: Stigrot 38, Cecconello 11, Klimets 2, Rabadzhieva 3, Rebora 1, Bugg 3, Venturi (L), Decortes 14, Trnkova 14, Pamio, Arciprete. Non entrate: Bucci (L), Avenia. All. Saja.

ARBITRI: Braico-Goitre

NOTE – Spettatori: 928,

Durata set: 29′, 33′, 24′, 24′, 16′; Tot: 126′.

MVP: Lena Stigrot (Acqua&Sapone Roma)

LA CLASSIFICA-

Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano 34; Savino Del Bene Scandicci 32; Unet E-Work Busto Arsizio 32; Igor Gorgonzola Novara 31; Vero Volley Monza 31; Reale Mutua Fenera Chieri 22; Il Bisonte Firenze 20; Bosca S.Bernardo Cuneo 18; Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore 13; Acqua & Sapone Roma Volley Club 10; Delta Despar Trentino 10; Volley Bergamo 1991 9; Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia 9; Bartoccini-Fortinfissi Perugia 8.



Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti