Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Altri Sport

Vedi Tutte
Altri Sport

La nuova vita di Tim Wiese, da portiere a wrestler

La nuova vita di Tim Wiese, da portiere a wrestler
© EPA

L'ex portiere di Werder e nazionale tedesca ha fatto il suo debutto come wrestler davanti a 7mila persone con il nickname 'The Machine'

 

venerdì 4 novembre 2016 19:01

ROMA - Dalla porta del Werder Brema e della nazionale tedesca (6 presenze e la partecipazione ai Mondiali di Sudafrica 2010) al ring per diventare 'The Machine' e cominciare con una vittoria la sua nuova carriera. È la storia di Tim Wiese, 35 anni a dicembre, che dopo l'addio al calcio con la rescissione del contratto che lo legava all'Hoffenheim ha deciso di dedicarsi al wrestling (dopo una breve esperienza nel body building) per diventare un atleta top anche nella sua nuova disciplina. Così dopo un lungo periodo di allenamenti che lo ha portato fino in Florida, e dopo essersi dato un 'nickname' come ogni wrestler che si rispetti, diventando appunto 'The Machine', Wiese ha esordito a Monaco di Baviera nella WWE, la più importante federazione di wrestling. Ad incitarlo c'erano settemila persone, e molte di più lo hanno seguito dagli schermi televisivi. La sua è stata una vittoria lampo (33 secondi) in un 'tre conto tre' che non c'entra niente con il basket e si è concluso con il successo del trio formato appunto da 'The Machine' e da Cesaro e Sheamus, opposti a Primo, Epico e Bo Dallas. A chiudere il match con un Big Splash, ovvero un tuffo sull'avversario steso a terra, è stato proprio l'ex estremo difensore della nazionale tedesca, la cui impresa ha mandato in delirio gli spettatori presenti. «Nel calcio sono arrivato fino alla nazionale - ha poi detto Wiese - e adesso anche nel wrestling voglio essere ambizioso e pormi traguardi importanti». Ad incitarlo ieri c'erano alcuni Vip tedeschi, e anche il ct del 'National Mannschaft' Joachim Loew gli ha promesso che prima o poi andrà a vederlo. Intanto Wiese non vede l'ora di tornare sul ring: la vita per lui è una lotta, non a caso quando era calciatore era considerato il 'bad boy' della Bundesliga.

Articoli correlati

Commenti