Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Bocce

Vedi Tutte
Bocce

Tricolori juniores raffa, battesimo per le nuove specialità

Tricolori juniores raffa, battesimo per le nuove specialità

Si sono conclusi con una grande successo i campionati under 15 e under 18 della raffa. Entusiasmo per le nuove specialità del tiro e di combinato

 

lunedì 5 settembre 2016 11:22

Il primo record dell’edizione 2016 è stato quello di aver assegnato 15 titoli anziché i “soliti” 7 delle categorie juniores. Gli altri (record) sono due volte 27, 31 e 24, ovvero i punteggi conseguiti nelle varie prove di categoria del Tiro di Precisione, per la prima volta nei Campionati italiani juniores (nella foto tutti i campioni). I primi record italiani ufficiali, per la precisione. Nuove poi sono state anche le prove del cosiddetto Combinato. Strizzando un po’ l’occhio agli amici del volo in entrambi i casi, ma senza diluire le peculiarità della raffa. Per i dettagli dei punteggi e dei turni eliminatori, consultare le pagine dedicate all’interno dell’evento di questo sito. E poi ci sono stati ovviamente tutti i consueti allori nazionali per il gioco tradizionale: individuale, coppia e terna. Risultato, una tre giorni di gare intensa, in alcuni momenti forse anche troppo, da gestire con una macchina federale (intesa come gestionale ma anche arbitrale, eccetera) che ha dovuto sopportare di fatto un lavoro realmente raddoppiato. L’inizio è stato senza nascondersi “duro”, poi si è andati gradualmente migliorando sino a concludere in un piccolo crescendo con il passare del tempo. Diversi aspetti delle nuove specialità (partecipazione, gestione e così via) sono ovviamente da registrare e migliorare, sarebbe stato impossibile del resto diversamente, ma i presupposti possono ritenersi tutto sommato abbastanza interessanti. Anche sentendo un po’ in giro. E alla fine i titoli, cosa più importante, indubbiamente meritati, sono arrivati. Scendiamo dunque ma non più di tanto, per non occupare più spazio di quanto umanamente sopportabile, nel dettaglio, passando per alcune considerazioni statistiche e non solo.

Nella categoria Under 18 maschile recita un ruolo da protagonista principale se non assoluta, la Toscana. Non che sia una novità completa ma non so se l’accoppiata terna e individuale nella stessa edizione sia mai stata messa a segno prima da questa regione. Verificheremo, intanto super-complimenti. Niko Bassi nel singolar tenzone era potenzialmente preventivabile, la terna Matteo Franci, Jean Paul Pacini e Andrea Lascialfari forse meno, ma tant’è e gloria a loro. La coppia di categoria va poi a una delle consuete patrie e star del movimento delle bocce sintetiche nostrane, ovvero le Marche. Andrea Sperati e Fabio Battistini erano di certo un’altra delle formazioni papabili sin dall’inizio. Negli Under 15 maschile invece… lo stesso. Doppia vittoria di Macerata (pertanto ancora Marche) con l’individuale conquistata da Alex Rapari, finale assai densa di situazioni emozionali altalenanti culminata con la vittoria al terzo set, per lui, e la coppia di Leonardo Cannella e Vittorio Marcaccio. Nelle due individuali femminili under 18 e 15, sembra quasi un gioco ma… idem con patate. Nella prima è infatti Chiara Gasperini a superare la sua amica Flavia Morelli, in una finale interna alla Lucrezia di Pesaro Urbino, nella seconda trionfa ancora una volta al terzo set Kety Crescenzi di Ascoli Piceno. E il bottino marchigiano non si ferma qui, ma procediamo per gradi. Nei giochi alternativi, novità assoluta di questa edizione, qualche altra analisi di primissimo impatto salta agli occhi. Per esempio, il tiro di precisione under 18, under 15 e il combinato u18 maschile parlano inequivocabilmente campano. A salire rispettivamente sul gradino più in alto sono Luigi Iannone (suo il record a 24), Emanuele Mallardo (il record a 31 è però di Alessio Rovelli, Lombardia) e Pasquale Napolitano. Nel tripudio di allori campani resta fuori soltanto, si fa per dire, il combinato under 15 maschile che conquista un lombardo, Lorenzo Porcellati. Lombardia che fa il tris poi con il successo nel Tiro di precisione femminile under 18, grazie alla bella prova di Annalisa Bosisio (il suo 27 è record italiano), e il combinato u15 portato a casa da Francesca Dragani. Il resto è di nuovo Marche, con Giulia Gazzoli che vince il combinato femminile under 18 e Rosita Porcelli del Lazio, che fa invece suo il tiro di precisione under 15 (record fissato a 27 da Elisabetta Nardella, Marche). Anche a scrivere solamente i vincitori, senza raccontare le storie e i momenti più intensi a vario titolo di campionati come questi, evitando di scrivere i secondi che tanto scarsi non devono essere stati per essere arrivati alla finale, sembra (ed è) davvero tanta roba, non credete?

CAMPIONATI ITALIANI JUNIORES MASCHILI E FEMMINILI RAFFA 2016

Classifiche

Individuale U18 maschile – 1° Niko Bassi (Pistoia), 2° Luca Guaraldi (Ferrara), 3° Francesco Iafrate (Frosinone), 4° Lorenzo Molè (Crotone).

Coppia U18 maschile – 1° Andrea Sperati-Fabio Battistini (Pesaro Urbino), 2° Daniele Di Bartolomeo-Elia Di Bernardo Gagliardi (Roma), 3° Giacomo Rambotti-Daniel Scavoni (Brescia Centro), 4° Francesco De Vincenzo-Lorenzo De Vincenzo (Frosinone).

Terna U18 maschile – 1° Matteo Franci-Jean Paul Pacini-Andrea Lascialfari (Firenze), 2° Kevin Maugeri-Emanuele Rea-Matteo Galli (Frosinone), 3° Alessandro Esposito-Nicola Pignataro-Giuseppe Rispoli (Salerno), 4° Fabrizio Alastra-Fabio Serra-Nicolas Mereu (Cagliari).

Tiro di Precisione maschile U18 – 1° Luigi Iannone (Campania), 2° Ivan Dell’Acqua (Lombardia), 3° Alessandro Sazio (Puglia), 4° Michele Mignani (Marche).

Combinato U18 maschile – 1° Pasquale Napolitano (Napoli), 2° Francesco Stabile (Lecce), 3° Giovanni Biagioli (Macerata), 4° Marco Venturi (Bologna).

Individuale U15 maschile – 1° Alex Rapari (Macerata), 2° Lorenzo Sardo (Latina), 3° Alex Incerti (Reggio Emilia), 4° Matteo Longobucco (Cosenza).

Coppia U15 maschile – 1° Leonardo Cannella-Vittorio Marcaccio (Macerata), 2° Nicolas Testa-Cristiano Manzoni (Crema), 3° Davide Lorenzini-Alessandro Sercia (Bologna), 4° Simone Catucci-Christian Martella (Teramo).

Tiro di Precisione U15 maschile – 1° Emanuele Mallardo (Campania), 2° Alessio Rovelli (Lombardia), 3° Matteo Recchia (Lazio), 4° Leonardo Piergentili (Marche).

Combinato U15 maschile – 1° Lorenzo Porcellati (Monza Brianza), 2° Tommaso Foggi (Firenze), 3° Nicolò Lambertini (Bologna), 4° Francesco Casazza (Rieti).

Individuale U18 femminile – 1° Chiara Gasperini (Pesaro Urbino), 2° Flavia Morelli (Pesaro Urbino), 3° Sara Pascucci (Macerata)

Combinato U18 femminile – 1° Giulia Gazzoli (Ascoli Piceno), 2° Clara Sartori (Bergamo).

Tiro di Precisione U18 femminile – 1° Annalisa Bosisio (Lombardia), 2° Irene Albieri (Marche).

Individuale U15 femminile – 1° Kety Crescenzi (Ascoli Piceno), 2° Ilaria Taccucci (Perugia), 3° Laura Picchio (Perugia), 4° Caterina Motta (Lecco).

Combinato U15 femminile – 1° Francesca Dragani (Legnano), 2° Francesca Cannella (Ascoli Piceno), 3° Silvia Cimini (Latina), 4° Federica Neri (Reggio Calabria).

Tiro di Precisione U15 femminile – Rosita Porcelli (Lazio), 2° Elisabetta Nardella (Marche), 3° Lorenza Pannella (Calabria), 4° Erika Rodolfi (Lombardia).

GARA INTERNAZIONALE RAFFA

10° Pallino d’oro – Olimpia (Treviso) – Direttore Francesco La Mura di Napoli – 64 individualisti di categoria A – Classifica: 1° Giuseppe D’Alterio (Alto Verbano, Varese), 2° Giovanni Scicchitano (Villafranca, Verona), 3° Giuseppe Pappacena (Monastier, Treviso), 4° Silvano Lorenzi (Familiare Tagliuno, Bergamo), 5° Gianluca Monaldi (Montegridolfo, Rimini), 6° Luca Viscusi (Caccialanza P., Milano), 7° Davide Truzzi (Rubierese, Reggio Emilia), 8° Mirko Savoretti (Virtus L’Aquila, L’Aquila). Punteggio della finale: 12-6.

GARE NAZIONALI RAFFA

13° Trofeo del Presidente – Tranquillo (Cremona) – Direttore Gianbattista Esposito di Bergamo – 64 terna di categoria A – Classifica: 1° Alberto Selogna-Luca Brandoli-Sovente Losi (C.S. Tricolore, Reggio Emilia), 2° Roberto Manghi-Alfredo Marazzi-Luca Sprega (Fontanella, Piacenza), 3° Lorenzo Persico-Maurizio Signorini-Giovanni Travellini (EU Sersar Brescia Bocce, Brescia Centro), 4° Roberto Antonini-Christian Andreani-Enrico Addonizio (Alto Verbano, Varese), 5° Stefano Guerrini-Mattia Visconti-Andrea Zagheno (Achille Grandi, Crema), 6° Enrico Cambieri-Walter Crespi-Gabriele Longo (Nuova Paolo Colombo, Milano), 7° Enzo Gabriele Varè-Luca Bonifacci-Mirko Fasoli (Tritium Bocce, Bergamo), 8° Filippo Celardo-Alessandro Clementi-Pierino Zinetti (Astra, Cremona). Punteggio della finale: 12-3.

Ricordando l’amico Fernando – Poggio Morello (Teramo) – Direttore Luigi Emiliani di Macerata – 160 individualisti di categoria A-B – Classifica: 1° Giuliano Di Nicola (Boville, Roma), 2° Manuel Peperini (Atriana, Teramo), 3° Marco Di nicola (Pinetese, Teramo), 4° Adorno Luciani (Comunanza, Ascoli Piceno), 5° Gianluca Formicone (Virtus L’Aquila, L’Aquila), 6° Martino Mariani (Pinetese, Teramo), 7° Nevio Taralli (Moscianese, Teramo), 8° Giovanni Rocchetti (Città di Campli, Teramo). Punteggio della finale: 12-6.

CAMPIONATI ITALIANI VOLO

Nella trentina Riva del Garda, dove ha diretto l'arbitro Pasin, è stato Enrico Barbero della Ferriera a cogliere il titolo di combinato della massima categoria. In finale ha superato Davide Sari della Noventa. Medaglie di bronzo per i due atleti della Brb, Simone Mana e Fabrizio Deregibus. Nel concomitante campionato italiano di combinato al femminile, ha svettato Serena Traversa della Zerbion. Battuta nel match decisivo Valentina Basei della Florida. Sul terzo gradino Caterina Venturini della Buttrio e Liliana Michelon della Lagarina.

Assegnati anche tre titoli di società. Quello di Prima Categoria se lo è aggiudicato la cuneese Mondovì che ha messo in fila la torinese San Candido, la toscana Fossone e la torinese Granda Nord. Si è giocato a Riva Trigoso sui campi della Rivana. In Seconda Categoria (organizzazione Noventa di Piave) ha prevalso la torinese San Candido superando in finale (9-1) la genovese Corzetto Camogli. Bronzi per Noventa e Pozzo Strada. Ancora un club di Torino sul gradino più alto, si tratta della Grande Nord che ha colto il titolo di Terza Categoria a Lamezia Terme. Alle sue spalle la genovese Bolzanetese, La Perosina e i padroni di casa della Vibonese.

CAMPIONATI ITALIANI PETANQUE

A indossare le magliette tricolori, nel Campionato italiano a terne femminile 2016, sono state le portacolori della Scogliera di Genova Pegli Danila Sacco, Laura Cardo e Serena Sacco, che in finale hanno battuto 13 a 9 le imperiesi del Pontedassio Carla Belmonte, Maura Arimondo, Silvana Bracco. I bronzi sono andati alle cuneesi Erika Massucco, Roberta Mela, Sara Dedominici della Valle Maira e Lucia Gerbotto, Maria Grazia Esposito, Monica Occelli.
Nella Coppa Italia Giovanile, giunta alla sua 10a edizione, sul gradino più alto del podio è salito il Comitato provinciale di Cuneo con Andrea Chiapello, Andrea Damiano, Christian Musso, Guido Rinaudo, Luca Bornia e Nicolas Rei agli ordini dell’Istruttore Barbero Pietro. Secondo classificato il Comitato provinciale di Imperia, capitanato da Sergio Rattenni, con Andrea Schembri, Antony Iamundo, Claudia Danio, Luca Punturiero, Mirko Mantello, Pietro Pororrozzi e Sara Peretto. Terzi classificati il Comitato di Genova con Davide Addario, Federico Guido, Federico Palestina, Giacomo De Lorenzi, Jacopo Gardella, Pietro Rivarola e Sara Ferrera (diesse Antonio Satta) e quello di Torino con Alberto Macario Gionas, Cristian Jaboni, Matteo Canta, Nicolò De Petris, Paolo Cravero e Stefano Aliverti (citì Franco Remondino).
Sui campi della Muller di Bordighera, nella gara internazionale a coppie, ad alzare il 1° Trofeo Aldo Valzania sono stati i ventimigliesi Diego Rizzo e Donato Goffredo della Biarese di Cuneo che hanno battuto per 13 a 0 i portacolori dell’ABG Genova Alessio Cocciolo e Silvio Squarciafichi. Sul gradino più basso del podio Antonio Napolitano e Fernand Rivier sconfitti dai vincitori 13 a 12 e Fabrizio Gullace e Riccardo Capaccioni del Dlf Ventimiglia.

Articoli correlati

Commenti