Eurolega

Vedi Tutte
Eurolega

Eurolega, Milano sfida il Bamberg senza Goudelock

Eurolega, Milano sfida il Bamberg senza Goudelock
© LaPresse

Domani alle 20.45 i biancorossi tornano in campo per il secondo appuntamento europeo settimanale

 

giovedì 16 novembre 2017 18:26

ROMA - Neanche il tempo di metabolizzare la trasferta vincente a Valencia che l'Armani Exchange Milano è costretta subito a tornare in campo in Eurolega: domani sera alle 20.45, infatti, al Forum i biancorossi affrontano il Bamberg degli ex Trinchieri, Radosevic e Hickman che però non potranno far affidamento su Daniel Hackett, altro giocatore ad aver vestito in passato la maglia dell'Olimpia con cui ha vinto anche uno scudetto. I teutonici, che si presentano all'appuntamento dopo aver conquistato in coppa quattro vittorie nelle ultime cinque gare, sono sicuramente un avversario da non sottovalutare per l'Armani Exchange che tra l'altro non avrà a disposizione Andrew Goudelock, uscito anzitempo nella gara di Valencia per infortunio. 

ASSETTO DIVERSO - A rendere ancor più difficile il tutto per i padroni di casa ci sono anche i due supplementari disputati ieri che rendono ovviamente il recupero fisico più complicato anche perché i due impegni di coppa sono molto ravvicinati. Coach Pianigiani però non vuol sentire alibi e chiede alla squadra un'altra grande prova di sacrificio difensivo contro una squadra in ottima forma e in grado di mettere in dfficoltà chiunque: «E’ una partita difficile da leggere: è sempre così quando giochi dopo 48 ore dalla gara precedente ma lo è di più perché dovremo avere un assetto ancora diverso, cercando in queste ore di preparare qualcosa che sia funzionale vista l’assenza di Goudelock e i dubbi relativi alla disponibilità di Bertans».  spiega Pianigiani. «Il Bamberg - prosegue il coach biancorosso -  è ben organizzato e gioca con fiducia dopo aver rimontato da -26 con il Barcellona, segno di una precisa identità e di grande spirito. Dovremo partire dalla base che ci ha permesso di rimontare a Valencia, dalla difesa dell’ultimo quarto e dalla voglia di fare qualcosa di importante in casa come abbiamo fatto con il Barcellona. Dobbiamo trovare energie, risorse e chimica di squadra anche nelle difficoltà che ci accompagnano per disputare una partita notevole davanti alla nostra gente».

Articoli correlati

Commenti