Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Mondo Basket

Vedi Tutte
Mondo Basket

Champions League, Sassari e Venezia inseguono la F4

Champions League, Sassari e Venezia inseguono la F4
© CIAMILLO

In gara2 dei quarti, Venezia deve recuperare il -3 di Pinar mentre la Dinamo è costretta all'impresa dopo il -11 rimediato a Monaco.

 

mercoledì 29 marzo 2017 00:03

ROMA - In Champions League servono due imprese a Sassari e Venezia per approdare alla Final Four. Sassari deve ribaltare il -11 rimediato in Turchia, a Pinar, mentre l’Umana è chiamata a recuperare il -3 accusato a Monaco. RaiSport trasmetterà le partita in diretta contemporanea, con inizio alle 20.30.

 

VENEZIA - Dopo il colpo esterno in casa di Caserta, la Reyer è pronta anche se l’influenza intestinale di Haynes ha un po’ complicato i piani di coach De Raffaele: «Dovremo superare i nostri limiti, ci aspetta una partita durissima. E’ una sfida che dobbiamo affrontare con gioia perché siamo già andati al di la delle nostre aspettative. Mi aspetto 40 minuti con tanta tensione, la delicatezza della partita ci farà sbagliare qualche scelta ma stavolta giochiamo in casa e il nostro pubblico certamente saprà darci una mano». La Reyer ha chiamato a raccolta i propri tifosi e invitato tutti a vestirsi di granata per colorare il Taliercio.

 

DINAMO - A Sassari invece serve l’impresa col Monaco, la Dinamo è chiamata a recuperare 11 punti di svantaggio. Così coach Pasquini. «E’ una partita che ci riempie di orgoglio, giocare queste sfide è ciò che dà valore al nostro lavoro. Si lavora per arrivare a match come questi e noi abbiamo lavorato 7 mesi per giocarci la qualificazione alla Final Four. Mi immagino una situazione di energia, elettricità, dove sono convinto che col pubblico del PalaSerradimigni, si creerà un’atmosfera particolare. Sarà importante non pretendere tutto subito, perché se ti fai prendere dalla fretta vai in ansia e non giochi la tua pallacanestro. Bisognerà cogliere l’attimo, come fanno i pugili che attendono il momento in cui l’avversario cede per buttarlo giù. Dovremo fare la nostra partita e ragionare su quello che sarà il momento favorevole, consapevoli che giochiamo contro una squadra dal grande atletismo, fisicità e presenza».

Articoli correlati

Commenti