Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Mediapro: «Venderemo i diritti tv. Non c'è solo Sky»

Mediapro: «Venderemo i diritti tv. Non c'è solo Sky»
© ANSA

Il socio di Mediapro, Jaume Roures: «Non ci sono le basi per la sospensione del bando. Pagheremo la fideiussione»

 

giovedì 19 aprile 2018 19:54

MILANO - "Al 100% venderemo i diritti". Così il socio di Mediapro, Jaume Roures, in un'intervista all'ANSA, dopo aver tranquillizzato i club di Serie A alla luce della sospensione del bando ottenuta da Sky: "Sky ha un ruolo importante, ma non c'è solo Sky. Le offerte arriveranno. Mediaset mi ha assicurato, anche dopo l'accordo con Sky, che parteciperà al bando. Nel 2018 ci sono mille modi con cui il calcio può arrivare alla gente. In Spagna Telco e calcio hanno aiutato la digitalizzazione del Paese portando la fibra da 2 a 6 milioni di punti". 

"Io non sono preoccupato, non c'è nessuna base per la sospensione": così il socio di Mediapro sulla sospensione del bando decisa dal Tribunale che ha accolto il ricorso di Sky. "Non sono sorpreso, tutto il mondo sapeva che qualcosa sarebbe successo - dice -. I diritti tv sono nostri, contesteremo il ricorso e spero nel giudizio del Tribunale del 4 maggio. Abbiamo detto che avremmo offerto 1,05 miliardi e lo abbiamo fatto, che avremmo pagato l'anticipo e l'abbiamo fatto. Abbiamo detto che verseremo la fideiussione e lo faremo, entro il 26 aprile". 

SKY OTTIENE LA SOSPENSIONE DEL BANDO

MALAGO' - Il socio di MediaPro Jaume Roures ''ci ha fatto una relazione'' e ''voluto tranquillizzare la Lega sull'intenzione e la volontà di rispettare gli aspetti contrattuali a prescindere dal ricorso di Sky e della sospensiva ordinata dal tribunale di Milano''. Lo dice il presidente del Coni e Commissario della Lega Serie A, Giovanni Malagò, dopo l'assemblea dei club. ''Roures - aggiunge Malagò - ha confermato che la fideiussione verrà presentata il 26 aprile''. Malagò fa poi il punto sull'umore dell'assemblea: ''Data per garantita la parte finanziaria la parola preoccupazione è sbagliata. C'è dispiacere di non potere dire da chi e dove verranno trasmesse le partite del prossimo campionato. Ne prendiamo atto ma non dipende dalla volontà della Lega. Un canale della Lega? Non è possibile''. 

Articoli correlati

Commenti