Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Lo scempio giusto
© Getty Images
Calcio
0

Lo scempio giusto

Leggi l'opinione del Direttore del Corriere dello Sport-Stadio

ROMA - Oggi alle 14 e 30, mentre vi starete godendo le vacanze, si gioca in Malawi la sedicesima giornata di campionato: il calendario del torneo africano a 15 squadre è stato regolarmente diramato mesi fa. In Malawi sì e nel nostro calcio no, non è proprio possibile. A noi il lusso della regolarità, a cominciare dalla tempistica degli appuntamenti, non è più concesso perché, soprattutto ai piani bassi, non funziona un tubo, le grane si moltiplicano di stagione in stagione e di conseguenza ogni cosa risulta rinviabile e puntualmente rinviata: la B, la C, la soluzione dei tanti problemi - addirittura i processi sportivi subiscono ritardi imbarazzanti per favorire una società e fregarne altre (è la politica degli interessi di bottega, bellezza).

Il sistema delle serie inferiori non sta più in piedi da solo, i fallimenti sono all’ordine del giorno, i ripescaggi sono diventati una pratica abituale - e proprio per questo dannosa - e anche se mi spiace doverlo scrivere quando sono direttamente interessati piazze, tifosi e dirigenti che mi stanno a cuore, mi dichiaro tendenzialmente favorevole allo strappo. Non se ne può davvero più, pertanto ogni mezzo è lecito e deve essere ritenuto giusto pur di limitare la vergogna delle cancellazioni riducendo la presenza di società finanziariamente indecenti. In tutti questi anni la Federcalcio - e qui il commissario Fabbricini non c’entra - non è stata capace di controllare gli accessi alle proprietà, o non ha voluto farlo, consentendo così a spiantati, peracottari e morti di fama di governare i destini di società tra le più gloriose portandole in poco tempo alla prevedibilissima rovina.

La strategia adottata dalla Lega di B è evidentemente irregolare, una clamorosa forzatura (spetta infatti al consiglio federale la modifica dei format dei tornei) ma l’obiettivo è legittimo. Dal momento che la Figc non è materialmente in grado di formalizzare la riduzione del numero delle squadre da 22 a 20 (e da 20 a 18 in A) Balata, sostenuto da Lotito e Cellino, ha deciso di rompere: ieri con un comunicato ha annunciato che lunedì diramerà il calendario del campionato a 19 (uno scempio, sia chiaro) scatenando la reazione delle sei candidate al ripescaggio. Una delle quali, la più virtuosa e solida - mi permetto di suggerirlo - potrebbe occupare, appunto per meriti certificati, il ventesimo posto. Se questo è diventato l’unico modo per arrivare al redde rationem noi, pur turandoci il naso, lo sosteniamo apertamente e insieme a noi dovrebbero farlo i tifosi delle 154 società che negli ultimi sedici anni hanno conosciuto l’onta del fallimento.

Fallimento che non ha certamente toccato gli agenti di Luka Modric - e qui salgo di molti piani - i quali per settimane hanno ripetuto all’Inter che voleva cambiare aria trasferendosi a Milano. Luka non ha cambiato aria, ha però aggiunto altro ossigeno al conto corrente. Beh, almeno avremo finito di fare titoli in prima sul croato. Al quale abbiamo inviato l’iban.

Vedi tutte le news di Calcio

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

Sfida Pronostico