Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio Estero

Vedi Tutte
Calcio Estero

Entrò in campo con la pistola: Paok Salonicco, Savvidis sospeso per tre anni

Entrò in campo con la pistola: Paok Salonicco, Savvidis sospeso per tre anni
© AFPS

Il presidente della squadra greca è stato interdetto e multato dalla federazione 

Sullo stesso argomento

 

giovedì 29 marzo 2018 13:12

ROMA - Ivan Savvidis, presidente della squadra di calcio del PAOK Salonicco, è stato sospeso per tre anni dalla federazione calcistica greca. Dopo essere entrato in campo con una pistola nel corso della partita di campionato giocata contro l'AEK Atene lo scorso 11 marzo, non poteva non aspettarsi tali conseguenze, nonostante le scuse: «Non avevo il diritto di entrare in campo in questo modo». La federazione ha inoltre multato l'imprenditore russo (di origini greche) e tolto 3 punti in classifica al sua squadra.

Il PAOK avrebbe ridotto il proprio distacco in classifica dall'AEK Atene a -1. Ma dopo consultazioni e proteste da parte dei giocatori ateniesi, l'arbitro aveva deciso di annullare il gol di Varela per il fuorigioco di un giocatore del PAOK sulla traiettoria del pallone. Iniziano così i disordini: scontri sugli spalti, polizia in campo e partita interrotta. Il giorno seguente il governo greco aveva sospeso il campionato che riprenderà sabato 31 marzo. L'ex parlamentare di Russia Unita — il partito di Vladimir Putin — era entrato in campo assieme ad altri dirigenti del club proprio dopo il gol annullato all'ultimo minuto alla sua squadra, intimando ai giocatori di uscire dal campo per protesta. Per i prossimi tre anni non potrà quindi rappresentare la sua squadra e dovrà lasciare i ruoli dirigenziali. 

Articoli correlati

Commenti