Liga

Vedi Tutte
Liga

Prandelli: «Lotito? I dirigenti italiani dovrebbero farsi un esame di coscienza»

Prandelli: «Lotito? I dirigenti italiani dovrebbero farsi un esame di coscienza»
© EPA

L'allenatore del Valencia: «La Lazio? Lì per lì ci sono rimasto male, ma quando credi che la porta sia chiusa, se ne apre un’altra che ti spalanca un mondo completamente diverso»

Sullo stesso argomento

di Alberto Polverosi

martedì 18 ottobre 2016 12:15

Un altro mondo. «Fatto di famiglie che vanno allo stadio vestite con le maglie del club, tifosi avversari che non insultano, partite dove si gioca a calcio fino alla fine, anche se il risultato è ormai andato. Una meraviglia». Possibile che ogni allenatore italiano che lascia i nostri confini e comincia a lavorare all’estero si senta subito conquistato dal nuovo calcio? Dovremmo pensarci, in Italia. Il mondo di cui parla Cesare Prandelli è quello della Liga, dove è arrivato da un paio di settimane e ha vinto subito, al debutto, per di più in trasferta. Ma non è per questo che racconta con entusiasmo l’ambiente che lo ha accolto. Se allenatori come Ranieri e Ancelotti non hanno la benché minima nostalgia del calcio italiano una ragione deve esserci per forza. Prandelli ha vinto col Valencia, proprio la prima squadra straniera di Ranieri. Due a uno a Gijon contro lo Sporting. Ma è dalla città, dal club e dalla sua struttura che vuole iniziare. «E’ una città da un milione di abitanti, però per spostarsi da una parte all’altra ci metti pochi minuti. Il centro sportivo è a Paterna, quindici chilometri dal centro. E’ come se da Firenze dovessimo andare a Prato, ma senza il traffico dei viali. La struttura è fantastica. Ci sono almeno 15 campi da calcio, c’è un piccolo stadio dove gioca il Valencia B con una tribuna da 5.000 posti a sedere. Il club ha tutto: la tv, la radio, una squadra di fotografi, riprendiamo gli allenamenti dall’alto e li possiamo rivedere subito. I software per le analisi delle partite e dei giocatori sono dell’ultima generazione. E’ davvero eccezionale. E domenica sera è capitata una cosa bellissima, mai vissuta prima. Quando siamo arrivati a Paterna, all’una di notte, col pullman di rientro da Gijon, c’erano tutti i ragazzi delle giovanili ad aspettarci alle finestre delle loro camerette, applaudivano e facevano i cori ai giocatori. Il centro era tutto illuminato. Mi sono emozionato, c’è un senso di appartenenza molto forte». [...]

 

Facciamo un salto in Italia. Scudetto alla Juve?
«Ha già messo la freccia. Roma e Napoli però non molleranno: Spalletti saprà tirare fuori il meglio dalla sua squadra, che è forte in ogni reparto, mentre Sarri dovrà avere fantasia per sostituire Milik, dopo aver sostituito Higuain ».

Dopo la famosa stretta di mano di villa San Sebastiano con “non si deve preoccupare, lei è l’allenatore della Lazio”, ha più sentito Lotito?
«No, mai più».

La considera un’occasione persa?
«Dico che la vita ti sorprende sempre, spesso in una maniera affascinante. Lì per lì ci resti male, pensi: “Ma come, mi ha dato la mano, abbiamo fatto perfino una riunione organizzativa, mi ha detto di non preoccuparmi e poi più niente, silenzio totale”. E quando credi che la porta sia chiusa, se ne apre un’altra che ti spalanca un mondo completamente diverso. Mi viene solo da dire che i dirigenti del calcio italiano dovrebbero farsi un esame di coscienza».

Articoli correlati

Commenti