Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Champions League, Juventus-Porto 1-0: basta il rigore di Dybala

Champions League, Juventus-Porto 1-0: basta il rigore di Dybala
© ANSA

La squadra di Allegri vola ai quarti di finale grazie al gol dell'argentino al 42': decisiva l'espulsione di Maxi Pereira in occasione del penalty assegnato sul tiro di Higuain. Sorteggio a Nyon venerdì prossimo alle 12

Sullo stesso argomento

 

martedì 14 marzo 2017 22:40

TORINO - La Juventus non soffre, controlla e poi punge in chiusura di primo tempo mettendo in archivio la qualificazione. In soli 45' la squadra di Allegri si prende i quarti di finale di Champions League eliminando il Porto grazie al rigore di Paulo Dybala al 42' che fissa l'1-0 finale. Decisiva l'espulsione di Maxi Pereira che per evitare il gol di Gonzalo Higuain devia il pallone con le mani sostituendosi a Iker Casillas e costringendo l'arbitro Ovidiu Hategan ad assegnare il calcio di rigore e inevitabilmente anche il rosso. Un successo netto per la Juve che anche nella sfida di ritorno approfitta della superiorità numerica maturata nel primo tempo, controllando in scioltezza nella ripresa e conquistando la qualificazione tra le magnifiche otto d'Europa.

FOTO, IL FISCHETTO DEL TIFOSO FA IMPAZZIRE I SOCIAL

LE FORMAZIONI - Allegri si affida alla Juve delle grandi occasioni per evitare distrazioni. Benatia confermato in difesa, sulle fasce Dani Alves preferito a Lichtsteiner, a centrocampo spazio Marchisio che torna titolare dopo 3 partite, mentre in attacco Higuain unica punta con Cuadrado-Dybala-Mandzukic pronti a rifornirlo. Dall'altra parte per Espirito Santo coppia d'attacco formata da Soares e André Silva.

Champions League, Juventus-Porto 1-0: basta il rigore di Dybala
© ANSA

RITMI BASSI, POCHE OCCASIONI - La Juve parte subito a mille e con un super Dybala va vicina al vantaggio ma la difesa del Porto si salva. I lampi dell'argentino però bloccano un po' la partita, con la squadra di Allegri che tende ad abbassare i ritmi e gestire lo 0-2 dell'andata mentre i portoghesi faticano tantissimo a contenere il pressing alto degli avversari. Al 23' ci pensa Mandzukic ad impegnare Casillas: perfetto il cross di Cuadrado, tempestivo il colpo di testa del croato ma il portiere spagnolo blocca a terra. Al 38' è ancora Mandzukic a girare di testa ma la palla finisce sul fondo.

JUVENTUS-PORTO 1-0: TABELLINO E STATISTICHE

SBLOCCA DYBALA, PORTO IN 10 - Un minuto dopo però la partita cambia definitivamente: sugli sviluppi di un corner arriva il colpo di testa imperioso di Alex Sandro, fenomenale l'intervento di Casillas ma sul tap-in è lestissimo Higuain che costringe Maxi Pereira alla parata sulla riga di porta. Nessun dubbio per l'arbitro Hategan: calcio di rigore e rosso per il difensore del Porto che esattamente come all'andata rimane in inferiorità numerica già nel primo tempo (in Portogallo per il doppio giallo a Telles). Dal dischetto massima freddezza per Dybala che spiazza Casillas e sfodera la Dybala-Mask.

SOARES VICINO AL PARI - Nella ripresa Allegri inserisce Marko Pjaca al posto di Cuadrado mentre per il Porto spazio a Boly per André Silva. E l'inizio è subito ricco di emozioni: prima Danilo Pereira sfiora l'autogol con un colpo di testa all'indietro (straordinario Casillas), poi Benatia buca in difesa lanciando il contropiede di Soares ma la sua conclusione finisce sul fondo mancando clamorosamente il pareggio. Al 60' la Juve torna a pungere: Mandzukic apre di tacco in maniera sontuosa per Pjaca, stop di petto dell'ex Dinamo Zagabria e diagonale di controbalzo che però termina sul fondo. Allegri intanto cerca di dare maggior sicurezza alla difesa e manda in campo Barzagli per Benatia.

FOTO, JUVENTUS-PORTO: IL FILM DELLA PARTITA

JUVE TRA LE MAGNIFICHE OTTO D'EUROPA - Al 66' tocca a Higuain sfiorare il raddoppio ma il suo diagonale finisce di pochissimo a lato. Il Porto è alle corde e Espirito Santo cambia ancora per dare una scossa alla sua squadra: fuori Brahimi e Torres e dentro Diogo Jota e Otávio. Anche Allegri non rinuncia all'ultimo cambio: è Dybala a lasciar spazio a Rincon per garantire più sostanza al centrocampo. All'81' però Diogo Jota va vicinissimo al pari ma il tocco sotto dall'interno dell'area di rigore è impreciso e finisce sull'esterno della rete. È l'ultimo squillo della gara, la Juve stende il Porto 1-0 e vola ai quarti di finale grazie al rigore di Dybala. In attesa del sorteggio di Nyon (venerdì prossimo alle 12) i bianconeri sono nell'élite del calcio europeo.

Articoli correlati

Commenti