Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Real Madrid-Juventus, parla l'arbitro Oliver: «Commovente il supporto della gente»

Real Madrid-Juventus, parla l'arbitro Oliver: «Commovente il supporto della gente»
© AFPS

Il direttore di gara inglese dopo le polemiche post semifinale di Champions in cui ha assegnato il rigore dell'1-3 agli spagnoli: «Tante persone mi hanno fermato per strada per farmi sentire la loro vicinanza»

Sullo stesso argomento

 

giovedì 26 aprile 2018 16:57

ROMA - Per premiarlo la Football Association lo ha designato per la finale di FA Cup del 19 maggio a Wembley tra Chelsea e Manchester United. Un altro big match per Michael Oliver, il fischietto più "odiato" dagli juventini dopo quel rigore assegnato al 93' di Real Madrid-Juventus e la conseguente espulsione di Buffon. L'arbitro inglese, al quale il capitano della Juve non ha di certo dedicato parole al miele, è tornato a parlare non tanto di quei momenti concitati, quanto dell'affetto ricevuto dalla gente dopo le polemiche che l'hanno visto al centro delle cronache sportive per i giorni successivi. "Ho vissuto giorni strani - racconta Oliver al sito ufficiale della Federcalcio inglese -, ma sono felice che tante persone mi abbiano aiutato e mostrato vicinanza. Ci sono state persone che mi hanno addirittura fermato per strada, mi sono commosso. Addetti ai lavori mi hanno chiamato direttamente per manifestarmi il loro supporto".

Dall'insensibile ai fruttini: ormai si parla come Buffon 

LA FINALE - Oliver, dunque, arbitrerà la finale tra le squadre di Conte e Mourinho. "Una designazione che mi riempie di orgoglio. A inizio carriera sognavo di arbitrare la finale di FA Cup, ma appunto era solo un sogno. Non credevo potesse diventare realtà. Poi col passare degli anni diventa un traguardo sempre più concreto, ma non mi aspettavo di ricevere questa chiamata. Curioso che la finale del 1994 tra Manchester United e Chelsea sia la prima partita che ricordo da bambino. Ventiquattro anni dopo mi ritrovo ad arbitrare quella stessa partita". 

Articoli correlati

Commenti